Manifesti contro no vax: “A Natale si entra solo in casa di vaccinati”

Tra le tante applicazioni del Super Green Pass, a Messina ci si è spinti oltre i limiti dell’immaginazione. Non pago degli obblighi vigenti, la struttura anti-Covid ha ideato una “curiosa” estensione del certificato: a Natale si entra solo in casa di vaccinati.

(DI LORENZO GIARELLI – Il Fatto Quotidiano) – Tra le tante applicazioni del Super Green Pass, a Messina ci si è spinti oltre i limiti dell’immaginazione. Non pago degli obblighi vigenti, la struttura anti-Covid ha ideato una “curiosa” estensione del certificato: a Natale si entra solo in casa di vaccinati. Per ora è il motto di una campagna di affissioni sui muri della città, ma il rischio è che qualcuno prenda la cosa seriamente.

Fatto sta che da qualche giorno in città sono comparsi alcuni cartelloni che dovrebbero sensibilizzare la popolazione a vaccinarsi. Si vedono due persone anziane, una adulta e due bambini con dei regali in mano. In basso, una scritta: “A Natale non entriamo in casa di non vaccinati”. Solo una delle due bimbe, immortalata con un’espressione che sembra inorridita, ben raffigura il sentimento provocato dallo slogan.

Una frase, quella sui non vaccinati, apparsa fin da subito parecchio discriminatoria tanto che diverse decine di persone sui social hanno protestato con il Commissario per l’emergenza Covid di Messina, Alberto Firenze.

È il suo Ufficio ad aver diffuso i manifesti, massacrati anche dall’ex consigliere comunale Santi Daniele Zuccarello: “Credo che non ci sia più nulla da aggiungere! Se tutto questo non fa sdegno a tutta la popolazione pro o contro, siamo messi male!”.

22 replies

  1. Ormai siamo in balia di una banda di psicopatici, prossimo passo lapidazione pubblica di chi non si vaccina, la realtà supera la fantasia più malata…

    "Mi piace"

    • forse non le è chiaro

      lo farebbero per il vostro bene
      i vaccinati, in qualche modo anche se contagiati dovrebbero scamparla
      ognuno a suo modo come natura permette

      ma un non vaccinato ha un 2.5 % di probabilità di finire steso per sempre
      e un poco di più di finire ricoverato in sub intensiva, mentre lo 0.29 % di loro
      avrebbe la strada aperta verso la terapia intensiva
      sono valori ricavati dai dati odierni

      certo, può sempre affidarsi al qulo di essere tra quelli asintomatici e poco sintomatici
      le percentuali, al momento, sono più alte, per fortuna, ma nessuno ha la certezza
      che gli capiti quel biglietto

      comunque io sono più drastico
      per non infettare nessuno non vedrò nessuno, fanciuffo le festività

      Piace a 1 persona

  2. A questo punto è lecito fargli i migliori auguri.Di passare un ottimo natale, e passare oltre Lasciamo che si impestino tra loro. Il non vaccinato se ne sta tranquillo a casa sua a “godersi lo spettacolo”.

    "Mi piace"

    • lei presumo sia un seguace del denisoviano che oggi pomeriggio, ai Giardini Margherita a Bologna,
      arringava una imponente folla (forse 1000-1500 persone, bisogna sentire la questura in merito)
      imitando il Grillo degli spettacoli pre 5*, forse lo penso per via dell’accentazione del parlare,
      e già dire parlare è fargli un complimento, visto che erano offese e parolacce a pioggia
      e non faccio il moralista, ma un 15enne intercala parolacce per rafforzare i suoi pensieri (altro regalo)

      io non ero li per constatare quanto inutili e dannosi siano questi personaggi, ero andato per stare
      in pace, all’aperto visto che era soleggiato, purtroppo me ne sono dovuto andare
      dal disgusto e dal fastidio di sentirlo sberciare le solite cose, pur essendo stato dalla parte
      opposta

      sberciava su cose tipo
      la scienza non è un monolite, la vera scienza si mette sempre in discussione (ovviamente il
      sotto testo era “i vaccini sono sperimentali e contestarli è cosa doverosa”
      il tomo però o ignora, o fa finta di non sapere, che è si vero che la scienza non è una religione
      inamovibile, ma che per modificare le attuali teorie confermate si deve passare per
      le ipotesi, le tesi e la conferma sperimentale di queste, inoltre devono essere riverificate da terzi
      e solo in questo caso i paradigmi cambiano, ecco tutto ciò nella vostra narrazione manca

      sempre a tirare in ballo il caso della sfortunata ragazzina che è deceduta a causa di reazioni avverse,
      ma nascondendo la montagna di no-vax deceduti che sta crescendo e dei rinsaviti
      che pure loro sono in crescita.

      e poi, sempre per lui, i no-vax sono 10 milioni
      ora, se la matematica non è cambiata, in Italia saremmo grossomodo 60 milioni, se si tolgono
      i non vaccinabili per legge (che non vi potete mettere in saccoccia come persone che hanno deciso)
      ovvero i 0-12 si arriverà a 55.5 milioni poi ci sono i guariti altri 5 milioni e rotti e fanno 50 milioni
      (conti del servo, eh!), se togliamo a questi i numeri rilevati dal report vaccini,
      che converrà è più preciso di quelli del denisoviano di cui parlo, ovvero 45.9 milioni, il resto è 4.1
      arrotondiamo pure a 5 milioni
      dove sarebbero nascosti gli altri cinque milioni?

      poi per fortuna sono uscito ed ho smesso di sentire quelle cialtronaggini.

      "Mi piace"

      • Esatto, Marco Bo: i numeri, come ho fatto presente anch’ io altrove, sono questi. Anche se ci fosse un “obbligo” – ripeto, dovrebbe essere per tutti e voglio vedere i carabinieri entrare con le siringhe in un campo rom: neanche l’ obbligo scolastico, per non parlare di quello vaccinale per i bimbi, si fa rispettare lì – più di così i numeri non crescerebbero.
        A meno che i Migliori non decidano di fare, nei confronti dell’ Europa, quelli che “hanno il popolo in pugno” ( di questo passo è possibile). A questo punto consiglierei i novax di farsi ospitare in un campo rom, o in uno stabile occupato da decenni: saranno intoccabili. Dai carabinieri… dal virus non ci giurerei…

        "Mi piace"

  3. Non guardate troppa tv, provate a prendere un treno di pendolari o un bus, e poi vediamo se il problema sono i no Vax.
    Hanno creato una guerra per farvi  credere che il problema sia chi non si vaccina. Ci sono sempre più persone che diventano povere, il lavoro sempre più precarizzato e la sanità pubblica depotenziata a favore di quella privata ecc..
    Ho il green pass, ma non mi faccio infinocchiare da questa becera propaganda, qualche dubbio lo fanno venire. Pensate che dopo la terza dose non ci spingeranno a fare la quarta

    "Mi piace"

    • Giustissimo: le epidemie sono emergenze ed ini Italia le emergenze sono funzionali allo “status quo”. Per me lo stato dei trasporti pubblici (e non penso che la gente si voglia intruppare al tram, ci sta e basta) e’ una ragione per sparare alle gambe di qualche Ministro/a. Se la Finanza avesse passato un paio d’anni infilzando e friggendo qualche bel pesce grasso tutto ‘sto bordello no-qualcosa avrebbe avuto – credo – dimensioni piu’ ridotte; ma questa e’, a questo punto, una mia masturbazone mentale.

      "Mi piace"

  4. Auguro a tutti i convinti vaccinati, un natale felice e gioioso, con il consiglio di abbracciarvi , di baciarvi e ballare stretti stretti, come fosse l’ultimo natale. Burioni ipse dixit

    "Mi piace"

  5. “Se tutto questo non fa sdegno a tutta la popolazione pro o contro, siamo messi male!”.

    Ma quale popolazione? Quella che ha eletto quell’ominide sindaco?

    "Mi piace"

  6. “Quando la peste bubbonica colpì Ginevra nel 1530, tutto era già pronto. Fu persino aperto un intero ospedale per gli appestati. Con medici, paramedici e infermieri. I commercianti contribuivano, il magistrato dava sovvenzioni ogni mese. I pazienti davano sempre soldi, e se uno di loro moriva da solo, tutti i beni andavano all’ospedale.

    Ma poi è successo un disastro: la peste andava spegnendosi, mentre le sovvenzioni dipendevano dal numero di pazienti.

    Non esisteva questione di giusto e sbagliato per il personale dell’ospedale di Ginevra nel 1530.
    Se la peste produce soldi, allora la peste è buona. E poi i medici si sono organizzati. All’inizio si limitavano ad avvelenare i pazienti per alzare le statistiche sulla mortalità, ma si sono presto resi conto che le statistiche non dovevano essere solo sulla mortalità, ma sulla mortalità da peste.
    Così cominciarono a tagliare i foruncoli dai corpi dei morti, asciugarli, macinarli in un mortaio e darli agli altri pazienti come medicina. Poi iniziarono a spargere la polvere sugli indumenti, fazzoletti e giarrettiere. Ma in qualche modo la peste continuava a diminuire. A quanto pare, i bubboni essiccati non funzionavano bene.

    I medici andarono in città e di notte spargevano la polvere bubbonica sulle maniglie delle porte, selezionando quelle case dove potevano poi trarre profitto. Come scrisse un testimone oculare di questi eventi, “questo rimase nascosto per qualche tempo, ma il diavolo è più preoccupato di aumentare il numero dei peccati che di nasconderli.”

    In breve, uno dei medici divenne così impudente e pigro che decise di non vagare per la città di notte, ma semplicemente gettò un fascio di polvere nella folla durante il giorno. Il fetore saliva al cielo e una delle ragazze, che per un caso fortunato era uscita da poco da quell’ospedale, scoprì cosa fosse quell’odore. Il medico fu legato e messo nelle buone mani degli ‘artigiani’ competenti.
    Hanno cercato di ottenere più informazioni possibili da lui. Comunque, l’esecuzione è durata diversi giorni.

    Gli ingegnosi ippocrati venivano legati a dei pali su dei carri e portati in giro per la città. Ad ogni incrocio i carnefici usavano pinze arroventate per strappare loro pezzi di carne. Venivano poi portati sulla pubblica piazza, decapitati e squartati e i pezzi venivano portati in tutti i quartieri di Ginevra. L’unica eccezione fu il figlio del direttore dell’ospedale, che non prese parte al processo ma spifferò che sapeva come fare le pozioni e come preparare la polvere senza paura di contaminazione. Fu semplicemente decapitato ‘per impedire la diffusione del male’”.

    François Bonivard, Cronache di Ginevra, secondo volume, pagine 395 – 402 –

    "Mi piace"

  7. Ah, com’era quella dei no-vax che ‘odiano’ gli altri, tipo la Lucarelli?

    Qui arriviamo alla stella di Davide impressa sul petto dei novax, non c’é niente da fare.

    Ma dove sono i difensori della Costituzione, quelli Honesti, quelli che sono per la libertà?

    Tutti a leccare il Drago, che nel frattempo usa 200 mln per i disabili per ridurre la bolletta energetica.

    Maledetti.

    "Mi piace"