Il Copiatellum

(Massimo Gramellini – corriere.it) – Domani andrò a votare, ma non ne posso più di partecipare a un gioco di cui non condivido le regole. In Italia le leggi elettorali durano come un paio di pedalini, ma perseguono tutte lo stesso scopo: impedire agli elettori di scegliere i propri rappresentanti e ai vincitori di governare.

Usano questi finti nomi latini — Italicum, Porcellum, Rosatellum — per rivendicare una specificità che affonda in una tradizione immaginaria: gli antichi romani erano gente seria, che col Rosatellum non avrebbe eletto nemmeno un amministratore di condominio. Grazie a un’irripetibile congiunzione di astri, gli anni Novanta avevano partorito una buona legge per i sindaci, che infatti da allora sono l’unica istituzione stabile e rispettata, persino quando la persona che la incarna è mediocre o incapace.

Si poteva estenderla a livello nazionale, ma non lo si è fatto. Si poteva copiare il sistema francese a doppio turno, ma non lo si è fatto. Si poteva copiare quello proporzionale tedesco, ma non lo si è fatto. Copiare non è sempre un reato, a volte è un bagno di umiltà. Significa riconoscere che l’idea avuta da qualcun altro funziona e vale la pena adottarla, ma adottarla così com’è, senza correttivi che la trasformerebbero in uno sgorbio. E non mi dite che per far funzionare la legge francese o tedesca bisogna essere francesi o tedeschi. Sarebbe l’ennesimo autoinganno dettato dall’affermazione compiaciuta di una nostra intangibile diversità. Un italiano può restare creativo anche diventando più serio.

9 replies

  1. Ben detto Adriano58, questa specie di giornalista (all’inizio lo sembrava per davvero) ha subito mostrato il suo vero volto e si cimenta coi soliti “sermoni” da quattro soldi che, evidentemente, bastano a soddisfare il suo “ego”. Cmq, nonostante la schifezza della legge elettorale…chissà che domani sera non ci sia una gran bella “sorpresa” per codesti cialtroni, furfanti, delinquenti e miserabili politicanti (di destra e di sinistra, che poi pari sono!) che da vari decenni ammorbano il nostro bel Paese!

    "Mi piace"

  2. Quello che Gramellini nom dice è che domani voterà proprio per chi ha prodotto questo sgorbio di legge elettorale, certo non per chi l’ha avversata

    Piace a 2 people

  3. Si poteva di qua, si poteva di là… ma chi è che poteva? Lo Spirito Santo?
    Anche i responsabili si potevano citare, visto che hanno nomi e cognomi e che Gramellini sarebbe un giornalista.
    Risalga a bordo, cazzo!

    "Mi piace"

  4. GENTILE GRAMELLINI , NON E’ COLPA DI UNA LEGGE ELETTORALE PIUTTOSTO DI UN’ALTRA.
    LA COLPA E’ CHE NON C’E’ POLITICA .
    SE CI FOSSE LA POLITICA ANCHE LA LEGGE ELETTORALE SAREBBE ACCETTABILE (E PROBABILMENTE NON SAREBBE NEMMENO ANTICOSTITUZIONALE COME L’ ATTUALE E PRECEENTI ). PROVA A CONTRADDIRMI SE CI RIESCI !!!!!!!!!!!!!!!!

    "Mi piace"