A Nicoletta Casellati presenterei Mara, con il permesso di Giampaolo Pasolini

Ho sempre considerato Giovanna Maria Vittoria Alberti senatrice Casellati, fresca di candidatura al Quirinale per conto della Destra patriottica, una risorsa della Repubblica. Fonte di buon umore nei momenti più cupi. […]

(DI PINO CORRIAS – Il Fatto Quotidiano) – Ho sempre considerato Giovanna Maria Vittoria Alberti senatrice Casellati, fresca di candidatura al Quirinale per conto della Destra patriottica, una risorsa della Repubblica. Fonte di buon umore nei momenti più cupi. E anche stavolta – nel pieno del massacro in corso – non ci ha deluso. Anzi si è superata, quando ha celebrato, con qualche lacrima, Giampaolo Pasolini, autore delle “Ceneri di Giangi”, sommo intellettuale dell’altro secolo, ma così sommo che se lo avesse mai incontrato una sera a Padova, certamente avrebbe chiamato aiuto e forse anche i carabinieri.

Ascoltando la sua bella prolusione, mi sono ricordato della mia amica Mara che in quanto a non sapere nulla del mondo e vivere contenta, mi sembrava, fino a ieri, insuperata e insuperabile. Vi racconto. Non avendo mai letto un libro intero in vita sua, la mia amica Mara, signora d’attico romano, esperta d’aperitivi e chiacchiere, si mise in testa di iscriversi a un corso di teatro contemporaneo per diventare attrice. Al saggio di ammissione portò una poesia che aveva sentito una volta a scuola e che lesse con voce tonante, come immaginava si dovesse fare. Diceva così: “Eì fu. Siccome immobile/dato il mortal sospiro/ stette la spoglia immemore/orba di tanto spiro/così percossa, attonita/la terra al nunzio sta”. Eccetera.

A fine recita, tra risatine, colpi di tosse e occhi al cielo, i commissari le chiesero come mai, carissima signora, portava proprio quel bagaglio di poesia risorgimentale al saggio di teatro contemporaneo. E lei, che non sapeva niente di niente, sciaguratamente rispose: “Mi ha incuriosito perché è dedicata a Manzoni”. “In che senso dedicata”? E lei: “Alla fine della poesia c’è proprio la dedica: A Manzoni”. Due starnuti e un piccolo applauso salutarono la rivelazione. “C’è il punto!”, esclamò il più impaziente tra i commissari. “Che punto?” “Dopo la A maiuscola c’è il punto!”. “E allora?” chiese lei irritata dal trascurabile dettaglio. “Allora quella A col punto sta per Alessandro. Il nome del poeta”. Mara sbalordì, arrossì, uscì. Per entrare direttamente negli annali.

Toccherà anche alla nostra Nicoletta Letizia Alata Alberti senatrice Casellati. Peccato che neanche gli occhi sbarrati di Tracia Maraini, vedova di Agostino Moravia, amica di Giampaolo Pasolini, le abbiano suggerito di fermarsi, respirare, trovare il modo di arginare la sua stessa rovina con le scuse e la fuga. Invece niente. Imperturbabile è rimasta. Cocciutamente ignara. Come fu ai tempi in cui proclamò che davvero Ruby Rubacuori era la nipote di Mubarak, guadagnandosi la medaglia di “Zia di Ruby”. O quando venne pescata a volare sui voli di Stato, usati come suo personale vaccino anti Covid, per andare a casa o al mare senza incontrare l’odioso virus e i monatti al seguito. Sarebbe bello, se mai si riuscisse di trovare un suo portavoce non ancora licenziato (ne ha fatti fuori sette) per chiedere un appuntamento e presentarle Mara. Diventerebbero amiche al cento per cento: lo so, ma non ho le prove.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

6 replies

  1. In mezzo a tanto squallore e dolore un po’ di ironia non guasta.
    Purtroppo le persone come Mara e Giovanna, anche declinate al maschile, sono (siamo) moltissime.
    Cultura poca e voglia di conoscere ancora meno.
    Tutti dipendenti dalla displaycrazia .( @Massimo Pillera), che non porta sapienza , ma approssimazione e visioni distorte.
    Chi prova a scavare dentro le notizie è visto come un collaborazionista.
    Fortuna vuole , però, che ci siano posti virtuali come Infosannio, dove scrivono tante persone in gamba.
    Gianni

    Piace a 2 people

  2. andiamo, ve la prendete con la poveretta,
    è stato il suo addetto stampa e portavoce a farle il bieco scherzo,
    si è accorto che gli ha fatto la cresta sul suo compenso!

    Piace a 1 persona

  3. La nostra Imelda Marcos nazionale….l’abbiamo scampata come Presidente della Repubblica ma, troverà il modo di ammorbare la vita politica del Paese ancora a lungo…forse un giorno potremo ammirare la sua collezione di scarpe…..

    "Mi piace"

  4. Purtroppo non ci riesco.a scherzare sopra, cosa che faccio ad ogni occasione col suo amico delinquente. È ina persona squallida, ipocrita e viscida…insopportabile 1

    "Mi piace"