L’alternativa del Nano

(Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano) – A tre settimane dal voto dobbiamo già scegliere fra il peggio e il peggio: alla Giustizia preferiamo Casellati o Nordio, calcolando che la seconda ipotesi prevede l’on. avv. Sisto vicepresidente del Csm? Casellati sarebbe una Guardasigilli voluta da B. e abolirebbe la legge Severino (votata nel 2012 sia da lei sia da B.) perché glielo chiede […]

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

37 replies

  1. L’alternativa del Nano

    (Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano) – A tre settimane dal voto dobbiamo già scegliere fra il peggio e il peggio: alla Giustizia preferiamo Casellati o Nordio, calcolando che la seconda ipotesi prevede l’on. avv. Sisto vicepresidente del Csm? Casellati sarebbe una Guardasigilli voluta da B. e abolirebbe la legge Severino (votata nel 2012 sia da lei sia da B.) perché glielo chiede B.. Nordio viceversa sarebbe un Guardasigilli non voluto da B. e abolirebbe la Severino perché pensa che sia un abominio escludere i pregiudicati dal Parlamento. L’una lo farebbe per convenienza, l’altro per convinzione, ma invertendo l’ordine dei fattori il prodotto non cambierebbe. Se non per il fatto che, nel secondo caso, l’organo di autogoverno della magistratura sarebbe guidato dall’ex avvocato di B. nel processo di Bari per induzione a tacere del suo pappone Gianpi Tarantini sulle mignotte a domicilio. La scelta fra due opzioni che producono un risultato pessimo era nota come “L’alternativa del Diavolo” nel romanzo di Frederick Forsyth. Ora è “L’alternativa del Caimano”. E la dobbiamo agli elettori e agli eletti di destra che non riescono a trovare dei ministri normali; ma anche ai vertici del Pd che li hanno aiutati a vincere. Ci avevano raccontato che la destra ci avrebbe trascinati fra le braccia di Putin e Orbán, invece in politica estera non cambierà nulla. È sulla giustizia che riusciranno nell’ardua impresa di fare ancor peggio di Draghi&Cartabia.

    Dobbiamo solo scegliere che faccia avrà il peggio. Quella della Serbelloni Casellati Vien Dal Mare (e pure dall’Aria: è madrina ad honorem del personale viaggiante), arciconvinta che B. pensasse davvero che l’egiziano Mubarak avesse una nipote marocchina? O quella dell’ex pm veneziano, che si scordò per quattro anni nel cassetto il fascicolo su D’Alema e Occhetto lasciandolo prescrivere perché aveva altro da fare (cosa?), e nel 2003, da magistrato, banchettò da “Fortunato al Pantheon” con Previti un mese prima che fosse condannato per corruzione di giudici perché “è simpatico e brillante e non è un mio imputato”? E B. ci aveva pure avvertiti con l’unico discorso serio che conosce: una barzelletta. “Gheddafi chiede a Berlusconi di inviare una delegazione in Libia e lui manda due sfigati: Cicchitto e Bondi. Questi cadono nelle mani dell’unica tribù ribelle e finiscono legati a un palo. Attorno a loro i guerrieri danzano urlando ‘bunga bunga’. Lo stregone domanda a Cicchitto: ‘Morire o bunga bunga?’. Cicchitto risponde: ‘Bunga bunga’. E tutti i guerrieri profittano di lui. A quel punto lo stregone si rivolge a Bondi: ‘Morire o bunga bunga’? Bondi, vista la fine che ha fatto Cicchitto, dice: ‘Morire’. E lo stregone: ‘Sì, bene morire, ma prima un po’ di bunga bunga’”. Ecco, gli sfigati siamo tutti noi.

    Piace a 12 people

  2. Un ringraziamento speciale va a quella parte di popolo che ha votato per avere il peggior governo in assoluto di sempre dal dopoguerra… Dalle stelle alle stalle il passo è stato breve!! Però è volontà di chi ha votato e se tanto mi dà tanto, una buona parte di popolo credo sia alquanto in confusione, per così dire!! 🤬🤬🤬🤬🤬🤬

    Piace a 4 people

    • No, è giusto che il popolo italiano (specie chi si è astenuto) paghi sulla propria pelle cinque anni di catastrofi, dopotutto per risorgere bisogna prima morire..

      "Mi piace"

      • Si dice che l’essere umano evolva attraverso la sofferenza. Evidentemente non ci siamo ancora evoluti abbastanza.

        "Mi piace"

  3. B. E compagnia bella al potere fanno comodo a tanti anche “sinistri”: sai quanti piddini o similia potranno ricandidarsi senza la legge Severino o quanti gioiranno per l’eliminazione del reato di abuso di ufficio, tipico reato in cui possa inciampare un sindaco o assessore, senza contare le cartelle esattoriali cancellate, etc… se non ci fosse stato un tornaconto generalizzato B. come avrebbe potuto reggere 20ann?, al netto dell’ottusità del popolo italico naturalmente

    Piace a 1 persona

  4. Siamo un popolo di vecchi e il governo che si insedierà sarà lo specchio del Paese. Vecchi dinosauri senza una visione del futuro, che tireranno a campare come al solito con il sedere ben piantato sulla poltrona. E chissenefrega dei giovani che combattono con il precariato, che non avranno una pensione decente, che non fanno figli perché non ci sono certezze per assicurargli una esistenza dignitosa, con un grado d’istruzione sempre più basso dopo aver distrutto la scuola, con poca propensione al sacrificio per via dei modelli e valori di vita imposti a reti televisive unificate e tante altre belle cose. Da trent’anni sono sempre gli stessi vecchi burattini che ci ammorbano la vita, che dicono sempre le stesse cose senza fare nulla di concreto per risolvere le perenni emergenze in cui viviamo, messi lì solo a difendere gli interessi dei loro pupari. Unica parentesi decente i governi Conte a trazione movimento, ma le cose buone vengono subito tolte dalla circolazione e messe in ripostiglio , perché nulla cambi nel nostro bel Paese.

    Piace a 1 persona

    • D’accordo su tutto Davide, siamo un popolo di vecchi, ma d’altra parte anche i giovani che ci siamo ritrovati (Dimma&soci, ma potremmo parlare anche di Renzi e del suo cerchio magico, o del felpato), hanno dato prova del peggio del peggio: qualunquismo, trasformismo, rinnegamento totale delle proprie idee, clientelismo, familismo, attaccamento morboso alle poltrone, distanziamento sociale dalla realtà, annuncismo, finto perbenismo, ed una totale mancanza di idee sensate e di come attuarle.
      Siamo un popolo di vecchi, e di giovani avariati.

      Piace a 3 people

  5. B. su questo è una garanzia. Ma stavolta sarà paradossale vederlo farsi i fatti suoi (a nostro discapito) sotto un governo “legge e ordine”.

    "Mi piace"

  6. “E la dobbiamo anche ai vertici del Pd che li hanno aiutati a vincere”.
    Aggiungerei la geniale strategia di Conte, e di Marco Travaglio, che ha portato alla caduta del governo Draghi e a elezioni politiche con vittoria scontata di La Russa, Fontana, Salvini e Berlusconi.

    Piace a 1 persona

    • Scusa ma ti saresti apettato qualcosa di diverso in caso di fine naturale del governo Draghi? Per me ci sarebbe solo stato un centrodestra ancora piu’ forte (in grado di modificare la costituzione senza referendum) e un centrosinistra piu’ debole (con il ms5 praticamente morto). Solo il PD non lo ha capito. O meglio, lo ha capito, ma ha scommesso su un fallimento veloce del governo Meloni. Scommessa molto rischiosa fatta sulla pelle degli italiani..

      "Mi piace"

    • Draghi era così amato che il partito più votato alle elezioni (fdi) gli si opponeva.
      E gli italiani, invece di accorrere in massa a votare chi proponeva la sua fantomatica agenda, hanno fatto registrare la astensione più alta in epoca repubblicana. Tutto ciò nonostante il supporto mediatico imponente che il banchiere poteva vantare. Sai dare una spiegazione a questo strano fenomeno?

      Piace a 1 persona

  7. Questo articolo sarebbe condivisibile per quanto riguarda le scelte sulla giustizia. Peccato però che Travaglio qui dica che ” in politica estera non cambierà nulla”, quando Berlusconi se ne è appena uscito allo scoperto dicendo che ha ripreso i contatti con Putin con scambio affettuoso di “lettere dolcissime” e regali, e il neo presidente della Camera Fontana è andato subito da Vespa a dire che ” le sanzioni contro la Russia sono un boomerang”. Qualcuno lo vuol capire o no perchè inaspettatamente la Lega e Forza Italia (insieme a Conte e M5S) hanno fatto cadere il governo anti-Putin di Draghi? Adesso i nodi vengono al pettine, evidentemente ci sono “debiti ” da pagare o passati favori da rendere e si gettano le maschere…

    Piace a 1 persona

    • Martello, non mi metterò a spiegarti qui la mia opinione su quello che ci ha portato allo spettacolo penoso di questi primi giorni di legislatura. Sarebbe troppo lungo e non ho tempo.
      Sulla mia Contefobia però te ne dico un’altra: Fontana, neo presidente del Senato, è stato MINISTTO DELLA FAMIGLIA del Conte I. Ricordi?
      Sulla mia Russofobia, ti dico solo che sto lavorando con un’autrice RUSSA, cosa che mi ha impedito di ottenere dei finanziamenti dalla Polonia. Avrei quindi tutte le ragioni per non essere Russofobo, non credi?

      Piace a 1 persona

      • Giuseppe Conte mantiene sempre lo stile da galantuomo anche quando parla di questi imbarazzanti teatrini o deve interfacciarsi a provocatori travestiti da cronisti. Ieri l’ho sentito fare gli auguri di rito al nuovo Presidente della Camera Fontana, precisando che la nuova terza carica della Stato rappresenta valori diversi da quelli del M5s ( che proponeva Cafiero de Raho). Subito non ti esce un cronista che gli chiede “in che modo Fontana rappresenta valori diversi visto che era, nel Conte1, il suo Ministro della Famiglia?” Ora ad un coglione simile, in malafede e stronzo come la maggior parte dei giornalisti italiani ( che gli farebbero infatti la stessa obiezione) Conte dovrebbe replicare con una capata in bocca, o scalciando alla La Russa, ma è troppo signore. Perché spiegare con calma una cosa che tutte le persone oneste saprebbero tener di conto è difficile. E cioè. Primo Conte nel 2018 non era stato candidato. È stato individuato come figura esterna dal M5s, Di Maio in primis ( gli va dato atto), come Presidente del Consiglio per rappresentare una sintesi di leadership in un accordo da “contratto” tra M5s e Lega, dopo le elezioni. Gli accordi sono stati intavolati dalle figure politiche di questi 2 Partiti e poi sottoposte al Presidente incaricato. Che è un’anomalia ( visto che è il Premier in pectore a scegliere i Ministri e sottoporli al PdR) ma la legislatura 2018 partiva con un handicap, visto che col Rosatellum, non c’era una maggioranza effettiva nè di coalizione nè di singolo Partito. Consentire alla legislatura di iniziare fu possibile solo da questi accordi post-elezioni. Il PD renziano si defilò e al M5s, primo Partito, non restava che cercare altrove convergenze. Ma Conte non rappresentava, allora, nessuno. Non era eletto. Quando accettò la proposta di guidare questo “matrimonio” atipico, sicuramente ci mise del suo, verificò le personalità che gli vennero proposte nella squadra di Governo. Ma non poteva essere farina del suo sacco. Nè, non essendo allora un politico, poteva avere grandi spazi di manovra sulle scelte. È talmente logico e comprensibile che le solite allusioni contro di lui non solo hanno fatto acido ma sono veramente idiote. Conte, al solito provocatore, ha replicato che dimenticava che non aveva “patrocinato” (credo) alcune opzioni di quel Ministero. Ma ripeto una “capata in bocca” era più efficace. E giusta.

        Post di Paolo di qualche tempo fa per Santo Loquasto. Ti ha spiegato tutto
        Grande Paolo!
        Ps:Santo Loquasto devi avere un pò di buona fede in più quando dici determinate cose

        "Mi piace"

  8. Incredibile come multinck passi il suo inutile tempo a cercar di sminuire MT,
    Essendo lui/lei stesso/a (multinck) alias Magda qualcosa con argomenti a dir poco demenziali,

    "Mi piace"

  9. Il governo Draghi era soprattutto a servizio Usa, e questa non è una novità, ed incidentalmente anti-Putin per servire gli interessi di oltreoceano. …..il problema è questo, perché un conto è essere anti-Putin, che può andare anche bene, per scelta/interesse proprio all’ interno di una Unione europea, che decida in base alla propria linea politica, economica o geopolitica, ciò il proprio status indipendente e separato da quello Usa. …altro conto è essere Italia/UE in completa disposizione delle decisioni degli Stati Uniti che decidono ,a seconda delle situazioni a loro convenienti, la linea politica italiana ed europea anti o pro qualcuno……Draghi è stato imposto come pdc in previsione della guerra in Ucraina che era prevedibile e prevista. ….il nodo irrisolto da 70 anni è la sovrapposizione fra Nato ed UE, quando la Nato è un’ organizzazione militare di alleanza a gestione Usa, mentre l’ UE dovrebbe essere espressione di potenza europea a gestione indipendente e sovrana, da chiunque! Le scelte possono anche essere condivise da pari, essere perciò coincidenti o meno, quando invece da 70 anni sono scelte automaticamente condivise/sovrapponibili (imposte?) allora c’è una condizione di colonia a sovranità limitata……..e questo è un danno per l’ Europa indipendentemente dal contesto storico, politico e bellico che individua il nemico di turno!

    Piace a 1 persona

    • Alessandra, tutto condivisibile, a mio avviso per superare la dipendenza militare e politica dagli US (e grazie al cielo non ne abbiamo anche una economica), le possibilità sono due:
      – la EU dovrebbe avere un seggio permanente nel consiglio di sicurezza dell’ONU, in maniera che a cascata possa svilupparsi una riorganizzazione di tutti gli organi decisionali economici e militari per sviluppare una politica estera e di difesa finalmente comune; ad esempio, credo che il Ministero degli Esteri dovrebbe essere unico, a livello europeo, con un consiglio di tutti i ministri degli esteri dei vari Paesi. Ma perchè questo accada, la Francia dovrebbe rinunciare al suo seggio in favore della EU, e questo francamente la vedo come pura utopia.
      – seconda possibilità: gli US spadroneggiano nella Nato, semplicemente perchè pagano il conto: il 70% del bilancio Nato è a carico degli americani. Ed allora gli Stati europei dovrebbero almeno raddoppiare gli investimenti nella Nato stessa, in modo da avere quantomeno maggiore voce in capitolo, se non marginalizzare il ruolo degli US. Ma anche questa seconda opzione, con questi chiari di luna e date le legittime istanze della società civile europea, la vedo estremamente difficile.
      Come se ne esce? Checchè se ne pensi, in situazioni critiche sia la EU che la Nato hanno dato prova di agire, anche se spesso con scelte politiche sbagliate o quantomeno criticabili, in maniera precisa ed efficace nel perseguire i propri obbiettivi, per cui realisticamente e nel breve periodo non si può prescindere a mio avviso la necessità di salvaguardare la macchina, muovendosi dall’interno nella scelta di piloti migliori.
      Perchè se si scende da quelle macchine, ci si ritrova su un’autostrada a sei corsie dove tutti sfrecciano a duecento all’ora e non si fermerebbero certo a salvarti, qualora ti travolgessero (anche volutamente).

      "Mi piace"

    • @Alessandra
      Ma fino a che punto gli Usa possono spingersi a fagocitare sempre più l’Ue con il rischio, impoverendola, di provocarne la reazione se non una vera e propria “rivolta” che sta covando sotto la cenere?? La tendenza è sotto gli occhi di tutti: la crisi energetica sta man mano mettendo in crisi il sistema produttivo europeo fino a renderlo dipendente dal gas liquido americano, peraltro molto più costoso di quello russo. Il calo del Pil continentale non lascia ben sperare e la prevista reazione sociale – almeno nei paesi più deboli – può provocare l’instabilità delle istituzioni di Bruxelles. E’ pur vero che il classico “divide et impera” funziona ancora: Germania & affini più solidi rispetto ad altri Stati all’insegna dell’”ognuno per sé e Dio per tutti”. Ma non può durare a lungo. C’è la possibilità che la manifestazione pacifista di novembre si trasformi in una contestazione aperta dagli esiti non scontati: repressione oppure apertura dei negoziati di pace con cessione (o autonomia) di territori a Russia e non ingresso dell’Ucraina nella Nato. Tertium non datur!
      Mi chiedo se le conseguenze della guerra possano rappresentare, giocoforza, l’apertura di una finestra su una tendenziale indipendenza politica dell’Ue dall’Impero.

      Piace a 1 persona

  10. Il Conte 1 era espressione di un governo formato da M5S e Lega, dove Fontana era ministro della Famiglia e Salvini ministro degli Interni e vicepremier. …durante quel governo sono state proposte/attuate le migliori riforme in 70 di politica italiana, nonostante personaggi della Lega indicati come ministri. …..evidentemente avere Conte come pdc ed il M5S come forza di maggioranza relativa, fa la differenza! Che alcuni ministeri fossero in quota Lega era obbligatorio, vista la necessità di coabitazione forzata per poter governare, poi andrebbe ricordata la linea politica complessiva del governo……a chi non è piaciuta, potrà godersi quella del prossimo governo di coalizione FdI/Lega/FI……che hanno vinto le elezioni per scelta degli italiani ed in democrazia chi vince governa! Punto!

    Piace a 2 people

    • Va bene Alessandra, il Conte I è stato il meglio del meglio dell’intera Europa, non solo dell’Italia, nonostante Salvini e Fontana.
      Dato per certo questo, FdI/Lega/Fi NON rappresentano la MAGGIORANZA degli italiani. Risultano vincitori grazie a una legge elettorale ignobile, che non ha nulla a che fare con la democrazia (io, nel mio piccolo, non ho votato, e non lo farò finché non verrà cambiata). Punto!

      Piace a 1 persona

  11. “È sulla giustizia che riusciranno nell’ardua impresa di fare ancor peggio di Draghi&Cartabia”.

    Non credo, penso faranno uguale, magari nascondendosi meno.

    Piace a 2 people

  12. Questo governo di cdx non può far più danni di quelli che ha fatto il governo dei migliori con dentro tutti, compreso il mv5s
    Ogni popolo ha i governanti che si merita.

    Piace a 1 persona

  13. Gli Usa pagano il 70% della Nato. …..se il costo pesa, avrebbero potuto abolire la Nato, quando è stato sciolto il Patto di Varsavia. ….se non l’ hanno fatto evidentemente quel 70% di spesa, rientra in Usa in altro modo, magari a profitto di multinazionali americane. …..Gli Usa non hanno mai intrapreso nella storia decisioni/azioni che non fossero loro convenienti, eccetto forse la guerra in Vietnam. …
    Quanto alla possibile influenza della prossima manifestazione per la pace, sugli eventi in corso, se dovesse diventare contestazione , prevedo repressione più che apertura di negoziati……la Meloni non ha vinto a caso, il PD non ha perso a caso. …..in vista di una repressione efficace funziona meglio il manganello, della retorica vuota dei piddini. ..che, come sempre , fanno fare il lavoro sporco ad altri , a volte si chiamano Berlusconi, oppure Monti o magari Renzi. …questa volta si chiama Giorgia, ed il PD farà , di prassi, la vergine affranta da oltraggio alla democrazia, dopo essere stato colluso con Berlusconi, aver sostenuto Monti, generato il proprio segretario di partito e pdc Renzi, e fatto crescere nei sondaggi prima la Lega, 36% alle elezioni europee del 2019, e poi FdI, pilotando i media a suo servizio esclusivamente contro il M5S dal quando è nato! Che governi la destra, al PD va più che bene, perché il suo vero avversario è il M5S, se poi è una destra repressiva ed oscurantista, anche meglio, così qualche fesso continuerà a credere che l’ alternativa sia il PD ed ovviamente a votarlo!

    Piace a 3 people

  14. Il PD e il cdx come i ladri di Pisa;
    la tradizione toscana vuole che i ladri di Pisa andassero a rubare insieme durante la notte e poi litigassero fra loro tutto il giorno per dividere il bottino.

    Piace a 2 people

  15. Il Conte 1 è stato il meglio per me, che non sono né l’ Italia né l’ Europa, e probabilmente per milioni di italiani in povertà, ritenuti vittime e quindi degni di aiuto, come valore etico e civile, prima che politico, a differenza di chi invece li ritiene colpevoli, della propria condizione, tanto da criticare e contrastare ogni forma di solidarietà/assistenza, a loro favore…..anche solo questa diversa prospettiva/visione mentale/culturale basta a rendere Conte ed il M5S certamente migliori rispetto a governi passati e futuri. …..senza considerare difesa della legalità e questione morale che fanno la diversità, rispetto al carattere nazionale così ben rappresentato dalla classe politica passata, presente e futura……io voto chi si avvicina alla mia mentalità e cultura di valori, indipendentemente dalla formalità (legge elettorale) con cui il voto viene acquisito. ….perché qualcuno con cui condividere una speranza/prospettiva politica, senza pretendere la perfezione, che non è di questo mondo, esiste sempre ed è il motivo per cui siamo a scrivere, dibattere, criticare o contestare. ..”aspettare è ancora un’ occupazione, non aspettare più nulla è terribile” C. Pavese

    "Mi piace"

    • Scusa Alessandra, ma il tuo è solo un pippone retorico. Lo rispetto, e rispetto te, ma lo trovo noiosissimo. A cominciare dagli “italiani in povertà” dei quali sembra che importi solo a Conte e al M5S. Esci, ti prego, dalla modalità “campagna elettorale”. Ciao.

      "Mi piace"

  16. Chi non gradisce i pipponi non li legga, e si dedichi alle sue pippe, che certamente saranno eccintanti e non noiose. ………ognuno trova noiosi i sollazzi altrui. ….quanto alla retorica, non mi pare che altra forza politica abbia avuto la stessa attenzione per le classi sociali più deboli, come il M5S, generalmente sono state ignorate, non viste, sarà a causa della cecità conseguente alle pippe………la realtà è una fetta di connazionali che non ha una vita dignitosa per difficoltà economiche, per salari inadeguati, disoccupazione, precarietà , e dopo anni di retorica politica, senza alcuna iniziativa tangibile e risolutiva, i numeri sono in aumento. ……ma possiamo pure non vederli, basta dedicarsi alle pippe….

    Piace a 2 people