Vittorio Feltri contro il governo: “Tace su stragi e misteri, temo sia un esecutivo mafioso”

(Vittorio Feltri – liberoquotidiano.it) – Non sono mai stato un dietrologo, un pistarolo, un appassionato dei misteri italiani, quindi non mi accingo ora che sono vecchio a improvvisarmi investigatore. Però una cosina la voglio dire chiara e tonda. Alcuni giorni orsono la stampa al complesso ha evocato con spreco di retorica la strage di Bologna, più di ottanta morti, avvenuta la bellezza di quaranta anni fa, 1980. A quel tempo ero al Corriere della Sera, redazione politica. E la mattina del micidiale scoppio ero seduto al famoso tavolo albertiniano insieme con Giovanni Belingardi. Vari dispacci ANSA avvertivano i giornali abbonati che era avvenuto un massacro. Ci mettemmo subito al lavoro con frenesia per ricostruire il fatto e predisporre gli articoli che lo narrassero e commentassero. Nel giro di pochi minuti il quotidiano di via Solferino, il più importante del Paese, si mobilitò con tutte le proprie forze.

Immediatamente i sospetti a riguardo degli autori del mostruoso attentato caddero sui fascisti. La moda era già questa: la violenza è sempre in camicia nera. Seguirono indagini pressappochistiche e furono indicati quali pluriomicidi due cretinetti di destra, Fioravanti e la Mambro, che in realtà non erano attrezzati per compiere un disastro simile. Non importa. Costoro furono indagati, processati e condannati con una sentenza totalmente priva di prove. Caso chiuso? Chiuso un corno. Da quattro decenni si continua a discutere senza giungere a una conclusione minimamente credibile. Mambro e Fioravanti una vita fa sono stati giustamente scarcerati per pudore, ma i veri responsabili della macellazione sono ancora sconosciuti e pertanto nessuno li ha mai puniti. Sappiamo che la magistratura, nonostante dal fattaccio sia trascorso tanto tempo, è tuttora impegnata nelle investigazioni per tentare almeno di capire chi abbia finanziato la carneficina e magari risalire, sia pure con grave ritardo, ai signori assassini.

Temo che si tratti di uno sforzo vano della Procura di Bologna, non perché essa ispiri poca fiducia, bensì per una ragione terra-terra. Il governo e le autorità centrali, tanto per cambiare, hanno secretato le carte riguardanti il misfatto, cosicché le toghe si troveranno di fronte a un muro invalicabile. Peggio di così non potrebbe andare, per cui andrà così: lo Stato invece di agire sotto la luce del sole e denunciare quanto di buono e soprattutto di cattivo è avvenuto nella nostra Repubblica, vi stende sopra il solito assurdo segreto. Gli italiani non devono sapere. Sono come bambini stupidi a cui bisogna occultare la verità altrimenti si incazzano. Il metodo è lo stesso usato da Conte per nasconderci i motivi per cui l’emergenza virus è stata prolungata fino all’autunno. L’esecutivo che non rivela ai cittadini le proprie attività temo sia mafioso. 

19 replies

  1. Finalmente al circo è arrivato il numero del pagliaccio, il quale ha aspettato 40 anni per capire e parlare delle vergogne che coprono l’ennesimo vergognoso segreto di pulcinella (vedi Ustica) con i relativi governi complici (di destra e sinistra) e fare un bel paragone con l’attuale governo Conte, in carica da due anni. . Una risata la strappa sempre il vecchio clown.

    Piace a 2 people

  2. “Lite in Consiglio di presidenza a Palazzo Madama. A 40 anni dalle stragi le carte rimangono inaccessibili” Ma Palazzo Madama non è la sede del Senato……Con la Casellati presidente………..E’ il governo!?!?!

    "Mi piace"

  3. Vede la mafia nel Governo Conte e non l’ha mai vista nei governi Berlusconi. Grande obiettività.

    I segreti di Stato andrebbero aboliti, su questo concordo: se un governo rispetta la legge del proprio Paese perché mai dovrebbero esserci segreti?
    E a custodire questi segreti chi è? La nostra becera classe politica che confonde la Libia col Libano?
    In altre parole auspico che i segreti di Stato spariscono non per fiducia nei confronti dei cittadini italiani (ne meritiamo poca) ma per totale sfiducia nei confronti di chi manipola sottobanco e poi ne custodisce il segreto.
    Non ci si può fidare di una classe politica incapace, ignorante e totalmente priva di senso dell’etica.

    Piace a 2 people

    • Ciao Ex, ci si ritrova hai visto? Congiuntivi a parte, sulla questione dei segreti di Stato, ti riferisci anche agli ultimi che ha prodotto il reticente avvocato del popolo o no?

      "Mi piace"

      • Ciao Gatto, he si, ci si ritrova, se è piccolo il mondo… figurarsi infisannio! 🙂 Bentornato.

        Al mio cellulare i congiuntivi stanno antipatici e li trasforma in altre tempi, a sua discrezione.

        Certo, anche a Conte, per ne non ha una sorta di immunità.

        "Mi piace"

  4. ANTROPOLOGICAMENTE: Al cimitero vi è una vecchissima ala dedicata ai bambini sia battezzati che non, per la cultura cimiteriale come stiamo messi? visto che a breve moriranno induisti musulmani buddisti che forse non vorrebbero o non vogliono essere seppelliti in cimiteri cristiani e con riti cristiani?

    "Mi piace"

  5. Temo che…MAFIOSO.
    Ecco un caso scuola dove ricorrono gli estremi per calunnia e diffamazione, AGGRAVATE.
    Con richiesta danni MILIONARIA.
    Hai le prove vecchio babbione per un’affermazione così pesante?

    "Mi piace"

  6. Tutta questa dietrologia per dire che i governi passati di dx e sx hanno mantenuto il segreto di Stato su stragi compiute oltre 40 anni fa. E poi questo governo di incapaci ha desecretato ciò che era stato tenuto segreto per soli due mesi. Adesso aspettiamo di sapere da Feltri, Sallusti, Porro, Capezzone, Senaldi, Giordano, Feltri j. & C. cosa ne pensano degli altri segreti di Stato ancora secretati, come per esempio Ustica, Cermis, Italicus, e le concessioni autostradali.

    "Mi piace"

    • Un po’ debole la tua obiezione: non è la quantità di tempo che rende il segreto un’omertà ma la condizione specifica che lo permette! Vorrei anche chiarire che mi pongo dal punto di vista del vostro ragionamento per cui, un segreto, deve essere per forza attuato per nascondere malefatte, il che è lungi dall’essere sempre così, anzi…

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.