M5S, base divisa sui social: Grillo nel mirino, “senza big ci tagliamo le p….”

Fa discutere la decisione di non derogare alla regola aurea del tetto dei due mandati. Anche tanti commenti critici sulla bacheca Facebook di Conte

(adnkronos.com) – E’ divisa, sembra addirittura propendere per la critica dura, la base M5S sulla decisione di non derogare alla regola aurea del tetto dei due mandati. Oltre duemila, in poco più di mezz’ora, i commenti al post in cui il leader del Movimento, Giuseppe Conte, annuncia che la regola cara a Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio non si tocca. Ma a commento non ci sono solo gli “chapeau”, che pur non mancano: piovono anche critiche, solitamente merce rara sui social dell’ex premier. Nel mirino c’è soprattutto Grillo, per molti follower di Conte l’artefice di quello che in tanti etichettano come un “suicidio politico”.

“Una squadra che manda via i suoi campioni è un po’ come quello che per far dispetto alla moglie si è tagliato il pipino” – tra i tanti commenti contro – “altra mossa sbagliata di Grillo, soprattutto in questo periodo storico”; “Grillo out. Sarebbe ora che andasse via anche lui..sta facendo più danni che benefici”; “Io mi chiedo come può una personalità come Lei farsi manovrare da Grillo! Vi state autodistruggendo!! Molla Grillo!”.

Le parole che ricorrono di più sono “errore”, “suicidio”, “delusione”. In molti, poi, chiedono perché non sia stata interpellata la base, una possibilità che, a quanto risulta all’Adnkronos, è stata osteggiata da Grillo in persona.

Tra i commenti ci sono poi anche quelli di chi resterà a ‘bocca asciutta’ proprio per la mancata deroga che, in molti, ora contestano. “Non si molla un millimetro – scrive, tra gli altri, il senatore Gianluca Castaldi – Siamo già al lavoro, come sempre, ma stavolta fuori dai palazzi. Coraggio Giuseppe Conte, guidi una forza politica perbene e per questo sarai denigrato e tenteranno di abbatterti. Ma la verità e l’onestà hanno sempre dalla propria il popolo. Serve solo aiutarlo ad aprire bene gli occhi. Al lavoro. Io, il mio terzo mandato, lo sto attuando qui fuori”.

“È stato ed è un grande onore servire il Paese! Ci sono e ci sarò, per tutti noi, per il MoVimento 5 Stelle Grazie Beppe e Giuseppe Conte”, gli fa eco Dario Violi, consigliere regionale lombardo. E proprio chi esce di scena viene ‘santificato’ nei commenti: “siete i nostri eroi”, “motivo di orgoglio”, “al nostro fianco, sarete il nostro faro”, alcuni dei post lasciati sulla bacheca di Conte.

Elezioni 2022, verso Appendino in lista M5S

Il codice etico la consente perché reato non è doloso. Borré all’Adnkronos: “Può correre ma per lei resta spada di Damocle dei due mandati”

(adnkronos.com) – La carica degli sconosciuti. E’ uno dei rischi che corre il M5S dopo la decisione -ancora non ufficializzata- di non derogare alla regola del tetto dei due mandati. Saltano, tra gli altri, Roberto Fico e Paola Taverna, Virginia Raggi e Danilo Toninelli (i più amati dalla base), Roberta Lombardi e la sua nemica di sempre, Virginia Raggi. E ancora Stefano Buffagni, Vito Crimi, Federico D’Incà e Riccardo Fraccaro. I nomi da spendere in campagna elettorale sono ridotti al lumicino, oltre a quello di Giuseppe Conte in pista resta, ad esempio, il ministro e capodelegazione Stefano Patuanelli. Resta ferma, poi, l’incognita Alessandro Di Battista. Spunta però, nei vertici del M5S, anche il nome di un altro volto noto del Movimento, l’ex sindaca Chiara Appendino: la sua candidatura, riferiscono fonti autorevoli all’Adnkronos, viene data per assodata. Tanto che, in ore frenetiche e complesse per il M5S, sono iniziate le rivendicazioni di chi è rimasto a bocca asciutta: “Non si deroga più nulla: Appendino ha una condanna alle spalle, quindi è fuori”, si sfoga un big del Movimento.

In realtà, la strada della candidatura alle politiche è sgombra di ostacoli per l’ex prima cittadina torinese, che -sul fronte dei due mandati- è forte del ‘mandato 0’ voluto per i consiglieri comunali dall’ex capo politico Luigi Di Maio. Assolta in appello dall’accusa di falso in bilancio nell’ambito del processo Ream, Appendino è stata condannata a un anno e mezzo, con sospensione condizionale della pena, per i fatti di piazza San Carlo, quando, durante la proiezione della finale di Champions League Real Madrid-Juventus, persero la vita due persone e ne rimasero ferite 1.700.

Tuttavia Appendino, stando alle regole grilline, può candidarsi, perché il codice etico del Movimento prevede che chi è stato condannato per reati colposi possa scendere in campo elettorale, per una clausola all’epoca messa nero su bianco dall’ex Guardasigilli Alfonso Bonafede, finalizzata a non lasciare fuori, ad esempio, chi avesse alle spalle una condanna perché coinvolto in un grave incidente.

“Costituisce condotta grave ed incompatibile con la candidatura ed il mantenimento di una carica elettiva quale portavoce del MoVimento 5 Stelle la condanna, anche solo in primo grado, per qualsiasi reato commesso con dolo”, si legge infatti all’articolo sei del Codice etico, quello che regola gli ‘obblighi per i candidati nelle competizioni elettorali sotto il simbolo del MoVimento 5 Stelle e per i portavoce eletti sotto il simbolo del MoVimento 5 Stelle in relazione ai procedimenti penali’.

A confermare all’Adnkronos che l’ex sindaca di Torino può correre per il M5S è Lorenzo Borré, il legale da sempre a capo delle battaglie giudiziarie contro il Movimento: “sulla condanna nulla da eccepire perché assolta a maggio per il falso in bilancio e condannata sì, ma per l’altro reato che è colposo e non doloso e non passato in giudicato”.

Per Borré tuttavia, la candidatura di Appendino non è totalmente priva di macchie: “resta la spada di Damocle dell’interpretazione del codice etico che non risulta superata dalla consultazione del 2021 in cui passò il concetto di ‘mandato zero’ per i consiglieri comunali”, voluta da Di Maio.

M5S, la chiamata di Conte ai big

(adnkronos.com) – Le telefonate tra ieri ma anche questa mattina, mentre trapelava la notizia -con un take di agenzia- sul niet alla deroga della regola dei due mandati. Giuseppe Conte già ieri si è armato di telefonino e ha annunciato lui stesso a tutti i ‘big’ che saltavano che no, non c’era stato nulla da fare. “Mi spiace, io ce l’ho messa tutta: Grillo è stato davvero irremovibile“, le sue parole riportate da alcuni ‘veterani’ all’Adnkronos.

Quando arriva la fuga di notizie, l’ex premier si indispone, perché l’elenco di chiamate da fare è ancora lungo, i ‘silurati’ rischiano di scoprirlo a mezzo stampa. Lui va avanti. “Dovete restare al nostro fianco – l’appello che rivolge -, faremo bene e ci sarà posto per tutti”.

L’ex premier, in telefonate non certo semplici, ha stimato un risultato elettorale ben al di sopra delle sondaggi, “vedrai staremo almeno al 15%”. Da qui, la richiesta per un impegno in campagna elettorale anche da parte di chi è rimasto a bocca asciutta. Una richiesta che non tutti hanno preso benissimo. “Sono un grillino della prima ora, stavo per far partire il vecchio ‘vaffa’ del M5S della prima ora…”, confida uno dei più amareggiati.

Elezioni 2022: “Con regola mandati M5S salta anche Raggi”

Salta anche Virginia Raggi nello stop alla deroga dei due mandati. In ore concitate per il M5S molti, tra i ‘veterani’, si chiedevano se anche l’ex sindaca di Roma rimanesse a bocca asciutta dopo il niet di Beppe Grillo. Il suo, infatti, è un caso particolare, ovvero “il combinato disposto del mandato che non si conta per i consiglieri comunali di opposizione e il passaggio da un ruolo ad un altro inaugurato per Giancarlo Cancelleri”, che ha lasciato la Regione Sicilia per andare a fare il sottosegretario, ‘deroga’ voluta per lui dall’ex capo politico Luigi Di Maio tra mille polemiche. Raggi, infatti, siede in Campidoglio -forte di tre mandati alle spalle- per correre alle elezioni politiche dovrebbe lasciare il suo posto.

Ma l’ex prima cittadina, cara a Beppe Grillo, resterebbe fuori dalle prossime politiche. Ne è certo Lorenzo Borré, il legale che ha guidato tutte le cause contro i vertici del M5S, spuntandola il più delle volte. “Il ‘lodo Cancelleri’ – dice – non fa giurisprudenza, perché ha lasciato per un mandato non elettivo, è stato nominato”, come Giuseppe Conte nel ruolo di premier, per intenderci. Quanto ai due mandati, “Raggi ne ha fatti già tre – spiega Borré – se prendiamo per buono il ‘mandato zero’ votato nel luglio 2020 siamo a due mandati per l’ex sindaca”. Dunque gameover.

Non solo. “La consultazione che sancì il cosiddetto mandato zero – dice ancora Borré all’Adnkronos – non è mai stato recepito dal codice etico, quindi, di fatto, prevale la cogenza del codice etico che preclude di candidarsi in Parlamento a chi ha rivestito due o più mandati da consigliere comunale. Questo vale tanto più per Raggi, che ha rivestito il ruolo di sindaco. Ricordiamo infatti che la regola del doppio mandato fu voluta da Grillo e Casaleggio proprio per evitare concentrazioni di potere”.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

74 replies

  1. Di codice etico in codice etico Grillo è riuscito ad ” ammazzare” il m5s. Delle due l’una:
    – si è rimbecillito causa età
    – non è libero nelle sue decisioni che sono volute da altri.
    Si ritiri a vita privata a meditare, se ci riesce, sul suo fallimento come genitore.

    Piace a 4 people

  2. Sono sempre stato a favore della regola dei due mandati, pur con qualche dubbio.

    Ci sono i cosiddetti “big” che verranno esclusi?
    Sono emersi dal nulla. Su 60 milioni di italiani ci sono altre persone che potranno avere la possibilità di mostrare il loro valore e magari con maggior successo. Senza nulla togliere ai veterani.

    Piace a 3 people

      • @Anail

        Trovarli è certamente un problema da risolvere e il tempo è tiranno, ok.
        Gli stress test servono a questo 😀
        Vediamo come reagisce Conte per fare fronte a una regola che esiste da sempre. Bisogna essere fiduciosi.

        Piace a 1 persona

    • DUE MANDATI SONO TROPPI, UN SOLO ANNO E’ PIU’ CHE SUFFICIENTE…

      Proposta per un nuovo sistema di governo.

      Proprio “nuovo” non è perché si tratta di un semplice “adattamento” della forma di governo attuata dal popolo che ha introdotto la “Democrazia” dalla quale è derivata anche la necessità di “dimostrare” le proprie affermazioni e di conseguenza il “Metodo Scientifico”, gli antichi greci. Questo ha portato il pensiero greco a raggiungere le vette che, per inciso, ci sono pervenute solo grazie agli studiosi islamici che hanno conservato le loro opere (durate il Medioevo il Cristianesimo aveva infatti tentato di cancellarle).
      Purtroppo la nostra “cosiddetta democrazia” è degenerata in una “partitocrazia” che detiene il potere grazie agli stretti collegamenti con il “potere economico” che a sua volta controlla i mezzi d’informazione sui quali il “popolo degli elettori” si forma l’opinione permettendo, di conseguenza, ai partiti di esprimere la loro “classe dirigente” che, spesso, si è dimostrata “incompetente” ma assolutamente “permanente”. Questi sono fatti noti e pertanto non occorre dilungarsi ulteriormente.
      Il movimento 5Stelle, sorto per contrapporsi a questo sistema, ha permesso a chiunque di essere eletto, per un massimo di due mandati, ma ha clamorosamente fallito.
      Era infatti sufficiente avere un certo numero di “amici” che ti votassero per entrare a far parte della “Casta Politica” dalla quale, una volta entrato, nessuno vuole uscire.
      La soluzione proposta, derivata come anticipato dal sistema greco, prevederebbe di ridurre il corpo elettorale (in effetti si configurerebbe come un “corpo eleggibile”) non in base al censo o all’istruzione ma utilizzando un qualche tipo di algoritmo che garantisse un livello minimo di affidabilità. Ad esempio un semplice test attraverso il quale il potenziale elettore (eleggibile) dimostri almeno la capacità di comprendere il significato di un testo scritto. In effetti molti “laureati” non lo supererebbero ma, se non altro, educherebbe tutta la popolazione alla lettura al fine di conseguire il diritto di accedere al “corpo eleggibile”. Questo gruppo di cittadini (il più vicino possibile, gradualmente, a tutta la Società) non avrebbe pertanto acquisito il “diritto di votare” i suoi rappresentanti ma la possibilità di diventarlo, non attraverso un voto ma per “sorteggio casuale” (uno vale uno, nel senso attribuito da Rousseau). Del resto già il grande Mark Twain scrisse “Se votare facesse qualche differenza, non ce lo lascerebbero fare” e comunque nessuno noterebbe alcuna sostanziale differenza tra gli attuali parlamentari “eletti” invece che selezionati “casualmente”. Questo “gruppo di estratti”, rappresentanti della Società in modo assolutamente imparziale grazie alle “leggi del caso”, costituirebbero ogni anno un nuovo “parlamento” nel quale verrebbe eletto, per votazione, un “presidente” avente le funzioni di coordinatore. Il mandato durerebbe infatti un solo anno, con l’esclusione di quello conferito al “presidente” che potrebbe venire confermato dal successivo “parlamento”. La retribuzione non sarebbe la stessa per tutti ma potrebbe essere fissata pari al doppio di quella prodotta dalla professione svolta (oltre al rimborso delle spese) e della quale sarebbe garantita la prosecuzione al termine del mandato. Dovrebbero venire esclusi, a differenza di quanto avviene ora, solo quei soggetti che non avendo mai lavorato non hanno mai prodotto un reddito. In questo “parlamento”, nel quale i presenti effettivamente vi si confronterebbero e gli eventuali “accorpamenti” si formerebbero spontaneamente in base alla convergenza di opinioni (“destra” e “sinistra” sono infatti categorie ormai superate), verrebbero pianificate le linee generali d’indirizzo della Società (attraverso democratiche votazioni che le tradurrebbero, ovviamente, in Leggi). I soggetti in grado di attuarle non verrebbero selezionati nel “parlamento” (formato, lo ricordo, da soggetti provenienti delle più varie estrazioni) ma tra i migliori rappresentanti delle differenti specialità (quelli che oggi sono i “consulenti” degli attuali ministri ricoprirebbero direttamente quel ruolo ma verrebbero scelti dal “parlamento”) e a loro verrebbe conferito direttamente il mandato per svolgere questo compito. Dipenderebbe anche da loro la corretta formulazione di quelle Leggi proposte in modo “informale” dal “parlamento” e di evidenziarne le eventuali incongruenze. Dal momento che si tratterebbe di soggetti dalla “comprovata competenza” e pertanto ai vertici della loro professione, sarebbe necessario garantire anche a loro delle retribuzioni ben superiori a quelle percepite. Naturalmente il loro mandato potrebbe essere revocato in qualunque momento, oppure venire riconfermato da ogni nuovo “parlamento”. In questo modo viene garantita una “continuità” nell’operato dei soggetti “esecutori”, oltre a quello del “coordinatore” (il presidente), se questi hanno perseguito le linee fornite dal parlamento e si sono dimostrati “efficienti e affidabili”. I “rappresentanti del popolo” verrebbero invece sostituiti ogni anno, in ottemperanza alla più completa “Democrazia Diretta” e il loro numero, vista la drastica riduzione della loro retribuzione rispetto a quella attuale, potrebbe essere aumentato. L’abolizione delle consultazioni elettorali e di conseguenza delle “campagne elettorali”, sostituite dalla “verifica di eleggibilità”, comporterebbe un ulteriore notevole risparmio per lo Stato e l’impossibilità di “condizionare” le nomine da parte del “potere economico”. La sostituzione dell’attuale “classe politica permanente” con una “classe politica temporanea”, pertanto immune dalle “lusinghe del potere”, avrebbe come conseguenza anche l’eliminazione dei Partiti Politici e del loro esorbitante costo per la collettività. Il Governo e il Presidente avrebbero invece una durata “variabile” ma, essendo sottoposti annualmente alla verifica da parte dei “rappresentanti del popolo”, sarebbero stimolati ad operare “effettivamente” nell’interesse del Popolo Sovrano e i governi durerebbero sicuramente più a lungo di quelli attuali.

      Piace a 1 persona

      • Troppo grazia s. Antonio. Una democrazia diretta dal basso unita al valore dell’uno vale uno. Chissà quanti Conte potrebbero emergere in questo modo.

        "Mi piace"

  3. PER FORZA SONO DIVISI, l’80% sono dei commenti sui blog sono troll piddini, legaioli e forzisti che si sentono F@TT UTI se passa il messaggio della POLITICA COME SERVIZIO CIVILE. Cioè a tempo FINITO.

    Sono f@ttu ti, loro che ci vogliono campare a VITA. Insieme ai loro SERVI DEL BLOG che a questo servono: spiegare che ci vuole tempo, ci vogliono le competenze MATURATE per essere parlamentari, vero Carolina TROLLINA MESCHINA???

    Le competenze dei brunetta, delle carfagne, delle gelmini, delle moratti, delle bonino, dei farabutti di rignano sull’arno, dei letta che si sono ritirati per 2 ore dopo 20 anni di nulla…dei calenda, delle boschi, delle serracchiani col buco dentro, delle meloni, dei cazz@ni verdi che mangiano nutella a 15k al mese da 30 anni per MANGIARE NUTELLA. Dei monti e dei draghi, devo continuare Carolina trollina???

    SIETE DEI MISERABILI.

    MISERABILI. Anime morte.

    Piace a 2 people

    • Se avessi saputo che votando sempre i 5 stelle avrei contribuito a fare eleggere politici tipo quelli da lei citati non l’avrei mai fatto, è in grado di percepire la gigantesca differenza che passa tra le due cose? Mi auguro di sì ma ne dubito e in ogni caso ho la presunzione di credere che di questi tempi fare il contrario di ciò che impone Grillo sia la scelta migliore!

      "Mi piace"

  4. Non credo sia solo Ciro. Molto probabilmente gli hanno fatto capire che se vogliono possono inventarne altre!

    Da li nasce il “Draghi grillino”, “Cingolani il nostro ministro “, la guerra senza quartiere al Presidente Conte.

    Non ha mosso un ciglio su di maio ,se non dopo giorni di silenzio(assenso?).

    Quella dei 2 mandati non è altro che l’ultimo bastone tra le ruote del Nuovo Movimento di Giuseppe Conte.

    Il “paladino” della politica dal basso, dell’uno vale uno, non ha permesso che ci esprimessimo noi iscritti!

    Fortuna che c’è Conte e gli altri ,perché se si dovesse votare Grillo ,prenderebbe i voti dei suoi parenti stretti …e neanche tutti!!!

    Piace a 3 people

  5. Ma scusate, il movimento è cresciuto al 33% con gli sconosciuti e poi mano a mano è sceso di consensi!! Insomma le cose buone fatte sono state fatte da inesperti di politica! Poi diventati esperti che daranno il loro contributo di conoscenza ai nuovi!! Chissà quante persone valide ci sono che stanno aspettando di dare il loro contributo al movimento ed all’Italia!! Ho scritto i miei pensieri, opinabili sicuramente.. ora mi fermo.. personalmente stimo moltissimo (mi dispiace se si sentono messi da parte ma lo sapevano che c’era la regola dei due mandati!!), certi portavoce bravissimi ma sapranno comunque, come fare crescere il movimento anche da fuori!! Forza M5S!!!

    Piace a 5 people

    • Mokj Il principio è giusto, ma nella pratica un pò meno, e lo abbiamo visto in questa ultima Legislatura , “abbiamo” (giggino) imbarcato e portato in Parlamento tutti i renzi,calenda e giggini disponibili su piazza,che al momento giusto si sono rivelati per quello che sono!

      E poi un’altra cosa. Per la Raggi si è derogato (giustamente) , per quel campione di Cancellieri, che per entrare nel governo ha abbandonato l’incarico di Consigliere regionale in Sicilia (altra deroga al regolamento), sponsor, con la Raffa del ponte sullo stretto.

      Niente deroghe? Ok ma deve valere sempre.

      La democrazia dal basso ? Ma deve valere sempre. Perché Grillo non ha permesso che venisse votata dagli iscritti?

      Era troppo semplice il quesito, c’era il rischio che la base ,l’uno vale uno avrebbe votato in modo non gradito al “garante” ( di chi, di Ciro? Di Draghi? Di Letta?).

      Ricordo a me stesso, che il giorno dell’incarico a Draghi, il capo politico pro tempore, uscito dalle consultazioni ,ha dichiarato che il Movimento non avrebbe dato la fiducia ! Poi è intervenuto Il “garante” che ha preteso un voto degli iscritti proponendo un quesito farlocco e fuorviante ( non per tutti ovviamente), e ha ottenuto ciò che voleva Il governo dei …lassamo perde .

      Piace a 2 people

    • Quanti anni ci sono voluti per arrivare al 33%, Mokj?
      Non erano PIÙ sconosciuti.
      Ora mancano meno di 2 mesi, con ferragosto in mezzo…siamo seri. Ogni volta si ricomincia?
      🤦🏻‍♀️

      Piace a 2 people

      • Anail, di buono c’è che queste liste le fa Conte , salvo ingerenze del “garante”, ma a quel punto fossi Conte manderei tutti a quel paese in diretta tv!!!

        Piace a 1 persona

      • Sono molto delusa da Conte, perché lui nega che sia stato Grillo ad essere irremovibile e ad imporgli l’intransigenza. Conte rivendica una decisione quantomeno partecipata, mentre sappiamo tutti che sino a ieri lui era per la deroga.
        Ecco, mi sembra che abbia fatto buon viso a cattivo gioco solo per salvare la faccia.
        A me sembra che Grillo abbia vinto l’ennesima battaglia conticida, che abbia creato apposta l’ennesimo ostacolo e che avrà sempre la possibilità distruttiva di fare il bello e il cattivo tempo, secondo i suoi inconsulti impulsi del momento o obbedendo a padroni nascosti nell’ombra…

        Piace a 1 persona

      • Anail, ce ne sono molti al primo mandato.. cerchiamo di essere ottimisti!! Ci sono molte nuove leve che stanno aspettando di fare il loro lavoro per il movimento!!

        "Mi piace"

      • Mah… secondo me gli altri stanno brindando. Hanno persino un tono derisorio, come dire: “ma guarda come sono polli, questi, lasciamoli fare, ché si mutilano da soli…”
        E intanto piovono accuse di ogni genere, per completare il “lavoro”, favorito da noi.
        È vero che avrebbero suonato la grancassa anche in caso di decisione opposta, ma quello che mi disturba maggiormente è vedere Conte che fa buon viso a cattivo gioco e rivendica una posizione che non ha mai avuto.
        Vabbé che è uno specialista della “diplomazia”, ma questa ennesima impuntatura del Garante, secondo come gli gira (e che faccia da istrione soddisfatto!) significa che sarà sempre ostaggio di Grillo? Che ci sarà sempre questa guerra sotterranea? E sarà sotterranea solo perché Conte la occulterà per bene? Sin dove arriverà Grillo per ostacolare il lavoro del capo politico e mettere in ombra la sua stessa figura?
        Ecco, queste cose mi turbano, più che la decisione in sé, che comunque trovo velleitaria e tafazziana.

        Piace a 1 persona

      • *Anail,
        Il fatto è che i “big”per fare i tutor dei nuovi, certamente vorrebbero pagati per il loro impegno, altrimenti farebbero altro , ti pare?
        Circa i nuovi …non credo che possa bastare essere automuniti ed avere il pollice opponibile -ancorché incensurati -per diventare parlamentari.
        Cosa sia meglio , lo scopriremo vivendo….

        Piace a 1 persona

    • Avrei preferito che quanti hanno fatto un magnifico lavoro potessero continuare. Comunque sono con te. Avanti Conte, senza ripensamenti. E viva il Movimento

      Piace a 2 people

    • Allora, conoscendo gli attivisti, sulla questione “persone valide” ho qualche dubbio. Meglio, però, non rivedere più le solite facce. Spiace che la Raggi non rimanga e l’orrido Cancelleri resti.

      "Mi piace"

  6. La caciara ci sarebbe comunque, se avesse fatto passare le deroghe sarebbe uguale… Social in fiamme, base divisa… mavalà.La competenza di giggino e le sue 60 cartellette chi vuole può votarla a settembre che hanno capito fin troppo bene come funziona. La Raggi ha la terza consiliatura in corso, da meno di un anno, mica completata, potrebbe essere ammessa.

    "Mi piace"

  7. Aggiungo, se il movimento vuole ritrovare l’elettorato dovrà tornare ad essere quello di un tempo.. molto è cambiato, l’esperienza servirà molto a non ricommettere gli errori, tanti hanno abbandonato il movimento perché schifati di alcune scelte fatte.. ero per la comprensione e la linea più morbida, avevo scritto che il PD avrebbe potuto imparare dal M5S, mioddio!! Quante cose sono accadute e che stupidaggine scrissi, che illusa ed ingenua!! È proprio vero la politica fagocita e se non sei super forte ti divora!! No il nuovo movimento non dovrà più cedere!! Ne va della sua vita!! E quella del paese.. e se tornasse Alessandro sarebbe top!!

    Piace a 1 persona

  8. Mi sembra, gentile Infosannio, che i “moderatori”, tanto assidui nel censurare o posticipare le idee, siamo piuttosto distratti da insulti e minacce certamente poco velate.
    A meno che, attraverso queste non si i vogliamo fare tacere certe voci. E non parlo solo della mia.
    Per quanto mi riguarda possono continuare, tolgo il disturbo. Buon divertimento.

    Piace a 3 people

    • sappiamo BENISSIMO che ai troll piace la “libertà di stampa” ispirata al modello di CENSURA russa. E che SOLO CASUALMENTE quelle come te prendono ad ESEMPIO democratico e CIVILE, da esportare e imitare in tutto il mondo… in pratica se contraddici o critichi vieni ammazzato. Ti piace, vero????

      Hai appena confessato quello che hai fatto, sono tutti testimoni. Ora chiamo il tenente Colombo e ti faccio sbattere dentro.

      Tutti sanno chi sei. Spero anche tu.

      La senti la sirena della polizia???? E’ già sotto casa tua…

      ARRENDITI. E spalle al muro.

      "Mi piace"

    • Gentile Carolina, lei farà come ritiene più opportuno. Se Domeneddio ha voluto che esistessero anche gli scarafaggi stercorari, le vipere, gli scorpioni, la tenia, ci sarà un motivo.
      Penso, in ogni caso, che la tenia si senta appagata nel vivere la sua vita nella m.
      Come certa gente.

      "Mi piace"

    • Non lasciarti intimidire, e soprattutto non togliere il disturbo.
      E’ chi non riesce a sostenere una discussione con una voce dissonante, che dovrebbe prendersi a sassate con uno specchio.
      Ad maiora.

      "Mi piace"

  9. Dunque vediamo chi ha il limite sui mandati politici.
    1) Il movimento 5 stelle (due mandati + mandato zero) stabilito da statuto.
    2) Il Pd due mandati+ uno e dopo in deroga il parere del segretario…il che vorrebbe dire che è il partito che decide e non l’elettore.
    3) Gli altri partiti carriera politica a “vita”.
    Bene in conclusione emeriti sconosciuti in due mandati ,hanno fatto più cose utili ai cittadini ,sopratutto ,quelli che non hanno parola,che coloro sono in politica da una vita.
    Quindi ben vengano altri emeriti sconosciuti per continuare il lavoro intrapreso dai precedenti e non ancora ultimati.
    Ci sono le prove quello che non ha fatto la sinistra(Letta-Renzi-Franceschini-Calenda?????) lo hanno fatto in pochi anni il m5s! nonostante che gli altri partiti abbiano cercato di boicottare costantemente il lavoro politici degli “incompetenti”!
    ADESSO POSSIAMO TRANQUILLAMENTE VEDERE DOVE CI HANNO PORTATO I MIGLIORI!

    Piace a 2 people

  10. I grillini dal bar al Parlamento non potean far altro che un macello.
    Una laurea le converrebbe per capire l’ignoranza della ggente, che non legge manco i giornali da quel dì ma con il pettegolume, gossip per A e B di tutte le reti e i canali TV, ci passa le giornate di una vita sprecata a non pensare.
    Ma parlare con sta ggente quanto peso resta nella mente! Da un fiammifero ad un incendio, dai pestaggi all’aumento dei barboni per poverta’ e ignoranza strutturale e quindi plausibilmente strutturata , dagli omicidi ai femminicidio e una forma nuova di misoginia, non resta che una vaghissima idea di se stessi.
    Sarà giusto o sbagliato ad ogni uomo o donna che sia, tocca un posto nel mondo ma se gioco forza sarà barbone vorrei proprio poi capire come diventar signore!

    "Mi piace"

    • Il playback!! Ormai potrei essere nonna quindi è stravecchio , IDIOTA E ODIOSO quanto il cucco. E PARLARE DAVANTI AD UN MONITOR SCRITTO CON DIETRO ANCORA UNA TELECAMERA CHE RIPRENDE A PIANO AMMMERICANO, È SECONDO VOI, INDIZIO FI INTELLIGENZA PREPARAZIONE RISPETTO PER LE ISTITUZIONI MA SOPRATUTTO RISPETTO PER I MILIONI CHE UN PENSIERO AUTONOMO E CRITICO CE LO HANNO DAVVERO??
      Censurate per amplificare le vostre PAPERE E PAPERISSIME uguali ai paperon dei paperoni in versione volgarissima, continuate pure senza di me e auguri di buon proseguimento.
      Tra l’altro Escherichia coli un entetobattere patogeno (forse gram + o – ma non me ne frega una cippa) perché lil fatto importante è si sviluppa in assenza di ossigeno quindi il mare è solo putridume .

      "Mi piace"

  11. Ce ne sono molti che hanno fatto esperienza con il primo mandato, e hanno pure votato la fiducia al governo draghi,
    Per me tutti i colpevoli dovrebbero essere scartati.
    Chi si prostituisce una volta si prostituisce sempre

    "Mi piace"

  12. Torno dalle vacanze dopo non aver letto nulla da Infosannio! Devo recuperare! 🤗

    Nel frattempo noto con piacere che GAZZO sembra essere tornato nella f0gn4 fetida che ha partorito LUI (qualcuno deve avere tirato l’acqua) in degna compagnia di MulaWC, che nel tratto intestinale ci vive, cretina come quell’idiota della mammina che partorito lei. Questo nel caso pensino che gli insulti in generale e quelli estesi alle famiglie di chi qui commenta – e sono sempre loro a iniziare: sempre – possono deporli quando vogliono senza conseguenze, ‘sti due sorci da blogghe.
    https://infosannio.com/2022/07/14/crisi-governo-mario-draghi-stasera-si-dimette/comment-page-1/#comment-155707

    Ad maiora!

    "Mi piace"

    • Ah ah ah… Ecco erm…onezza, fresco, fresco di ferie e in splendida forma che sbottona l’impermeabilino modello Zuzzurro e inizia masturbarsi in pubblico…

      Nessuno lo caga, nessuno se lo fila. Insisterebbe anche, contro ogni evidenza, a dire che sono SEMPRE gli altri a iniziare a offendere, dando così un perfetto esempio, con il suo commento, dell’attendibilità delle sue paranoie e della VACANZA perenne cui ha costretto il suo cervello da povero c0gli0n3 sfigato in cerca di attenzioni. Resta da capire come uno in queste condizioni di VUOTO pneumatico possa credere di poter rientrare dalle VACANZE…

      Prendiamo la palla la balzo e ricicciamo quello già proposto, sicuri che l’ermeNatica in possesso dello sfigato saprà risolvere la delicata questione:

      Cap. VI – Il caos sociale:

      “…Definire la «democrazia» come il sistema in cui il popolo si governa da sé, è una vera impossibilità, una cosa che non può avere neanche una semplice esistenza di fatto, sia nella nostra epoca che in qualunque altra; non bisogna lasciarsi ingannare dalle parole: è contraddittorio ammettere che gli stessi uomini possano essere, ad un tempo, governanti e governati, poiché, per impiegare il linguaggio aristotelico, uno stesso essere non può essere «in atto» e «in potenza» nello stesso tempo e sotto lo stesso rapporto. Si tratta infatti di una relazione che presuppone necessariamente la presenza di due termini: non potrebbero esserci dei governati se non ci fossero dei governanti, foss’anche illegittimi e senz’altro diritto al potere che quello attribuitosi da loro stessi; ma, nel mondo moderno, la grande abilità dei dirigenti consiste nel far credere al popolo che si governi da sé; ed il popolo si lascia convincere tanto più facilmente per quanto più è adulato e, d’altronde, esso è incapace di riflettere quel tanto che è necessario per accorgersi di quanto, in tutto questo, vi è di impossibile. È per creare questa illusione che è stato inventato il «suffragio universale», in base al quale si suppone che sia l’opinione della maggioranza a fare le leggi, ma non ci si accorge che l’opinione è qualcosa che può essere manovrata e modificata molto facilmente, dato che, con l’aiuto delle suggestioni appropriate, è sempre possibile provocare delle correnti che si muovano in una qualsiasi direzione determinata; non ricordiamo più chi ha parlato di «fabbricare l’opinione», ma si tratta di una espressione totalmente esatta, anche se bisogna dire, peraltro, che non sono certo sempre i dirigenti apparenti ad avere in realtà a loro disposizione i mezzi necessari per ottenere un tale risultato. Quest’ultima considerazione permette certo di comprendere qual è il motivo per cui l’incompetenza dei politici più «in vista» sembra non avere che un’importanza molto relativa; ma, siccome non si tratta di smontare il meccanismo di ciò che si potrebbe chiamare la «macchina di governo», ci limiteremo a segnalare che questa stessa incompetenza offre il vantaggio di alimentare l’illusione di cui dicevamo prima: in effetti, è solo a queste condizioni che i politici in questione possono apparire come l’emanazione della maggioranza, essendo cioè a sua immagine, poiché la maggioranza, qualunque sia l’oggetto su cui è chiamata ad esprimersi, è sempre costituita da incompetenti, il cui numero è incomparabilmente più grande di quello degli uomini che sono in grado di pronunciarsi in piena cognizione di causa…”

      Fai clic per accedere a 07%20La%20crisi%20del%20mondo%20moderno.pdf

      "Mi piace"

    • Sempre in agguato, eh, GAZZO?, come il c°gli°ne da competizione che sei dalla nascita, eh? Ahah ah ah ah

      "Mi piace"

      • P.s. L’evidenza è nel link che ho postato, o risibile ovino: gli altri sanno leggere, anche se la cosa è fuori dalla tua portata fin dalla nascita. L’hai iniziata tu, GAZZO, perció ora piantala o f°ttiti.

        "Mi piace"

      • P.s. 2 (quasi dimenticavo): sí, si chiamano vacanze, anche se per una mezza $ega come te, tutto il dí a massaggiasturbarti la testa in mutande e calzini davanti al pc, è un concetto troppo grosso. Un pó come i copia e incolla che posti alla fine dei tuoi rutti virtuali, che altro non fanno che l’evidenziare che megalitica capra tu sia.
        Ora puoi andare.

        "Mi piace"

      • Arieccolo qua: sempre il solito ‘mbriaco, buttato fuori a calci dal Cepu. Il tuo ritiro spirituale è il pc, unto e bisunto di lordure 24 ore su 24.
        Quello che eiacula sei tu, quando ti gratti la testina.

        "Mi piace"

      • Sempre a proposito di mutande e calzini degli altri: tempo di risposta 9 minuti!

        Per non essere mai davanti al pc, non c’è male cogli0n3…

        "Mi piace"

      • E rutti tu di tempi di risposta, fallito? Hai davvero la faccia come il ¢uL0.

        Dài, strofinati ancora la testa, $€gaiolo. Sennó poi non ti possono chiamare Faccia di ¢@zzo, come piace a te.

        "Mi piace"

      • @ermeneutica

        Ciao,
        di solito preferisco non intervenire in queste cose, anche perché so cosa rischio: sono stato fatto oggetto delle “attenzioni” di questo tizio in precedenza.
        Ma sono andato comunque a leggermi il tuo link, e hai ragione. Questa (E adesso torna nella f0gn4 che ti ha partorito (semicit.) e levati dal c4zz0, imb3cill3!!!!!) ti è stata rivolta gratuitamente, in tipico stile.
        Penso abbia ragione tu, il tizio è preoccupante.

        Piace a 1 persona

      • Zumbeld, ciao a te.

        Che posso farci? È marcio dentro. Con quel tocco di stupiditá congenita che fa dei provocatori come lui i tuberi che sono. Ma è sceso sul personale, con tanto di insulti a madri eccetera, lui e quell’asina con cui si accoppia: e visto che le sue infamie non le cancellano, non potevo fargliela passare liscia, a ‘sto tonto congenito.

        Grazie del commento. Un saluto.

        "Mi piace"

  13. E’ il guaio della politica italiana, la personalizzazione
    possibile che se non c’è quella data persona non ci sono più i principi di un movimento politico?
    quanti danni ha fatto la personalizzazione alla politica in Italia?
    Sono le regole e i principi che devono essere ferrei, per non cadere sempre negli stessi errori.
    Cadute le persone sono caduti anche i partiti, DC, PSI, PLI, PCI, PRI, PSDI eccetera
    dopo Craxi che fine ha fatto il gloriosissimo e antico partito socialista? che è sopravissuto dal 1892 fino a che la personalizzazione l’ha fatto morire ignobilmente.
    caduto Tony Blair in modo ignominoso, è per caso sparito il Labour party?
    defunto Churchill è sparito il partito conservatore?
    spariscono solo le persone e i loro partiti personali
    come spariranno molti degli attuali.
    Grazie a tutti quelli che si sono prodigati e hanno mantenuto l’onore e la dignità, ma sono stati ben ricompensati, ora tocca ad altri, se saranno all’altezza,
    saranno molti meno ma si spera più compatti e più fermi sui principi.
    Non ci sono alternative al prossimo voto
    chi si astiene è un pusillanime
    non lascio il mio voto in mano ad altri, anche se si rivelerà magari sbagliato, ma è il mio voto,
    perchè chi non vota vuol dire che si fida del voto degli altri
    Grillo ha fatto enormi cazzate negli ultimi 18 mesi, perchè ha deciso lui (personalizzazione)
    ma questa del doppio mandato è giustissima
    almeno una l’ha fatta corretta

    "Mi piace"

    • Sui due mandati non sono d’accordo, ma sui danni della personalizzazione hai perfettamente ragione.
      E quando è cominciata questa roba? Dall’Italia è il paese che amo.

      Per fortuna il mediatore di curve non avrà questo problema.

      "Mi piace"

      • allora le regole si dovevano cambiare prima, non a ridosso
        altrimenti sembra la solita “deroga” paternalistica all’italiana

        “E quando è cominciata questa roba?”
        dagli anni 50, dal dopo De Gasperi
        con le correnti DC dei vari capataz
        ed cresciuta e sviluppata inquinando qualsiasi partito.
        Compreso il PCI, che sembrava il meno aggredibile dalle correnti
        morto Berlinguer
        si è parcellizzato in varie correnti riconducibili a vari personaggi e personaggetti
        i “professionisti” della politica con le loro consorterie

        "Mi piace"

      • “allora le regole si dovevano cambiare prima,”

        Dovrebbe essere così, ma le cose sono andate non come si sperava. Non ci sono stati i mesi all’opposizione, non c’è stata la possibilità di decidere e ripensare tutto con calma, non c’i si è rimessi in piedi dopo gli scossoni, se vogliamo chiamare così l’uscita del pomiglianese.
        Quanto a Grillo, anche se il principio è giusto, non credo proprio che lo faccia per il bene del movimento, è la solita decisione calata dall’alto e dettata dal suo ego

        "Mi piace"

      • vero,
        è un’impuntatura di Grillo,
        che senza volerlo, ne fa una giusta;
        se non c’è tempo per una discussione profonda ed esaustiva,
        si rimane sui principi,
        derogato una volta,
        non si riuscirà più a tornare indietro

        Piace a 1 persona

  14. Cough! Cough!

    Non vorrei intromettermi in una discussione che verte sui massimi sistemi ma avendo io fatto parte di diversi M.U. posso parlare con un pelino di cognizione di causa del problema del ‘doppio mandato’.

    In altre parole, AL DI LA’ DELLE QUESTIONI DI PRINCIPIO, come verranno fuori questi candidati?

    Ma vi rendete conto che la gente che verrà portata in parlamento (poca temo) sarà SCONOSCIUTA anche ai parenti di 5o grado?

    Pensate solo alle ‘nuove leve’ al 1o mandato: ma li conoscete? Che hanno fatto a parte qualche presenza in TV quando non c’era altro da inviare?

    Dove sono gli attivisti sul territorio? Spariti, ovviamente, DEMOLITI da Di MARIO, da Grillo e da Casaleggio Jr e gentile signora.

    E come li portiamo i ‘nuovi’ in parlamento? Parenti e amici di Conte, o degli altri parlamentari?

    Questo non è più l’M5S del 2013 e nemmeno del 2018, adesso è un partitello verticistico che non ha più radici, uno SPELACCHIO qualsiasi che dovrebbe portare in parlamento gente che probabilmente non ha mai fatto attività politica in vita sua.

    Rendiamoci conto di quel che significa, rispetto a gente che è stata nei MU per 4-5 anni prima di partire per i seggi parlamentari.

    Non è che mi dispiaccia di vedere sparire il grugno della Lombardi e la faccia da Homer di Crimi-nale, ma resta sempre il problema: M5S ha DEMOLITO la struttura di sostegno invece di rafforzarla e con questo passo non si va da nessuna parte.

    Piace a 2 people

  15. Mi ripeto: secondo me il problema non sono i due o tre mandati,ma Grillo che pone e dispone,che ci sta a fare Conte nel movimento,il parafulmine o l’esecutore di strategie altrove decise? A questo punto Conte se ne vada e Grillo assuma le sue responsabilità dirette

    Piace a 1 persona

  16. Ma perché farsi tanto male da soli? Non è già abbastanza il male che vi fanno gii altri?
    Adesso voglio proprio vedere chi lo vota il napoletano che si candida nel suo collegio.
    Non era meglio un seggio sicuro con Fico?

    "Mi piace"

  17. Per tagliarsi le ⚽⚽ bisognerebbe prima averle e chi si è piegato prima al PD e poi a Draghi non può dire di disporne

    "Mi piace"

  18. Un tubolario
    Questa sarà la campagna elettorale dei titolari (di tutti i partiti) di seggi sicuri, blindati; un campionario di ovvietà reso appetibile da politici di lungo corso che la gente continua a votare, nonostante tutto.

    Vuoi mettere un “big” che sale sul palco, spiega cosa ha fatto, e poi passa il microfono-testimone (come in una staffetta) al nuovo candidato, assieme a qualche consiglio e agli auguri per la avventura che potrebbe cominciare?

    Piace a 1 persona

  19. A proposito, notizia che probabilmente non avrete sentito:

    questa mattina l’artiglieria ucraina, con i famosi lanciarazzi Yankee HIMARS ha colpito un centro di detenzione dei soldati del reggimento AZOV, uccidendo decine di loro e ferendone molti altri.

    Incidentalmente, dopo che essi avevano cominciato a collaborare con i russi.

    E gli ucronazi e i loro sodali anglosionisti hanno poi incolpato i RUSSI di avere bombardato un loro centro di detenzione. Ma rendiamoci conto di come stiamo messi a ‘libbertà di stampa’.

    Il Daily Mail, una FOGNA a cielo aperto di propaganda antirussa.

    Piace a 1 persona

  20. Insomma la politica deve essere un nobile, disinteressato e temporizzato servizio al paese, ma il garante di questo giusto idealismo, per svolgere la sua attività di comunicazione politica,, a sostegno della forza politica che ha fondato, si fa pagare 300.000 euro all’ anno. ……vista cotanta intransigenza, mi aspetto altrettanta coerenza. …….Grillo svolga gratuitamente il proprio ruolo di garante, comunicatore, vate del suo M5S…i parlamentari 5 stelle, quelli coerenti si sono tagliati lo stipendio ed hanno restituito, o meglio donato, tanti dei loro soldi a pmi, associazioni, enti, ecc, con uno stipendio mensile netto di 3000 euro al mese siamo a 36.000 euro all’ anno, quindi in 10 anni sono 360.000 euro………conviene fare il comunicatore garante, ottima retribuzione e senza scadenza…..oppure il Di Maio pupillo del garante. ….rielezione, magari ministro, stipendio pieno e carriera….insomma la meritocrazia secondo Grillo. ….a qualcuno i soldi, a qualcuno la carriera e agli yogurt della situazione tanti, tanti ringraziamenti per aver rispettato le regole e servito il paese con disciplina ed onore. …..diverso da Onorato che pagava per la comunicazione del solito elevato garante che tiene famiglia e figli costosi in avvocati!

    Piace a 2 people

  21. Sarà pure che la scure s’ha d’abbatter per coerenza su color che con coscienza han già dato ed espletato pure il secon’mandato…così vuole l’Elevato per il suo bel deputato da lui nato e già cresciuto ch’ha da esser d’ora muto…avrà mai considerato che sarà sostituito da un perfetto sconosciuto che a veder com’è già andata con la ciurma già provata e la nave abbandonata non da pochi biechi bruchi ch’or farfalle a suon di balle dalle stelle alle stalle se ne stan ora in panciolle ad ingrossar la lunga lista di chi resta sulla pista? E se fosse un arrivista spudorato pure il nuovo sconosciuto nuovo nato innalzato a deputato lì piazzato a rimpiazzare chi se n’è dovuto andare per dovere rispettare quel volere a tutti i costi non vedere il contraltare che gran danni può portare così come già avvenuto…movimento sprovveduto già fin troppo s’é svenduto ed ha mancato altro che no altro mandato…c’è ben altro piu importante che impuntarsi su qualcosa che non vale la candela poiché ancora c’è chi spera in un’altra primavera…lascia stare chi ha imparato e sa fare il suo dovere e non buttare chi ha valore per provare chissà dove andr’à finire il neofita per dire con il detto già ben fatto su chi lascia vecchia via per trovare chissà cosa…c’è bisogno di certezza non d’effimera purezza che mi par pure un.po’ rozza e che porta pure stizza in chi ancora sempre spera in rinascita più vera.

    Piace a 1 persona

  22. Non sono d’accordo coi critici, stavolta Grillo ne ha fatta una giusta.

    Nelle elezioni bisogna essere riconoscibili e quella dei due mandati è una delle poche carte di riconoscibilità rimaste ai 5stelle (le altre sono sparite nella marmellata draghiana).

    E poi è la persona che fa il ruolo. Niente impedisce di dare un ruolo di responsabilità, per esempio, alla Raggi che fuori dal parlamento può contare molto più del 90% dei parlamentari 5stelle.

    @Carolina
    Carolì nun ce lascià!

    @andrea
    Bromuro. Bromuro. Molto bromuro.

    "Mi piace"