Il silenzio della sinistra comunica più di mille parole

Segnatevi questa frase: “Vedere ex leader della sinistra fare i lobbisti in grandi affari internazionali non è solo triste, dice molto sul perché le persone non si fidano, non ci credono più”. Parole del vicesegretario del Pd, Giuseppe Provenzano, pronunciate nelle stesse […]

(di Antonio Padellaro – Il Fatto Quotidiano) – Segnatevi questa frase: “Vedere ex leader della sinistra fare i lobbisti in grandi affari internazionali non è solo triste, dice molto sul perché le persone non si fidano, non ci credono più”. Parole del vicesegretario del Pd, Giuseppe Provenzano, pronunciate nelle stesse ore nelle quali il Qatargate investiva il Parlamento europeo, con l’Italian connection che vede tra gli accusati e i coinvolti a vario titolo esponenti e personaggi della sinistra e del sindacato. Primo fra tutti l’ex europarlamentare Pd, ora Articolo 1, Antonio Panzeri con il sequestro di 500 mila euro nella sua casa di Bruxelles. Perché le parole di Provenzano vanno tenute a mente? Perché a distanza di tre lunghe giornate sono l’unica reazione significativa alla domanda che avrebbe dovuto subito coinvolgere Pd, Articolo Uno e in generale l’area cosiddetta progressista: esiste una questione morale a sinistra? Se pure il bersaglio immediato di Provenzano era Massimo D’Alema, che ha propiziato l’interessamento di un paperone qatariota ad acquisire la raffineria Lukoil di Priolo in Sicilia, resta evidente che per il dirigente del Pd la frase sulle “persone che non si fidano, che non ci credono più” valga a maggior ragione dopo che gli elettori del suo partito hanno appreso dei sacchi colmi di denaro contante. Sì, c’è un elefante nel corridoio (vero Bersani?) dei partiti della sinistra, eppure da quei pensosi sinedri si risponde con una forte e indignata aggettivazione: “Gravissimo” (Paolo Gentiloni, commissario europeo); “ripugnante” (Paola Picierno, vicepresidente a Strasburgo); addirittura una raffica di “sconcerto, dolore, schifo, molta rabbia” (Brando Benifei, capo delegazione del Pd a Bruxelles). Quanto al dibattito congressuale Democrat, be’ tenetevi forte. Stefano Bonaccini (a stento trattenuto dai conduttori di In Onda): “Serve una politica più sobria”. Mentre la rivale Elly Schlein, visibilmente turbata dal “danno procurato all’istituzione europea” ha auspicato che “sia fatta piena luce” (con il soave Fabio Fazio che si guardava bene dall’insistere sul tema: per caso anche la sinistra ruba?). Rispetto a questo vuoto spinto resta forse più comprensibile il silenzio luttuoso di Speranza e C. che, probabilmente, non sanno a che santo votarsi (da non confondere con il rispettoso riserbo di quelli di Sinistra Italiana che cercano disperatamente di sotterrare il caso Soumahoro). Infatti, che la sinistra fosse così combinata le persone “che non si fidano, che non ci credono più” lo avevano già capito prima del 25 settembre.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

6 replies

  1. È vero la colpa e sopratutto di noi militanti, la partecipazione a zero seduti dulla poltrona col Pc, e loro a fare i suoi affari sporchi il periodo di Berlinguer il partito dalle mani. Pulite si è dilequato. La colpa è la nostra riconosciamolo siamo di sinistra o no! non è solo di chi ha ruoli impegnativi e poi… Se ne approfitta.

    "Mi piace"

  2. A proposito: ma l’indagine su D’Alemix e la commessa di 2 mld per le armi alla Colombia? Come l’hanno insabbiata, intendo?

    "Mi piace"

  3. Ciò che angoscia, in certi ambienti, è il fatto che quei populisti dei 5* non rubano.
    È questa la tragedia che domina in scena e offusca le menti.
    Anni e anni di sforzi per cercare di rendere i 5* uguali o peggiori degli altri ma senza ottenere risultati apprezzabili: in galera continuano a finirci i soliti.
    Certo, potrà succedere, va messo in conto; però, al momento, a quegli ambienti, dedico un 🖕

    Piace a 3 people

    • Uahahah, in galera!!!!
      Ma quando mai???
      Ma non vedi, non leggi, quanti rimbambiti pure a sinistra esultano per l’ultra garantismo proposto da Nordio con le sue schiforme in materia di giustizia?
      Se ti annunciano che pure dopo una condanna di l° grado un amministratore DEVE restare in carica, applicando tutte le attenuanti e le tattiche dilatorie difensive per arrivare alla prescrizione prima di una sentenza definitiva in Cassazione, chi sarà mai lo sfigato imprigionato?
      Già oggi questi ladroni e corrotti beccati col sorcio in bocca vengono destinati a misure di custodia cautelare ai domiciliari, pensa a quando, con l’abolizione delle intercettazioni, tale strumento di indagine e raccolta prove verrà giudicato inammissibile in fase dibattimentale, cosa si dovrebbero mai inventare i magistrati inquirenti per contestargli il reato?
      Oltretutto con l’innalzamento della soglia del contante potrebbero ratealizzare le mazzette in più pagamenti al di sotto dei 5.000€, rendendoli non tracciabili e non punibili.
      In galera ci finiranno i ladri di polli, i borseggiatori, gli spacciatori possibilmente “nekri” che tanto disturbano l’ottusità bigotta e perbenista alla Carolina maniera.
      Sono costoro che infestano la sicurezza dei ricchi, mica coloro che ti rubano miliardi in cambio evasione, tagli fiscali e azzeramento di prestazioni e servizi pubblici prima gratuiti.
      E qua cade pure una certa pseudosinistra quando sgancia aiuti alla sanità e istruzione privata a danno di quelle pubbliche, per esempio.
      La “Questione Morale” venne uccisa da Craxi, ma oggi i nostalgici stanno tutti dalla parte di Bettino, mentre Enrico e le sue parole sono una foglia di fico da usare in dibattiti, convegni, articoli di stampa e talk-show, perché nella realtà sono impegni insostenibili.

      Piace a 2 people

  4. Non ho parole per esprimere il mio pensiero sulla stupidità della maggioranza degli italiani che sentendosi troppo furbi, votano sempre tafazzianamente.

    "Mi piace"

  5. La ” morale ” è dei singoli, non dei Paesi e tanto meno dei partiti…
    E anche per quanto riguarda i singoli, la “morale” cambia a seconda dei contesti: ciò che è giudicato “morale” in alcuni , non lo è in altri. Paese che vai morale che trovi, ed ognuno crede di essere nel giusto…
    Quindi meglio sospendere il giudizio… Come si vede, si rischiano figure di m…a.

    "Mi piace"