Massimo Fini: “Inquinare meno, consumare meno”

( Massimo Fini – massimofini.it) – Bio, green, filiera corta. Non si sente parlar d’altro. La filiera corta, come la Democrazia, esisteva prima di sapere di esser tale. È tipico della società contemporanea scoprire cose che esistevano già fingendo, o illudendosi, che siano nuove.

Per secoli i popoli dell’Africa Nera hanno vissuto di economia di sussistenza, autoproduzione e autoconsumo, si cibavano cioè di ciò che producevano. Più corta di così? Sul piano alimentare utilizzavano lo scambio solo eccezionalmente e nella forma del “baratto puro”. Così uno scrittore del regno africano del Dahomey ricorda, con nostalgia, la natura del “baratto puro” quando il denaro, che in quella parte del Continente nero fece la sua comparsa piuttosto tardi, nel XVIII secolo, non esisteva ancora: “In quei giorni non vi era moneta. Se volevi comprare qualcosa e tu avevi sale e un altro aveva grano, tu gli davi un poco di sale e lui ti dava un poco di grano. Se tu avevi pesce e io avevo pepe, io ti davo pepe e tu mi davi pesce. In quei giorni esisteva soltanto il baratto. Niente moneta. Ciascuno dava all’altro ciò che aveva e ne riceveva ciò di cui aveva bisogno”. Che cosa aveva determinato il cambiamento lamentato dallo scrittore del Dahomey? Quando i primi colonizzatori arrivarono da quelle parti misero una tassa su ogni capanna, così l’agricoltore era costretto a produrre un surplus e ad entrare quindi in quel sistema economico occidentale che conosciamo molto bene. Nonostante ciò i popoli africani resistettero a lungo. Ai primi del Novecento l’Africa era alimentarmente autosufficiente. Adesso c’è tutto un pruriginoso e ipocrita movimento per “salvare l’Africa”. L’Africa stava molto meglio quando si aiutava da sola. Ancora nel 1961 era, in buona sostanza, autosufficiente, al 98%. “Ma da quando ha cominciato ad essere aggredita dalla integrazione economica – prima era considerata un mercato del tutto marginale e poco interessante – le cose sono precipitate. L’autosufficienza è scesa all’89% nel 1971, al 78% nel 1978” (Il vizio oscuro dell’Occidente, 2002). Per quello che è successo dopo non sono necessarie statistiche, basta osservare l’enorme flusso di emigranti, ridotti alla fame, che pur di arrivare in Europa sono disposti ad attraversare la Libia, a rischiare la morte, e spesso a trovarla, sui gommoni degli scafisti che non sono i protagonisti di questa tragedia, i veri protagonisti siamo noi occidentali. Sono state scritte intere biblioteche sui crimini del comunismo, che ovviamente ci sono stati e ci sono, ma verrà pure un giorno in cui qualcuno dovrà scrivere un libro sui crimini dell’industrial capitalismo, del turbocapitalismo, che riescono ad essere ancora peggiori di quelli.

Agli inizi di aprile gli Stati appartenenti al gruppo del cosiddetto G20, cioè i venti paesi più industrializzati del mondo, resisi conto che stiamo assassinando l’ecosistema, cioè la terra su cui abitiamo, hanno organizzato l’ennesima riunione per ridurre i danni dell’inquinamento ambientale. Chi dice entro il 2030, chi entro il 2050. Di qui la litania, in atto da qualche anno, del bio, del green, della filiera corta, delle macchine all’idrogeno, delle macchine elettriche, della riduzione di CO2. Quand’anche fossero in buona fede, e ci credo pochissimo, son tutte balle, luride balle. Perché qualsiasi energia, foss’anche la più pulita, se usata in modo massivo è inquinante. Perché ha bisogno di un’altra energia che la inneschi. Prendiamo le auto all’idrogeno. In teoria l’idrogeno è il combustibile ideale. In natura esiste in quantità enormi e la sua combustione genera come residuo soltanto acqua. L’estrazione dell’idrogeno, però, richiede energia, quindi la sua convenienza dipende da quanta energia si consuma per estrarlo e – ancora una volta – da come questa energia viene prodotta. Oggi la maggior parte dell’idrogeno in commercio è un prodotto secondario della lavorazione degli idrocarburi. È il metodo più economico ma anche quello più inquinante: si generano svariate tonnellate di CO2 per ciascuna tonnellata di idrogeno prodotta. Altro problema è quello relativo alle fonti rinnovabili, in particolare l’eolico e il fotovoltaico: coprire il mondo di pale eoliche e di pannelli fotovoltaici non lo rende, con buona pace di Beppe Grillo, un posto migliore. Perché la costruzione e poi lo smaltimento di pale e pannelli comporta a sua volta un impatto ambientale.

C’è un solo modo per ridurre l’inquinamento: produrre di meno e consumare di meno. Cioè, in pratica, scaravoltare l’attuale modello di sviluppo che si basa sul consumo. Siamo arrivati al punto paradossale che noi non produciamo più per consumare, ma consumiamo per poter produrre.

In questo il Covid (non subito perché adesso ci sono singole imprese o singoli individui in situazioni economiche disperate) potrebbe tornarci utile. In un anno di lockdown abbiamo imparato a ridurre i consumi a ciò che veramente riteniamo essenziale. Prendiamo, a solo titolo di esempio, il vestiario. Non è necessario avere nell’armadio cento vestiti e duecento paia di scarpe – in questo caso parlo soprattutto alle donne – per sentirsi a proprio agio e sufficientemente eleganti. Non è necessario avere quattro televisori in casa. Non è necessario avere quattro automobili. E così via. Ciascuno può ridurre quei consumi che lo interessano di meno. Se ciascuno di noi fa queste scelte, automaticamente, in via generale, si ridurranno consumi e produzione. E in questo modo si risolverà anche la questione che mi pose lo storico Carlo Maria Cipolla quando gli prospettai questa ipotesi: “Ciò che è essenziale si differenzia da individuo a individuo. Per lei, magari, essenziali sono i libri, per altri beni molto diversi” (Scienza Amara, Pagina, 18 marzo 1982). Va bene. Ma se ciascuno di noi consuma solo ciò che per lui è veramente essenziale, e quindi senza ledere la libertà di scelta dell’individuo, si otterrà ugualmente una generale riduzione dei consumi marginali. Ma dubito molto che ci arriveremo mai. L’uomo è un animale troppo stupido. Prima di tentare Eva con la mela della conoscenza Satana si rivolse al leone e il leone reagì con un ruggito così potente che mandò Satana a ruzzolare per le terre. Allora Satana capì che aveva sbagliato il bersaglio e si rivolse al soggetto più debole (intendo l’uomo in generale, non Eva – Marco stai sereno). E oggi impera nel mondo.

11 replies

  1. Sì potrebbe andare in Dahomey e chiedere ai “dahomeyesi” se preferirebbero tornare ai bei tempi andati, quando l’aspettativa di vita media era di quarant’anni, e quando se il tuo bambino si ammalava lo perdevi, “perché così aveva deciso Ubuntu Ubuntu” (o come cavolo si chiamava). Perché questi ragionamenti è facile farlo con il culo al caldo e applicandoli ad altri, meno facile quando riguardano se stessi e i propri bambini.

    "Mi piace"

  2. La maggiore fonte di inquinamento è la produzione industriale di carne, così come è anche la causa di maggior consumo del territorio nel mondo occidentale, per via delle coltivazioni a esclusivo uso animale, che potrebbero invece sfamare DIRETTAMENTE intere popolazioni.
    Potremmo cominciare col ridurre il consumo di carne.
    Oltretutto è molto più salutare.
    .

    Piace a 1 persona

  3. Anche io sono vegetariana e mi trovo bene. Forse sarebbe anche opportuno ridurre la natalità in molti paesi, a cominciare da Cina, India e nell’intero continente africano. Purtroppo certi modelli culturali – quello dei Ferragnez e di altri influencer esempio- sono assai deleteri per persone semianalfabeti, attratte dal luccicchio del denaro.

    "Mi piace"

  4. Tuttavia Fini ha ragione quando dice che dobbiamo ridurre i nostri consumi e si può fare, è una forma mentis.

    "Mi piace"

  5. E’ innanzitutto mangiare di meno il dono più grande che l’uomo (o quel che ancora vi resta di degno di questo appellativo) possa fare a se stesso e al Pianeta. Basterebbe solo questo per “scaravoltare l’attuale modello di sviluppo che si basa sul consumo”. Giacché, nelle c.d. “civiltà del progresso”, il consumismo “modella” l’uomo nella proporzione in cui raffina la sua ingordigia che atrofizza tutta la parte spirituale.

    Basta guardarsi intorno in ogni dove e non si vede che gente “pesante” che beve e che mangia tre, quattro, volte di più di quanto occorrerebbe…e non è un bel vedere…

    "Mi piace"

    • … E non a caso, in tutte le tradizioni sacre, le quali avevano (uso l’imperfetto a ragion veduta) a cuore soprattutto la realizzazione spirituale degli individui, il digiuno (vedi ad esempio Quaresima e Ramadan…) è sempre stato una componente essenziale per il raggiungimento di tale scopo, anche se bisogna precisare che:

      “Esistono naturalmente vari gradi nell’incomprensione delle realtà tradizionali e nei conseguenti errori di interpretazione, ed a questo riguardo, il livello più basso è quello rappresentato dalle concezioni moderne le quali, non accontentandosi neanche più di vedere le prescrizioni rituali come semplici regole morali (il che significa già del resto misconoscere del tutto la loro ragione profonda), giungono perfino ad attribuirle a volgari preoccupazioni igieniche o di pulizia; è evidente che, giunti a questo punto, ben difficilmente l’incomprensione potrebbe spingersi oltre!… Comunque, è appena necessario aggiungere che i riti considerati, lustrazioni, abluzioni od altri (ivi compreso il rito cristiano del battesimo, nei cui riguardi già abbiamo indicato come entri anche in tale categoria), non hanno, al pari d’altronde dei digiuni, di carattere ugualmente rituale, o della proibizione di certi alimenti, nulla assolutamente da condividere con prescrizioni d’igiene o di pulizia corporea, secondo la sciocca concezione di certi moderni, che, volendo per partito preso ricondurre tutto ad una spiegazione puramente umana, sembrano compiacersi nello scegliere sempre l’interpretazione più grossolana possibile.”.

      Piace a 1 persona

  6. Effettivamente se i popoli c.d. civilizzati hanno fatto scempio di tutto ciò che attiene l’igiene del corpo e dello spirito, è perché – nell’intanto che il progresso della scienza e della tecnica si perfezionava – l’anima dell’”Uomo Vogue” s’è definitivamente cristallizzata dietro questa forma di materialismo suicida. Incrementando sempre più la sua anima porca in modo tale da uscir fuori della vita per la vita. Si fa una gran fatica a ritrovare qualcosa di umano in un essere perennemente assorbito da funzioni bassamente digestive 🙂

    "Mi piace"

    • Concordo, precisando che il “materialismo suicida”, su cui lei giustamente mette l’accento, non è divergente al progresso e perfezionamento della scienza e della tecnica, come parrebbe di capire dal suo intervento, ma va di pari passo, non essendo che il suo scontato corollario. Per la precisione, ci sarebbe stato solo un “progresso” (ingannevole) della tecnica, la scienza lungi dall’essersi perfezionata (in tutte le cose esistenti, la perfezione è prerogativa delle origini) si è invece dapprima secolarizzata e infine dissolta. Quest’ultima modalità rappresenta la sua tragica e attuale condizione, almeno per chi ancora sa vedere le cose per quello che realmente sono.

      "Mi piace"

      • Ha capito bene… vanno di pari passo, ossia che gli uomini presero la vile abitudine dei loro guru sciagurati e si adattarono ben bene ai loro enunciati fondati su un immenso regno dinamico di frenesia materialista/progressista che gli si appiccicò fin nei più reconditi meandri della psiche.

        Fu un connubio gravido di conseguenze che con la secolarizzazione si estese ai vari ambiti della vita moderna che – diversamente da quanto avveniva nello statico mondo preindustriale, la cui auto-realizzazione umana restava in ogni caso un traguardo dell’uomo – ci traghettò in quel gran letamaio ch’è diventato oggi la “società del malessere”, i cui valori economici occupano il vertice della scala dei valori umani; perdendo di vista non solo i valori più alti e il senso generale della vita, ma anche di essere stritolata essa stessa dallo scientismo e dalle tecniche che formano l’inquadramento dell’uomo nel complicato processo economico-sociale.

        "Mi piace"