Massimo Cacciari: Mps, chiunque faccia politica nel centrosinistra conosce la ‘fogna’ di Siena”

Da www.iltempo.it) – Gli scheletri nell’armadio della sinistra tirati fuori e fatti venire alla luce da Massimo Cacciari.

Negli ultimi giorni la storia del possibile acquisto del Monte dei Paschi di Siena da parte di Unicredit ha scatenato enormi polemiche, visto che Pier Carlo Padoan è l’attuale presidente dell’istituto di credito è stato ministro dell’economia dal 22 febbraio 2014 al 1 giugno 2018 nei governi guidati da Matteo Renzi e Paolo Gentiloni.

Cacciari parla del problema Siena partendo dalla candidatura di Enrico Letta nelle elezioni suppletive: “Per forza doveva candidarsi. Può il leader del Partito Democratico restare fuori dal Parlamento? No.

Caso Monte Paschi? Ma non è certo di oggi. Non c’è un leader di Centrosinistra che abbia più di 30 anni che non conosca vita, morte e miracoli delle nefandezze compiute dalla sinistra e anche da altri a Siena da un secolo a questa parte. È  il segreto di Pulcinella. Qualunque persona che faccia politica a sinistra o nel Centrosinistra e che abbia almeno 50-60 anni conosce la ‘fogna’ di Siena”.

“L’ammanigliamento totale – spiega meglio Cacciari ad affariitaliani.it – tra il potere finanziario e le strutture politiche e sociali della città. L’unica eccezione sono i quartieri del Palio, che si sono sempre arrangiati per conto loro. Padoan? Nulla di nuovo. Sono successe – evidenzia il filosofo ed ex sindaco di Venezia -cose analoghe anche in Germania e negli Stati Uniti.

Il capitalismo attuale prevede una totale simbiosi tra i grandi poteri della finanza e la politica. Sbaglio o l’ex Cancelliere tedesco di sinistra Schroeder andò a guidare il colosso russo del petrolio? E allora, di che cosa stiamo parlando?

Sono argomenti che spiego da tempo e che vado in giro a predicare da anni, poi – conclude Cacciari, che gli scorsi giorni ha fatto discutere per le sue parole sul green pass – ci si stupisce di cose ovvie”.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

13 replies

  1. Ahahahah.
    Cacciari Cacciari…..
    La vecchiaia tira brutti scherzi.
    Perché fai il vago lanciando la pietra e nascondendo la mano?
    FUORI I NOMI se volessi essere credibile!!

    MPS
    La banca dove, DA SEMPRE, Berlusconi tiene i suoi conti personali, extra aziende.
    La banca gestita DA SEMPRE dalla massoneria, infatti il nome di un suo amministratore delegato fu trovato nelle liste della P2.
    La banca da cui si sono riforniti di capitali senza restituirli, nomi famosi della prenditoria italiana.
    La banca che acquistò l’Antonveneta ad un prezzo maggiorato del 50% rispetto a quello pagato 6 mesi prima dalla spagnola Santa der, differenza probabilmente divisa in una ma i mazzetta fra banchieri e politici.
    La banca che, sfondata finanziariamente da quell’operazione, cercò di coprire i buchi di bilancio con strumenti derivati che finirono con l’affossarla definitivamente.
    Poi arrivò Renzi e le sue garanzie statali, estese pure alle obbligazioni dopo che ne aveva fatto incetta un noto finanziere Leopoldino con sede a Londra, acquistandole a 20 cent del valore nominale per il rischio bail in e ritrovatesele magicamente a 1, con un ritorno del 500%.

    Però allo smemorato Cacciari e al suo conterrone nordico Zaia chiederei conto delle BANCHE VENETE.
    BPVicenza gestita dal vignaiolo Zonin e Veneto Banca sono stati due fallimenti MILIARDARI messi in conto agli italiani, costretti a rimborsare i risparmiatori speculatori veneti che si erano lasciati ingolosire dai rendimento stratosferici offerti per le azioni, non quotate, e le obbligazioni senza porsi domande.
    Poi le due fallite furono assegnate a Banca ISP che in cambio di 1 €URO di cifra d’acquisto simbolica le acquistò con una dote di 5 MILIARDI di EURO cash a carico di Pantalone.
    Oppure potrei ricordargli Banca Popolare di Verona, carica di crediti inesigibili e che trovò riparo nel matrimonio con il Banco Popolare di Milano, affossandola pericolosamente e trascinandola in una situazione difficile da cui solo ora stanno uscendo.

    Ma il suo ditino alzato, contro i ladroni veneti, perché non lo ha mai mostrato?
    Le porcate ladronesche sul Mosè gridano vendetta, ma quelle sui disastri finanziari bancari ancor di più.
    Ma i politici veneti, TUTTI, sono una banda di scimmie che non vedono, non sentono e non parlano.
    🙈🙉🙊💩💩💩

    "Mi piace"

    • Scusa Jerome, ma se unicredit comprerebbe di mps solo le parti sane, e le parti in perdita deve accollarsele lo Stato, a che serve l’offerta di unicredit? Perché non può rimanere sotto il controllo dello stato ed essere solo ristrutturata?

      "Mi piace"

      • Ecco la letterina promessa:

        “…la congiunzione SE può reggere il condizionale se ha significato causale. Quindi ‘se unicredit comprerebbe’ = ‘visto che unicredit comprerebbe’; ‘se unicredit comprasse’ = ‘nel caso in cui unicredit comprasse’. Sottolineo che la spiegazione data dallo scrivente [la gradassa, ndr] non è accettabile, perché, come dice lei, non è possibile per il lettore inferire la parte considerata implicita.”.

        AHAHAH… Se vuoi c’è qualche lavagna nella mia scuola da pulire… Anche qualche c3sso, ma quelli, per cavalleria, te li risparmierei … ahahah…

        "Mi piace"

  2. Oddio mio.
    Guarda non posso nemmeno dirti di rifare le medie, allora te lo scrivo a stampatello
    Se (la posta è che) unicredit comprerebbe.

    Sei geloso? Perché ho scritto a Jerome???
    Vediamo, a te che posso chiedere?
    Hummmmm.

    "Mi piace"

    • Ecco la letterina promessa:

      “…la congiunzione SE può reggere il condizionale se ha significato causale. Quindi ‘se unicredit comprerebbe’ = ‘visto che unicredit comprerebbe’; ‘se unicredit comprasse’ = ‘nel caso in cui unicredit comprasse’. Sottolineo che la spiegazione data dallo scrivente [la dradassa, ndr] non è accettabile, perché, come dice lei, non è possibile per il lettore inferire la parte considerata implicita.”.

      AHAHAH… Se vuoi c’è qualche lavagna nella mia scuola da pulire… Anche qualche cesso, ma quelli, per cavalleria, te li risparmierei… ahahah…

      "Mi piace"

  3. @ Jerome
    Hai dimenticato la ” Pedemontane Veneta ” anche se per ora è tutto da divenire e da scoprire! Ma per Cacciari niente da dire o è ta sua insaputa ? Amnesia incolpevole o obnulescenza voluta ! Diamo tempo al Tempo !

    "Mi piace"

  4. Ma che hai scritto la letterina?
    ma avevo torto marcio, quanto sei imbelle!!!
    SUl serio non te ne eri accorto?

    "Mi piace"

    • Secondo te non me ne ero accorto? ahaha… Per cosa credi abbia scritto la letterina al Prof.? Se non l’avessi fatto, con le zappe che girano qui, ti saresti portato a casa il righello come trofeo, l’avresti sfangata come è tua abitudine e avresti aggiunto un’altra tacca sull’opera ominia. Tu piuttosto, ti sei accorta prima della letterina che avevi torto marcio? Il dubbio è fortissimo…

      "Mi piace"