Un cazzaro a guardia dei privilegi

(Gaetano Pedullà – lanotiziagiornale.it) – Tra i consueti e abbondanti insulti di giornata, ieri su Twitter me ne sono beccato uno a metà con Travaglio per aver denunciato la vergognosa restituzione del vitalizio a Formigoni e, di conseguenza, agli altri senatori condannati. La Notizia e il Fatto – è stato scritto – raccontano balle perché nessun altro giornale parla di questa schifezza. Ergo, il sottoscritto e Travaglio siamo “cazzari”.

Ovviamente nel corso della giornata sono intervenuti duramente Conte, Di Maio, Taverna e molti altri portavoce 5 Stelle, mentre a Palazzo Madama Toninelli e i colleghi del gruppo facevano casino in Aula, impedendo alla stampa nazionale di continuare a far finta di niente. Ora basterebbe questo per dimostrare ai più scettici quanto serva alla trasparenza della politica una forza come il Movimento, capace di squarciare un velo su pratiche che in passato rimanevano nelle segrete stanze, con scarse possibilità di finire in pasto all’opinione pubblica.

Ma la conoscenza di questi privilegi, oltre a confermare quanto sia messa male l’informazione, permette di capire chi mente quando giura di voler cambiare il sistema. Nella Commissione di Garanzia del Senato, dove non ci sono componenti M5S, a votare per la restituzione dei vitalizi sono stati due esponenti della Lega e uno di Forza Italia. Se fosse vero quello che dice Salvini tra una foto in spiaggia e l’altra in cucina, il Carroccio avrebbe dovuto espellere all’istante i suoi due senatori. Circostanza non pervenuta. Quindi in questa storia un “cazzaro” c’è davvero. E non serve Sherlock Holmes per trovarlo.

12 replies

  1. Quello che non riesco a spiegarmi, a capire….come caxx viene nominata codesta caxx di commissione garanzia? Due della lega…e per quale caxx di sacrosanto motivo, ragione o, meglio, mistero? ??? Possibile mai che bisogna accettare tutto questo soprattutto da parte del M5S??? CHE CI STANNO A FARE I LORO PARLAMENTARI SE CONSENTONO QUESTE NOMINE???? QUALCUNO ME LO SPIEGA???

    "Mi piace"

    • Non è colpa dei parlamentari M5S, la scelta è della presidente Casellati , un rappresentante del movimento c’era
      ma è passato alla Lega, i parlamentari non possono fare niente che ci piace o no , le regole sono queste

      Piace a 1 persona

      • @Tracia,
        Per correttezza il componente del M5s era passata alla Lega, dove a essere sostituito da un altro M5S.
        E della Lega doveva essere comunque uno , anche perché avevano -e hanno- la metà dei seggi rispetto ai grillini.

        Piace a 1 persona

      • x Maristella , mi dispiace ma non poteva essere sostituito da un altro M5S

        Consiglio di garanzia del Senato

        XVIII Legislatura (dal 23 marzo 2018)

        QUESTA E LA COMPOSIZIONE STORICA DAL 23 MARZO 2018

        Membri effettivi
        Componenti Gruppi di appartenenza Periodi di appartenenza
        BALBONI Alberto
        FdI Membro dal 23 ottobre 2018

        GRASSI Ugo
        M5S Membro dal 23 ottobre 2018 al 19 febbraio 2019
        Fino all’11 dicembre 2019 M5S
        Dal 12 dicembre 2019 L-SP-PSd’Az Vicepresidente dal 20 febbraio 2019

        PEPE Pasquale
        L-SP-PSd’Az Membro dal 23 ottobre 2018

        VALENTE Valeria
        PD Membro dal 23 ottobre 2018

        VITALI Luigi
        FI-BP Membro dal 23 ottobre 2018 all’11 febbraio 2019
        FI-BP, poi FIBP-UDC Presidente dal 12 febbraio 201

        I componenti, tra i quali vengono eletti il Presidente ed il Vice Presidente del Consiglio di Garanzia, durano in carica
        TUTTA LA LEGISTRATURA

        NON POTEVA ESSERE SOSTITUITO DA UN ALTRO M5S

        Grassi Ugo era M5S al inizio legislatura, componente e vicepresidente del consiglio di garanzia , poi lasciato M5S, passato alla Lega
        ma come vedi è rimasto anche come vicepresidente anche se ha cambiato partito

        In pratica il tribunalino interno del Senato ha confermato la sentenza della commissione Contenziosa, che il 13 aprile aveva restituito il vitalizio a Formigoni. E anche nella commissione Contenziosa è stato decisivo il voto di Alessandra Riccardi nella commissione
        inizio legislatura con M5S e poi passata alla Lega.

        Alessandra Riccardi e Ugo Grassi sono stati fondamentali per restituire il vitalizio a Formigoni .
        Una decisione particolarmente delicata quella presa prima dalla commissione Contenziosa, di cui fa parte Riccardi, e poi confermata dal consiglio di Garanzia di qui fa parte Grassi.

        Piace a 1 persona

      • Infatti per me sono da scorticare vivi gli eletti del M5S passati alla Lega. Possibile che nessun cittadino li aspetti fuori per prenderli a calci nel culo?

        "Mi piace"

    • vorrei sommessamente ricordare che i politici che si son dati il giallo come colore simbolo (il giallo sindacalmente era simbolo del tradimento dei lavoatori.. da parte di certi sindacati), hanno votato l’elezione a presidente del senato che d’ufficio diventa pure presidente della commissione garanzia per le scorribande di quei politici corrotti e corruttori…!
      la domanda, allora, é: perche i gialli hanno votato la “vien dal mare” come presidente del senato?
      forse per ottenere dal mafiosi arcoriano il lasciapassare ai ladroni padani di formare un governo coi gialli traditori del mandato elelttorale che avevano chiesto agli elettori onesti di questo di sgraziato paese…?
      ai posteri l’ardua scoperta della verità…!
      una cosa é, però, certa: i gialli hanno tradito la parte onesta del paese…vendendosi per trenta denari e un piatto di lenticchie!!!

      "Mi piace"

  2. “Gli inorriditi di queste ore si stracciano le vesti per lo “scatarro” di Azzolina ma trovano del tutto influente la corruzione di Roberto Formigoni, che tolse milioni di euro ai malati lombardi per i suoi sollazzi (lo spiegò bene il pm durante il processo). E, poiché nella stragrande maggioranza soffrono di una codardia cronica, non si assumono la responsabilità di spiegare perché dovrebbe essere un diritto ricevere un vitalizio da uno Stato che si è frodato, ma ci tengono a sottolineare come il problema italiano sia l’ecologia lessicale di Azzolina”

    Lucia Azzolina
    @AzzolinaLucia
    Come scatarrare sui cittadini onesti… il post della Azzolina contro conferma vitalizio Formigoni

    Un post di un cittadino “onesto” in risposta a Azzolina

    Francesco Casati
    @FranklinCasati
    Replying to
    @AzzolinaLucia
    Con i soldi che restituite ci paghiamo Formigoni dovete impazzire!

    Il 50% la pensa come questo signore, ma voi grillini continuate a sccanarvi sui social tra di voi – Conte si, Conte no,
    Casaleggio si ,Casaleggio no, Di Battista si, Di Battista no .

    Piace a 1 persona

  3. Tutto per non parlare di DURIGON, che andava cacciato a pedate nr culo. DRAGHI DOVE SEI!? E per non parlare dei voli della CASELLATI vien dal mare? Sveglia!?!?!?!?

    Piace a 1 persona

  4. Immenso Gaetano!! Non a caso Gaetano, Marco Travaglio e Tommaso Merlo sono i miei tre giornalisti prediletti che leggo ogni mattina!!! Troppo grandi, fortuna che ci siete voi!!

    Piace a 1 persona

  5. I 5 stelle fanno ” casino” per gli spropositi di leghisti e berlusconiani? Ma non ci governano insieme? Quando hanno fatto l’enorme CAXXTA di seguire Grillo, il suo governo di unità nazionale e la transizione ecologica cosa credevano di trovare? Gente che si era ravvenduta sulla via di Damasco? Oppure non li avevano visti all’opera con PD e Meloni e La Russa per anni? Che cosa o chi li ha obbligati a autocondannarsi al disprezzo dei loro elettori? Questo m5s è morto. Ne sorgerà un altro. Però, che peccato…

    "Mi piace"

  6. MATTARELLA… ma un monito sul vitalizio ai disonorevoli senatori, no?

    Un monito sui voli della Casellati, no?

    Un monito su Durigon e il suo ‘generale telecomandato’, no?

    No, appunto.

    Ma attenzione: bisogna rispettare e temere le istituzioni. Come il dio di Abramo, intendo.

    Piace a 2 people

    • Cos’altro aspettarci da un presidente eletto dal bomba? Abbiamo tentato col M5S fallendo miseramente e avallando la tesi storica per cui le vere rivoluzioni non possono che essere violente.

      "Mi piace"