A Roma hanno chiuso tremila negozi, esclusi bar e ristoranti

(Alessandra Paolini – la Repubblica – Edizione Roma) – Una città sempre più buia. Dove le insegne dei negozi e le luci delle vetrine si stanno spegnendo giorno dopo giorno: senza più turismo, senza più voglia e soldi per fare shopping. Il dato della Confesercenti romana è un pugno nello stomaco: dalla fine del lockdown già 3000 le attività commerciali, esclusi bar e ristoranti, che hanno tirato giù la saracinesca per sempre. Quasi il 4 per cento delle 80.000 attività che vendono abbigliamento, scarpe, intimo e articoli per la casa. «Il che vuol dire migliaia e migliaia di famiglie senza più redditto » , spiega Valter Giammaria che dell’associazione è il presidente.

« E se continua così, il rischio è che a ottobre possa esserci un’ecatombe. Prevediamo 26 mila negozi chiusi. Uno su tre. Per l’economia di Roma, un disastro». Non sono servite le svendite anticipate di giugno e luglio con ribassi partiti già al 50 per cento. E nemmeno i saldi posticipati di un mese con sconti fino al 70 per cento sono riusciti a portare un po’ di ossigeno nelle casse di chi sta dietro un banco e passa tutta la giornata tra camerini prova, scaffali e magazzini ancora pieni. Mancano i turisti, certo. […] A dare la mazzata finale al commercio è lo smartworking. Se si pensa che ci sono 400 mila dipendenti che lavorano a casa, si fa presto a fare il conto: nelle casse dei negozianti mancano incassi per 130 milioni al mese. […]Come aiutare chi vive di commercio? «Bisogna fare del centro, che sta morendo, una zona franca – dice Giammaria – una zona tutelata dove si possano pagare meno contribuiti per i dipendenti e meno tasse. E calmierare gli affitti […]». […]

Categorie:Cronaca, Inchieste, Interno, Roma

Tagged as: , , ,

1 reply

  1. La foto a corredo del titolp è tratta da un articolo delv ” sole 24 ore” che faceva stato del trend dei fallimenti nel 2017. Quanto al lavorare da casa, avrà diminuito gli incassi di bar e ristoranti. Gli impiegati difficilmente vanno a comprare abiti e scarpe a via Condotti oppure a p.zza di Spagna.
    I commercianti sono quelli che raddoppiarono i prezzi con il cambio della moneta nel 2002. Allora, altro che calmieri.
    Oggi piangono: si chiama rischio d’impresa. Alti rischi, alti profitti.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.