Gad Lerner: “Lettera a Giuseppe Conte”

(Gad Lerner – il Fatto quotidiano – estratto) – […] professor Conte, forse la stupirà perché lei oggi gode di ottimi indici di popolarità, ma noi non la conosciamo abbastanza. Non basta sapere come ha governato, e neanche come ha saputo prendere le distanze da Salvini e poi da Renzi.

Lo so, ha fatto scelte chiare. Dopo il maldestro tentativo di scongiurare la crisi del suo esecutivo reclutando dei “responsabili” – pur giustificato dall’ emergenza in cui versa il Paese – ha saputo lasciare Palazzo Chigi con dignità e ha mostrato senso di responsabilità anche nei confronti del suo successore. 

Di più. Ha fatto suo il difficile progetto di rifondazione del M5S , la forza politica che l’ aveva designato e che, nonostante le lacerazioni e lo stato di debilitazione culturale in cui versa, continua a rappresentare una quota rilevante dell’ elettorato[…]

[…] Suppongo che lei abbia fatto tesoro delle esperienze fallimentari del passato: le forze politiche allestite intorno alla singola personalità del leader – i partiti personali – quando non si giovino delle risorse patrimoniali e del potere mediatico di un uomo abile e ricco, son destinate a durare poco.

Non suoni irrispettoso, però, se le anticipo che le sue imminenti dichiarazioni programmatiche, quand’ anche corredate da riferimenti ideali e scelte di campo esplicite, da sole non basteranno all’ avvio del suo percorso di militanza fuori dalle stanze ministeriali.

Professor Conte, lei si è conquistato la stima di molti concittadini ma, per diventarne il riferimento politico, deve fornirci anche un rendiconto della sua biografia. È vero, in altri Paesi abbiamo conosciuto leadership che si sono imposte provenendo direttamente dalla società civile, generate da esperienze sindacali o da movimenti per i diritti civili. Ma non è questo il percorso che l’ ha portata direttamente al governo.

Un racconto sincero dei suoi esordi politici la rafforzerebbe enormemente. Non deve tenerselo nel cassetto per un futuro libro di memorie. Come andò che scelse di rendersi disponibile al M5S ? Cosa pensò quando Di Maio e Salvini le proposero di fare il presidente del Consiglio?

Perché accettò di guidare una coalizione con la Lega e cos’ ha capito cammin facendo di quel partito, fino alla costruzione di un’ alleanza alternativa? Badi bene. Non sto chiedendole inutili autocritiche postume, ma di raccontarci la natura delle trasformazioni che ha vissuto, fino a portarla a divenire una personalità di riferimento del centrosinistra. È l’ anello mancante per fare patti chiari sul futuro.

18 replies

  1. …che omoncolo INSIGNIFICANTE lerner. Chiede spiegazioni a Conte senza averle MAI chieste a se stesso. Cosa sacrosanta sapere tutto su Conte, ma per pretenderlo devi essere almeno un giornalista, altrimenti siamo al bar sport (dei parioli, si capisce).

    Come hai fatto a diventare giornalista e poi conduttore televisivo? Perchè il piddi ti ha raccomandato e messo lì, in televisione? Ti sembra normale questa procedura di reclutamento per un servizio pubblico avendo tu fatto il conduttore in una rete pubblica? Perchè fai tutte queste domande e indagini su Conte e non le fai e le hai fatte a personaggi improbabili e scandalosi che sono arroccati da decenni dentro il tuo SPORCO piddi? Davvero pensi di essere al pari di un Travaglio per fare simili richieste a Conte? Davvero pensi di essere un giornalista, cioè colui che scrive cose oggettive per informare, senza appesantirle con giudizi propri, opinioni personali e di parte finendo col manipolarle?

    Che titolo hai, da pennivendolo RACCOMANDATO da un partito politico e solo qualche gradino più in alto dei mieli e dei calabresi per fare domande a Conte?

    NESSUNO. Vedi che la rispota la trovi da solo anche senza far domande ad altri?

    Piace a 4 people

    • Un idiota di sinistra che continua a dire cose usurate di sinistra con i soldi dei poveri! E così che si sono arricchiti e sono spudoratamente arroganti! Un uomo senza qualità e spessore!

      Piace a 1 persona

    • “Ha fatto suo il difficile progetto di rifondazione del M5S, la forza politica che l’aveva designato e che, nonostante le lacerazioni e lo stato di debilitazione culturale in cui versa”…. Ma come si permette questo radical chic dall’affettata erre moscia a giudicare un Movimento di persone oneste in questo modo? Povero idiota, come fa a farti lavorare al Fatto Quotidiano il tuo direttore? Abbassa le ali, buffone!

      "Mi piace"

  2. Pare che non abbia una grande opinione di Conte .. invece si è schierato con decisione a favore di Speranza, quello che non sapeva nulla dei piani pandemici non aggiornati, quello che di sanità sa meno di nulla, quello che credeva di aver vinto la pandemia e ci aveva scritto un libro, vantandosi. Perché non chiede a lui di raccontare la sua mirabile ascesa?

    "Mi piace"

  3. Sor Lerner in ‘sto articolo me fa’ pensa a quelli che, mentre tu stai a farte er culo a lavora’, te stanno a di’: “Ma non se fa’ cosi’, ma che stai a fa’, conosco uno che lo sa fa’ meglio, ma sei ‘na chiavica, etc…”. Ma mai che te danno una mano, un aiuto, sti rompi cojoni.
    Ma la cosa piú triste che è pure convinto de porta’ er su’ contributo.

    Piace a 2 people

  4. Ma poi vorrei capire, senza andare lontano fino al bomba, ma a Enricostaisereno gli e lo ha chiesto di “raccontarci la natura delle trasformazioni che ha vissuto, fino a portarla a divenire una personalità di riferimento del centrosinistra”. No perché non è che siamo convinti che lo sia diventato, diciamo che proviamo a fidarci.

    "Mi piace"

    • Un idiota di sinistra che continua a dire cose usurate di sinistra con i soldi dei poveri! E così che si sono arricchiti.

      "Mi piace"

  5. Il signor Lerner può stare tranquillo. Vista la sua curiosità sulle origini politiche, invece di chiedere a Conte (o a qualunque altro politico) faccia il suo mestiere di giornalista: indaghi e scopra lei le dubbiose origini. E poi, non ci lasci nel dubbio anche sulle sue di origini di giornalista politicizzato… ci racconti un po’ anche delle sue e dei suoi colleghi….

    Piace a 1 persona