Il populista sgangherato

(di Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano) – “Qualcosa non va”, dice Draghi iniziando il discorso al Senato e indicando il microfono, con la solita arietta da Maria Antonietta, ma più proterva e sprezzante del solito. Poi ci spiega che Lui è lì non perché ha avuto 55 fiducie dal Parlamento, ma “solo perché l’hanno chiesto gli italiani” (e noi che non gliel’abbiamo […]

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

107 replies

  1. Il populista sgangherato

    (di Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano) – “Qualcosa non va”, dice Draghi iniziando il discorso al Senato e indicando il microfono, con la solita arietta da Maria Antonietta, ma più proterva e sprezzante del solito. Poi ci spiega che Lui è lì non perché ha avuto 55 fiducie dal Parlamento, ma “solo perché l’hanno chiesto gli italiani” (e noi che non gliel’abbiamo chiesto o ci siamo distratti o non siamo italiani). Che con Lui “nel 2021 il Pil è cresciuto del 6,6%” (grazie alla Finanziaria del Conte-2 e al famigerato Superbonus). Che grazie a Lui l’Italia è entrata nel Regno di Sturno: “Ruolo guida nell’Ue e nel G7” (ma quando mai), “ritrovata credibilità internazionale” (c’era già Lui a Bruxelles quando l’Ue ci diede i 209 miliardi di Recovery), “riforme senza precedenti nella storia recente” (tipo la Cartabia appena bocciata dalla Ue), insomma “un miracolo civile”. Poi purtroppo è tornata la politica, con la sua dialettica fra idee e interessi diversi, che Lui chiama “distinguo, divisioni, sfarinamento, strappi, ultimatum”. Fino a quello dei 5Stelle, che lui ha deciso di drammatizzare con le dimissioni malgrado una fiducia del 70% perché “chiunque potrebbe ripeterlo” (in realtà s’era già ripetuto prima, da Lega e Iv, ma lui se n’era infischiato): un autoaffondamento degno di Schettino, che manda a picco la nave e poi dà la colpa allo scoglio.

    Poi infila una serie di balle sulle riforme fatte (magnifica quella sulla legge fiscale che favorisce i ricchi, ma per lui è fatta per i poveri) e ne annuncia una caterva per arrivare almeno fino a marzo (quando in teoria si dovrebbe votare): un programma di legislatura (la prossima?) che prende a sberle soprattutto la Lega di Salvini (sui tassisti e i balneari), ma anche i 5Stelle di Conte (le balle sul Rdc che danneggia il mercato del lavoro e le non-risposte sprezzanti sugli altri 8 punti). Guardacaso i due leader che a gennaio gli sbarrarono la strada del Quirinale la prima volta che tentò la fuga. Poi quel capolavoro di populismo delle élite sugli “italiani che ci chiedono di essere qui” e la “mobilitazione senza precedenti per il governo, impossibile ignorare”, dove il servilismo peloso dei padroni e delle lobby viene confuso con il consenso popolare. Che si calcola nelle urne, non sui giornaloni (a proposito: gl’italiani che all’80% dicono no alle armi in Ucraina è possibile ignorarli?). Traduzione: io sono il Migliore, gli italiani sono con me, quindi decido tutto io, sennò me ne vado. I partiti cattivi “non devono rispondere a me, ma a tutti gli italiani”, che Lo portano in trionfo. E il Parlamento, in tutto ciò? Deve “accompagnare con convinzione il governo”: il potere legislativo, già culla della democrazia, degradato a badante o a caregiver dell’uomo solo al comando.

    Checché ne dica Draghi, piccato con Meloni che lo punge sul vivo, è una richiesta di “pieni poteri”. E può avere due soli moventi: la voglia matta di farsi cacciare, oppure il tentativo di spaccare Lega e FI fra coerenti e governisti a prescindere, come già fatto nei 5Stelle con l’operazione Di Maio (a proposito: Giggino ’a Pultrona aveva escogitato la scissione per stabilizzare il governo e la cadrega, invece li ha fatti esplodere entrambi, praticamente un genio).
    A quel punto, clamoroso al Cibali. Lega e FI, offese a morte dal premier, litigano furiosamente e reclamano un nuovo governo senza M5S, infatti non votano la mozione Casini con Pd, Leu e centristi, ma ne presentano una propria. Ora Conte, additato da tutti come lo sfasciacarrozze del governo per una non sfiducia, può salvare il governo in un solo modo: non più restandovi, ma uscendone. Letta e Speranza, visto il panorama ribaltato, riescono quasi a convincerlo a ritirare i ministri per l’appoggio esterno con la fiducia. Così la frattura nelle destre governiste esploderebbe, perché il governo avrebbe la fiducia senza di loro. Mentre Conte ci pensa, Draghi s’impegna subito per dissuaderlo. In una breve e sgangherata replica, anziché rispondere alle offese del leghista Romeo (ormai la Lega è out), prende i 5Stelle a calci in faccia: balle insultanti sul Reddito (“se non funziona è una cosa cattiva”; e pazienza se Inps, Istat e i suoi stessi ministeri dicono l’opposto; ma Di Maio, l’autore, tace e acconsente) e sul Superbonus (“colpa di chi l’ha mal fatto senza discernimento”; e pazienza per gli effetti positivi sull’ambiente, i 700mila nuovi occupati, il rilancio dell’edilizia e il +6,6% di Pil che Lui peraltro si intesta; ma il Pd, il coautore, tace e acconsente). Il tutto alzando la voce in quella che ha tutta l’aria di una crisi isterica in piena Aula, oppure una gelida mossa per scoraggiare un’eventuale fiducia grillina in extremis. Risultato: il M5S non si spacca, anzi guadagna pure un senatore; Lega e FI si ricongiungono a FdI.
    Il Migliore dei Migliori si congeda così, col secondo e definitivo autoaffondamento alla Schettino, senza più neppure uno scoglio da incolpare. Ha fatto tutto lui, con una serie di mosse talmente scomposte e scombiccherate da non lasciare rimpianti, se non tra i numerosi clientes. Un tragicomico coming out in diretta tv che ha svelato a chiunque abbia occhi per vedere chi è davvero: un grande cultore non del bene comune, ma del proprio monumento. Così è riuscito ad apparire perfino peggiore dei famigerati partiti che, casomai ne avessero bisogno, Lui e i suoi laudatores avevano screditato per 17 mesi. Diceva bene, Draghi, all’inizio del suo discorso: “Qualcosa non va”. Ma non era il microfono. Era Lui.

    Piace a 12 people

    • Alcuni flash back di questa pazza giornata. Una replica che definire volgare, isterica, irrispettosa è usare eufemismo. Il bibitaro che si vantava di avere sconfitto la povertà con il reddito, resta immobile quando il suo dante causa praticamente distrugge il rdc per non darla vinta a Conte, infischiandosene dei veri poveri. E infine D’Inca’, che quando capisce finalmente che tutto sta finendo, si starà chiedendo, essendo l’ultimo traditore in pectore, a quale santo votarsi. Perché non credo proprio che il Movimento lo candidera’.

      Piace a 7 people

    • Qualcuno stamane osservava che le tre forze politiche che hanno detto no al “padreterno” sono quelle che hanno usato distinguo nei riguardi della guerra in Ucraina. Prescindendo da ciò, si può certamente asserire che dietro questa crisi di governo e alle conseguenze di essa , è legata a quel conflitto e alle autosanzioni che ci siamo afflitti creando problemi enormi all’economia e ai cittadini italiani. L’inflazione dichiarata all’8% ,spread a 250, bollette del gas e della luce più che raddoppiate ci hanno portato a una situazione insostenibile che avrà la sua massima deflagrazione con l”autunno con milioni di disoccupati. Queste prospettive hanno spinto il super eroe di carta pesta a scappare ,non M5s ,ne la lega e l’ex cav.

      "Mi piace"

    • certo che mollare Draghi per avere gggiorgia, sua sorella e il cognato Lollobbriggida… il partito tribale-familista, ex-fascista. Complimenti a tutti!!

      Piace a 1 persona

  2. Per fortuna scompare perché altrimenti la prossima legge sarebbe stata quella di dare il potere a direttori di giornali insieme ai loro lecca-lecca di eleggere il Presidente della Repubblica

    Piace a 5 people

  3. Per fortuna scompare perché altrimenti la prossima legge sarebbe stata quella di dare il potere a direttori di giornali insieme ai loro lecca-lecca di eleggere il Presidente della Repubblica.Alla prossima legislatura sarò molto contento di non vedere più tante persone che si credevano di avere il sedere onnipotente.La faccia di DiMaio Oggi mi ha ripagato di tutto il fiele che mi ha fatto inghiottire

    Piace a 2 people

  4. stavolta la narrazione di MT è fedele al vero.
    ma già i giornaloni e giornalastri hanno iniziato la litania dei partiti populisti brutti e cattivi e irresponsabili che, ignorando il sentimento del popolo (quale? a me nessuno ha chiesto niente), mandano a casa il Grande Draghi, l’uomo che tutto il mondo ci invidia.
    e c’è da scommettere che i vari Molinari, Giannini, Cerasa (Franco lo so per certo perché è già uscito) etc. spenderanno i prossimi giorni a gettare palate di letame sui partiti che hanno osato non votare la fiducia a questo Governo e al suo Capo.
    Capo che, in maniera stupida e arrogante, invece di dire due belle parole e un paio di “sì” alle richieste fatte, è salito in cattedra e, in stile Marchese del Grillo, ha pronunciato il suo “io so’ io”, dicendo ai partiti che dovevano dargli la fiducia perché altrimenti si sarebbero messi contro agli italiani.
    si è mosso in maniera pedestre e più bamboccia del Bamboccio: incurante del fatto che, dopo la scissione del M5S, la maggioranza in Parlamento ce l’ha il cdx, ha datto di tutto per far incazzare Salvini & co.: ieri ha ricevuto per primo Letta da solo senza dire nulla a nessuno, oggi ha sputato in faccia alla Lega nel suo discorso, e non ha accolto nessuna delle richieste fattegli ieri.
    e incurante che le chiavi della crisi ce le avesse il M5S, ha affossato due delle sue misure.
    è stato un suicidio a tutti gli effetti: se Salvini, B. e Conte non gli avessero rifiutato la fiducia, avrebbero perso la faccia per sempre.

    e ora?
    ora c’è da vedere. il boccino è nelle mani di Mattarella, che nella giornata, in mezzo alla crisi, quando era chiara la piega che stavano prendendo gli eventi, ha telefonato a Salvini e B., evidentemente per dirgli che ci ripensassero. ma i due, forse stanchi di prendere calci negli stinchi, hanno detto NIET.
    e c’è da scommettere che stanotte Mattarella provi a escogitare qualche barbatrucco per evitare di mandare gli italiani alle urne, visto che il PD che tanto piace all’Uomo del Colle perderà a man bassa, e dovrà lasciare i palazzi del potere. quindi non mi stupirei di vedere un nuovo incarico a Draghi, o un incarico a un tecnico, o qualche altra diavoleria per ritardare il giorno in cui gli italiani potranno dire la loro, e non ci sarà più qualcuno che potrà dire “gli italiani sono con me” senza essere passato dalle urne.

    Piace a 5 people

      • in effetti si apprende ora che Mattarella ha convocato i presidenti delle Camere nel pomeriggio “ai sensi dell’art. 88 della Costituzione”, che è l’articolo che prevede lo scioglimento delle Camere sentiti i loro presidenti. quindi parrebbe che si vada diretti alle urne.
        evidentemente il trust di cervelli quirinalizi non è riuscito a escogitare una supercazzola istituzionale che potesse bloccare le urne ancora una volta, oppure le mille chiamate fatte al cdx e al M5S per dire che “bisogna andare avanti con la legislatura ce lo chiede l’Europa altrimenti lo spread il default le cavallette l’angelo della morte ecc. ecc.” non hanno sortito effetto o gli interessati non si sono fatti trovare, magari hanno bloccato il numero chiamante come fosse quello di qualche call center spammer, e quindi Mattarella si è arreso.
        ovviamente dopo le elezioni farà di tutto per non far governare chi vince e rimettere in sesto un governo con il PD dentro, quando la Meloni si presenterà con una lista di ministri gliene boccerà due terzi come fece con Savona, però intanto è costretto a fare quello che dispiace tanto alle cancellerie europee, a Confindustria, al PD e a quel grumo di potere che sperava di tenere in vita un governo che facesse quel cazzo che pareva a lorsignori e a bastonare la politica: sciogliere le Camere e chiedere agli italiani che ne pensano di tutto questo.

        "Mi piace"

  5. E ricordatevi sempre:

    Bufalo: e la BCE chi la pia?

    Libanese: la BCE no, quella è del DRAGO.

    Bufalo: ma la BCE so bei soldi

    Libanese: tutto a suo tempo. Intanto se piamo Roma, che di fronte alla LUPA, pure i DRAGHI CHINENO LA TESTA.

    "Mi piace"

  6. Tanto per fare il complottista: è il prologo di un piano congegnato fin dall’inizio per dare finalmente questo Paese in pasto ai mercati… che è poi il suo sogno da sempre, fin dai tempi del Britannia

    Piace a 1 persona

  7. a mia memoria non ricordo un PDC, che per restare, offende i componenti della sua maggioranza e l’intelligenza (per le balle sorvolo, le hanno sempre raccontate),
    e si irrita e reagisce istericamente se glielo fanno notare.
    Bravo Mattarella per averlo scelto, tu si che capisci e conosci gli uomini
    poichè l’hai chiamato a salvare la patria,
    mo’ siamo messi meglio o peggio del febbraio 2021?

    P.S. mi sembra la storia della squadra di calcio
    che convinta di prendere un campionissimo per vincere lo scudetto,
    alla fine si ritrova un bidone e finisce in serie B

    Piace a 8 people

    • E’ già il secondo suicidio politico europeo. I due paesi più filo-USA dell’Europa occidentale, si sono visti decapitati i premier senza un perché, probabilmente i libri di storia politica del futuro, se ce ne saranno, ne dibatteranno per decenni senza darsi una risposta univoca.

      Piace a 2 people

    • Da tifosa del Cagliari, mi sento coinvolta… 🤭😂
      (non che aspirassimo allo scudetto, ma dovevamo “onorare” il centenario😩)

      "Mi piace"

    • Comunque “il paese che gli chiede di restare” è stato il momento più bello.
      Io vorrei sapere lui che gente vera, normale conosce, a parte il macellaio di città della Pieve.

      P.s. Non lo aveva detto pure Renzie? Che lui non aveva lasciato la politica dopo il referendum per tutte le mail ricevute?
      Sicuramente un paio di commentatori del blog, uno “empio” gli avranno pure scritto, ma gli altri?

      Piace a 2 people

      • Quando per radio ho sentito la frase:
        “”Qui solo perché gli italiani l’ hanno chiesto Siete pronti a ricostruire nuovo patto fiducia?”””
        vi è venuto un moto di riso,
        questo crede davvero a tutte le puttanate dei media, vive in una realtà virtuale
        ed è un bene che se ne vada
        prima che voglia spezzare le reni alla Russia.
        un PDC preso a caso avrebbe fatto meno danni

        P.S. Renzi mica le ha divulgate le mail ricevute, magari erano di insulti ed avrà conservato solo quelle “due”

        Piace a 3 people

      • Ma hai visto come il mediatore di curve allo stadio, altresì detto bib…ro batteva le mani? Con forza, convinzione e leccaqulismo.

        "Mi piace"

      • Radio Paolina
        ascolto la radio mentre guido
        la TV la fuggo come la peste
        anche proprio per queste cose

        che il DiMa(r)io (cit.cit.cit.)
        oramai abbia svelato la sua vera natura
        non dovrebbe più impressionarci
        ha accettato, per interesse personale, che il suo ex-pigmalione facesse a pezzi uno per uno
        tutti i provvedimenti di cui è stato uno dei promotori e massimo esponente politico
        attaccando ed espellendo tutti quelli che dissentivano
        fino a fare un partitino personale tipo ALA di Verdini o NCD e AP di Alfano
        appena Conte ha vinto contro il ricorso di Napoli sentenza del 15-06 e fondazione IPF del 21-06-22
        vediamo ora dove si accaserà e chi gli darà asilo

        "Mi piace"

  8. La caduta del governo, paradossalmente va addebitato agli stessi draghiani dichiarati. Nessuno di loro, a cominciare dal paladino per eccellenza di Draghi, cioè il democristiano Letta, non ha voluto insistere con lo stesso premier a raggiungere un accordo con Conte. In politica non esistono mai porte che non si riescono ad aprire: bastava nominare un comitato ristretto che nel giro di una decina i giorni approntasse un programmino, con date e contenuti, che affrontasse almeno tre punti qualificanti: 1. Salario minimo. 2. Un progressivo taglio del cuneo fiscale per lo più a favore dei dipendenti. 3. Il rinnovo qualificato del superbonus senza le presunte storture denunciate dallo stesso premier. Chi mi dice che sarebbe stata un’operazione impossibile, o di politica non sa nulla di nulla oppure non si è proprio voluta percorrere questa strada, magari per la scarsa flessibilità mentale dello stesso Draghi. Che, come tutti gli economisti, sanno di numeri, di calcoli e diagrammi ma dell’arte del possibile che è la politica sono del tutto a digiuno.
    O forse c’è un’altra motivazione: Draghi cercava pretesti per lasciare l’incarico per il quale non è per niente tagliato. Solo così può essere spiegata la iattanza e il disprezzo al limite dell’insulto sia nei confronti dei 5s, sia addirittura nei confronti della stessa Lega. Col risultato di non far votare ad ambedue la fiducia. Un perfetto capolavoro di autolesionismo!
    Che se ne ritorni a fare il banchiere o, come dicono in diversi, vada ad occupare la carica di segretario generale della Nato quando scadrà l’incarico di quell’impiastro di Stolto-nberg. Il miglior modo per professare la diamantina fede atlantica al servizio dell’IMPERO per antonomasia, specie ora dopo l’ossessiva pratica filo militaresca acquisita nell’affaire Ucraina. Una prece.

    Piace a 7 people

    • Draghi voleva lasciare la PdC e ha preso la palla al balzo, da come si è comportato ieri è piuttosto lampante questo. E i temi di Conte non li porta avanti nessun altro come è sempre stato col M5S. Se hanno portato a casa qualcosa è stato perché hanno praticamente costretto gli alleati. Nel governo Draghi invece il Movimento è stato sottomesso, quindi non poteva fare alcunché e si è visto.

      "Mi piace"

    • La risposta è. I poteri usa quelli contrari ai neocon si sono accorti che spingere la Russia nelle mani dei cinesi è contrario i loro interessi, e cominciano a togliere dallo scacchiere internazionale i fedelissimi ai cosidetti neocon. Vedasi il politico Giapponese, Jhonnson(GB), Macron e il presidente Tedesco sono avvisati. Ora tocca al nostro migliore. Comunque siamo e rimarremo una colonia u.s.a.

      "Mi piace"

  9. Un Parlamento composto da poveracci. Un asilo Mariuccia che segue il solco della tradizione italiana. Godete gente, a ottobre si ricomincia con un’altra compagnia di buffoni (il fatto positivo che saranno la metà di oggi). P. S. I giornalisti politici hanno superato di gran lunga quelli sportivi nella protervia, nel lecchinaggio e nell’incapacità di analisi. Ma gli sportivi non si prendono tanto sul serio. AUGURI ITALIA, ne hai davvero bisogno.

    Piace a 1 persona

  10. Io voglio dire, sento il bisogno di dire una sola cosa: gli interventi di Licheri e Castelleone mi hanno dato una forte emozione.
    Non aggiungo altro.

    Piace a 7 people

  11. Stasera le Tv a reti unificate contro i 5S.
    Lo so, niente di nuovo.
    E adesso parte massicciamente la campagna elettorale…
    Ma qualcuno ai vertici dei 5S intende pianificare e organizzare meglio le presenze e i contenuti della comunicazione, presidiare i canali e gli spazi senza lasciare soli PD e destre, liberi di massacrarli ????
    Sbrigatevi!
    Anche a cacciare fuori gli altri traditori ancora in caval di Troia.

    Piace a 2 people

  12. Li critico aspramente ma quando vedo segnali da vero moVimento lo dico senza giri di parole. Ora vediamo cosa bolle in pentola. Mi auguro che tornino in gioco persone di altissimo livello e faccio un nome su tutti: il senatore Morra.
    Naturalmente do per scontato un impegno anche di Alessandro di Battista (vedrà lui se, come e quando).

    Piace a 8 people

    • @Giansenio
      Incrociamo le dita per il Dibba.
      Se per caso dovesse candidarsi si prenderebbe non dico 11 mln di voti ma quasi.
      Ė l’ultimo e unico leader che ci è rimasto che sia in grado di competere con il centrodx.
      Altrimenti va da sé che vince la destra.
      Per carità…..sempre meglio di draghi, però se si riuscisse ad evitare anche questo sarebbe davvero il top.

      Piace a 2 people

    • Ma perché la Lezzi (mai piaciuta troppo) che difendeva il m5s, come se fosse ancora dentro, chi l’ha sentita?

      "Mi piace"

      • Anail, la Lezzi insieme a tanti altri transfughi e traditori, ora hanno il problema di trovare casa per ricandidarsi, ammesso che hanno i voti. Conte farà un ripuliti, mettendo gente che fino all’ultimo non ha tradito. Certo che gli attuali sondaggi ( con il 45% di astensione) sono la fotografia di oggi.

        "Mi piace"

  13. Giansenio mi hai anticipato il pensiero: Morra è persona onesta e seria (anche se qualche volta mi ha lasciato perplesso su alcuni temi); bisogna studiare qualcosa per farlo rientrare, una petizione o qualcosa del genere

    Piace a 3 people

    • Beh, secondo me, alla luce dei fatti, avevano ragione gli espulsi a non voler entrare nel Governo Draghi… Quindi, perché non riaprire le porte?
      Certo, poi, in Parlamento, i posti sarebbero contati, ma Conte un’idea credo che se la sia fatta, in questi giorni…

      Piace a 4 people

  14. Draghi è arrivato nel 2021 esclusivamente in funzione della guerra in Ucraina, ed ha fatto il suo lavoro a servizio degli interessi Usa, che infatti sono stati accontentati e serviti, ovviamente a discapito dell’ interesse UE ma soprattutto dell’ Italia. ..ora che il paese è allo sbando fra così economica, energetica ed internazionale con una guerra nucleare fra superpotenze alle porte, la presenza di Draghi non è più necessaria……il suo ruolo non era quello di pdc di un governo di unità nazionale, altrimenti avrebbe agito come tale, se così non è stato, non è perché non ne fosse in grado, ma perché il suo scopo ultimo era diverso…..un pdc ,soprattutto di un governo di unità nazionale, ha un unico sistema/metodo per governare, fare costantemente riferimento al parlamento, espressione della volontà popolare, ma questo solo se vuole realmente perseguire gli interessi del paese, se viceversa persegue altro interesse, ignora o peggio umilia il parlamento….e così è stato, perché a lavoro finito non vedeva l’ora di levarsi dai guai prossimi futuri. ….Dopo la scissione di Giggino, con una maggioranza ed equilibri politici di fatto completamente diversi, avrebbe potuto aprire ad un altro patto di governo, coinvolgendo le forze politiche su obiettivi da mediare e condividere, se viceversa ignori le richieste, ottieni che qualcuno, il cdx , si sfili per convenienza elettorale, e che chi hai umiliato per mesi, il M5S, non sia più disposto a sostenerti solo per far aumentare il consenso della Meloni cui ovviamente si sarebbero uniti Lega e FI per sopravvivenza…..l’ occasione per riassestare il governo sugli interessi del paese e degli italiani, era stata fornita a Draghi, proprio da Conte, con le sue richieste/condizioni, ma evidentemente Draghi voleva andare allo scontro con il parlamento perché la sua priorità non è l’ interesse italiano! Perciò ha trovato un pretesto di dimissioni , perché la maggioranza non è più la stessa, certo da un mese, e,nonostante la fiducia appena accordata, è tornato in parlamento per far rotolare tutto come previsto, perché non esisteva alcuna volontà da parte sua di proseguire…..la sfacciata improntitudine è presentarsi come il meglio del meglio costretto ad andarsene, per quella cosuccia chiamata democrazia rappresentativa parlamentare e Costituzione italiana che non si è all’ altezza di rispettare e che non si vuole rispettare, mentre la realtà, è che è arrivato ordine da oltreoceano di mollare, tanto il lavoro, sporco, era stato egregiamente soddisfatto, con ovvia futura ricompensa!

    Piace a 3 people

    • No, Alessandra, secondo me lui non ha proprio la CONCEZIONE della democrazia parlamentare, né conosce e RISPETTA la Costituzione.
      Secondo me è l’elemento più SOPRAVVALUTATO della storia, anche in Economia, visto che non afferrava la storia del cambio in rubli, che ho capito PERSINO io.
      Al netto che se ne voleva andare prima ancora di entrare e che ha usato la PDC solo come trampolino per la PDR.
      Che avesse a che fare con gli interessi USA, comunque, non ci piove.
      Mi chiedo se l’incontro di Renzi con lo 007 de noantri, all’autogrill, avesse a che fare con le sue manovre per sostituire Conte col drago di cartapesta, dietro input Nato.
      Oddio, se continua così, lo arruolo nei rettiliani… 🤭

      Piace a 1 persona

  15. Populisti sgangherati, Travagghio dixit nella sua delirante ricostruzione da velinaro gondiano, il buffone che sfiducia senza sfiduciare, lancia il sasso e nasconde la mano.

    E infatti, alla pescivendola, ai legaioli, agli italoforzati berluscoidi con contorno di psicopatici novax-noeuro-italexit si aggiunge a buon diritto l’apprendista sfasciacarrozze avv. del poppolo Gonde Giuseppi.

    Missione compiuta, a rimorchio degli acuti strateghi del trio Lescano Travagghio-Dibba-Casalino.

    A breve, quando la pesciarola vincera’ le elezioni coi voti del poppolo itagliano, l’avv Gonde finalmente potra’ andare pure lui a fare il tour di tutte le Russie col Dibba, che se tutto manca un posticino nella Duma Putin glielo trova (e pure Travagghio e’ pronto per Ria Novosti, o come opinionista della tv russa, 12 rubli a puntata fifty-fifty con Orsini ).

    Piace a 2 people

    • se – come probabile, stando ai sondaggi – nel 2022 vincerà il Centro-dx (come già nel 2018) e mancherà qualche voto per governare: indifferentemente, uno qualsiasi dei Giuseppi sarà disponibilissimo ad unirsi con il suo 7% al Governo, fosse solo per completare l’album delle figurine di m.: prima Lega, poi Pd, ed a chiudere in bellezza(?) con la Sorella d’Italia, benedetta da zio Silvio.

      sempre che non lo abbiano già deciso: se Letta non vuole più puntare su “il campo santo” e lo ha fatto percepire, al M5S rimane solo correre da solo e qualcosa raccoglieranno: non si passa mai dal 32,7% a 0%.

      se saltano, o meno, le Primarie comuni in Sicilia: lo sapremo a breve.

      sono contratti che prevedono necessariamente la caparra.
      Conte-Salvini: assieme facciamo “cadere” Draghi, assieme lo sostituiremo…

      "Mi piace"

    • *Silvio B,
      Iperchr non pubblica il suo cognome?
      Così vediamo come storpiarlo.
      A meno che lei non sia dislessico, non abbia 2 anni, e non legga Fognaspia.

      Piace a 3 people

      • Ma questo, Mari, se gli togli il “CORSIVO” con cui scrive, e che rende, grazie a Dio, ILLEGGIBILI i suoi post, sputa solo sentenze e fiele.
        Mi chiedo perché, insieme a quegli altri due sodali, non vada a POSARSI su lidi a lui più consoni…se tanto è disturbato da Travaglio e dal consesso di Infosannio oltre che DALLA NATURA.

        "Mi piace"

    • A parte ch se vuole Conte torna a fare il professore, ma qual è il problema se vincono le destre? Se agli italiano piace quella linea lì è libero di votare la Meloni, d’altronde il nostro è un popolo fascista.

      "Mi piace"

    • Populista sgangherato chi? Draghi o Conte?
      L’indecisionista che si credeva burattinaio alla fine è riuscito a conquistare l’irrilevanza, trasformandosi in burattino.
      Spinto da Travaglio e da tutte le meglio menti pensanti del FQ, Conte ha tentato di trasformarsi in Mèlenchon. Invece, come una brutta copia di Bertinotti, è rimasto con un pugno di mosche in mano, regalandoci cinque anni (speriamo meno) di Meloni al potere.
      Un fallimento assoluto.
      Travaglio fa finta di niente e continua a guardare la realtà dal punto di vista che gli fa più comodo.
      Disgusto.

      Piace a 1 persona

      • Conte a M5s: “Puntavamo sull’appoggio esterno, c’erano state anche interlocuzioni in questa direzione. Poi Draghi è intervenuto in Aula ed è saltato tutto. È stato il centrodestra a rompere”, ha detto Conte ai deputati.
        AH AH AH!
        E cosa pensava l’indecisionista Conte?
        Che gli avrebbero permesso di fare opposizione (però anche un po’ no) fino alle elezioni? Puntando su cosa? Sul senso di responsabilità di tutti gli altri polli?
        È davvero stupefacente questa continua confusione, questo NIENTE, questo patetico dire “è stata colpa del centro destra!”.
        (Continua)

        Piace a 1 persona

    • Silvio b. Un po di vergogna!
      Gli italiani che votano la pesciarola li voglio vedere, tra onestà e prigione e zingari alla casamonica non ne parliamo…
      Qui c’è un signore che ha fatto per primo il lock down, che ha iniziato la vaccinazione ( primi in europa), copiati da tutti, che in un momento di difficoltà estrema con i fenomeni politici italiani che parlavano di eurobond lui superincapace ha messo al tavolo Francia e Germania e ha portato a casa per tutti gli italiani, 209 miliardi.
      Alle amministrative recenti il 60 % degli italiani si è astenuto. La pesciarola c’era, i 5s assenti nella quasi totalità dei seggi.
      Sicuro che quel 60% degli italiani astenuto, alle politiche 2023, dopo questo comportamento( i 9 punti non sono bandiera 5s, ma il bene di tutti), di Conte non lo premi con il 30%?
      E che dire del superbonus? Dall’estate 2020 638000 nuove assunzioni!!!!!! Incremento di valore economico di 3 volte( 38,7 miliardi spesi, 124,8 miliardi girati) e dato che era scritto male solo il 3% del montante truffe lo riguarda.
      Tu devi votare gallera e i fenomeni lombardi con il record di morti da covid, nella terra della supereccellenza italiana nella sanità
      Saluti e arrivederci alle polite 2023

      Piace a 1 persona

  16. Se la Meloni ed il cdx vinceranno le elezioni, sarà per volontà degli elettori. …Draghi non era pdc espressione di alcuna forza politica, a differenza di Conte indicato come pdc dalla forza di maggioranza relativa! Draghi si è dimesso dopo un pieno voto di fiducia, che pretendeva la corona? Al Senato astenersi è come votare contro. …quindi mi pare che il M5S/Conte non abbiano votato la fiducia…Il Parlamento in una democrazia rappresentativa parlamentare si rispetta, non si umilia, neppure se ti chiami Mario! Il paese è già sfasciato da 30 anni, anzi oserei dire da 70 anni, e certamente non per colpa di Travaglio, Conte o Di Battista……l’ amnesia è un sintomo precoce di demenza!

    Piace a 8 people

  17. Il più migliorissimo, credendosi un novello Colombo, si è rivelato un vero Schettino, ha tolto il tappo della barca e l’ha fatta affondare da solo nel mare di saliva con cui era stato abituato a navigare dai vari media. Come un bambino che si crede Maradona perché il pubblico che lo tifa sono tutti suoi parenti, non passandogli più la palla per tre secondi, si è stancato di giocare, ha preso il pallone, l’ha bucato e ha salutato tutti. Cavolo, lui è il banchiere Mario Draghi, come si permettono di discutere e non obbedire i suoi ordini? Prima di salutare, si ricordi di chiudere per sempre il sarcofago della mummia sicula che l’ha voluto e messo a guidare il governo.

    Piace a 6 people

  18. Bene, il peggiore dei peggiori essenzialmente si toglie dalle palle. Spero solo che i prossimi – chiunque saranno – siano in grado di risolvere gli enormi macelli che il banchiere lobbista criteriato ha creato in Italia, ma soprattutto in Ucraina, baciando il Q-lo a Bidet e sputando fango su Puttin… Questi son problemi seri che andrebbero risolti, e di moltone in fretta.

    Piace a 4 people

    • Non illuderti troppo, sarà già tanto se riusciranno a non peggiorare le cose, inoltre stai parecchio sopravvalutando il ruolo dell’Italia nella crisi ucraina (se domani magicamente scomparissimo, ai fini della guerra non cambierebbe poi granché).

      Piace a 1 persona

      • Ma se la smettessi o di provocare Putin è tornassimo ad avere rapporti eco omici con l’oriente pur rimanendo saldi nell’alleanza atlantica come sempre fatto dai governi precedenti e dalla Merchel, le economie e la vita nei nostri paesi sarebbero migliori.

        Piace a 4 people

      • @ Brontolo: a parte che sarei proprio curioso di vedere chi sarebbe in grado di imporre al Paese una svolta del genere, in ogni caso la cosa avrebbe effetti minimi o irrilevanti sulla guerra.

        "Mi piace"

    • Tranquillo Cekko…..
      Andiamo a votare e poi sicuramente avranno già tolto il prossimo premier tecnico dal surgelatore.
      Credo che adesso sia il turno di cottarelli 😂
      Lo so che non c’è nulla da ridere ma stamattina sono così felice che mi mettono allegria anche i 38 gradi che ci aspettano nel pomeriggio!

      Piace a 2 people

    • *Cekko,
      È proprio questo il punto.
      Chi sarà il prossimo?
      Leggevo che per togliere dall’empasse centro destra, Berlusconi voglia candidarsi premier!🫣

      Piace a 1 persona

  19. Solo Conte poteva far dimettere Draghi due volte in una settimana, e liberarci così da questa ennesima sciagura nazionale che è stato il Governo Draghi, alla faccia di quello che doveva essere un governo tecnico: tecnicamente, a conti fatti è stata una gran bella inculata (sebbene inevitabile, prevedibile e ampiamente prevista), chiedo venia per il francesismo.

    Se, come sembra, la mossa contiana sarà servita ad accorciare questa indecenza anche solo di pochi mesi, direi che questa è una bella risposta ai tanti malpancisti (per non dire di peggio) che, fin dal primo giorno, si domandavano che cosa stessero al governo a fare i pentastellati: dall’opposizione sarebbe stato un po’ impossibile farlo cadere, e oltre a tutto quello che abbiamo già subito (che non è poco, Travaglio è stato ancora leggero) ci saremmo cuccati una Cartabia in formato maxi, e Dio solo sa cos’altro bolliva in pentola (sicuramente nulla di buono).

    Il bello è che, nella foga di trovare un colpevole (di quello che in realtà è un grosso merito, e che fino ad una settimana fa pareva impensabile), da domani i giornaloni inconsolabilmente vedovi addosseranno tutta la colpa al sempre odiato Conte, non rendendosi conto che così gli faranno un gran favore, dato che Draghi è una figura ormai invisa alla maggioranza degli italiani (essendo andato a picco nei sondaggi, che infatti da un po’ sono spariti dalle cronache: prima si parlava solo di quanto fosse popolare). E rendendo un pessimo servizio al duo delle mafiomeraviglie, Berlusconi e Salvini, senza i quali tutto ciò non sarebbe stato possibile (Draghi 2 – la vendetta era già in fase di lavorazione, per la medesima regia).

    Una prece per il Bomba innominabile, che ancora ha la faccia di tirarsela perché Draghi l’aveva voluto lui (come se fosse possibile scordarselo). Ma tanto cosa gliene frega? Voti da difendere non ne ha, e uno strapuntino gli toccherà sempre (garantisce Papi, almeno finché c’è).

    Confermo quanto avevo già detto a suo tempo: questa è stata la prima mossa di Conte degna di un vero capo politico, e che mossa, perbacco! Nonostante l’abisso che li separa, a me il Draghi di questa sera ha ricordato il Salvini del Papeete, con quell’aria da pugile suonato che cerca di non darlo troppo a vedere.
    Una menzione speciale per il fatto che tra i nove punti del galeotto papello contiano era presente anche la legge sulla cannabis (prontamente liquidata come “droghe libere” dalla destraccia nostrana), che sarebbe una formidabile conquista di civiltà.

    Piace a 5 people

    • “Confermo quanto avevo già detto a suo tempo: questa è stata la prima mossa di Conte degna di un vero capo politico, e che mossa, perbacco!”
      Ma dici sul serio? Uno che non ha ottenuto quello che voleva (l’appoggio esterno) e che ha offerto su un piatto d’argento ad altri l’opportunità di sfiduciare il governo, lo definisci “vero capo politico”? Perbacco!

      Piace a 1 persona

  20. Tutto ciò che si è visto e pure ascoltato…si commenta da sé…e quando sento o leggo che e’ stata una terribile giornata… sarò forse cinica…x me è stata una liberazione… finito un incubo… Draghi si è praticamente suicidato “politicamente” pur non essendo mai eletto da nessun italiano si sentiva l’ELETTO! TRAVAGLIO…come sempre ne fa’ la lettura più illuminata…perché ad ascoltare i suoi pseudo colleghi… veramente è pura tragedia personale e mo’ chi li paga???

    Piace a 5 people

  21. Le quattro “A”

    Se il M5* vuole riconquistare il mio voto deve darsi una connotazione precisa e inequivocabile:

    •ANTIMAFIA
    •ANTICORRUZIONE
    •ANTI EVASIONE FISCALE
    •ANTI CONFLITTO DI INTERESSI

    FEROCEMENTE!!

    Inoltre, spero di non sentire MAI la solita litania “altrimenti vincono le destre”.

    Guardate a casa vostra e sbattetevene i cgln se vince Tizio o Caio, pensate a ricostruire il clima di fiducia con gli elettori, magari chiedendo scusa per le corbellerie fin qui compiute. Le quattro “A” siano le fondamenta solide per trainare tutto l’immane lavoro che una vera e unica forza progressista intende compiere, tenendo presente che le alleanze coi vecchi partiti produrranno solo ed esclusivamente annacquamenti
    e compromessi al ribasso. Lo si è capito o no? Servono altri esempi?
    Ci sono milioni di cittadini italiani che non si sentono rappresentati e ora vi aspetta un compito molto arduo, cari dirigenti 5*: convincerli che non li deluderete (ancora).

    Buon lavoro.

    Piace a 1 persona

    • Un piccolissimo passo lo hanno compiuto.. uscire dal governo credo possa essere l’inizio per fare capire che sono convinti più che mai a non deludere più chi ha creduto in loro.. credo che in questi pochi giorni siano maturati più che in tutti gli anni precedenti.. sono le sofferenze che fanno crescere… Penso questo..

      Piace a 1 persona

  22. Risultato, come da copione e nonostante calci nei denti randellate da orbi che hanno massacrato i 5* il suo capo mr tentenna brancaleon giuseppi un bradipo è riuscito ad astenersi e non votare la fiducia,
    itaGGliani

    "Mi piace"

    • L’astensione in Senato equivale ad un voto contrario, e alla camera, ma non si voterà lì perché Draghi si dimette prima, avrebbero votato no.

      Piace a 1 persona

      • Gaia
        Ma è finita a tarallucci e vino, non è certamente grazie a mr.tentenna brancaleon giuseppi che il drago è scappato, perché di fuga trattasi, se fosse nell’esercito tratterebbe di diserzione per paura degli eventi.
        Aspetta ancora 5 o 6 settimane e poi vedrai gli effetti nefasti che si abbatteranno sull’Italia.
        Sono mesi che il drago cercava una scusa qualsiasi per darsela a gambe, e alla prima occasione ne ha approfittato.
        Dare il merito a mr tentenna direi non essere obbiettivi.

        "Mi piace"

    • Mr.cogliostro, mago otelma de noantri, avevi detto che sarebbe finito tutto a “tarallucci e vino” e invece te la sei presa nei denti, per non dire altro.
      Un pò di vergogna per le minchiate che scrivi, mai!
      Che pena!

      "Mi piace"

  23. Se si vota ad Ottobre c’è poco tempo per il M5s per ricostruire un patto di fiducia con gli elettori. E credo che Di Battista non si candiderà. Quindi bisogna operare bene sul territorio, recuperando quel che resta dei meet up, dare voce a quei 9 punti esposti al Migliore, ampliandoli. E soprattutto selezionare al meglio chi ( saranno pochi) ti deve rappresentare in Parlamento. La regola dei 2 mandati per me, da sempre, è una cazzata. Chi vale, chi ha capacità, deve proseguire, se ne ha voglia e ne viene riconosciuto il valore, il suo percorso politico. Non a caso quelli che sappiamo essere affidabili, tipo Morra, sono al secondo mandato. E dovremmo bruciarli per una regola sciocca?

    Piace a 6 people

    • Anche io concordo sulla regola dei due mandati. È da sempre stata un’arma a doppio taglio, pericolosissima se usata male. Capisco (mi è rimasto impresso) quel che diceva Dibba, ovvero che “Il Palazzo ti cambia”, d’altra parte per una regola a mio parere troppo rigida, è ben peggio perdere buoni parlamentari che mantenerne di imbecilli (cosa a cui, ahinoi, da italiani, siamo molto abituati). Servirebbe semmai una regolamentazione della regola stessa, mi si perdoni l’orrendo gioco di parole, poiché non basta dire “dopo due mandati stop!”, così come è vero che mettersi a fare eccezioni alla regola, significa implicitamente raggirarla. Insomma, va ponderata bene e quanto prima emendata, perché COSÌ COM’È, è pericolosa. L’ho sempre pensato.

      Piace a 1 persona

  24. Non avendo seguito il teatrino svoltosi al senato e basandomi sui commenti quello che appare chiaro è che draghi si è sfiduciato da solo, i motivi li conosciamo, e voler fare apparire brancaleon giuseppi come l’artefice della suddetta caduta sa tanto di strunzata

    "Mi piace"

    • No Alessandro Cagliostro,non è una stronzata, il mr. tentenna come lo chiami tu, è riuscito a far sfiduciare (come ha asserito Jonny Dio) il Draghi 2 volte, e se putacaso avesse previsto anche la reazione delle destre di governo che non volevano rimanere col cerino in mano e si sono defilati, avrebbe veramente compiuto un’opera d’arte;ora sono curioso di vedere che faranno i malpancisti tipo D’Inca’ che guarda caso si sono ammutoliti capendo la figura di merda che avrebbero fatto se avessero votato la fiducia.

      Piace a 1 persona

  25. Astenersi al Senato equivale a votare contro. …mi pare invece che la Lega sia uscita dall’ aula. …Conte ha agito con coerenza, ha posto delle condizioni politiche che un pdc all’ altezza avrebbe colto al volo per riequilibrare un governo dove l’ accordo del 2021 era saltato grazie a Giggino. ….Draghi non aveva nessun motivo politico per dimettersi, ma dopo lo stop della sua elezione a PdR, grazie a Conte, aveva una gran voglia di fare le valigie. …quindi Cagliostro, Conte sarà pure mister tentenna, ma ha ottenuto attraverso azioni e decisioni politiche due successi per cui ringraziarlo : ci ha evitato Draghi come PdR ed ha aperto ,su condizioni politiche, una legittima crisi di governo. ….se poi si pretende un omino vestito di verde imbottito di tritolo che si faccia saltare in aria in aula, questo ha un nome diverso dalla politica! Conte, l’ unico non scelto da Grillo, che ha voluto Giggino come leader/capo politico e dal 2017 cofondatore dell’ Associazione Movimento 5 stelle, Giggino non Di Battista tanto per chiarire, è stato più 5 stelle di un ex capo politico e garante messi insieme! Legittimo che a te non piaccia Conte, ma meriti e demeriti andrebbero riconosciuti, con imparzialità. ….in politica servono certamente uomini alla Di Battista, ma anche uomini alla Conte, possibilmente con una tempistica di azione funzionale alle diverse condizioni, estremamente mutevoli. ..la tempistica in questo caso non ha avuto alcun tentennamento, come Giggino si è tolto dalle pa@@e Conte, finalmente con le mani libere, ha deciso ed agito, e conta questo, non che non abbia votato contro Draghi quando in realtà non era assolutamente necessario, era sufficiente rimettere al centro la linea politica del M5S ,con richieste/condizioni politiche, ed astenersi al Senato!

    Piace a 3 people

      • Gaia
        Sembri un esperta in riprese posteriori,
        E visto che il draghi si è dimesso per la seconda volta pur avendo la maggioranza conferma il fatto, qualora ce ne fosse il bisogno che non è certamente opera di mr.tentenna la sua fuga ma le piaghe d’Egitto che si abbatteranno sul popolo di creduloni italioti.

        "Mi piace"

    • Alessandra
      Mr.tentenna non è stato artefice di niente, se mai è lui che è stato usato, usato a sua insaputa come utile idiota,
      Ma se vi fa piacere credere che brancaleon giuseppi sia il grande stratega non sarò certamente io a disilludervi,
      Auguri

      Piace a 1 persona

  26. Adesso la colpa è di Draghi, che fenomeno Travaglio!!
    Superbonus servito per creare l’ennesima ruberia all’italiana, si sono create aziende dal nulla (e lo ha raccontato pure questo giornale) solo per accaparrarsi il bottino.
    Il RDC non lo si voleva togliere ma mettere la regola che chi rifiuta proposte di lavoro lo perde e mi pare giustissimo! Che ti devo mantenere a vita mentre fai lavori in nero? Le lobby dei tassisti e dei balneari sono anni che prendono per il culo il paese, e noi ancora una volta a pecora!! I soldi del PNRR (che voi millantate sia merito di Conte, poverettti) bloccati, per cui altri miliardi persi.. eh si perchè quei soldi l’Europa te li da, solo se e ribadisco, solo se si fanno determinate riforme e proposte!! E chi ci mandiamo ?? il Dibba?? Ma per favore..un paese al fallimento…complimenti!!

    Piace a 1 persona

    • “I soldi del PNRR (che voi millantate sia merito di Conte, poverettti)”
      No, aspetta… invece di chi sarebbe il merito?
      Sentiamo che cosa t’inventi…

      "Mi piace"

  27. Non sono d’accordo. Se la maggioranza agisce contro il governo che appoggia è giusto che quel governo vada a casa. E’ la democrazia bellezza. Unico responsabile di questo realdrama è Mattarella che ha messo in piedi questo monstrum costituzionale. Mi auguro faccia molti passi indietro e che dopo le elezioni si dimetta.

    Piace a 2 people

  28. Draghi = Schettino che resta sulla Concordia mentre De Falco (Mattarella) spinge la testa dei naufraghi sotto l’acqua.

    "Mi piace"

  29. Ormai (l’ex) Divino si è bruciato incoscientemente tutte le chances per restare a palazzo Chigi, anche con un’altro incarico. Ma credo si stia parlando troppo presto di elezioni anticipate. Prima di sciogliere le Camere, il Matta tenterà con un altro nome per verificare che non esista più una maggioranza. Certo Cottarelli è in debito di un incarico – l’altra volta lo tenne solo per 36 ore – tanto più che, essendo ben introdotto a Bruxelles, potrebbe svolgere un certo ruolo protettivo dei ns conti vista l’intenzione ventilata da quelle parti di reintrodurre il patto di stabilità. Mettiamo in conto, inoltre, che Donna Giorgia perderà tutti i freni inibitori nel rivendicare il voto anticipato. Magari tornerà a replicare in Italia il vergognoso comizio spagnolo. Mentre ci sarà una corsa nei social nel rivisitare le varie puntate di Piazza Pulita e i servizi del sito di fanpage in cui Fratelli d’Italia è stato colto in flagrante, con tanto di sonoro, in incontrovertibili pratiche del ventennio. Per non dire delle inquietanti affermazioni della stessa Gioggia in cui accusava la fantomatica matrice di sinistra (sic) nell’assalto alla CGIL. Ma di questo si parlerà più diffusamente quando e se vincerà le elezioni. Per dirne ancora una: non c’è mica scritto in Costituzione che il premier debba per forza essere del partito più votato. C’è tutta una storia di primi ministri di partiti di minoranza o di tecnici. Intanto consiglio a Donna Giorgia di imparare a memoria Bella Ciao per motivi di decenza istituzionale, tanto per cominciare.

    Piace a 1 persona

  30. Quando la proposta non è di lavoro, ma di sfruttamento per salari da fame, si rifiuta…..se poi al posto del Rdc e di salario minimo garantito, che avrebbe trasformato la proposta di sfruttamento in proposta di lavoro, effettivamente da non poter rifiutare, si vuole fornire alle organizzazioni criminali manovalanza disponibile oppure costringere 5 milioni di poveri a rubare per sopravvivere, si scrivono le str….te! Lagnarsi di mantenere chi è in difficoltà mentre si mantengono da decenni evasori fiscali, editoria, aziende con sede fiscale altrove, corrotti e corruttori, spiega perfettamente la mentalità all’ origine del disastro italiano. ….dove chi è povero è colpevole senza reato, mentre chi delinque diventa pdc, presidente di regione, assessore, sindaco, manager di banche, di partecipate, di Eni, o di ogni altro settore pubblico o privato finanziato dallo Stato, dove oltre a farsi mantenere, si ruba pure con la certezza dell’ impunità!

    Piace a 2 people

  31. E’ uno spasso leggere le veline dei disgraziati a cui hanno dato il compito di bastonare 5S e Conte anche su questo blog di sana provincia.
    Così come Tv e giornali nazionali fanno da subito dopo le elezioni del 2018.
    Stanno a sfottere Travaglio e Conte mentre hanno prescritti, fascisti e migliori antidemocratici veri sul ponte di comando.

    E siccome ce lo meritiamo ora aspettiamo cosa farà un tizio vecchissimo, palesemente fuori da principi costituzionali impliciti…che lo avrebbero voluto a godersi una lauta pensione.

    "Mi piace"

  32. Non ci ho capito molto, anche perchè non ho praticamente seguito i vari blablà di ieri.

    Ho scritto che mi sarei mangiato il cappello (come Rockerduck) se non lo avessero rifatto PdC e ora volentieri lo mangerò, contento.
    Prima però aspetto che si tolga davvero dalle palle, cosa buona giusta e proprio per questo difficile.
    Gli USA non saranno d’accordo a far cadere il loro fantoccio-burattino-mario-netta, e mattarello potrebbe rifarlo comunque presidente, magari abolendo le camere e riportandoci alla monarchia ereditaria. Mi aspetto di tutto.

    Il movimento ha cercato di non farlo cadere ma non ci è riuscito secondo me. E anche se fosse che lo ha fatto cadere volontariamente il mio voto lo hanno perso da più di un anno e non lo recuperano più. Mi auguro che possano tornare almeno l’ombra di quello che erano prima, però senza ia mia insignificante fiducia.

    Il PD contava di essere salita sul carro armato del vincente, insieme a renzi, leu (!) e vari altri piccoletti inutili e si è preso il missile. Pezzettini sparsi in giro.

    Sinceramente non capisco l’autoeliminazione di Draghi. D’accordo che lui è abituato a comandare e si è trovato male non potendo licenziare nessuno, e d’accordo che si vedeva a un km che se ne voleva andare, ma ora ai suoi padoni cosa gli racconta? “ero stanco”? Con il potere che lo ha messo lì le esigenze personali non contano. Ora come minimo si è bruciato la carriera, minimo, sempre che non gli dicano di tornare a bordo, cazzo

    Se dovessero concederci le elezioni, miracolo, non credo che vincerebbe la rana dalla bocca larga, perchè lei è in alto nei sondaggi perchè l’hanno gonfiata, ma ora cambiando gli assetti le toglieranno l’aria e si risgonfierà, come prima salvini e prima ancora renzi. Comunque anche se vincesse per me non ci sono problemi, tanto il governo più fascista del secolo lo abbiamo appena avuto, e la situazione non può peggiorare.

    Ultima considerazione la dedico a di ma(r)io.
    Sono felice del suo aver scommesso tutta la sua carriera sul cavallo perdente, e spero che torni nel nulla e ci rimugini sopra tutta la vita. Cenere era e cenere è tornato.

    Piace a 1 persona

    • @Fabrizio
      Condivido tutto.
      Anch’io dicevo che non se ne sarebbe mai andato ma solo perchè sono molto scaramantico.
      Ben felice di essermi sbagliato.
      La frase più bella del tuo commento è:
      “Il governo più fascista del secolo lo abbiamo appena avuto,peggio di così non può andare”.
      Adesso spero solo che il prossimo governo prima di tutto smetta di mandare armi a quello schifoso di zelenski e si smarchi il più possibile dai criminali di bruxelles.
      Staremo a vedere……
      Tanto il marchese del grillo se n’è andato e l’italia è sicuramente un posto MIGLIORE.

      Piace a 2 people

  33. Ieri è stata una giornata trionfale. draghi, renzi, giggino. tutti fuori dai coioni in un colpo solo. neanche nel migliore dei sogni poteva capitare..

    Piace a 4 people

    • E chi voti allora ? la meloni ?….
      Fabrizio ti conosco e ti stimo da lunga data non deludermi.
      C’è solo da votare Conte e se non si chiamerà più m5s amen.

      Piace a 2 people

  34. Pirgopolinice:

    Avevo pensato anche io fosse il Chianese, anche perché i renziani possono contarsi sulle dita di una mezza mano, ma il dubbio mi nasceva perché il Chianese andava molto d’accordo col Gatto sociopatico, questo invece lo ha insultato il primo giorno in cui è arrivato e da qui il nick “empio” coniato dal sociopatico.

    "Mi piace"

  35. Alessandro Cagliostro, se Conte è stato usato, da chi? Forse ti riferisci a Draghi e può pure essere, ma al massimo si sono usati in due, per ottenere ciò che Draghi auspicava, ma che pure il M5S e molti italiani auspicavano, cioè le sue dimissioni/valigie con biglietto di sola andata, speriamo…. non oso pensare all’ uso di Grillo e Giggino, come direbbe Letta un pertugio in fiamme…….in politica sono tutti usabili ed usati, non esistono mai vittorie complete, ma solo mezze vittorie…..se poi invece ti riferisci a Salvini ha solo colto l’ ultima occasione per non essere completamente azzerato dalla Meloni e la compattezza della Lega dimostra che il rischio era reale. ….la partita per le elezioni è ancora aperta, basta difendere strenuamente il proprio pertugio, il nostro non quello degli altri!

    "Mi piace"

    • Che draghi abbia fatto fagotto e sia scappato ne sono ben felice, ma che l’artefice di questa fuga sia da attribuire a conte ce ne vuole di fantasia, il cazzaro non ha avuto alcun ruolo, la sua uscita come il non voto dei 5* è stato un gesto simbolico che come d’abitudine gli si è rivoltato contro, altrimenti perché “cazzaro”?
      La squadra della lega e del berlusca avevano tutto l’interesse a che il drago restasse,
      Ma in previsione che pioveranno macine sull’Italia il draghi di komodo si è messo in salvo.

      "Mi piace"