Il divario

(Massimo Gramellini – corriere.it) – Negli anni Cinquanta del secolo scorso, il capo della Fiat Vittorio Valletta guadagnava dodici volte più di un suo operaio. Pensate: Adriano Olivetti lo considerava un divario scandaloso. Adesso Valletta passerebbe per autolesionista. Secondo i dati diffusi ieri, durante la pandemia il rapporto tra lo stipendio degli amministratori delegati delle principali aziende americane e quello dei loro impiegati è salito da 192 a 1 (che era già una discreta enormità) a 245 a 1. Forse per scongiurare infarti o guerre civili, non è stato fornito il rapporto con la paga-base di operai e fattorini, che si trovano a un livello ancora più basso della catena alimentare.

Pur essendone stato uno dei massimi beneficiari, negli ultimi mesi della sua vita Marchionne era ossessionato dall’allargarsi dell’abisso economico tra pochi arcimiliardari e un ceto medio sospinto verso la soglia di sussistenza. Non che fosse diventato improvvisamente comunista. Il suo era anche un ragionamento pratico: «Qualcuno che compri una Ferrari si troverà sempre, ma in futuro chi potrà permettersi ancora di comprare una Panda?». In questi giorni guerrieri, si parla tanto di multipolarismo da contrapporre al modello unico angloamericano, ma davvero da qualche altra parte del mondo esistono politici più lungimiranti e coraggiosi, disposti a ristabilire l’aurea regola 1:12 che fu di Valletta? Qual è il rapporto tra i guadagni di Putin e quelli di uno dei soldati-ragazzini che manda a morire in Ucraina?

7 replies

    • Tu pensa solo se il mondo non fosse capovolto,
      oggi saresti col mocio
      a smacchiettare piastrelle intrise di piscio
      in prossimità di qualche water closet
      di qualche ufficio di Elkann,
      invece di anellare idiozie a senso unico,
      tirando in ballo distinti signori che hanno dimostrato, coi fatti, di avere una visione
      sana e lungimirante del mondo.
      Ma evidentemente non è il karma che avvolge la tue esistenze ma,
      era già segnato nel tuo crudo destino
      che dovevi, in qualche modo, leccare il piscio di Elkann, che da questa guerra,
      trae e trarrà sempre più vantaggi economici, come del resto ha sempre fatto tutta la sua dinastia, (avrei voluto scrivere razza)
      se si dovesse espandere

      E che te lo dico a fare!

      "Mi piace"

  1. Qual è il rapporto tra i guadagni di Putin e quelli di uno dei soldati-ragazzini che manda a morire in Ucraina?

    Ma che cazzo c’entra con l’articolo?
    Devo uscire di senno già a metà mattinata

    "Mi piace"

    • Infatti alla fine ci mette di mezzo Putin,,,, peccato però che il nostro gramellini non si chieda anche il rapporto tra Bezos e i suoi dipendenti in Amazon….

      "Mi piace"

  2. Era quasi andato bene,ma alla fine è ritornato in se stesso e ha messo di mezzo, guarda caso, Putin che comunque con quadri dirigenziali di aziende non c’entra una mazza.
    Sta di fatto che a me stava più sul gozzo il nostrano baffetto comunista in costume sul suo Ikarus,in barba o appunto baffetti al proletariato che diceva di difendere

    "Mi piace"