Ce lo chiede l’Europa

Il canone Rai, giustizia e le notizie omesse.

(Stefano Rossi) – Quante volte abbiamo sentito “Ce lo chiede l’Europa”?

  1. Tra poco andremo a votare il Referendum sulla giustizia ma nessun quesito ha veramente accolto le richieste dell’Europa.

Il belga Didier Reynders, commissario europeo della giustizia, è preoccupato per il sistema italiano e per il numero dei giudici italiani: il più basso d’Europa. Forse avete sentito dire che ci saranno concorsi a rotazione per 1000 posti l’anno? O che i magistrati devono fare solo i magistrati e non dedicarsi ai lodi e arbitrati milionari?

2. Chi si ricorda il Mes? Quando bisognava denigrare e infangare il Prof. Giuseppe Conte, Renzi, Rosato, Zingaretti, Gentiloni e tutto il Pd, sostenevano che era meglio il Mes che il Recovery. Poi deve essere successo qualcosa. Come d’incanto il Mes è sparito dall’universo e oggi esiste solo il Recovery. Gentiloni disse che aveva firmato una carta con Dombrovskis per rendere “innocuo” il Mes. Si dimenticò di spiegare che il Mes altro non è che una serie di trattati internazionali firmati dagli Stati membri e che una cartuccella firmata da due persone al bar serve solo a pulire il tavolino.

3. L’Europa vuole che l’Italia tolga il canone Rai dalla fatturazione della luce perché viola le norme sulla correttezza e chiarezza delle voci indicate nella fattura.

Ma chi ha mai sentito dire che l’Europa ci chiede di togliere il canone Rai dalla fatturazione della luce?

Anzi, ecco cosa scriveva, nel 2005, la commissione dopo la denuncia Mediaset: “…il canone di abbonamento sembra concedere alla RAI un vantaggio finanziario di cui non godrebbe in normali condizioni di mercato…. Considerato che vi è distorsione di concorrenza ogniqualvolta l’aiuto rafforza la posizione concorrenziale del beneficiario rispetto ai suoi concorrenti, il vantaggio in questione è di natura tale da alterare la concorrenza tra la RAI ed altre imprese”. La commissione concludeva che il canone Rai era un aiuto di Stato.

Quando poi, nel 2016, il governo di centro-sinistra introduceva il canone Rai nella fattura della luce, la commissione è tornata ad affrontare il caso dichiarando, il canone Rai, onere “improprio” e che se vogliamo i soldi del Recovery si devono togliere di mezzo tutte le voci non solo improprie ma fuorvianti dalle fatturazioni dell’energia elettrica. Questo ce lo chiede, da tempo, l’Europa.

Qualcuno  ha sentito parlare di questo i tg della Rai?

8 replies

  1. Sbaglia l’ingenua Commissione a definire il canone come “aiuto di Stato”, il canone è mafia di Stato, serve a riempire poltrone, poltroncine, sedute e sgabelli, serve a controllare l’opinione pubblica, serve a far girare i soldi di produzione da una mano all’altra.

    Piace a 2 people

    • Essattamente! È un pizzo mafioso, come accade sempre e sistematicamente nel migliore dei sistemi mafiosi esistenti. Ma ormai ben sappiamo, che Stato e Mafia han in funzione una trattativa che aiuta vicendevolmente le due parti, ma a scapito dei poveri coglioni del popolino che rimangon incastrati nel mezzo, cioè noi-che-non-si-conta-un-ca§§o. 🤦🏼‍♂️

      Piace a 2 people