Il carrello degli italiani è molto più caro di quello che l’Istat stima

(Rosaria Amato – la Repubblica) – «Si parla di inflazione al 13% annuo, ma io vi dico, concretamente, che il prezzo dello zucchero da euro 0,59 di gennaio 2022, il 28 ottobre 2022 costa euro 1,39 da Lidl ed Eurospin e 1,79 da Conad per non parlare di farina da 0,39 a 0,79 e 0,89 e quant’ altro, altro che 13%! I dati ufficiali non stanno dietro alla velocità degli aumenti».

La percezione di Sonia Tognoni, lettrice di Repubblica, è condivisa da buona parte degli italiani. La Banca centrale europea misura ogni mese, con un sondaggio, l’inflazione percepita, oltre che le previsioni a uno e a tre anni: gli italiani risultano quasi sempre i più pessimisti. […]

A condividere le preoccupazioni degli italiani le associazioni dei consumatori, che alcuni anni fa avevano avviato una battaglia per spingere l’Istat a una rilevazione più aderente alla realtà, che si è conclusa con la decisione dell’Istituto di misurare anche l’inflazione per quinti di spesa, accanto a quella media: cioè il carovita dei più ricchi e quello dei più poveri, oggi decisamente maggiore. […]

Cioè mentre l’Istat considera tutti e beni e i servizi acquistati e attribuisce loro un peso, per i consumatori «è abbastanza naturale, in un periodo in cui l’energia ha una dinamica sostenuta, che l’attenzione venga attirata da quello che aumenta di più». Insomma, chi compra non tiene conto di tutti i beni che acquista, e neanche del loro peso.

Quando si confrontano con temi economici del resto, gli italiani risultano meno competenti rispetto ai cittadini di altri Paesi: secondo uno studio sul livello di educazione finanziaria della Banca d’Italia, l’Italia nel 2020 è risultata in 25esima posizione su 26 Paesi, davanti solo a Malta.

Ma la percezione della gente sull’inflazione è importantissima «perché è sulla base delle percezioni che le persone decidono come spendere», afferma Guiso, aggiungendo però che «se si guardano le aspettative, tutte le famiglie si attendono una dinamica dei prezzi più contenuta, e quindi la stanno interpretando correttamente».

Una statistica molto più capillare, che indagasse le variazioni dei prezzi per categoria lavorativa, verrebbe avvertita come più aderente alla realtà? «Abbiamo considerato l’ipotesi di rilevazioni per gruppi di professioni, che includesse anche i pensionati, ma ci siamo resi conto che non avrebbe avuto senso – racconta Polidoro – perché ci sono ricchi e poveri in ogni categoria, persino tra i disoccupati».

E quindi l’unica differenziazione al momento rimane quella per quinti di spesa, che ci ha permesso di scoprire che in questo momento ci sono ben quattro punti percentuali di differenza tra gli aumenti dei prezzi subiti dal 20% più ricco della popolazione rispetto a quelli del 20% più povero.

6 replies

  1. Il trucco sta nel paniere ISTAT.
    Se nel paniere hai prodotti che hanno risentito meno dell’inflazione puoi dichiarare che l’inflazione è più bassa del reale senza dichiarare il falso.

    "Mi piace"

  2. I supermercati attuano la tattica 10 centesimi a settimana.M ricordo che ci incazzammo molto di più per i 10 cent dei sacchettini di plastica.Siamo al delirio.

    "Mi piace"

  3. Non hanno bisogno di dircelo, chi va a fare la spesa una volta alla settimana si accorge che i prezzi crescono appunto settimanalmente.
    A quanto pare però i soldi la gente ce li ha, perché nessuno protesta e, guardando in giro, vediamo un sacco di auto nuove e sono soprattutto macchinoni.
    Temo che il ” nero” sia molto di più di quanto si pensi: ormai i piccoli artigiani, più o meno ” improvvisati” ( pulizie, giardinieri, parrucchieri e barbieri a domicilio, idraulici, muratori, e millanta altri lavori …) lavorano solo così. Tutto esentasse, e cash, mentre dipendenti e partite IVA regolari, costrette a fatturare tutto, vengono spennati.
    E ovviamente i controlli arrivano solo per loro, gli altri sono ” sconosciuti” ( e non cercati) e nel caso risultano nullatenenti.
    Meno che mai se ne occupano i ” giornalisti”, tutti presi solo a sputtanare ad personam chi è al governo da meno di un mese.
    E nessuna ” manifestazione” alle viste: a tamponare eventuali disordini ci pensa la ” carità”, che da che mondo è mondo serve proprio a questo. I diritti alla sopravvivenza ormai sono spariti, esistono solo quelli ” civili” che non costano niente: di pane, sanità, sicurezza, casa…nessuno parla, e da tempo ormai.

    "Mi piace"