Alessandro Di Battista: “L’esercito ucraino continua a sfondare e la Russia è pronta alla resa?”

(Alessandro Di Battista) – Nelle ultime settimane svariati marines da divano hanno sostenuto la necessità di aumentare gli invii di armi a Kiev (a proposito si può sapere quante centinaia di milioni di euro in armamenti il governo Draghi prima e ora il governo Meloni hanno inviato e stanno inviando? Temo si tratti di una cifra ben superiore ai 700 milioni di euro racimolati sulla pelle dei percettori del RDC) in quanto, a detta loro, l’esercito ucraino continua a sfondare e la Russia è pronta alla resa. Magari avranno ragione. Io comunque a prescindere da chi stia vincendo penso che il negoziato (partendo dal riconoscimento della Crimea russa) sia la sola soluzione per evitare il prolungamento del massacro. Ad ogni modo ho appena visto questa immagine satellitare (fonte canale telegram di Fulvio Scaglione, ex-vice direttore di Famiglia Cristiana).

Quell’immensa porzione di mondo che sembra un prolungamento a nord del Mar Nero è l’Ucraina! Un Paese completamente al buio. E’ un’atrocità colpire le infrastrutture energetiche e lasciare milioni di persone al freddo ed al buio. Siamo d’accordo. Ma è la guerra. C’è mai stata una guerra che non sia stata caratterizzata da atrocità? Temo che la narrazione della Russia in ginocchio e pronta alla resa, di Putin sull’orlo delle dimissioni, delle sanzioni che stanno facendo collassare il paese più grande al mondo (autosufficiente dal punto di vista alimentare, energetico, idrico e di produzione di fertilizzanti) sia soltanto un modo per convincerci della necessità di accettare sacrifici in nome della difesa della libertà. Una difesa della libertà che nulla ha a che fare con questa guerra. Questa è una guerra Russia-Nato in Ucraina che ha a che fare esclusivamente con questioni economiche, energetiche e geopolitiche.

Il problema – e lo dico da mesi – è che l’Europa che dovrebbe fare gli interessi europei obbedisce esclusivamente alla Nato che è un’alleanza militare pensata per realizzare gli obiettivi strategici americani. E dico di più. Anche i flussi migratori sono ahimè diventati un’arma geopolitica (basti guardare quel che fa o non fa Erdogan, lo stesso Erdogan che ha ricevuto oltre 6 miliardi di euro dall’UE per gestire la rotta balcanica). Ebbene la tragedia ucraina continua anche su questo aspetto. In quanti, nei prossimi tre mesi, oltre a fuggire dalla bombe inizieranno a fuggire dal freddo e dal buio? Fino a dove i leader europei (leader?) vogliono spingersi per cercare un’ipotetica (quanto pericolosissima) sconfitta militare della Russia? D’altro canto nei palazzi della Commissione europea o nelle cancellerie c’è luce e riscaldamento…

18 replies

    • Seeeeeee! come no? “L’esercito ucraino avanza!!!!!” grandissima caxxxxxta! Chissà che trionfo! Perchè, nel frattempo, IL POPOLO UCRAINO MUORE! MUORE di stenti. Di freddo, di penuria alimentare, di buio, di ospedali chiusi! Intrappolato in una bolgia infernale scatenata SI’ dai russi, MA continuata e sobillata da un incosciente ed ambizioso comico assurto – per caso – ai vertici dello Stato.
      Tutto si paga, nella vita.
      Ma ad avere eletto, in tempo di pace, un comico esibizionista (giudeo, neanche slavo) pronto al massacro degli ucraini in nome di fantasmagorici delirii di ognipotenza – è un errore che pagano troppo caro. PACE!
      zebedensci, vai a c….re!
      I pericoli si scansano, per il bene del tuo popolo. Hai provato pure a trascinare l’UE nella III° guerra mondiale, datti una calmata.

      "Mi piace"

      • La guerra in Ucraina è iniziata nel 2014 come conflitto civile, quando i russofoni dell’est hanno resistito a un colpo di stato che ha rovesciato un presidente eletto democraticamente. Lo stato post-golpe ha lanciato una guerra contro i resistenti per otto anni, nella quale la Russia è entrata nove mesi fa, il 24 febbraio.

        Era un’espansione della guerra che poteva essere facilmente prevenuta. Un accordo di pace non è mai stato attuato dal regime di Kiev sostenuto dall’Occidente. Invece le forze ucraine armate e addestrate della NATO che includevano gruppi estremisti, iniziarono ad ammassarsi sulla linea di conflitto con l’est, pronte per un’offensiva Trattati di pace presentati dalla Russia agli Stati Uniti e alla NATO che avrebbero visto il dispiegamento di truppe e missili della NATO nell’Europa orientale annullato sono stati ignorati anche quando la Russia ha parlato di una risposta tecnico-militare.

        Gli Stati Uniti hanno ottenuto l’invasione che volevano e di cui avevano bisogno. Senza di essa, non avrebbe potuto lanciare la sua guerra economica, informativa e per procura sul terreno progettato per “indebolire” la Russia. Non commettere errori al riguardo. Questa è una guerra degli Stati Uniti contro la Russia. L’Ucraina è semplicemente il palcoscenico su cui si svolge.

        Tuttavia la guerra non sta andando secondo i piani statunitensi. La guerra economica, intesa a far cadere il governo russo, si è invece ritorta contro le terribili circostanze economiche e il crescente malcontento popolare in Occidente.

        https://consortiumnews.com/2022/11/24/watch-cn-live-whats-next-for-ukraine/

        "Mi piace"

  1. la ghermania ha cercato, in qualche modo ad opporsi, magari cinicamente sperava fosse una guerra brevissima, per poi tornare al business as usual, ma gli hanno fatto capire da che parte stare, facendo saltare letteralmente il flusso del gas.
    Davvero c’è qualcuno che è capace di opporsi all’impero IUESEI e i suoi camerieri? (IUKEY)

    Piace a 1 persona

  2. Commentare è pressoché inutile, e pensare che questa nazistella è lì grazie al mv5s

    L’UE non si fermerà finché l’Ucraina non otterrà una vittoria militare su Putin – Ursula von der Leyen, capo della Commissione europea
    Ursula von der Leyen afferma anche che l’UE sta già lavorando al nono pacchetto di sanzioni anti-Russia.

    Piace a 1 persona

  3. Poiché gli Stati Uniti e la NATO mirano ad attuare la strategia della “guerra all’ultimo ucraino”, la guerra continuerà in inverno e la continuazione della guerra significa che il sistema energetico unificato dell’Ucraina sarà ulteriormente

    Piace a 2 people

  4. Il vero pacchetto di sanzioni è trasversale e sarà varato dal Generale Inverno. Mi riferisco alle forze militari schierate nel conflitto: nebbia, gelo e neve imporranno condotte belliche prevedibili e/o limitate. In caso di nebbia i droni e gli aeromobili non potranno essere utili, come risulta facilmente intuibile; il gelo può fare inceppare le armi, bloccare gli impianti con liquidi ecc; la neve impone percorsi tracciati: un obice trainato non può essere spostato facilmente se c’è un metro + di neve, perciò dovrà essere posizionato nei pressi di una strada sgombra, anche per ricevere le munizioni e questo vale anche per ogni genere di sussistenza (acqua, viveri, sanità ecc) che deve arrivare in fretta in prima linea.
    Chi avrà mezzi e addestramento adeguati potrà spuntarla o sopravvivere ai -20/-25 gradi che sono la norma in quelle zone tra dicembre, gennaio e febbraio.

    Piace a 1 persona

  5. L’offensiva invernale russa
    Gordon M.Hahn
    22 novembre 2022

    L’ esperto russo Gordon M. Hahn esamina l’imminente offensiva invernale russa . Solo con un cessate il fuoco l’Ucraina ei suoi sponsor possono evitare l’imminente catastrofe. Questo per tre motivi:

    ………Innanzitutto, il martello russo sta per cadere sull’Ucraina. I guanti stanno venendo via; stazioni di energia elettrica, ponti e persino “centri decisionali” come gli edifici governativi del centro di Kiev sono presi di mira. … Come sarà la situazione sociopolitica quando queste infrastrutture critiche saranno in completo collasso e le temperature saranno più fredde di 20 gradi? La Russia si avvicinerà alla strategia dello ‘shock and awe’, distruggendo completamente tutte le infrastrutture – militari o di altro tipo – come hanno fatto gli Stati Uniti in Serbia e in Iraq e probabilmente ora si preoccuperà meno di evitare vittime civili.

    …….In secondo luogo, l’Occidente soffre della stanchezza dell’Ucraina. Le forniture di armi dei paesi della NATO si sono esaurite oltre quanto tollerabile e la coesione sociale sta crollando di fronte all’inflazione a due cifre e alla recessione economica. Tutto ciò fa della Russia la vincitrice sul piano strategico e sta costringendo Washington e Bruxelles a cercare almeno un attimo di respiro attraverso il cessate il fuoco.

    … In terzo luogo, la più grande risorsa politica dell’Ucraina – lo stesso Zelenskiy – è appena stata svalutata, mettendo a rischio ancora maggiore la stabilità politica dell’Ucraina. … Per ora, per tenere a bordo l’Occidente, si dice che Zelenskiy stia spingendo il comandante delle forze armate ucraine Viktor Zalyuzhniy a lanciare un’ultima offensiva pre-invernale nel nord di Donetsk (Svatovo e Severodonetsk) o Zaporozhe per mettere un basta ai mormorii del cessate il fuoco dell’Occidente e rilanciare il sostegno. Allo stesso tempo si parla di continue tensioni tra Zelenskiy e Zalyuzhniy per la buona stampa e lo status di star di quest’ultimo in Occidente. … Sullo sfondo del deterioramento del campo di battaglia e della situazione strategica internazionale, tali tensioni civili-militari sono cariche del potenziale per un colpo di stato. …

    ….Potremmo raggiungere il momento di svolta nella guerra ucraina. Niente elettricità, niente esercito, niente società.

    ….Tutto quanto sopra e le prossime elezioni presidenziali previste a Mosca, Kiev e Washington l’anno dopo il prossimo rendono questo inverno cruciale per tutti i principali partiti della guerra.

    https://gordonhahn.com/2022/11/22/the-russian-winter-offensive/

    Piace a 1 persona

  6. “Ieri il Pentagono ha annunciato un altro trasferimento di armi all’esercito ucraino:

    Secondo il Pentagono, il pacchetto include:
    Munizioni aggiuntive per NASMAS
    150 mitragliatrici pesanti con mirini per immagini termiche per contrastare gli Unmanned Aerial Systems (UAS)
    Munizioni aggiuntive per HIMARS
    200 colpi di artiglieria a guida di precisione da 155 mm
    10.000 colpi di mortaio da 120 mm
    Missili anti-radiazioni ad alta velocità (HARM)
    150 High Mobility Multipurpose Wheeled Veicoli (HMMWV)
    Oltre 100 veicoli tattici leggeri
    Oltre 20.000.000 di munizioni per armi leggere
    Oltre 200 generatori
    Pezzi di ricambio per obici da 105 mm e altre attrezzature

    I 400 milioni di dollari vengono inviati all’Ucraina attraverso la Presidential Drawdown Authority (PDA), che consente al presidente Biden di inviare armi direttamente dalle scorte militari statunitensi.

    Il Pentagono sta chiaramente raschiando il fondo del barile.

    Munizioni aggiuntive per NASMAS

    NASMAS è un sistema di difesa aerea che utilizza missili aria-aria riproposti (radar attivo homing AIM-120 AMRAAM) in modalità terra-aria.

    Ieri uno di quei missili è stato utilizzato a Kiev ma ha mancato il bersaglio. Ha colpito un condominio e ha ucciso diverse persone:

    Il missile che ha colpito oggi un condominio a Kiev era un AIM-120C di fabbricazione statunitense lanciato da uno dei nuovi sistemi di difesa aerea NASMAS, donati all’Ucraina negli ultimi mesi. La gente del posto ha condiviso sui social media le foto del relitto del missile. Anche se l’Ucraina ha incolpato la Russia per l’attacco, si scopre che il missile non era russo ma americano ed è stato lanciato dalle truppe ucraine.
    Il frammento mostrato nella foto ha la parola LIFT come l’americano AIM-120C. Si tratta di un missile antiaereo per i sistemi NASAMS recentemente donato all’Ucraina. Analizzando le foto che gli stessi cittadini ucraini hanno pubblicato, il missile che ha colpito il loro edificio residenziale può essere facilmente identificato come americano.

    Piace a 2 people

  7. La foto è un fake! Da satellite non vedi una proiezione di Mercatore. Una falsa foto che gira da anni e da cui, grazie a photoshop o simili, è stata rimossa ogni presunta luce sull’Ucraina.

    Piace a 1 persona

  8. “L’Ucraina continua a sfondare e la russia è pronta alla resa, magari hanno ragione”… ok, e secondo lui, se magari è vero, che interesse avrebbero i nostri a negoziare piuttosto che a spingere per la vittoria sul campo? e i russi a lasciar perdere piuttosto che sganciare la bombetta? la premessa è sbagliata per cui anche il ragionamento non regge sui fatti, non sulle intenzioni, in europa non si muove nessuno per i negoziati, ma nessuno proprio, insomma ha trovato da dire qualcosa anche oggi. Tutti vogliamo, vorremmo e sogniamo i negoziati tutti i giorni

    "Mi piace"

    • “in quanto, A DETTA LORO, l’esercito ucraino continua a sfondare e la Russia è pronta alla resa. Magari avranno ragione.”
      “A detta loro” ti è sfuggito?
      O ti è sfuggita la sottile e amara ironia?
      O, semplicemente, ti sta sulle 00 Dibba (“insomma ha trovato da dire qualcosa anche oggi”)e volevi denigrarlo in qualche modo?

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...