Vittorio Feltri: “Una bottarella sul culo non è violenza, è tutto esagerato”

(La Zanzara – Radio24) – “Greta? È tutto esagerato. Il gesto che ha fatto quel tizio è di una cafoneria insopportabile, io non lo farei mai. È un imbecille, ma non è un’aggressione, è uno schiaffetto sul culo. Fare passare questa cosa come una violenza sessuale mi sembra un’esagerazione insopportabile”.

Così Vittorio Feltri a La Zanzara su Radio 24 sul caso di Greta Beccaglia, la giornalista di Toscana Tv molestata in diretta sabato scorso. “Lui – prosegue Feltri – deve chiedere scusa, ma quando sento che si propongono dai sei ai dodici anni per una palpata di culo mi sembra eccessivo. Poi pensatela come volete”.

“È una molestia – dice ancora Feltri – ma la violenza è altra cosa. È chiaro che se stai facendo la tua trasmissione e ti toccano il culo ti scoccia. È stato un raptus, le ha toccato il culo non è che glielo ha sfondato. È uno scemo, un minorato. Non è avvenuto altro, è stata una cafonata, una cosa schifosa che va condannata. Ma da lì a passare come violenza, dai… Non è violenza. Non è durata dieci minuti, è una pacca sul culo, non l’ha presa e sbattuta… ma quale aggressione su…”.

Ma la violenza è anche questa, ribatte David Parenzo: “Ma una bottarella sul culo non è un pugno in faccia. Non è violenza, impara l’italiano”. E il conduttore Micheletti è stato accusato per una frase estrapolata ed è stato sospeso: “Questa è una mascalzonata”.

10 replies

  1. GENTILE vITTORIO, credevo che il politicamente corretto stesse avendo un calo ed invece è piu’ vivo che mai.

    "Mi piace"

  2. Bisogna sempre ricordare che questo buon’uomo è pagato per difendere le marachelle del suo padrone. Normale che difenda uno dei piccoli emuli del suo capo.

    Piace a 2 people

  3. Per una volta tanto condivido ciò che dice, trovo che tanto clamore copra notizie più importanti come al solito. Come rischio professionale poi penso ai giornalisti in guerra, un po di misura .

    Piace a 1 persona

  4. Per una volta son d’accordo con Feltri si sta esagerando.E stata una goliardata un po’ spinta.Quel poveraccio si è già pentito e piange come una capra.Rischio di 10 anni ? Ma stiamo scherzando .Ma è chiaro che la giornalista( ?) ci marcia.Avra visto un aumento in futuro…

    "Mi piace"

    • Suvvia Luigi, ti pare possibile che nel paese dei balocchi e delle leggi ad personam per delinquenti di ogni risma che collezionano pene che si chiamano permessi premio, possano dare 10anni a questo tizio?
      È tutta una manfrina dei lacché del signore dei bunga bunga per gridare “dagli al manettaro”. In vista di future nuove agili prescrizioni.

      Piace a 1 persona

  5. Secondo me è dovuto al fatto che la giornalista si chiama GRETA.

    Non vi pare un interessante caso di OMONIMIA?

    Io quando l’ho sentito avevo capito che avevano tastato la Thurnberg.

    "Mi piace"

  6. ma in altri paesi si scatenano battaglie del genere ? ha ragione Feltri. Il politicamente corretto purtroppo è molto vivo.Quelli che condannano la mano sul culo sisentono tutti dalla parte giusta. Ma, chiedo a loro, se quel tifoso avesse toccato una cosciam pur vestita, sarebbe stato colpevole ? e il ginocchio? o u fianco basso ? dove comincia e dove finisce il culo? pardon, il sedere. No, pardon, il lato B. ? Stanotte non ho dormito.

    "Mi piace"

  7. L’emittente Toscana tv poteva inviare sul campo molti dei suoi collaboratori , tutti bravi come la signorina oggetto dell’ “affronto”. Perchè ha invece mandato lei con telecamera a riprenderla ? Lascio a voi la risposta.

    "Mi piace"