Ponte (BN), la società civile in campo per contrastare gli arresti cardio polmonari

Giacomo, Claudio, Sebastiano, Armando sono i promotori di un’iniziativa sociale per salvare vite umane, grazie soprattutto alla sensibilità  di un noto imprenditore della zona.

Nasce un’associazione di volontariato dedita alla cultura della prevenzione che vedrà nell’installazione di un defibrillatore pubblico il suo forte momento aggregativo.

L’apparecchio elettromedicale sarà installato al centro di Ponte,  a disposizione di tutti.

Un grande segno di civiltà di una comunità che proprio non ci sta a rimanere indietro e prova a reagire con iniziative come questa.

Quanto prima l”installazione del DAE e l’avvio dei corsi di formazione per tenere alta l’attenzione su un problema che colpisce un gran numero di persone in Italia e che è, purtroppo, in crescita,  anche a causa della pandemia in atto.

Ponte avrà un efficace defibrillatore pubblico dotato del sistema “Real CPR Help” che guida in modo pertinente le operazioni di rianimazione della persona coinvolta.

I promotori sono veramente motivati e lo si nota dal nome che hanno voluto dare alla neonata associazione: “PRESIDIO SALVAVITA”.

Libero Sica