Selvaggia Lucarelli: “Salvini e i suoi poliziotti: ma mio figlio ha il coraggio delle sue idee”

(Selvaggia Lucarelli – tpi.it) – Spenderò poche parole sulla vicenda perché ho sempre pensato che in fatto di idee i figli non siano un prolungamento, ma un pianeta indipendente, anche quando l’anagrafe dice il contrario. Stamattina facevamo colazione al bar sotto casa e c’era un gazebo della Lega a 50 metri da noi. Abbiamo sentito un applauso e capito che era arrivato Salvini, senza che nessuno lo avesse annunciato. Io già che ero lì gli ho chiesto perché non si mette la mascherina, solita aria strafottente ed è finita lì (con un paio di buuuu e cretina, ma chi se ne frega). Mio figlio ha espresso il suo desiderio di dirgli quello che pensa, quello di cui parla in casa, quello di cui discute con i suoi amici della scuola, alcuni dei quali vicini a famosi gruppi studenteschi di sinistra.

Quello che spesso commenta sotto i post di Salvini, senza mai insultare perché sa che se alza i toni gli mozzo le dita con la sua squadra da disegno. Certo. Conosce le mie idee, parliamo di politica, ma le sue convinzioni le ha sviluppate tanto in modo del tutto indipendente, con la foga e anche le ingenuità di un quindicenne (che magari dice “governo” anziché “partito”). Ho apprezzato quello che ha fatto e non per i contenuti espressi (non sapevo cosa gli avrebbe detto, che comunque condivido), ma per il coraggio con cui ha provato a confrontarsi con Salvini, in mezzo a 100 persone, alcune delle quali ostili e rumorose. Non è un ragazzo perfetto, mio figlio, ma ha il coraggio delle proprie idee, ha il coraggio di essere ciò che è anche fuori dai social e di somigliare alle parole che scrive. Non ha smanie di apparire come ho letto qua e là, non ha social aperti, non posta sue foto, è totalmente indifferente al mio lavoro e alla fama. Ha solo un abbozzo di fervore idealista che spero lo accompagni tutta la vita.

Detto ciò, ha detto a Salvini che è razzista e omofobo, che usa gli immigrati per fare propaganda e lo ha detto senza aggredire o alzare la voce. Ho trovato squallide due cose: la prima è che Salvini abbia fatto il bulletto strafottente che fa finta di non ascoltare e gli abbia detto un “Ti voglio bene”, a cui Leon ha risposto “io no”. La seconda, più seria, riguarda i poliziotti in borghese che poi gli si sono avvicinati per identificarlo. Dicendo a me – a quel punto mi sono messa a riprendere la scena – che non potevo filmare per motivi ignoti (ho continuato a farlo). È stata una scena pietosa. Fermare un ragazzino di 15 anni per chiedergli i documenti dopo che civilmente aveva espresso le sue idee, costringendolo per giunta a dire nome e cognome in pubblico, visto che i documenti li aveva lasciati a casa, è un pessimo segnale. Il tutto mentre un tizio esagitato, adulto, alle sue spalle gli gridava “zecche!”.

Sia chiaro. Non c’è un’ombra di vittimismo in quello che dico. Leon si è difeso benissimo da solo, non è traumatizzato, non sta leggendo gli insulti sui social perché come avrete capito si fida più di quello che vede che di quello che legge e non è permeabile all’odio leghista, ma una cosa è certa: cercare di intimidirlo, è stato squallido. E no, non gli hanno messo alcun timore addosso. Forse un po’ più di fervore. P.s. Ringrazio la pagina ufficiale Lega-Salvini premier per aver pubblicato la foto di Leon, 15 anni, con la mascherina. Chissà che Salvini, vedendo che riesce a farlo pure un adolescente, non impari a mettersela.

https://video.tpi.it/video/GP6H07GB/il-figlio-della-lucarelli-contesta-salvini-allontanato-e-identificato-dalla-polizia/

11 replies

  1. ora, io non voglio difendere Salvini, che non mi è simpatico, ma vorrei capire di cosa si lamenta la Lucarelli.
    Salvini non è più Ministro dell’Interno, è un semplice parlamentare e certo non comanda la polizia, visto che al Ministero c’è la Lamorgese, che tutto può essere tranne che una simpatizzante di Salvini. quindi se la polizia ha identificato il figlio della Lucarelli non è certo colpa di Salvini e gli ordini non venivano da lui. e no, la questura non ha alcun interesse a tenersi buono Salvini: se non è al governo, per la gerarchia della polizia vale come il due di coppe quando a briscola ci sono i bastoni.
    inoltre il figlio della Lucarelli non è stato arrestato né fermato, solo identificato: la polizia non gli ha fatto niente.
    la Lucarelli si lamenta poi della risposta di Salvini. ma se uno viene e ti urla che sei un omofobo e un razzista, cosa devi rispondere? era forse una frase che incitasse un dialogo, un confronto? se io vado da uno e gli dico che è un coglione, cosa mi posso aspettare, che questo avvii una disputa filosofica sul significato delle mie parole? molti si sarebbero incazzati (Toninelli… coff coff…) e gli avrebbero risposto a tono. Salvini gli ha detto “ti voglio bene”: ovviamente in senso ironico, ovvio che non gli vuole bene, ma mica l’ha insultato. no, non va bene nemmeno quello, Salvini ha fatto il “bulletto strafottente”. cazzo si aspettava la Lucarelli, che rispondesse “hai ragione, sono un bidone dell’immondizia”?
    sì, forse vorrebbe quello, ed è tipico di alcuni come la Lucarelli (o Scanzi, o Travaglio): vogliono il diritto di insultare gli altri e pretendono che questi stiano zitti e anzi diano loro ragione; poi quando capita che sono loro ad essere mandati a quel paese (Toninelli… coff coff…) danno di matto e, se potessero, i contestatori li prenderebbero a ceffoni.

    Piace a 1 persona

      • eh sì vabbè: i poliziotti presenti, dopo aver consultato la sfera di cristallo e fatto i tarocchi, hanno previsto che il governo cadrà a breve, che non si formerà un nuovo governo e si andrà al voto anticipato, che Salvini vincerà, che tornerà al Ministero dell’Interno e quindi si ricorderà di loro due/tre/quanti erano, e quindi li promuoverà vicequestori per direttissima per la fedeltà che hanno dimostrato oggi, 5 luglio 2020, identificando un contestatore quindicenne.
        ma fatece ‘o piacere con ‘sto complottismo alle vongole, stavolta addirittura complottismo futuro eventuale.
        la polizia ha agito così perché è prassi identificare i contestatori, se possibile, per il caso che di punto in bianco non si limitino a contestare pacificamente. poi, siccome non è successo niente di più, non gli hanno fatto niente ed è finito tutto a tarallucci e vino. solo la Lucarelli ci ha montato un caso come se fossimo in un regime sudamericano.

        Piace a 1 persona

  2. Tutto bene, però, per favore lasci stare Toninelli. Credo che tutti, oramai hanno capito chi sta dietro ai Benetton e quali operazioni finanziarie si facevano e si fanno coi soldi dei pedaggi. L’exministro è quello che ha reso palese un contratto pubblico /privato SEGRETO, nemmeno fosse un qualcosa di politico/militare. Un contratto per una CONCESSIONE di Stato segreto? Una volta anche i tenutari delle “case chiuse” erano dei concessionari di Stato.

    Piace a 1 persona

    • a me Toninelli sta simpatico, e penso che sia in buona fede e che creda nelle sue battaglie. non ho però apprezzato – anche se ho umanamente capito – il suo scatto di fronte alle contestazioni: credo che un politico debba saper abbozzare senza perdere così la calma, anche perché così facendo ha offerto il destro alla stampa per dargli addosso. e, come dicevo, anche Toninelli in passato è stato un contestatore, quindi ripeto: posso capire che essere contestati faccia scappare i cavalli, ma alle volte chi fa un certo mestiere non può permettersi di perdere il controllo. in questo Salvini è più furbo (anche se non più sincero) coi suoi “bacioni” e i suoi “ti voglio bene”: nessuno può dire che abbia insultato i suoi contestatori. da qui la critica alla Lucarelli, che non si capisce cosa volesse.

      Piace a 1 persona

  3. Infatti nel video che circola,Toninelli ha risposto male,poteva spiegare tranquillamente il suo pensiero e non farsi santo perché di finezza lo stipendio da,sette anni.Almeno lui mezzo lauto stipendio ce l’ha.Toninelli deve spiegare,argomentare e fare capire quello che sta facendo.Invece in questo caso ,ha toppato.Per quanto riguarda la Luvarelli,sta facendo più bailamme lei che il fatto in sé stesso.Potevano evitare di andare in una riunione leghista e visto che i sono andati,hanno fatto bene a dire la loro ma poi basta,finita li.Leon Sara’ un ragazzino ma figlio di cotanta madre,qualcosa in casa ha appreso e sicuramente non tutto è farina del suo sacco.Buon inizio settimana a tutti!

    "Mi piace"

  4. Salvini non ha cercato loro, era per i caxxi suoi a dire le solite fesserie, sono loro che sono andati da lui. Più che una giornalista la Lucarelli le notizie mi sembra cerchi di costruirle.Spesso sono solo elucubrazioni dove la notizia è Lei. Una brava promotrice di se stessa insomma, va bene ognuno bende quello che ha, ma che ora ci propini il figlio 15enne eroe contestatore anche no! Che Salvini fosse arrogante lo sapevamo già.
    insomma in poche parole copia la Boldrini prima maniera per farsi conoscere e promuovere se stessa, ma che lo faccia anche in favore del proprio virgulto è un pò troppo

    "Mi piace"

  5. Grande Leon hai la stessa personalità di mamma Selvaggia e papà Laerte ma soprrattutto di nonno Adriano un animale da combattimento mitico

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.