Senza Mosca termosifoni spenti

Può l’Italia rinunciare a breve termine al gas russo? No, a meno di non farsi molto male l’inverno prossimo e moderatamente quello dopo. Vogliamo dunque pagare in rubli? Non sia mai, i rubli no, però, insomma, un modo va trovato. […]

(DI MARCO PALOMBI – Il Fatto Quotidiano) – Può l’Italia rinunciare a breve termine al gas russo? No, a meno di non farsi molto male l’inverno prossimo e moderatamente quello dopo. Vogliamo dunque pagare in rubli? Non sia mai, i rubli no, però, insomma, un modo va trovato. Ma quando saremo indipendenti dalla Russia (e dipendenti dall’Algeria)? Se tutto va bene dal 2025. Sì, il discorso del ministro Roberto Cingolani nella sua informativa di ieri alla Camera è stato più articolato, ma la sostanza è questa e tanti saluti al “preferisce la pace o il condizionatore acceso” di Mario Draghi.

Andiamo con ordine. Questa è la previsione del governo secondo il titolare della Transizione energetica: “L’interruzione immediata dell’importazione di gas dalla Russia renderebbe critico il superamento dell’inverno prossimo”, che sarebbe “difficilissimo” perché “rimarremmo con gli stoccaggi al 40%”. Di che parliamo? “Per darvi un’idea, a inizio 2023 ci potrebbero mancare 10 o 15 miliardi di metri cubi su 76 totali, insomma un numero importante”, a spanne il 15-20% del fabbisogno di gas o, detto in altro modo, il 5-7% del mix energetico nazionale su cui il gas pesa per circa il 36%.

Cosa significa 10-15 miliardi di metri cubi? Basti dire che, sempre secondo Cingolani, le misure di risparmio già programmate tipo abbassare i consumi di riscaldamenti e condizionatori valgono due miliardi di metri cubi: per coprire gli altri 8-13 miliardi mancanti dovremmo distruggere domanda, cioè razionare elettricità/gas sia nelle case che nelle fabbriche (a non dire di prezzi in ulteriore aumento).

Insomma, se proprio dobbiamo rinunciare al gas russo che almeno si cominci dall’anno prossimo: “Un’interruzione a fine 2022 garantirebbe il riempimento degli stoccaggi, in modo concomitante alla crescita delle nuove e diverse forniture internazionali”. Non sarebbe comunque indolore visto che a oggi l’esecutivo ritiene che ci vorranno due anni per sostituire l’import dalla Russia grazie ai contratti firmati in Africa nelle ultime settimane: “Nel 2025, quando dovremmo essere lontani da questa fase, avremo sostanzialmente 25 miliardi di metri cubi che rimpiazzano i 29 attualmente importati dalla Russia” (il resto, molto poco, è affidato alla crescita delle rinnovabili). Questo se va tutto bene: “In tutti gli scenari è di fondamentale importanza che il primo rigassificatore galleggiante entri in funzione entro l’inizio del 2023” e il secondo “entro la fine del 2023 o al massimo l’inizio del 2024” altrimenti “non riusciamo a sostituire col Gln la parte di gas allo stato gassoso che ci viene a mancare”. È bene ricordare però che per nessuno dei due il contratto (se ne occupa Snam) risulta chiuso.

Domanda: perché Cingolani parla di stop alle forniture da maggio se il gas russo non è, né sarà messo sotto embargo? Perché tra due settimane Eni e le altre aziende che importano da Mosca dovranno pagare la prima tranche col nuovo sistema voluto da Vladimir Putin.

Com’è noto, il pagamento avviene in euro o dollari in un conto e poi – dice il ministro – “la Banca centrale russa in un paio di giorni li cambia in rubli e li deposita su un secondo conto, che è sempre aperto dall’operatore, che a quel punto dà un ok. La Russia considererebbe concluso l’acquisto quando viene dato l’ok, mentre per l’operatore europeo in realtà l’acquisto è concluso quando ha ricevuto la fattura in euro. Il problema sono quei due giorni di ‘cambio’, che vanno legalmente interpretati per capire se rappresentano una violazione delle sanzioni”. Su questo, dice Cingolani, l’Europa deve dare “indicazioni molto chiare” subito “perché già a metà maggio si dovranno fare dei pagamenti” e gli operatori “non possono rimanere col cerino in mano”.

Tutto il discorso è un messaggio a Bruxelles, dove lo scontro sul tema tra i Paesi Ue è durissimo. La commissaria all’Energia, Kadri Simpson (la sua Estonia è per l’embargo totale) ha sostenuto che dopo il blocco delle forniture a Polonia e Bulgaria, che avevano rifiutato di pagare in rubli, “ora le sanzioni devono colpire Gazprom”. Sarebbe solo un altro modo per chiudere i rubinetti.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

13 replies

  1. Sembriamo i sorci portati dal pifferaio a suicidarsi nel fiume….. se più della metà dell’energia elettrica è prodotta attraverso la combustione del gas, la risposta è chiara: NO.
    E adesso andremo a alimentarci e a alimentare la dittatura in Algeria.
    Che progetti geniali!

    Razionalizziamo i consumi, riduciamo e sistemiamo la rete elettrica nazionale e le sottostazioni. Perché non iniziate a investire anche in ricerca sui sistemi di accumulo? Sarebbe un’idea posizionare delle stazioni di accumulo che vadano a compensare i cali di rete e i picchi di dispersione.

    Piace a 1 persona

    • “…sorci portati dal pifferaio a suicidarsi nel fiume…”
      Il termine ormai entrato nell’uso comune è Eurolemmings 😁

      "Mi piace"

      • Grazie @LilianaDenisovic accolgo il suggerimento, anche se i sorci danno un’immagine più immediata della condizione in cui versiamo in Italia…i lemmings tra l’altro non sono “Brutti, sporchi e cattivi” (film di Ettore Scola) come noi, in perenne cattività, e brutalizzati e sfruttati dalla nostra classe dirigente.

        "Mi piace"

  2. ”’Tutto il discorso è un messaggio a Bruxelles, dove lo scontro sul tema tra i Paesi Ue è durissimo. La commissaria all’Energia, Kadri Simpson (la sua Estonia è per l’embargo totale) ha sostenuto che dopo il blocco delle forniture a Polonia e Bulgaria, che avevano rifiutato di pagare in rubli, “ora le sanzioni devono colpire Gazprom”. Sarebbe solo un altro modo per chiudere i rubinetti.”’

    DOMANDA: CHI ha dato tutto questo potere a quei 4 pidocchi delle repubbliche baltiche?

    Paesi dove i nazi li trovi anche nei sottoscala.

    E questo sarebbe l’occidente (piccolo) che vuole dare lezioni a Putin di democrazia: AH!

    Piace a 1 persona

    • Carolina , il mio commento era freddamente sarcastico .. o anche lei pensa che siamo tutti idioti ? Tanto da queste parti ne abbiamo in abbondanza.. a me basterebbe che non siano seduti in tutti i consigli e parlamenti europei .. già c è qualcuno che taccia il papa per un putinista .. dal mio punto di vista meritiamo tutti l estinzione ! Mi spiace solo per le meravigliose creature che nulla ci hanno fatto di male, che anzi ci hanno solo aiutato a sopravvivere! Nel caso non capisca parlo della specie animale di terra e di mare e cielo ! Noi uomini non siamo in grado di vivere in buona pace !e pensare che sono persino agnostica !

      "Mi piace"

      • L’ avevo capito, gentile @Manna, anche il mio. Ho dimenticato la faccina sorridente …

        Comunque temo che tutti dovremmo riflettere su un paio di cose:
        1) Gli idioti sono sempre, ma proprio sempre, gli altri.
        2) C’è un solo modo per mettere in cantiere una desiderata “estinzione”: cominciare con se’ stessi. Il risultato è duplice: intanto si comincia, poi una volta “dipartiti” noi, null’ altro, per noi, più esiste: l’ uomo è misura di tutte le cose… (ecc…ecc…)

        (Il tutto per scherzare , ovviamente…)

        "Mi piace"

  3. Il gas alternativo da quello russo è un pio desiderio, rigassificatori e navi che non esistono, gasdotti inesistenti, e quel poco disponibile sarà accaparrato dal miglior offerente visto che tutta l’Europa ne avrà un bisogno disperato.
    inoltre il poco che arriverà sarà minimo minimo 3 – 4 volte più caro di quello attuale, le nostre industrie collasseranno, perdita di competitività, perdita di materie prime, altro che termosifoni spenti,

    Piace a 1 persona

  4. Carolina , il mio commento era freddamente sarcastico .. o anche lei pensa che siamo tutti idioti ? Tanto da queste parti ne abbiamo in abbondanza.. a me basterebbe che non siano seduti in tutti i consigli e parlamenti europei .. già c è qualcuno che taccia il papa per un putinista .. dal mio punto di vista meritiamo tutti l estinzione ! Mi spiace solo per le meravigliose creature che nulla ci hanno fatto di male, che anzi ci hanno solo aiutato a sopravvivere! Nel caso non capisca parlo della specie animale di terra e di mare e cielo ! Noi uomini non siamo in grado di vivere in buona pace !e pensare che sono persino agnostica !

    "Mi piace"

  5. ” e moderatamente quello dopo.”

    magari pure quello dopo ancora o Palombi ha trovato il modo di avere metaniere e rigassificatori sul territorio italiano
    senza VIA(*) e senza i lacciuoli delle strutture pubbliche locali che devono dare il benestare?

    un rigassificatore non è una palazzina bifamiliare che in una anno una anno e mezzo la tiri su,
    inoltre deve pure avere accesso al mare, magari con buona profondità, altrimenti,
    più che metaniere, ci servono pedalò con i bomboloni

    * VIA Valutazione Impatto Ambientale

    “tipo abbassare i consumi di riscaldamenti e condizionatori”
    le vie dell’inferno (zona lago di Cocito, per intendersi) sono lastricate di buone intenzioni
    specie se ad averle devono essere gli altri
    lui, al ministero, starà sui 22-23°C (finestre aperte per il ricambio dell’ossigeno)

    "Mi piace"

    • @MarcoBo Draghi ha pieni e pure superpoteri! Altro che VIA e VAS, altro che Studio d’impatto ambientale, altro che lungaggini burocratiche!
      Ieri ha dichiarato che stanno autorizzato d’imperio una valanga di progetti FER, la centrale a Carbone di Civitavecchia, che doveva essere spenta a breve, lavora a pieno regime con autorizzazione governativa (interesse nazionale, dice lui) e siamo ancora in regime di Stato d’emergenza per COVID, ma nulla gli vieta di proclamarlo per l’energia, o per la guerra.
      Quando permetti a qualcuno di ergersi a deus ex machina, a Dux e imperatore, so’ cazzi amari.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...