Salvini, da ministro a capo cantiere il passo è breve

Salvini rilancia il Ponte sullo Stretto in tempi record. Salvini annuncia che nella Manovra, in arrivo lunedì in Consiglio dei ministri, ci sarà anche il Ponte sullo Stretto di Messina.

MOLTO FUTURO LA CRISI E L'INNOVAZIONE

(lanotiziagiornale.it) – “Nella Manovra di bilancio che portiamo in cdm lunedì un altro ponte di cui si parla da 54 anni sarà un esempio del genio italiano perché, se sarà come sarà, sarà il ponte a campata unica più lungo al mondo. L’Italia tornerà un punto di attrazione”. È quanto ha detto il vice premier e ministro delle Infrastrutture, Matteo Salvini, parlando del Ponte sullo Stretto a margine della cerimonia di riapertura al traffico del ponte monumentale di Ariccia.

Salvini annuncia che nella Manovra, in arrivo lunedì in Consiglio dei ministri, ci sarà anche il Ponte sullo Stretto

“Lunedì – ha detto ancora il leader della Lega – in Consiglio dei ministri verrà riattivata la società stretto di Messina. Conto che in questa legislatura partano i lavori però serve anche l’Alta velocità. Nessuno può promettere un ponte in 5 anni con una campata unica di 3,3 chilometri con costi notevoli. Sarò il 5 dicembre a Bruxelles per chiedere che l’Europa faccia la sua parte, partecipi al finanziamento di un progetto che è europeo, quella non è la Messina-Reggio Calabria ma la Palermo-Berlino”.

“Sarà il ponte a campata unica più lungo al mondo. I lavori inizieranno tra due anni”

“Sicuramente”, ha ribadito Salvini parlando ancora del progetto del Ponte sullo Stretto, l’obiettivo è “partire con i lavori nell’arco di due anni, diamo un arco temporale”. “Le stime sui posti di lavoro – ha detto ancora il vice premier a Il Messaggero -, perché il piano finanziario del Ponte è del 2000 e va aggiornato al 2022, in pianta stabile è più vicino ai 100 che ai 50 mila posti di lavoro. È chiaro che sono stime, ma un cofinanziamento dell’Ue e investimenti privati. Noi possiamo essere un Paese attrattivo”.

Fedriga: “È un’opera pubblica utile, importantissima”

“Il Ponte sullo Stretto è un’opera pubblica utile, importantissima, si deve abbinare a tanti altri interventi, magari più piccoli ma altrettanto importanti” ha detto a Un Giorno da Pecora, il presidente della Regione Friuli Venezia Giulia e della Conferenza delle Regioni, Massimiliano Fedriga. “Per quanto mi riguarda – ha aggiunto il governatore leghista – penso al collegamento ferroviario Trieste-Venezia, del quale ho già parlato col ministro delle Infrastrutture Salvini”.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

5 replies

  1. È un dejavu, il cazzaro verde perde il pelo ma non il vizio, mi ricorda tanto il primo Conte 1 dove un giorno era il titolare del Viminale,il giorno dopo delle infrastrutture,e ancora dell’economia. Ma quando finirà di essere in campagna elettorale questo inutile personaggio

    Piace a 2 people

  2. Ma questi sono proprio pazzi ! Ancora sono fissati col ponte.Ma fedriga è stato in “un giorno da pecora” dove se non sabglio c’è Sabelli Fioretti,pro-ponte e avido di soldi (copiright di suo padre), mazziato qualche girono fa dall’ottimo Massimo Fini.

    "Mi piace"

  3. Bravo Matteo, dai l’esempio: comincia tu lunedì mattina a portare un po di mattoni, sabbia e cemento così ci portiamo avanti coi lavori…

    "Mi piace"

  4. Ma qualche saccoccia di cemento se la incollera’ quando costruiranno il ponte o si farà vedere solo al taglio del nastro 🤔 .Certo saranno contenti tutti i fanatici fi giusano che lo hanno votato che si vedono spendere miliardi per un ponte in terronia .Alle prossime elezioni gli saranno riconoscenti.🤔

    "Mi piace"