La Sindrome di Stoccolma di chi difende i farabutti dei 600 euro

(di Alessandro Robecchi – Il Fatto Quotidiano) – Breve premessa: se ti metti in fila alla Caritas per avere un filone di pane e a casa hai il frigo pieno, la dispensa che straborda, lo champagne in fresco e il filetto alla Woronoff che ti aspetta, sei un pezzo di merda. Detto questo, ecco la vostra rubrichina, questa volta (mi scuso) per fatto personale.

Il 17 aprile scorso, quando tutti stavamo chiusi in casa come l’abate Faria nella sua cella, mi scrisse un mio amico bancario. Riporto le sue parole testualmente: “Sono sconcertato. In questi giorni sto vedendo arrivare sui conti dei miei clienti il bonifico da 600 euro che lo Stato riconosce ai professionisti in difficoltà per il Covid. Oltre la metà dei beneficiari ha un saldo di conto corrente e un deposito titoli valorizzati in un minimo di 50mila euro fino a punte da 3-400mila euro. Colleghi di altre filiali mi segnalano percettori con saldi oltre gli 800mila euro”.

Anch’io sono sconcertato (eufemismo). Riporto le sue parole, su Twitter, ovviamente coprendo la fonte, che potrebbe passare dei guai. Apriti cielo: le reazioni sono di vari tipi. Uno: ho inventato tutto, sono un mitomane che dice “un mio amico”, che è come dire “mio cuggino”. Due: come si permette il mio amico di guardare i conti correnti dei clienti? (ndr: è il suo mestiere). Tre: la legge non mette limiti, quindi hanno ragione loro. Se la legge ti permette di ammazzare a sassate un gattino fai bene a farlo. Quattro: sono il solito comunista-nostalgico (di cosa? Boh) che odia i ricchi. Cinque, sono invidioso di quelli che hanno tanti soldi sul conto, perché io sono un pezzente e loro invece ce l’hanno fatta, nella vita.

La cosa va avanti per qualche giorno. Mi chiama un bravo inviato di Piazzapulita, il programma di Formigli: posso metterlo in contatto con il mio amico? Rispondo di sì, ma raccomando il mio amico di chiedere garanzie di anonimato, perché anche se la legge non vieta di far licenziare un tuo amico, esiste pur sempre un’etica personale.

Il 24 aprile va in onda l’intervista al mio amico bancario, non ripreso in faccia e con la voce contraffatta, cosa che mi fa sempre ridere perché mi ricorda i genitori di Woody Allen in Prendi i soldi e scappa con gli occhiali, il naso finto e i baffi. Il mio amico – travisato come un bandito pur essendo una bravissima persona – non solo ripete le cose che ha detto a me, ma mostra qualche estratto conto (con i nomi rigorosamente cancellati, ovvio) dove si può leggere: saldo 600.000 euro, più 600 di bonus Inps. Il giorno dopo, silenzio: nessuno dice che era il cuggino di Formigli, o che l’inviato di Piazzapulita è un pezzente invidioso di chi ha un conto corrente grasso come un maiale.

Ed eccoci a noi: non siamo più chiusi in casa come Formigoni ai domiciliari, e la cosa si ripresenta paro paro con i cinque deputati – maggioranza leghista – (13.000 euro al mese) che hanno chiesto (e 3 ottenuto) il bonus Inps. Leggo le reazioni di oggi e quelle di ieri: praticamente identiche, ma con qualche variante: è stato il commercialista, no, la moglie, no, il socio, no, maestra, il gatto mi ha mangiato i compiti. Tutto qui.

Aggiungo solo due cosette. La prima: quelli che si indignano con chi denuncia invece che coi i farabutti denunciati non sono miliardari, ma quasi sempre sfigati, però con la sindrome di Stoccolma. La seconda: tra gli insulti più ricorrenti che ricevetti ai tempi ce n’era uno divertente: giacobino. Interessante: nella bizzarra estate del 2020 c’è ancora chi odia i giacobini e fa il tifo per Luigi XVI, forse gli piacciono le brioches.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

7 replies

  1. Tutto ebbe origine a Milano, con l’affamato Bettino Craxi che dettava la linea.
    Lo sostituì come parassita principe il puttaniere piduista, in un’epoca all’inizio degli anni 90, dove cominciava a riscuotere successo un partito razzista e secessionista e il cui capo, Bossi, aveva comunque fatto in tempo a partecipare alla maxi-stecca tangentizia su Enimont.
    A Berlusconi successivamente si accompagnarono famelici nani e ballerina di supporto, tutti come lui alla ricerca spasmodica di denaro, pubblico con la corruzione o privato da destinare allo Stato, l’evasione fiscale.
    In tempi più recenti ci sono stati il toscano lambito, tramite familiari, dallo scandalo Consip e tante altre situazioni bordeline minori, fino ad arrivare al capitone, ai 49 milioni, ai foi pubblici dirottati al partito tramite commercialisti, alla corruzione durante il covid per favorire aziende familiari.
    Tutto il personale politico della destra, anche della fascio-coatta, è cresciuto con questi modelli di riferimento.
    E la cosa, purtroppo, non mi destabilizza perchè è inestirpabile, godendo grazie ad un sistema mediatico connivente, del supporto di larga parte dell’opinione pubblica,sicuramente la più ignorante, opportunista, cafona e criminale.
    Chi si ricorda dei recenti strepitii teevisivi e via social contro la ministra Azzolina e il commissario Arcuri per la fornitura di nuovi modelli di banchi scolastici?
    Nel pieno della SUA di partito causata dai voraci pezzenti che hanno ingiustamente approfittato del bonus alle partite iva, DOPO AVERLO CONTESTATO, gli viene tolta pure tale possibilità di critica ignorante. A meno che come suo solito non cominci ad attaccare per il motivo opposto, senza alcuna vergogna e incapacità a tenere coerentemente una posizione presa.
    Et voila…

    https://www.repubblica.it/scuola/2020/08/12/news/scuola_ecco_i_vincitori_della_gara_dei_banchi-264495433/?ref=RHPPTP-BH-I264365162-C12-P2-S4.4-T1

    Su Rete4 le trasmissioni che attaccavano il duo Arcuri Azzolina facevano a gara, ogni sera, per ospitare idioti di parte, finanche imprenditori del settore sicuri dell’impossibilità di raggiungere il risultato.
    Ora come la mettiamo?

    E’ colpa dell’NPS o dei commercialisti?

    Piace a 3 people

  2. Inps aveva detto a marzo che il bonus veniva erogato a tutti e in seguito si sarebbe indagato su chi veramente aveva diritto a percepirlo.Bene,adesso è tempo che si indaghi e se qualcuno o tantini non ne aveva diritto,lo si faccia restituire.Qui lo scandalo c’è ed e grosso perché da perfetti italioti gente ricca ne ha voluto approfittare.L’Italia e ‘ nella merda perché, per pagare il carrozzone pubblico,le tasse sono troppe.Affitti un appartamento a 1000 euro al mese?Ci devi pagare ogni anno:150 euro di agenzia entrate per il contatto,1200 euro di Imu,27% di tasse cioè 270 euro al mese,100 euro di spese condominiali che toccanobal padrone di casa.I conti sono fatti:su 12000 devi togliere quasi 5000 euro.E se hai una pensione da 518 euro al mese,no è che sei ricco se ci aggiungi 7000 mila euro.Questa è l’Italia che dovrebbe essere cambiata.Meno tasse,piu controlli,meno nepostismi,punire la corruzione. Un mio amico avvocato,scherzando(!),mi disse:vuoi guadagnare senza andare in galera?Fai una truffa da un milione di euro.Ti condanneranno a 6 mesi con la condizionale,avrai una multa da 5 mila euro e se nascondi bene il malloppo,non devi restituirlo.Avere capito le leggi italiane?Buonafede attivati!

    Piace a 2 people

  3. Ormai con il sistema di disinformazione di massa che ci ritroviamo siamo messi che dovremmo spostare la capitale da Roma a Stoccolma direttamente.

    Sta storia dei 5 deputati comunque non l’ho ancora capita: siamo nel paese alla rovescia, in cui i criminali fanno carriera e gli onesti perdono il lavoro e parliamo per giorni di 5 deputati che in tutto avranno fregato alla collettività sì e no 10.000 euro?
    Io sono un tipo sospettoso forse, ma mi sembra un polverone alzato con secondi fini che non ho ancora capito.

    "Mi piace"

  4. Egregio Fabrizio: con il covid sono caduti 2 miti. La Lombardia e la Svezia. Con un cinismo bestiale, lassù hanno lasciato, scientificamente, ammalare e morire 5 VOLTE di più persone che in Danimarca e Norvegia. Noi eravamo e siamo preoccupati, ma è così. Roba da nazisti.

    Piace a 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.