Mancano i camerieri. Ovvio: sono tutti sul sofà, fannulloni!

(di Silvia Truzzi – Il Fatto Quotidiano) – Chi se lo fa il sofà? I pelandroni che non hanno voglia di lavorare! Cari lettori, voi non sapete che effetti drammatici ha sull’economia quest’oggetto dei desideri dei fancazzisti di tutto il mondo.

Danni incalcolabili. Sentite qua: “Non si trovano più camerieri e lavoratori per le attività stagionali, per questo alcune attività non riapriranno. Bene, questo è uno dei risultati paradossali dell’introduzione del Reddito di cittadinanza. Se mi dai 700 euro al mese e vado a fare qualche doppio lavoro non ho interesse ad alzami alle sei e ad andare a lavorare in una industria di trasformazione agricola”. Uno pensa: l’avrà detto Briatore. Invece no, è un pregevole distillato di una delle ultime dirette Facebook del presidente della Campania, Vincenzo De Luca. Come i compagni del Pd si approcciano alle questioni del lavoro non c’è nessuno.

È noto che tra i percettori del Reddito di cittadinanza quelli che arrivano a prendere 700 euro sono pochissimi, ma a parte questo è una bugia malevola dire che le misure di sostegno alla povertà siano un incentivo a non lavorare. Se ne sono accorti perfino negli Stati Uniti, che non sono esattamente la patria dello Stato sociale. Leggiamo sul Corriere che a Stockton, città di 300 mila abitanti della Central Valley agricola della California, l’ex sindaco Michael Tubbs “ha iniziato quasi due anni fa, nel 2019, a versare 500 dollari al mese a 125 famiglie indigenti”, esaminando i loro comportamenti e confrontandoli con quelli di altre famiglie in condizioni analoghe che non avevano ricevuto il sussidio. Risultato: le famiglie hanno usato il denaro in modo costruttivo (37% per acquistare cibo, l’1% per alcolici), riducendo il loro indebitamento e sfruttando meglio le occasioni di lavoro: all’inizio del programma solo il 28% dei beneficiati aveva un lavoro fisso a tempo pieno, alla fine questa quota era salita al 40% mentre il numero delle famiglie che stanno rimborsando i loro debiti è salito dal 52 al 62%. Dice l’ex sindaco: “Il principale risultato del nostro esperimento è la dimostrazione che aiutare i più poveri con distribuzioni di denaro non spinge la gente a lavorare di meno ma di più”. Questi risultati sono analoghi a quelli di esperimenti simili svolti in mezzo mondo. E mentre la pandemia ha cambiato l’atteggiamento dell’opinione pubblica e della politica perfino Oltreoceano (tanto che Biden ha varato programmi di sostegno al ceto medio impoverito dalla crisi), qui ci tocca sentire discorsi irricevibili sulla mancanza di camerieri.

Sussidi sul modello del reddito di cittadinanza sono previsti dalla Costituzione che, all’articolo 38, garantisce non solo gli inabili al lavoro ma anche i cittadini involontariamente disoccupati, infortunati e invalidi. Non è che abbiamo la mania della Costituzione, è che essendo la Costituzione medesima la legge fondamentale della Repubblica, ci pare rilevante che il reddito di cittadinanza abbia il suo fondamento nella norma principe del nostro ordinamento. E anzi: è grave che sia stata attuata con settant’anni di ritardo. Due sentenze sul principio di solidarietà che sta alla radice di questi diritti (la 409 del 1989 e la 75 del 1992) spiegano bene quel che vogliamo dire: “Il principio solidarista è posto dalla Costituzione tra i valori fondanti dell’ordinamento giuridico, tanto da essere solennemente riconosciuto e garantito insieme ai diritti fondamentali e inviolabili dell’uomo, dall’articolo 2 come base della convivenza sociale normativamente prefigurata dal costituente”. Ai tempi del dibattito sul reddito, nel 2018, Lorenza Carlassare spiegò: “L’avverbio ‘normativamente’ sta a significare che non siamo di fronte a un’esortazione generica, ma che la struttura normativa del sistema deve essere ispirata a quel principio. Principio indissolubilmente legato al valore primario su cui si fonda la Costituzione intera: la persona e la sua dignità”. Capito, Vincè?

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

7 replies

  1. Le uniche critiche che si possono fare al RdC sono che è poco e bisogna, sulla carta, essere veramente parecchio poveri per riceverlo.

    Fanno ridere gli “intelligentoni” che sbraitano su presunte mancanze di controlli, quando sentono di furbetti/delinquenti beccati, che comunque sono solo uno zero virgola di tutti i beneficiari.
    Se ne sentono parlare è proprio perchè i controlli ci sono. Piuttosto si dovrebbero domandare come mai non sentono ma parlare dei furbetti di altro welfare, come ad esempio l’edilizia popolare. Ai furbetti non piace avere la casa gratis? Strano! E’ più probabile che non ci siano gli stessi controlli asfissianti del RdC.

    Piace a 2 people

  2. i famosi “liberali” che si riempiono la bocca con teorie economiche
    legge della domada e dell’offerta…l’abc delle leggi dell’economia
    provate ad alzare un pochino i compensi, magari un pochino di più sopra la soglia di sfruttamento, forse ci sarebbero più candidati…che ne dite?

    Piace a 1 persona

  3. Riassunto: la carenza del personale si riscontra nel settore alberghiero e della ristorazione, ovvero i peggio pagati con in piu’ l’esposizione quotidiana ad un fottio di gente.

    Piace a 3 people

  4. Stesso copione in Puglia: impossibile trovare stagionali del turismo. Sti disgraziati pretendono più di 3€ l’ora per 14 ore per 4/5 mesi.

    Piace a 3 people