Nuovo record del debito pubblico italiano!

(ANSA) – Nuovo record del debito pubblico italiano. A giugno, secondo le rilevazioni della Banca d’Italia nella pubblicazione sulla Finanza pubblica, il debito delle Amministrazioni pubbliche è aumentato di circa 9,2 miliardi rispetto al mese precedente, risultando pari a 2.696,2 miliardi.

Il fabbisogno (15 miliardi) e l’effetto di scarti e premi all’emissione e al rimborso, della rivalutazione dei titoli indicizzati all’inflazione e della variazione dei tassi di cambio (che hanno complessivamente aumentato il debito per 0,9 miliardi) hanno più che compensato la riduzione delle disponibilità liquide del Tesoro (6,8 miliardi, a 84,4).

Con riferimento alla ripartizione per sottosettori, il debito delle Amministrazioni centrali è aumentato di 9,3 miliardi, mentre quello delle Amministrazioni locali è diminuito di quasi 0,2 miliardi; il debito degli Enti di previdenza è rimasto sostanzialmente invariato. La quota del debito detenuta dalla Banca d’Italia è stata pari al 23,0 per cento (22,7 nel mese precedente); la vita media residua del debito è rimasta stabile a 7,5 anni.

7 replies

  1. Questa dell’Ansa è, chiaramente, una fake news. NON è, infatti, assolutamente possibile che il governo dei migliori abbia fatto esattamente, in materia, quanto gli altri. Questi sono i MIGLIORI, mica le mezze calzette di prima, giustamente condannate da Confindustria, borsa, finanza, Europa, TUTTI i mezzi di comunicazione etc.ra. Chissà perché ma, per assonanza, mi vengono in mente i MAGLIARI.

    "Mi piace"

    • Signor Paolo, condivido la sua opinione. Il fatto che l’Agenzia di Stampa nazionale si metta a raccontare certe storie mi conferma che i Poteri Forti vogliono mettere i bastoni tra le ruote dell’agenda di Mario Draghi.

      "Mi piace"

  2. Nientedimeno gli enti locali hanno risparmiato.
    Se qualcuno mai commentasse questa notizia vedrete che ci spiegheranno come questi aumenti siano dovuti alla gestione precedente.
    Abbiate fede!

    "Mi piace"