Oltre i tweet. I veri diktat dello statista di Rignano

(di Selvaggia Lucarelli – Il Fatto Quotidiano) – A un certo punto Matteo Renzi s’è stufato. Per giorni, il sentimento prevalente nell’opinione pubblica era quello di assoluto stupore nei confronti di una crisi di governo che, oltre al momento storico particolare, sembrava assolutamente priva di ragioni che non fossero l’ego di Renzi, “il suo odio per Conte” (cit. Giulio Gallera) o anche l’ego di Renzi. E questo, l’ego di Renzi, non poteva proprio accettarlo. Per cui l’ego di Renzi ha affidato a un tweet, pubblicato poco prima del discorso di Mattarella, le vere ragioni dello strappo: “Bonafede, Mes, Scuola, Arcuri, vaccini, Alta velocità, Anpal, Reddito di cittadinanza. Su questo abbiamo registrato la rottura, non su altro. Prendiamo atto dei Niet dei colleghi della ex maggioranza”.

Ma tu pensa, davvero hanno detto no? Se il primo editore a ricevere il manoscritto del libro di Harry Potter fosse stato l’ego di Renzi, probabilmente l’ego di Renzi avrebbe sentenziato “Togli il maghetto, Voldemort, la scuola di magia, Albus Silente, lo sport sulle scope volanti e i genitori morti, ma per il resto è perfetto”.

Me lo immagino anche come curatore di una collana sulla cucina italiana. “Via la pizza, gli spaghetti, i tortellini, le lasagne, il panettone e il pesto. Il resto va bene”.

Tuttavia, dal momento che ci sta che nella sintesi in 280 caratteri si perda qualcosa, andiamo a vedere più nello specifico quali sono state le sue umili, ragionevoli richieste a Conte:

– Il MEB. Probabilmente quello sul Mes è un refuso dal momento che, più che l’accettazione del Meccanismo Europeo di Stabilità, la prima urgenza di Renzi sembra l’accettazione di Maria Elena Boschi per la sua stabilità. Non scambiatela per un’ossessione, come non lo era quella di Dante per Beatrice. È una questione di merito e competenza, e quindi giustissima la Boschi alle Infrastrutture. O allo Sport, all’Agricoltura, alla Scuola, alla Giustizia. Perfetta anche per tutti i ministeri contemporaneamente, grazie a una speciale poltrona a rotelle brevettata personalmente dalla Azzolina.

– Grandi opere. “Il Tav? Non è un’opera dannosa, ma inutile. Soldi impiegati male. Rischia di essere un investimento fuori scala e fuori tempo”. “Continuano a parlare dello Stretto di Messina, ma io dico che gli 8 miliardi li dessero alle scuole per la realizzazione di nuovi edifici e per rendere più moderne e sicure!”. Parlava così, Matteo Renzi, un tempo. Ora che finalmente non deve più fingere di essere di sinistra, si è impuntato sull’esatto opposto. Sì al Tav, sennò salta il banco. Ma soprattutto sì al ponte sullo Stretto, con una piccola deviazione fino a Riyad, in modo che i protagonisti del nuovo rinascimento possano frequentarsi più spesso risparmiando sulla benzina del jet e sulle emissioni inquinanti. Che si sa, l’Arabia Saudita è la più grande fan del processo di allontanamento dal petrolio come fonte energetica: puntano a venderlo in bottiglie e a farcelo bere.

– Domenico Arcuri. Sul commissario, Matteo Renzi non sente ragioni. Lo detesta. A tal punto che c’era un disegno preciso, quello di punire non solo il commissario per l’emergenza Covid, ma pure Manuela Arcuri, per l’odiosa omonimia. Posto il veto sulla sua partecipazione a un eventuale remake di Carabinieri, Matteo Renzi ha chiesto a Conte che il ruolo dell’agente Paola Vitali venisse affidato a Maria Elena Boschi.

– La prescrizione. Modeste anche le sue pretese in tema di prescrizione. Matteo Renzi ha chiesto che per i processi per fatture false, traffico di influenze illecite e turbativa d’asta la prescrizione subentri a due giorni dall’inizio delle indagini preliminari. A chi lo ha accusato di voler dare una mano al padre, ha risposto che per tutti coloro in possesso di un certificato che attesti lo stato di paternità, lui vuole l’immunità parlamentare. A chi gli ha contestato che non si può prescrivere un reato se non è iniziato il processo, ha risposto: “Questo perché l’Italia è il nuovo Medioevo”.

– Alfonso Bonafede. In realtà Matteo Renzi ha molta stima nelle capacità professionali di Alfonso Bonafede, tanto che ha esplicitamente chiesto a Conte di rimuoverlo dall’incarico di ministro perché possa portare la sua esperienza all’estero, soprattutto nel mondo delle carceri. In particolare, aveva proposto per lui un incarico di rilievo in Russia: quello di assaggiatore del rancio di Navalny.

– Rocco Casalino. Non è affatto vero che Renzi ne abbia chiesto la testa su un vassoio d’argento. Sembra che la trattativa sia stata molto più modesta. Ne ha chiesto solo stinco, spalla e sottocoscia in un tegame da forno. Con patate.

3 replies

  1. cara zia Selvaggia, anche se mi potresti essere figlia (paternità precoce, ma, per fortuna, no),
    Navalny non è stato condannato, gli è stata ripristinata la pena
    che era sospesa, con obbligo della firma (diremmo noi) che era 2 volte al mese.
    ma, dato che lo sburone russo pare lo sburone fiorentino, se ne fregato ben 60 volte
    ed ha pagato un certo numero di sanzioni economiche comminategli al riguardo.
    poi il vaso s’è riempito e la misura libertà condizionata gli è stata revocata.
    thè capè zietta? altro che portargli il rancio
    portagli le coperte che la prossima settimana, in zona distretto centrale,
    prevedono un -20/-40°C

    "Mi piace"

    • concordo , strumento della finanza mondialista russofoba .
      Su Assange tacciono su questo tizio 1,5 % fanno un baccano d’inferno anti-Putin

      "Mi piace"

      • tacciono pure su Edward Snowden, su guantanamo e perfino sulle “bombe intelligenti” utilizzate per esportare democrazia in tutto il mondo…!!!

        "Mi piace"