Lessico mediocre post-pandemico

(Di Ginevra Leganza – fondazioneleonardo-cdm.com) – Tanto gentile e tanto onesta era la nobile divina che dice ancora all’anima “sospira”. Poco gentile e molto onesto è l’avanzo di ripuliti agitatori pre-pandemici. La Parola e la Lingua, dimora dell’Essere, son ben altro dalle parole correnti sulle lingue, topaie di modestia. Le parole sono azioni, diceva Wittgenstein. Non sono mai ingenue e come le persone hanno una storia, certo più longeva della nostra, perché la loro vita cambia spesso veste. Le parole mutano sulla cresta del divenire, su quell’onda che cambia forma e ci restituisce pacchi di detriti. Le ondate pandemiche, per restare in tema, hanno consegnato alle terre desolate fin troppi mentecatti lemmi.

Avevamo già detto di resilienza: d’anelito eroico ed esito fatalmente anerotico (cos’è più respingente di chi si piega ma non si spezza?). Avevamo detto del cauto risentimento, della morale servile di cui è vessillo. Speriamo ancora di inumarla presto, questa parola che è sempre sulla bocca degli onesti. Quegli onesti caduti un po’ in disgrazia, che lasciano in effetti il posto ai responsabili. Anche qui urge ricognizione etimologica: “respondeo”, ovverosia l’atto solenne del rispondere e del promettere. Sorvoliamo sul ritratto dei responsabili politici (tornando a Wittgenstein: di quanto non si può parlare, si deve tacere), concentriamoci dunque sui responsabili della strada, che solenni non sono se – delatori – profanano le altrui promesse (vedi quelle degli amanti o dei festaioli sfuggenti le tenaglie in divisa). E in nome di cosa lo fanno? È per il bene comune che accusano, chiaro. Il bene comune che ha preso il posto della gioia di vivere. Ma come possiamo capire il bene comune, noi che con Platone stimavamo il bene al di là dell’essere, ovverosia al di là delle parole? Ogni volta lo si richiami di qua dal mondo c’è sempre l’indizio di un trascendentale bidone… Che non sia il male metafisico sotto le spoglie del bene comune? Che non sia quel male che sempre si avvale della collaborazione, sua fida alleata, parola idiota? Oggigiorno infatti non si lavora ma si collabora, non ci si muove ma ci si mobilita. La si è sentita, questa parola, per le vie del centro e nei treni, e solerti son spuntate formiche leviataniche persino dal parrucchiere.

Prontissime a collaborare nella caccia al bandito smascherato altresì detto furbetto. Come spiegava Prezzolini, l’Italia si divide in furbi e fessi, in ingannatori e ingannati: il furbetto, a dispetto del diminutivo, non è nipote del furbo, è anzi più simile, in questo nostro vocabolario dei mediocri, all’antitetico fesso che diventa martire d’innocenti evasioni. Il furbetto esisteva da molto prima dell’anno scorso, ed era parola da professorina in senso lato, usata dai tribuni del taglione e dalla televisione accalappia-sdegno. Oggi furbetto è anche colui che suscita l’ira responsabile per aver fatto del chimerico vaccino una realtà, eludendo la fila di cui le formiche sono divenute osservanti e custodi. Per quelle, zelanti, quando c’è la salute c’è tutto… Fuori dal loro dogma collaborazionista, spuntano diavoli negazionisti. Le formiche non contemplano l’esistenza di chi ami la vita leggera, senza patemi e senza ipocondria, non contemplano chi voglia lavorare per vivere e non collaborare per sopravvivere, né sopportano chi in luogo della resilienza metta in campo il coraggio… Negazionista per i mediocri non è chi nega ma chi, sulla base di un fatto, vorrebbe scegliere se precauzionarsi o rischiare. È dunque chi vorrebbe scegliere per sé e non per gli altri: gli altri, questa formula magica evocante esseri mitologici in nome dei quali abbiamo sacrificato noi stessi. Come se non fossero altri anche quegli altri che il bar non riapriranno più. Secondo i responsabili, a questi tapini ci penseranno i competenti, e cioè i capaci del je-ne-sais-quoi, esperti dell’intangibile, la cui scienza ha lo stesso carattere del virus: è pensabile ma non è conoscibile, come il noumeno, c’è (ne siamo certi) ma non si vede. Sarà che il simile si cura col simile? Speriamo che competenza non sia sinonimo di omeopatia…

Segno dei mediocri, e del lessico che ne intaglia l’essere, è insomma quel bisogno matto di appestare ogni forma di volontà, quella perversione di trascinare ogni cosa nel vortice di parole che vuol fare del libero un debole e del forte uno schiavo.

Categorie:Cronaca, Editoriali, Interno

Tagged as: , ,

19 replies

  1. Perché confondere lo scrivere bene con lo scrivere complicato?
    Scriviamo per comunicare, ma se facciamo questo usando parole e costruzioni eccessivamente tortuose e arrotolate non comunichiamo più, confondiamo. I lettori cominciano a spazientirsi e mandano a quel paese scritto e scrivente, con il risultato che l’obbiettivo principale – comunicare – sparisce e lo scritto diviene un puro esercizio di stile diviso fra lo scrivente e sé stesso. Nel caso è inutile fare fatica: basta uno specchio.
    Consiglio alla signora Ginevra di aprire il classico agriturismo in Maremma e di portarsi dietro qualche libro di Primo Levi. Così, tanto per capire cosa vuol dire “comunicare”.

    Piace a 1 persona

    • Confermo l aderenza! la sua geniale intuizione conferma la necessità di un linguaggio breve e coinciso che eviti svarioni “fuori tema “e inutili bizantinismi!
      Siamo tutti “analfabeti di ritorno ” ? se molti giornalisti ” intellettuali” scrivono in sanscrito!! Chi diavolo potrà leggerli ed ascoltarli ? Ammesso che scrivano qualcosa di intellegibile!?

      "Mi piace"

      • Ps. C è persino gente che ritiene che l Ulysses di Joice sia un capolavoro!!! Così per fare i fichi. !! No. Si può leggere nemmeno in lingua originale ale!

        "Mi piace"

  2. Infosannio, che fai, l’infame? Hai cassato il mio commento e poi passi ‘sta zuppetta per vendetta?

    Aspetta…

    "Mi piace"

    • Eh, caro Tony, ci impongono riflessi di fiamma… per prepararci al week end di passione.
      Nessuno può restare puro, tra i rododendri…
      e quanti… quanti rododendri!!

      "Mi piace"

  3. Il nostro piccolo amico Prostata Tridentina ci scrive:

    “Ma… e tutte queste morti per trombosi? Vorrei vedere vedere se una di quelle morti riguardasse un vostro familiare!”

    Risponde la redazione del settimanale Posso Ospitare Se Ci Stai.

    “Caro Prostata,

    Primo, l’incidenza di questi accidenti vascolari tra i vaccinati e i non vaccinati è percentualmente insignificante, lo scarto numerico e’ immenso.

    Secondo, anche se fosse maggiore, il doppio o il triplo, comunque il confronto con la mortalita’ da virus sarebbe, di nuovo, immenso.

    Quanto alla tua domanda retorica, vogliamo pure noi vedere se uno tra le migliaia di decessi da virus di non vaccinati fosse un tuo familiare. E se attacchi a parlare di Big Pharma allora ti vogliamo sentire quando si tratta di fare la spesa al supermercato.

    Poi ti compriamo il gelatino, vabbuo’?”

    "Mi piace"

  4. Ma io non riesco più a capire chi diavolo frequenta questo sito di Infosannio? : da dove venite ? Perché qui , anni fa , si scambiavano oneste idee di scambio , poi improvvisamente sono entrati un sacco di strane persone che hanno per solo scopo uno scambio ( a volte violento e volgare) di ideologie personali! Che non sono piu un modo di convincermi che le mie idee possano essere discutibili .. e negoziabili ! Visto la violenza di molte persone appena arrivate ! Penso che farò come Pietro che torna indietro.. ( p. yula) leggero volentieri solo i commenti di j d!

    "Mi piace"