‘Gnazio che cavalca il drago della politica tra fiamma e riflettori

Approdato a Milano si pone all’ombra di Ligresti, appalti e inciampi giudiziari. Poi l’avventura con Fini, mollato per B. che lo fa ministro della Difesa. Infine fonda FdI, e si mette agli ordini della Meloni. L’eroe della nostra Storia infinita – dove stavolta rischia di vincere il Nulla nucleare sul bel paese di Fantàsia – non si chiama Atreju, ma Ignazio. Per la precisione Ignazio Benito Maria La Russa […]

(DI PINO CORRIAS – Il Fatto Quotidiano) – L’eroe della nostra Storia infinita – dove stavolta rischia di vincere il Nulla nucleare sul bel paese di Fantàsia – non si chiama Atreju, ma Ignazio. Per la precisione Ignazio Benito Maria La Russa. ‘Gnazio per i comici, le pupe e i camerati. Cavalca il drago della politica dai bei tempi del neofascismo in doppiopetto di Giorgio Almirante. Da ieri, alla notevole età di 75 anni, è salito sulle spalle del Senato della Repubblica, quella nata dalla Resistenza che lui considera alla pari con la Repubblica di Salò salvo che la prima fu vile, stracciona e venduta agli inglesi, l’altra elegantemente nera e patriottica, impegnata com’era a bruciare villaggi e a impiccare partigiani. Perché in fondo i tagliagole delle brigate nere “erano ragazzi che credevano nell’ideale”. Dettaglio che aveva illuminato perfino l’eloquio di Luciano Violante, ex comunista, che a forza di revisioni storiche era diventato presidente della Camera, anno 1996, predicando la riconciliazione nazionale “sui vinti di ieri”, che lui per primo incrinava in pubblico, mentre in privato praticava quella con il vincitore Berlusconi e le sue televisioni.

La Russa viene da lontanissimo. Il padre, in camicia nera, faceva l’avvocato e il federale di Paternò, provincia di Catania, prigioniero a El Alamein, poi senatore missino, approdato a Milano dentro la doppia ombra di due paesani, Michelangelo Virgilito, raider di Borsa negli Anni 60 e Salvatore Ligresti, ramo appalti edilizi e assicurazioni, con vari inciampi giudiziari. Dei quattro figli, Ignazio è quello che si mette di più in luce. Specialmente dentro agli archivi della Questura, dove compare nelle segnaletiche di cronaca guerrigliera, siamo nei ’70 a Milano, lui membro del servizio d’ordine della sede missina di via Mancini. Capelli lunghi fino alle spalle, la giubba verde militare, la barba, le gambe divaricate a presidiare la fiamma tricolore, mai spenta da allora. Un colpo d’occhio che oggi farebbe inorridire le signore che l’hanno votato, figuriamoci i nuovi senatori che, ignari di tutto, si sono appena sdraiati tra i velluti di questa diciannovesima legislatura, per vararne il danno, tra gli applausi.

Capelli lunghi, giubba e segnalazioni della Questura
Sforbiciati i capelli, a quarant’anni, Ignazio indossa la sua prima cravatta quando entra in Consiglio comunale a Milano. Fa l’avvocato nello studio di famiglia. Difende i genitori di Sergio Ramelli, il ragazzo di destra ucciso a sprangate in un agguato organizzato da Avanguardia operaia. Un paio di volte va a sbattere contro una celebrità della destra lombarda, Tommaso Staiti di Cuddia, detto il Barone nero, detto l’Incorruttibile, che si vantò di averlo schiaffeggiato, in pubblico, per certi sgarri al direttivo provinciale del partito, dopo che in varie interviste, compresa una al Fatto Quotidiano, anno 2012, non ci era andato leggero, dicendo che “c’è un tumore a Milano, nutrito dai legami tra la famiglia La Russa e i Ligresti”, cioè tra “politica e affarismo”.

La terza via di Ignazio diventa Roma e il ponentino che soffia sulle sue belle terrazze al tramonto. Deputato e poi senatore dal 1992 a oggi: trent’anni filati, qualcuno di meno del suo amico Pier Ferdinando Casini, che per rimanerci ha fatto il giro delle sette chiese e sembra sempre felice di non sapere come si atterri.

Al contrario La Russa compare sempre rannuvolato. Colpa degli occhi d’azzurro mefistofelico e la barba saracena e le notti romane da smaltire. Durante le quali il grande Umberto Pizzi lo inquadra alle feste del Gilda e del Ketum Bar, sempre con la bocca spalancata a inghiottire gamberi fritti e millefoglie spampanate e calici di champagne millesimato, prima di sparire dalla circolazione con nuvole di bionde tendenza Roma Nord al seguito.

Dopo il nero di Almirante l’acqua sorgiva di Fiuggi
Dopo il nero d’Almirante e l’acqua sorgiva di Fiuggi che bagna la neonata Alleanza Nazionale, si mette nella scia grigia di Gianfranco Fini. Almeno fino all’imbroglio dell’appartamento di Montecarlo che doveva essere del partito e invece finì per diventare il guardaroba per i weekend del genero Tulliani, fratello della mai dimenticata Elisabetta. Che a sua volta si portò via l’intero Gianfranco Fini in piena crisi psico-politica.

Ignazio si salva accomodandosi nei bivacchi serali di Palazzo Grazioli e Arcore, tra i fiori del Popolo delle Libertà, portando in dote quel che resta, a Milano, della maggioranza silenziosa non leghista. Berlusconi lo ripaga con una discreta confidenza, mai troppa, e al giro del suo quarto governo, anno 2008, con i gradi di ministro della Difesa. È la sua personale apoteosi – almeno fino a ieri – quando finalmente da esperto di fanta-guerre, può indossare le mimetiche vere atterrando qui e là tra “le nostre truppe di pace” per elogiarne l’eroismo, il patriottismo, la disciplina. E con la stampa – che qualche volta strattona o prende a calci – rispolverare il suo proprio ardore di recluta combattente, durante il servizio militare, plotone missilistico della caserma di Montelungo, Bergamo, anche se poi un cablo di WikiLeaks rivelò che lo avevano congedato in anticipo e che gli spioni americani lo consideravano un “gran chiacchierone” con “personalità teatrale” e dunque una spiccata “predilezione per la luce dei riflettori”.

Salvini “battistrada”: il partito passa dal 2 al 26%
Perfeziona la sua rotta quando si accende la nuova luce di Giorgia Meloni, che all’inizio sembra una lampadina senza troppo futuro. Le credono lui e Guido Crosetto, quello alto che sta in cima alle fabbriche d’armi. Fondano Fratelli d’Italia che all’inizio naviga tra il 2 e i 4 per cento. Salvo che dal 2018 in poi, scende in campo il fenomenale Matteo Salvini – poi i governi di larga intesa – a far loro da battistrada, spalancandogli le urne elettorali, fino all’attuale 26 per cento. Il tutto mentre la sinistra si prende sei mesi di smart wroking per scegliersi un menù da congresso.

Perciò eccolo di buon umore, almeno per un giorno, il neo-presidente La Russa – babbo di tre figli battezzati Geronimo, Comanche e Apache, come abitassero nei film di John Ford – seconda carica dello Stato. Un colpo di scena che lui per primo mai si sarebbe immaginato. Tanto meno Liliana Segre, senatrice a vita, luce della Repubblica, che ieri, alzandosi, l’ha spenta.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

1 reply

  1. Da ministro della difesa introdusse la possibilità per i militari di prestare servigi anche ai privati. Da cui il caso dei due Marò

    "Mi piace"