L’alleanza tra Movimento e Pd

(Tommaso Merlo) – Crescono le pressioni per piegare il Movimento ad un’alleanza organica col Pd in vista delle regionali. Un’operazione maleodorante. Il Movimento rivendica da sempre il non essere un partito come gli altri e l’essere fuori dai vecchi schieramenti. Una scelta che il Pd non ha mai né capito né accettato. Miopia, cocciutaggine ma anche malafede. Lo si capisce dalla ricandidatura di svariati parrucconi per le regionali tra cui spicca quella di Vincenzo De Luca, quello delle fritture di pesce. Uno degli emblemi più grotteschi del vecchio baraccone partitocratico della fu sinistra nonché nemico acerrimo del Movimento. Il Pd vuole che il Movimento si accodi ai suoi candidati impresentabili per spartirsi qualche poltrona. Tutto qui. Il solito incorreggibile Pd. Un partito nato per cambiare l’Italia che non è mai riuscito a cambiare nemmeno sé stesso. Immobile, in mano agli stessi dinosauri di sempre, incapace di ammettere i propri errori e quindi di evolvere. Stesse facce, stessa politica giurassica. Il Pd ha tradito tutto quello che poteva tradire. La sua ideologia inseguendo le chimere neoliberiste, i suoi elettori facendo macelleria sociale, il suo passato facendosi casta, i suoi valori calpestando perfino la questione morale e riempiendo le patrie galere di propri esponenti. Renzi ha solo esasperato una situazione già compromessa e comunque Renzi non ha fatto tutto da solo. Il Pd lo ha eletto segretario ed ha votato tutte le sue schiforme e chissà quanti renzisti ancora militano nelle file del Pd tenendo un basso profilo solo per convenienza. Il Pd è un baraccone malconcio risuscitato grazie alla paura delle nuove destre. Un baraccone tenuto insieme dal sonnifero zingarettiano e da immeritate poltrone governative. Cosa sia davvero il Pd sta riemergendo in questi giorni con l’operazione maleodorante delle regionali. Candidare Vincenzo De Luca e blaterare di alleanze col Movimento significa che non essendo riusciti a distruggerlo con l’aiuto dei propri amichetti della stampa, il Pd ci prova scendendoci a patti. Prima al governo, poi alle regionali. Con la speranza di fagocitare il Movimento, facendolo compromettere, rovinandogli la reputazione in modo da succhiargli via voti e coronare il sogno di tornare al solito andazzo dopo la tempesta del 4 marzo. Perché se davvero il Pd volesse un alleanza o addirittura quel fantomatico nuovo schieramento dei riformisti, allora dovrebbe dimostrare di aver imparato qualcosa. Il Movimento ha messo sul piatto della politica italiana un diverso modo di far politica. Un modello nuovo e più avanzato, una nuova cultura, chiunque voglia costruire qualcosa col Movimento dovrebbe perlomeno fare lo sforzo di adeguarsi a certi standard. Dovrebbe parlare di cose da fare, di programmi, di idee e possibilmente proporre candidati non compromessi. Dovrebbe fregarsene di baronetti e pacchetti di voti e dei soliti vizietti. Dovrebbe dimostrare di aver capito cosa è successo in Italia negli ultimi decenni e le proprie responsabilità in quel disastro. Dovrebbe dare l’esempio del nuovo paese che vuole costruire. Altrimenti l’alleanza col Movimento è solo per raccattare qualche poltrona. Un’operazione maleodorante. 

11 replies

  1. “… dovrebbe dimostrare di aver capito che cosa è successo in Italia negli ultimi decenni (cit.)”
    Il PD non solo lo ha capito benissimo, ma è stato fatto nascere proprio perché succedesse ciò che è successo.
    Ma è inutile andarlo a spiegare a quei poveri di spirito che, loro sì, non hanno capito na’ beata mazza e continuano
    a sostenere il partito dei padroni credendo che sia un partito di sinistra.

    Piace a 2 people

  2. Se il M5S non si fosse fatto zerbino del cazzaro verde, ma avesse mostrato fermezza sin dal primo giorno adesso potrebbe imporsi su un partito che ha poco più della metà dei suoi parlamentari. Adesso qualcuno nel PD pensa di poterlo manipolare come fece a suo tempo il cazzaro verde.

    "Mi piace"

  3. Possibile che fra tutti i Merlo che si occupano di politica su sponde diverse, nessuno riesca a elevarsi al rango di pensatore e analista della realtà politica? Il peggiore rimane comunque Salvatore. La solita tiritera pentastellata anche un po’ cazzara che recita uno spompato copione. Il PD ha più difetti che pregi, ma esiste anche la realpolitik e il M5S ha dovuto farci i conti dopo il 33% del 2018. I 5 stelle dovrebbero pretendere dei candidati civici per Toscana, Liguria e Marche, convergere su Emiliano in Puglia e candidarsi contro il PD in Campania (il PD non è che non vuole far schiodare e pensionare De Luca, proprio non può perché come Zaia è inattaccabile e potrebbe causare emorragie di voti immense con la sua rete di connessioni), mentre in Veneto cominciare a mettere le basi su un progetto civico comune per il futuro che faccia schiodare la destra del viceré al prossimo giro.

    "Mi piace"

  4. Un articolo da incorniciare ! Cio’ che il PD-Zingaretti vuole, e’ la DEMOLIZIONE SCIENTIFICA DEL M5S ! Vedasi tutte le strategie messe in atto per sabotare il Piano Rifiuti della Raggi , per il comune di Roma . Roba da essere incriminato , processato e condannato ! E’ soltanto un povero bleso rancoroso e incapace !

    Piace a 2 people

    • @dimova2
      Posso concordave con te sul “vancovoso e incapace”, anzi, potvei aggiungeve non pochi altvi epiteti viferiti al “vidanciano” (eccone
      un altvo!) Zingavetti.
      Ma che cos’hai contvo i blesi? Non è mica colpa lovo!
      In veste di fondatove, pvesidente, segvetavio e unico membvo dell’ABI (non c’entva niente con le banche!) Associazione Blesi Italiani,
      ti chiedo ufficialmente di cessave ogni etevnazione bleso/vazzistica.

      "Mi piace"

  5. Zingaretti rappresenta proprio l’ Homo ridens e dietro questo suo volto si nasconde la maschera della politica utile e compromessa nello stesso tempo per tutte le stagioni. Il PD del resto da tempo ha perso il suo connotato sociale e di partito progressista, caratterizzandosi per la sua ideologia neoliberista affollato di pachidermi della politica legati esclusivamente alla poltrona,al servizio degli interessi delle lobby e del mondo dell’ imprenditoria. Si può definire ormai un PDL meno L (elle)

    Piace a 4 people

  6. Merlo fa’ il possibile per mascherare la nostalgia.
    Lui è nostalgico de grande,bello ,efficiente governo giallo verde dei bei tempi andati; pensa che il PD abbia come unico obiettivo fagocitare i 5* , obiettivo peraltro mancato ,se cosi fosse, visto che i sondaggisti accreditano questi di un numero di consensi ormai praticamente invariati da tempo.
    Non parlava di fagocitosi quando questa era praticata a ritmi spaventosi da parte del cazzaro facendo sprofondare il MOV al 16% e contemporaneamente salire la lega al 34. Strano,ma allora quella tecnica alimentare non lo intimoriva.
    Stavano bene,allora ,persino i decreti sicurezza anticostituzionali e non era deprecabile salvini in spiaggia a bere monito, invece che al ministero!
    Ma tornando all’argomento in oggetto trovo che De Luca sia francamente invotabile ,ma non si vota solo in Campania. Perché rifiutarsi a priori di discutere e provare a trovare candidati comuni in altre regioni? Naturalmente candidati validi.
    Perché ripetere l’errore madornale fatto in Emilia che ha fatto precipitare nel baratro i 5* ? Questo significa ,concretamente, voler aiutare la destra ,fregandosene altamente del resto.

    "Mi piace"

  7. “Il Pd ha tradito tutto quello che poteva tradire. La sua ideologia inseguendo le chimere neoliberiste, i suoi elettori facendo macelleria sociale, il suo passato facendosi casta, i suoi valori calpestando perfino la questione morale e riempiendo le patrie galere di propri esponenti” ecc. ecc.
    L’articolo è un’invettiva contro il PD, con il quale a Merlo fa schifo allearsi. E lo si può capire: il PD è l’antitesi di tutto quello che è (stato) il M5S. E’ contro tutte le battaglie del M5S. E’ contro tutte le sue riforme, fatte o da farsi.
    NON C’ENTRA UN CAZZO IL PD COL MOVIMENTO.
    E allora perché stiamo ancora qui a sentir dire che il M5S deve fare un’alleanza stabile col PD????
    Perché un pagliaccio che il Movimento considera il Capo Supremo ha deciso che il Movimento deve fondersi col PD, a dispetto di tutto. E siccome lo dice il suddetto pagliaccio, tutti devono adeguarsi. Anche se questo significa rinnegare tutto quello che era il Movimento, e anche se significa diventare una brutta costola del PD agli ordini del segretario pro tempore (oggi il salumiere, domani chi lo sa?).
    Ma allora Merlo si decida: o dice chiaro e tondo che il pagliaccio è un coglionazzo e che lo si deve mandare a F.C. una volta per tutte, oppure stia zitto e si adegui ai diktat del buffone, che vuole queste benedette alleanze locali e un matrimonio a livello nazionale.
    Se il PD fa tanto schifo, la si pianti di cercare intese con questa chiavica. Se invece deve prevalere la ragion di stato e quello che ordina l’Elevato, allora non ci si lamenti poi se ci si trova a doversi alleare anche con un partito impresentabile come il PD.

    Piace a 1 persona

    • Magari.
      Ma se alla vigilia del voto spunta fuori l’Elevato Clown che dice che bisogna votare per l’alleanza PD, non c’è verso: la maggioranza voterà per trasformarsi in una brutta copia del PD.
      E tutto perché un bel giorno il coglionazzo si è svegliato e ha deciso che il Movimento deve essere la brutta copia del PD.
      Rimango dell’idea che Grillo sia un comunicatore efficace, ma la vera mente di tutto fosse Gianroberto Casaleggio: lui sì aveva una visione, una strategia, guardava avanti – piacesse o no quello che vedeva.
      Grillo è solo un pagliaccio urlatore, ma non ha nessuna visione, sta facendo a pezzi il Movimento con questa strategia del “diventiamo tutti di sinistra e sposiamoci con quelli che prima ci facevano vomitare”.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.