Incontri al buio

(di Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano) – Se nascerà, il governo Draghi sarà giudicato dal Fatto come tutti gli altri: ne valuteremo maggioranza, ministri e scelte in base alle nostre convinzioni, senza pregiudizi né positivi né negativi, non avendo nulla da guadagnare né da perdere. Al momento, del “governo di alto profilo” incautamente evocato da Mattarella (come se gli altri tre da lui nominati fossero scartine), si conosce solo il curriculum del premier incaricato, che il profilo ce l’ha altissimo. Ma come banchiere: come politico è tutto da scoprire e inventare. E non è un demiurgo che crea maggioranze dal nulla, in un Parlamento che resta sempre lo stesso.

Draghi. Fino a domenica, chi lo sondava per proporgli Palazzo Chigi veniva respinto da cortesi ma fermi dinieghi. Dunque chi da tempo aveva concepito il piano Draghi – l’Innominabile, B.&Letta, la Lega di Giorgetti, le quinte colonne renziane nel Pd e i loro mandanti dell’alta finanza – confidava nella professionalità di Demolition Man a sfasciare la maggioranza giallorosa e nel “patriottismo” di Draghi l’avrebbe spinto alla fine a raccogliere l’estremo grido di dolore di Mattarella da un palazzo in macerie. Ma, al netto della buona fede che gli va riconosciuta fino a prova contraria, l’uomo non è un ingenuo e sa bene a cosa va incontro: un governo che farebbe esplodere il centrodestra e i giallorosa e si reggerebbe sulla nobile figura di un pregiudicato, sul sostegno sbiadito del Pd e soprattutto sull’appoggio (si fa per dire) dei due Matteo, gli sfasciacarrozze più inaffidabili del pianeta che han rovesciato gli ultimi due esecutivi: l’uno decisivo (Salvini, sempreché alla fine ci stia) e l’altro superfluo (l’Innominabile). Con il partito di maggioranza relativa (M5S) e quello della leader emergente (FdI) all’opposizione. E con le prevedibili risse su Mes, Quota 100, Ue, chiusure anti-Covid, disastri lombardi ecc. Francamente, non vorremmo essere nei suoi panni. Ma, se lo fossimo, correremmo al Quirinale a rimettere il mandato.

Mattarella. Ha gestito la crisi, come tutta la sua presidenza, da arbitro imparziale: l’opposto di Napolitano. Ma con due eccezioni, segno di una fragilità che nelle emergenze lo porta a perdere la bussola e a compiere decisioni avventate al limite della temerarietà. Cioè a napolitanizzarsi. Accadde nel maggio 2018 quando, visto il nome dell’innocuo professor Savona nella lista dei ministri del Conte-1,mandò a casa la maggioranza gialloverde che univa i due vincitori delle elezioni e incaricò tal Cottarelli, mai citato da alcuno nelle consultazioni. È riaccaduto l’altra sera, quando ha convocato Draghi senza che nessun partito gliel’avesse chiesto. Per giunta al buio, esponendolo a rischi enormi e mostrando che le consultazioni sono puro teatro. Poi ha detto cose che, se le avesse dette dopo le dimissioni di Conte (che non ha ancora accettato) rinviandolo alle Camere (che gli avevano appena dato la fiducia), gli avrebbero garantito la maggioranza assoluta anche in Senato: “O questo governo o si vota”. E ha contraddetto tutti i moniti degli ultimi mesi: “Dopo Conte, c’è solo il voto”, “Non si cambiano i generali durante una guerra”. Salvo cambiarli tutti senza passare per le urne.

Conte. La sua cacciata era scritta fin dal giorno del suo maggior successo: il 21 luglio 2020 quando, dopo due giorni e due notti di trattative, vinse la battaglia a Bruxelles contro i “frugali” e portò a casa 209 miliardi di Recovery, 36 più del previsto, mentre tutti scommettevano sulla débâcle. Da allora fu chiaro che i poteri marci con giornaloni e burattini in Parlamento avrebbero fatto di tutto per impedire che a gestire quel tesoro fosse un governo perbene, per giunta il più progressista e “sociale” mai visto.

Centrodestra. Non è mai esistito: FI sta con Draghi, la Lega quasi, FdI contro. La Meloni mette la freccia per il sorpasso.5 Stelle. Non possono che stare, civilmente e non sguaiatamente, all’opposizione di un governo nato dalla decapitazione del loro premier per buttarli fuori, a opera di un irresponsabile che, compiuta la missione, nel governo tecnico scomparirà. Ma sarà comunque in maggioranza, rendendola incompatibile con il M5S (che dovrebbe ciucciarsi anche B.). Prima o poi si andrà a votare e i 5Stelle sarebbero suicidi a passare per quelli che votarono tre governi pur di restare al potere. Un conto è mantenere il proprio premier e i propri ministri per fare e difendere le proprie riforme, anche con alleati diversi. Un altro è il “Franza o Spagna purché se magna”.

Pd. Con la fermezza di un budino, è passato da “o Conte o elezioni” a “o Draghi o Draghi”. Sarebbe un triste spasso vederlo votare a braccetto con B., con l’Innominabile e forse persino con la Lega, cioè con gli avversari anziché con gli alleati. Restando compatti, potrebbero convincere Draghi a rinunciare all’avventura al buio in Parlamento con pessime compagnie e il solito viavai di “responsabili”, magari sfruttando il suo patriottismo per quella cabina di regia sul Recovery che, essa sì, richiede tecnici di vaglia. Andando in ordine sparso, invece, sfascerebbero l’alleanza giallorosa, l’unica che può competere col centrodestra. E, con l’ennesima piroetta che già scatena le proteste della base sui social, donerebbero altro sangue ai tecnici quirinalizi, non bastando la trasfusione Monti. A questo punto, perché non diventare una filiale dell’Avis?

99 replies

  1. E se Draghi mutuasse parte del piano programmatico dei 5 S? Dopotutto, le proposte del Movimento sono ostiche ai partiti solo perchè cercano di sottrarre sperperi e corruzione a chi non è capace di far politica senza rimpinguarsi. Non conosciamo il lato politico, nel miglior senso della parola, dal greco “politikós” di Mario Draghi. Sicuramente non è un anarchico, ma lo è forse Giuseppe Conte? E l’esperienza Monti ha dimostrato (parlo dei suoi ministri, ancor più che di lui) che grandi tecnici non per forza sono buoni gestori. E , tanto per fare un esempio, el vituperato Toninelli si è aggiudicato la medaglia d’oro di aver concluso in tempo record e senza ruberie la ricostruzione del ponte Morandi. Non ho bevuto, amici, Penso solo che SuperMario , che è appoggiato come nessun altro dal PdR Mattarella può permettersi scostamenti dalla dittatura partitocratica impensabili per chiunque altro, anche avvalersi di molti ottimi ministri (e ministre) dei governi Conti e dello stesso Conte, se ci stesse. Che poi intenda farlo, è un altro paio di maniche. Essenziale invece che liquidi per sempre il Bomba, un killer seriale da esiliare in Arabia con i suoi amici sauditi.

    Piace a 2 people

    • Gentile, Draghi è sempre lui, come Silvio B. (che puntualmente il PD fa risorgere dal loculo) rimane sempre il delinquente che tutti conosciamo, Renzi rimane sempre Renzi (una dannosa bolla di sapone), Salvini un ladro nullafacente, ecc. Fanno finta di cambiare, magari pure i finti morti, ma puntualmente alla prima occasione gettano la maschera ed opla’, rieccoli di nuovo a farsi gli affari propri. Il movimento in questo momento ha il compito più semplice, deve ricompattarsi intorno a Conte, stare all’opposizione, fare facilmente le pulci alla contraddittoria accozzaglia che si attaccherà allo scoglio Draghi (per sopravvivere e farsi i cazzi propri e dei loro burattinai), e mangiare i pop corn in relax in attesa di passare all’incasso alle prossime elezioni.

      Piace a 1 persona

    • Da iscritto M5S vorrei in primo luogo si consultasse la base; la mia opinione è che il Movimento per la famigerata “responsabilità” abbia versato fin troppo sangue. Ora tocca a qualcun altro, noi pronti ad una seria opposizione. Appoggiare in qualsiasi modo un governo Draghi segnerebbe la spaccatura e la definitiva pietra tombale sul Movimento.

      Piace a 1 persona

  2. Draghi farà, probabilmente, il lavoro di cui è stato incaricato. È stato invocato, evocato, suggerito, acclamato da tutti quelli che hanno interessi fortemente contrari ai miei. Spero di non vedere qualcuno del m5s votare insieme a B. o a R. Spero anche di non venire a sapere che la sig.ra Boschi, mancatrice di parola, una volta anche attraente, ora inesorabilmente sfiorita, è stata destinata a ruoli ministeriali. Aspetto di vedere come ” blinderanno” la concessione ai Benetton per favorire il Kraken.
    NOI, NON CI ARRENDEREMO MAI.

    Piace a 1 persona

  3. I 4 errori fatali di Conte. “Il presidente del Consiglio ha perso in poche settimane la sua poltrona a Palazzo Chigi, sulla quale sognava di restare fino al 2023. E invece è incappato in quattro mosse che potremmo definire sbagli strategici, i peccati di cui oggi si è pentito amaramente.
    Solo chi non fa non commette mai errori, certo. Ma Giuseppe Conte deve averne commesso più di uno, se pur essendo il politico più popolare d’Italia – addirittura leader virtuale di un partito inesistente ma già ottimamente quotato dai sondaggisti – ha perso in poche settimane la sua poltrona a Palazzo Chigi, sulla quale sognava di restare fino al 2023, o magari tra un anno (mai mettere limiti alla Provvidenza) per trasferirsi al Quirinale. E invece. La lista sarebbe lunga, ma sono almeno quattro quelli che potremmo definire errori strategici, i peccati di cui forse lui stesso oggi s’è pentito amaramente. Quattro sbagli che hanno anche date precise.

    Errore numero uno, aver snobbato Draghi. L’estate scorsa, martedì 18 agosto, l’ex presidente della Banca Centrale Europea è l’ospite d’onore del Meeting di Cl a Rimini. Non fa nomi, non attacca nessuno, ma il suo discorso è una sferzata alle politiche assistenzialiste come il reddito di cittadinanza. C’è la pandemia ed è sacrosanto fare debito, dice Draghi, ma c’è il “debito buono”, quello per investimenti, infrastrutture e ricerca, e c’è il “debito cattivo”, per esempio quello per “sussidi non sostenibili nel tempo”.

    Bravo, commentano tutti, da sinistra a destra. “Ascoltare Draghi” twitta il commissario europeo Paolo Gentiloni. Ma Conte rilascia un’intervista nella quale, ostentatamente, finge di non aver sentito. E sceglie di darla proprio al Fatto Quotidiano, dove Marco Travaglio – autonominatosi difensore d’ufficio dell'”avvocato degli italiani” – lo stesso giorno dedica il suo perfido sermoncino giornaliero a “Draghi di Nazareth”, il quale “ha detto una serie di banalità come Peter Sellers nei panni del giardiniere Chance”. La linea, insomma, è fare finta di niente.

    Errore numero due, aver ignorato Gentiloni. Dopo l’inutile passerella degli Stati Generali – con 122 organizzazioni convocate a Villa Pamphilj per ricavarne solo un’inutile collezione di belle pensate – Conte viene richiamato a dicembre dal commissario europeo per gli Affari economici, quello che più di tutti ha aiutato l’Italia nella battaglia del Recovery Fund. “Abbiamo messo sul tavolo un bazooka, non possiamo trasformarlo in un mezzo bazooka” avverte Gentiloni, allarmato per i ritardi del governo. “Il diavolo – dice a Repubblica – non è nei dettagli del piano ma nelle procedure per eseguirlo”, che devono essere “straordinarie e con corsie preferenziali”. Il giorno dopo Conte tiene la sua conferenza stampa di fine anno, e per il Recovery Plan vagheggia un “benessere equo e sostenibile” ma sulle procedure straordinarie non dice neanche una parola. Va tutto bene, ci penserà lui.

    Errore numero tre, il pasticcio dei “costruttori”. Solo Berlusconi, prima di lui, si era avventurato nella caccia all’uomo per trovare i voti necessari a salvare il governo. Con la differenza che dieci anni fa l’ex Cavaliere riuscì nell’impresa, reclutando i “responsabili” guidati da Razzi e Scilipoti, mentre Conte non solo ha fallito (il tabellone di Palazzo Madama si è fermato a 156, sotto la soglia della maggioranza assoluta) ma si è esposto in prima persona raccogliendo una pattuglia Brancaleone dalla quale è già cominciata la fuga.

    Errore numero quattro, aver sottovalutato Renzi. Prima ha creduto che bastasse un post su Facebook a soddisfare le richieste di Italia Viva sul Recovery Plan. Non ha funzionato. Poi ha accettato la sfida in aula convinto di vincere la conta dei voti. Si sbagliava. Quindi ha minacciato di lasciare fuori i renziani dalla sua maggioranza, se fossero usciti dal governo: non gli hanno creduto. Infine, dopo le inevitabili dimissioni, si è convinto che pur di evitare lo scioglimento delle Camere minacciato da Bettini e Zingaretti anche i fedelissimi avrebbero abbandonato Renzi, provocando la definitiva frantumazione del suo piccolo gruppo: ma non è andata così.

    L’anestesia non ha funzionato, il paziente è rimasto sveglio e alla fine è stato il chirurgo maldestro ad avere la peggio, conservando il titolo ma perdendo la poltrona. Quattro errori che certo oggi Conte non rifarebbe. Ma come diceva il saggio Marx (Groucho) “ricordare il passato serve per il futuro, così non ripeterai gli stessi errori: ne inventerai di nuovi”.

    Sebastiano Messina

    "Mi piace"

    • Questo è il classico articolo che centra il punto, bisognerà spiegare ai lettori del Fatto Quotidiano che è scritto su Repubblica

      "Mi piace"

      • I giornalisti,specialmente quelli di Repubblica,sono i numeri uno a sparar cazzate.
        Errore uno: “Debito buono e debito cattivo” Io me li ricordo i titoli di quel giornaletto di Repubblica sul disagio sociale,sull’esplosione di una bomba sociale al sud,attacchi ai supermercati..la gente non arriva a fine giornata.Titoli cubitali,tra parentesi..Se non ci sono stati e’ perche 3 milioni di persone hanno avuto il rdc! Non ricordo pero i titoli sui 2,7 MILIARDI che le aziende hanno intascato dallo stato senza averne i requisiti.Altro che ascoltare Draghi.
        Errore due: La famosa cabina di regia…bhe se avessimo dei giornalisti onesti ,questo non sarebbe nemmeno un errore,visto che e’ stato uno dei tanti pasudomotivi che l’uomo disperato (Renzi) ha usato per far fuori Conte.Era scritto nero su bianco!Quindi dove cavolo e’ l’errore?bho?
        Errore tre: E’ andato alla conta,non solo ha raccolto la maggioranza relativa,con la quale puoi governare,ma ha ricevuto la fiducia da entrambe la camere.Conte ,a differenza di Berlusconi,non ha milioni da elargire.
        Errore quattro: I ministri li ha ritirati Renzi.Del resto,e’ impossibile formare un governo che chi non vuole starci.
        Pensare che per quasi 25 anni ho letto Repubbica,per fortuna 5/6 anni fa mi sono svegliato..che brutta fine,nemmeno buono per incartare il pesce

        Piace a 2 people

      • Paolo bl ma che dici? Errori li chiamate?
        Io li chiamo valori, con gente come renzi, draghi, mattarella per come si sono comportati non devi avere niente a che fare, il potere te lo lascio volentieri, io devo crescere e guardare i miei figli
        Tu ai tuoi emula renzi, gentiloni o come hai scritto ieri bertolaso meglio di arcuri!!
        Ma voi vi siete proprio chiusi in una bolla, ve la cantate e ve la suonate..
        Paola bl però è bello vederti governare con quelli di bibbiano!!!
        Quanta ipocrisia, voi veramente la vergogna non sapete dove stadi casa
        Saluti

        "Mi piace"

      • FABIO, ma hai visto con che aria greve Mattarella ha chiamato in “soccorso” Draghi? La situazione è molto più seria di come la descrivono i media, fattene una ragione, il presente non è più stellato, adesso bisogna darsi seriamente da fare

        "Mi piace"

      • Certo che ce ne vuole, da parte di Messina, detto anche Lo Stretto, a parlare di Razzi e Scilipoti, qualcuno spieghi a questo mentecatto che Conte non ha né i soldi né la volontà di CORROMPERE dei parlamentari per portarli dalla sua parte, come ha fatto con Razzi, Scilipoti e De Gregorio, incredibilmente hanno condannato quest’ultimo ma hanno tenuto fuori Berlusconi che è il corruttore. Solo in Italia succedono ‘ste cose.

        In un’altra nazione Berlusca lo condannavano per attentato a corpo dello stato avendo sabotato il processo democratico che in teoria dovrebbe esserci in parlamento.

        "Mi piace"

    • Vabbè dai…Messina. Uno degli haters più accaniti del governo Conte. Qua si modera pure perché, in fin dei conti, si tratta pur sempre di un articolo di giornale. Ma io vero Messina, stile ultrà della curva sud di stocazzo, lo potete apprezzare sul suo profilo Twitter, dove perde ogni freno inibitorio

      Piace a 1 persona

      • Paola bl, bisogna darsi da fare con berlusconi, bertolaso salvini o sento adesso Bonomi, togliere RDC e quota 100?, in un momento dove hai parenti in ospedale a casa o caso peggiore, morti, con l’incognita variante inglese e sei senza lavoro?
        Questi sono i capaci?
        Cacciano gallera per incompetenza, lui e fontana si erano affidati per incapacità a bertolaso, ricordi : costa €1,00!!, poi nomini la Sig. Ra Brichetto in moratti e..
        Dalla padella alla brace, richiama Bertolaso!!
        O vuoi Briatore? Colui che lavora( solo lui, gli altri sono incapaci)
        Questa per me è una messinscena vergognosa
        Spero i 5s ( anche se di maio mi ha ferito al cuore) tengano duro
        Se Draghi come primo emendamento facesse zona rossa tutta italia poi ci mettiamo a ridere
        Saluti

        "Mi piace"

    • Del senno di poi son piene le fosse… Facile fare questi ragionamenti oggi. Magari e’ vero che Conte non ha prestato orecchio a certi avvertimenti (tutto da dimostrare poi se fossero dei veri avvertimenti e delle semplici prese di posizione). Era all’apice della popolarita’ e l’emergenza virus sembrava gestita correttamente, con relativi apprezzamenti internazionali. In piu’, Conte aveva una linea politica chiara (e corretta) e ha semplicemente continuato con il suo progetto politico senza mai polemizzare con i suoi interlocutori.

      Errore quattro: aver sottovalutato Renzi??? In verita’ sono pienamente d’accordo con l’editoriale di oggi di Travaglio. Il destino di Conte era segnato dal momento in cui l’Italia si e’ aggiudicata il Recovey. Renzi si e’ fatto portavoce dei poteri forti che volevano fare fuori questo governo. Conte non avrebbe potuto fare niente per salvarlo. La prova provata sono le ultime consultazioni. Una farsa e una perdita di tempo. L’arrivo del governo tecnico era gia’ stato deciso da tempo.

      Ora spero solo che Conte non abbandoni la politica e che il m5s si posizioni su una opposizione responsabile. Che voti i provvedimenti positivi e bocci quelli negativi. Senza pregiudizi.

      "Mi piace"

    • E la cassa integrazione o il reddito di rmergenza (400€) sarebbero sussidi non sostenibili nel tempo? Debito cattivo? Boh.
      Forse lo doveva chiamare agli stati generali, ma non sarebbe andato, e quindi tutti avrebbero scritto che Draghi lo ha snobbato. Per me l’unico errore vero, furono gli stati generali. Non doveva farli. Stop, le altre sono pippe di Messina: che vuol dire sottovalutare Renzi? Se tu ti metti in testa di farmi cadere anche se riesco a sopravvalutarti come ti fermo?

      "Mi piace"

    • ammazza che sagacia prendere sul serio un giornalista al guinzaglio, de “la repubblica”, al libro paga della famiglia agnelli…
      una “famiglia” che ha chiuso la fabbrica italiana automibilistica torinene dopo essere stata straforaggiata (ce chi dice per il triplo dell’effettivo valore della fabbrica…) dai governi scudocrociati e del caimano in odore di mafia…!!!

      "Mi piace"

  4. Draghi, oltre ai suoi incarichi ufficiali, è stato affiliato alle seguenti Ur-Lodges massoniche:

    – Edmund Burke
    – Compass Star Rose
    – Pan-Europa (la stessa di Putin, Merkel e… D’Alema!)
    – Three Eyes (quella di Napolitano)

    Tutte e quattro sono di orientamento ultra-reazionario e neoliberista. La Three Eyes, di cui recentemente è stato Gran Maestro, è quella che negli anni ’70 ha organizzato i colpi di stato fascisti in Sudamerica.

    Pare, e dico ‘pare’, che abbia avuto un ravvedimento e che abbia chiesto di essere ammesso alla massoneria progressista, con un conseguente ritorno alle sue giovanili posizioni keynesiane.

    La cosa non è impossibile: pure la Von Der Leyen e la Lagarde non sono più così salde nel loro integralismo neoliberista.

    Non si capisce, tuttavia, perché gli si
    dovrebbe dare una fiducia in bianco!

    Ammettiamo però, come puro esercizio, che la sua ‘conversione’ sia sincera e che voglia davvero attuare un programma progressista.

    Con quali partiti dovrebbe realizzare questo intervento autenticamente socialista, laico e liberale?

    – Forza Italia
    – Italia Viva
    – +Europa
    – Lega
    – PD

    Ecco, ora potete ridere.

    Piace a 2 people

  5. EMILIO MOLA
    Una persona perbene.
    In una giungla di intrighi, tradimenti, urla, pagliacci, felpe, prosciutti, volgarità e bassezze Giuseppe Conte è sempre rimasto quello che è stato.
    Una galantuomo.
    Una persona semplicemente perbene, chiamata a tenere le redini di un Paese disastrato, nel momento più disastroso.
    Lo hanno tradito, pugnalato, infangato, insultato.
    Lo hanno accusato di tutto e il giorno dopo del contrario.
    Ma non si è mai lasciato trascinare.
    Gli hanno consegnato una 500 scassata appesantita da colossali debiti e ingolfata da corruzione, inefficienza, burocrazia, lacci e ruberie, e gli hanno rimproverato di non farla correre come una Ferrari.
    Se chiudeva gli dicevano di aprire, se apriva gli dicevano di chiudere; se decideva lo accusavano di essere un dittatore, se delegava lo accusavano di scaricare responsabilità.
    Ha tirato fuori l’Italia dalla prima ondata con decisioni che pochi altri avrebbero saputo prendere in Occidente.
    E in Europa ha ottenuto più di chiunque altro. Come nessun altro.
    Oggi tutti parlano di Recovery Fund, di occasione storica, di soldi mai visti prima, dimenticando che è stato lui a ottenere tutto questo. Lui ha portato quei soldi e ora gli altri si avventano famelici per averli.
    Ha commesso errori e ne ha commessi tanti.
    Come sono stati commessi in ogni nazione alle prese con una crisi mai vista.
    Ma nessuno ha mai tirato fuori la formula magica per tenere in vita contemporaneamente economia ed esseri umani in un paese in cui non ha mai funzionato un cazzo. Però tutti a dare lezioni.
    Ma due errori imperdonabili Giuseppe Conte ha commesso su tutti. Essere troppo popolare.
    Ed essere stato una persona perbene.
    Di essere stato ingenuo. Di essersi fidato.
    Ha commesso l’errore di non essere un cinico figlio di puttana della politica. Uno di quelli che tradiscono, accoltellano per poi essere acclamati col titolo di “abile politico”.
    Ha commesso l’errore di non essere stato lupo tra i lupi.
    Ma almeno lui la mattina potrà alzarsi e guardarsi allo specchio. E sentire la leggerezza di una coscienza pulita, di chi ha fatto in buona fede tutto ciò che poteva, col poco che aveva.
    E questa sensazione, rara in politica, non la donerà mai nessuna poltrona.
    Conquistata col tradimento, il sotterfugio e l’inganno.
    Per questo grazie di tutto, presidente.

    Piace a 1 persona

  6. Oggi si può solo dire compatti NO A DRAGHI
    NON C’è ALTRO MODO
    Se i 5 stelle restano compatti, il colpo di stato ordito da Renzi come mosca cocchiera di Draghi e delle élites europee non passerà.
    I 5 stelle hanno il dovere di salvare l’Italia e non farle fare la fine della Grecia.
    E dopo al più presto un nuovo sistema elettorale, proporzionale, con un grosso premio di maggioranza e magari anche il ballottaggio tra i due partiti arrivati primi dopo che hanno dichiarato da chi intendono essere sostenuti.
    Ma lo sapete che col Rosatellum siamo al terzo sistema elettorale incostituzionale e nessuno, nemmeno il M5S, ne ha denunciato l’incostituzionalità per cui la Consulta dorme??

    "Mi piace"

    • Con un grosso premio di maggioranza diventerebbe maggioritario e peraltro incostituzionale: non si può trasformare una minoranza in maggioranza, come vorrebbe Salvini, perché lederebbe il principio dell’uguaglianza del voto. Spetta agli elettori prendersi la responsabilità di votare la maggioranza: finché votano massicciamente partiti del cavolo avremo governi, se non del cavolo, almeno traballanti.
      Meglio allora il doppio turno.

      "Mi piace"

      • Pirgopolinice
        doppio turno da sempre e per sempre
        ma non lo faranno mai perchè non possono più cambiare casacca in corsa o ricattare

        "Mi piace"

  7. Ettepareva che mò non cominciava Travaglio Fido Coniglio con l’infiocinatura di Draghi (ma non è una novità, parapaponzi, ponzi po, riordate, questo è lo stile del nostro eroe…. E di Mattarella…DSando per scontato che il governo Conte è stato pefetto, tutto è stato dovuto a lui in uanto in sordi europei, mentre i fetenti sono Deraghi l’usurpatore e Mattarella…Per Renzi non ne parliamo si sono pubblicate vignetti incoraggianti il sangue…Dire che queto è un giornalista ed il suo FATTO un giornale mi sembra eccessivo…Un foglio di propaganda come quelli di cui ampiamente si serviva il regime negli anni d’oro…quando si tratta di interessi tutti i regimi si somigliano in effetti….

    "Mi piace"

  8. Certo che Draghi, superato lo scoglio della fiducia, ne avrà da superare altri che verranno giù a cascata: la scadenza del blocco dei licenziamenti (che è probabile sfoci in rivolte sociali) forse la terza ondata della pandemia, i ristori che se continueranno ad arrivare, arriveranno molto in ritardo, le cartelle esattoriali ripartiranno? Tutto ciò con una serie di problematiche legate alla nuova riorganizzazione della protezione civile, non ultima la campagna vaccinale…
    Conte è stato un presidente del consiglio che ha lavorato giorno e notte, si è speso molto e non meritava questo tradimento, gli Italiani lo avevano apprezzato per il suo stile, la sua abnegazione e la sua capacità di relazionarsi a tutti i livelli. Forse dover lasciare in questo frangente sarà per lui una fortuna e se non altro recupererà la sua vita privata.
    Il PD non mi è mai piaciuto in questa crisi aperta dal BOMBArolo. Stiamo con Conte o Conte o elezioni, ora già si preparano ad appoggiare Draghi insieme a Papi e a chi ci sta. Non hanno capito che questo Conte, ma anche… ( di veltroniana memoria) Draghi, questo stare sempre con il piede in due scarpe è stato quello che ha fatto perdere voti al partito…
    Mi viene da chiedere: ma siete uomini o caporali?

    Piace a 1 persona

    • Qui giace la Costituzione del ’48.
      La nuova formulazione, riscritta in 5 min, recita:
      Art. 1 L’Italia è una repubblica fondata sulla finanza.
      Art. 2 la sovranità appartiene a wall street che la esercita senza limiti

      Piace a 2 people

  9. Mi spiace per Bugsyn o per chiunque altro si lluda che da Draghi esca qualcosa di buono.
    I suoi due primi maestri erano keynesiani, cioè credevano nel debito buono che permette a uno Stato di riprendersi attraverso investimenti produttivi che facevano risalire il PIL e rimettevano in moto l’economia del Paese così da permettergli di ripagare i suoi debiti, come fece Roosevelt per far risalire l’economia statunitense doppo la crisi del ’29, un grande piano di aiuti al Paese che aumentava sì temporaneamente il debito pubblico ma poi rimetteva in moto l’intera economia, razionalizzano e modernizzando uno Stato. Ma per tutta la vita successiva le scelte di Draghi sono andate al sistema contrario, per cui il debito si combatte con l’austerità, i tagli ai servizi pubblici, le privatizzazioni, l’abolizione dei diritti dei cittadini, gli aiuti alle banche e alle grandi imprese, le manovre per far arricchire i più ricchi impoverendo i più poveri. E ha portato avanti questo programma antikynesiano nel modo pià cinico e spietato possibile e lo abbiamo visto con la Grecia che assieme alla Merkel ha dichiarato essere “Il priù grande capolavoro dell’Unione europea”. Una vita intera a portare avanti l’impoverimento dell’Europa e la distruzione e depredazione dei Paesi più deboli, la stessa cosa che Padoan ha fatto con l’Argentina. L’uomo è quello. Dopo una intera vita spesa in uno scopo perverso contro i poveri e per l’arricchimento dei ricchi a spese dei poveri, sarebbe da illusi credere che possa essere cambiato. Sarebbe come credere che un nazista potrebbe diventare un benefattore degli ebrei.

    "Mi piace"

    • @viviana v,
      non so se lo hai letto pure tu ma pare che giggino o tetrapoltronaro da pomigliano e i suoi accoliti destrorsi, usurpatori e traditori, vogliono “aprire” al naziliberista da te dipinto…!!!

      "Mi piace"

  10. Da neoiscritto al M5S dico: andiamo a vedere le carte di Draghi. Se ci sono i punti programmatici per i quali ci siamo alleati prima con la lega, poi con il PD, e con la certezza di un’adeguata quota di ministri in relazione all’essere partito di maggioranza relativa, allora ci si può pensare, altrimenti sarei per andare a votare.
    Eviterei comunque di starci se ci fossero anche FI e IV.
    Buona giornata a tutti, comunque la pensiate 🙂

    "Mi piace"

      • Gentile Pirgopolinice, quando si è fatto il governo con la Lega, quanto di più distante dal mio pensiero, ho pensato di non rinnovare per il futuro il mio voto al M5S, così come molti penseranno lo stesso dopo la nascita del governo giallorosa. Ma un movimento riunisce persone di diverso credo politico in base a punti programmatici trasversali alle ideologie e questo bisogna accettarlo. Quindi anche il fatto che a certe condizioni ci si possa stare. I paletti che definiscono il campo in cui si opera o si definiscono le alleanze, necessarie con il nostro attuale sistema elettorale, ci sono e finché ci si muove all’interno del campo di gioco è giusto giocare. Poi tutto si può ridiscutere nelle sedi opportune.

        Piace a 1 persona

      • Il tuo ragionamento è corretto.
        Per FI e IV c’è una questione in più.
        Il secondo è quello che ha pugnalato alle spalle i suoi alleati.
        Il primo è un partito fondato da almeno un mafioso accertato – ma secondo me i mafiosi sono due.

        "Mi piace"

  11. C’è di buono che almeno i soliti commentatori da salotto (e gli intervistati per strada a gettone)non stanno dando più la colpa a Conte per tutti i problemi della pandemia(contagi,morti,aperture,chiusure,colori,vaccini ,ristori ecc)…sono proprio curioso di vedere con chi se la prenderanno ora…anche per questo i 5S ne devono restare fuori…

    "Mi piace"

  12. 3 FEB 2021 22:09
    1. E’ LA BANCAROTTA DELL’INCOMPENZA AL POTERE (IL CONTE CASALINO), È IL DEFAULT DI PARTITI (PD E M5S) E LEADER ALLO SBANDO (ZINGARETTI, BETTINI, DI MAIO, D’ALEMA, BERSANI)
    2. E’ LA FINE ANCHE DI UN CIRCO. QUELLO MEDIATICO CHE RUOTA INTORNO AL ‘’FATTO’’, VALE A DIRE INTORNO A MARCO TRAVAGLIO. OSSIA TUTTI I TALK CHE PENDONO DAI SUOI GHIGNI /SMORFIE
    3. POVERA ANCHE LILLI GRUBER, A LUTTO IERI SERA. RIENTRA IN STUDIO DOPO AVER MANDATO IN DIRETTA MATTARELLA E SINTETIZZA: “ALLORA, NUOVE ELEZIONI O UN GOVERNO TECNICO”. SÌ, BUONANOTTE. IL CAPO DELLO STATO AVEVA APPENA SCOLPITO: ELEZIONI NEL 2030, FORSE…
    4. L’ALTRO SCONFITTO È URBANETTO CAIRO CHE LA SCORSA SETTIMANA, CON GRANDE SCELTA DI TEMPO, HA SCOMMESSO SUL CONTE TER, METTENDO LA7 E “CORRIERE” A DISPOSIZIONE…

    https://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/rsquo-bancarotta-dell-rsquo-incompenza-potere-conte-casalino-259983.htm

    "Mi piace"

    • «LA BANCAROTTA DELL’INCOMPENZA»

      L’incompenza… cosa sarebbe, la sorella della morbistenza?
      AHAHAHAHAHAHAHAHAHA!!!!

      "Mi piace"

  13. Gentile Viviana, la sua descrizione di Draghi è perfetta, ma in questa situazione forse, e sottolineo il forse, l’uomo potrebbe rivalutare alcune posizioni. Altrimenti il no, ovviamente compatto, sarebbe la posizione da tenere anche a mio parere.

    "Mi piace"

    • Io non vedo l’ora di sapere l’identità dei cosiddetti MIGLIORI (un aggettivo che è tutto un programma). Sento parlare di Cartabia, vabbè…di Bentivogli, addirittura di Calenda. Ma stiamo scherzando?

      "Mi piace"

  14. …. nelle previsioni non si era tenuto conto della variante “arbitro che fa lo sgambetto istituzionale al Capitano”.
    Non comprendo l’operazione di Rango
    con L’accozzaglia,
    per fare cosa?
    anche perché il Capitano una maggioranza la possedeva per andare
    avanti negli affari correnti preelettorali.
    Riguardo Rango, io non credo che si sia mosso
    a caso, in un momento di sconforto di
    John, la vecchia tartaruga,
    senza avere la certezza di
    di riuscita nell’operazione.

    Ma di una cosa sono certo, che Rango riporterà l’acqua nella città di Polvere e potrà così esultare,
    per aver risolto il problema
    della comunità,
    ma avrà anche ritrovato se stesso
    e il suo ruolo in una nazione di Visionari.

    Altro che buio pesto e evocazioni da voci dall’oltretomba!

    Chi ha avut’ avut’ avut ‘, Chi ha rat’ a rat’ a rat’ Scurdammoce o passat’ Simm’ e Napule paesà!!…

    Piace a 1 persona

  15. Vediamo poi se Draghi porterà un po’ di Europa in Italia,ad esempio :giustizia;in Europa penso non esista la prescrizione come la intendono i nostri garantisti); vera lotta all’evasione fiscale; seria legge sul conflitto di interessi;vera lotta alle mafie …ecc. ma la vedo dura se deve trattare con Berlusconi ,Salvini e co…

    Piace a 1 persona

  16. Draghi non passerà. Con 300 parlamentari a 5 stelle e 92 senatori del M5S non potrà mai avere la maggioranza in Senato. Il M5S è decisivo per qualunque governo. E un governo Zingaretti-Salvini è impensabile.
    Salteranno fuori altri che sosterranno il Conte ter.
    Prima molti hanno pensato che Mattarella scherzasse e che non saremmo andati davvero alle elezioni. Ora non possono pensarlo più.
    Dopo di che si acceleri il voto in commissione per la riforma del sistema elettorale per non ritrovarci alle elezioni di nuovo con l’ignobile Rosatellum.

    Susy Santi
    Qualsiasi siano le ,convinzioni politiche di ognuno ricordo che è stato esautorato un governo che aveva la maggioranza assoluta alla Camera e quella relativa al Senato. La stessa situazione in cui altri hanno portato serenamente avanti la legislatura fino al termine naturale.

    Piace a 1 persona

  17. Il pd dopo aver tradito 5stelle portando avanti il piano con Renzi,è cosi,dal partito degli idioti.non di è levata nedduna voce che abbia difeso Conte dicendo tutte le devisioni e provvedimenti scritturs del ricovery l’abbiamo fatta insieme.von italia viva.Non dovette prendervela con Conte ma si discute tra di noi e volendo si cambia.Dopo.aver ottenuto il risultato voluto,buttare giù Conte,Adesso cercano di fregare ancora i 5stelle dicendo.dobbiamo restare uniti.Se il pd voterà la fiducia al drago con forza Italia ,fdi,lega,italia viva,per i 5stelle ci sarà la possibilità di tornare al compito per cui è nata.CAMBIARE L’ITALIA.compito che è stato impedito con il tradimento di Salvini e poi con quello di Renzi. PER 5stelle ci.sarà la possibilità.di recuperare tutto il terreno perso e recuperare ed aumentare il consensoalle prosdime elezioni.Il pd questo li sa ecco perché cerca di pirtsrlo bella.sua.podizione di consensi al drago.Cornuti e mazziati

    Piace a 1 persona

  18. ELIO LANNUTTI (2015) senatore a 5 stelle.

    “Noi ci troviamo di fronte a un’Europa non della solidarietà, non del rispetto per i popoli. un’Europa che consente alle altre Nazioni di andare nelle coste della Libia a raccogliere i disperati (la marina inglese, quella francese) e scaricarli sulle coste italiane. Ma che Europa è questa?
    Tornando ai derivati, qui ci sono le trascrizioni degli atti dell’inchiesta di Trani, sono 161 miliardi su cui perdiamo 42 miliardi che abiamo pagato alle banche d’affari senza batter ciglio (prima cosa che fece Monti con la Goldman Sachs). Monti, è qui nel verbali, nel 2011: 3 miliardi e mezzo. Chi ha iniziato l’affare sporco dei derivati? Mario DRAGHI, quel signore che vuole strangolare i popoli.
    L’art. 1 della Costituzione fonda la repubblica sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, non agli oligarchi, non a questi cleptocrati europei. Ma ci rendiamo conto che abbiamo uno come Juncker (è il 2015) che è stato il capo di uno stato canaglia nel cuore dell’Europa? Ma di che Europa parliamo?

    "Mi piace"

  19. Secondo il Medium Unico, Draghi con l’imposizione delle mani sta già guarendo l’Italia.
    In Vaticano hanno già avviato il processo di canonizzazione

    Piace a 1 persona

  20. La forza politica che ha vinto le elezioni all’opposizione e quelle che le hanno perse tutti dentro il governo del magna magna dei 209 miliardi avuti per giunta dal governo più vituperato della storia della repubblica cioè quello dimissionato da Renzi in vice dei poteri forti e nauseabondi nazionali.Se non ci fosse da piangere, bisognerebbe ringraziarli per l’opportunità che danno ai 5 stelle di recuperare in pochissimo tempo l’egemonia elettorale, anche se al prezzo carissimo di assistere al mercimonio e alla rovina del paese nei prossimi mesi.

    Piace a 1 persona

  21. Il fatto è che per la seconda volta l’Italia è stata messa sotto tutela, e stavolta Mattarella si è lasciato prendere dall’ansia, incarocare subito Draghi e dargli carta bianca è stato un azzardo, se dovesse fallire cosa gli rimane? Il voto che voleva evitare.
    Doveva spedire Conte alle camere per far scoprire le carte ai politici.
    Ora cosa si aspetta che con Draghi tutto fili liscio, con questo parlamento?
    Ora sarà battaglia su ogni provvedimento, per tenersi a galla dovrà accontentare un pò tutti, 5s con Forza Italia sul tema della giustizia?
    Lega e PD sulle nomine? FDI che ruba consenso alla Lega?
    Il parlamento subirà una balcanizzazione più di quanto non lo sia già.

    Piace a 1 persona

    • @Adriano58
      Il governo NON aveva più i numeri in Senato. Certo, Conte poteva pure tirare avanti un pochino ma prima o poi, più prima che poi, sarebbe caduto. Sulla giustizia ad esempio. I responsabili, i costruttori e le varie anime in pena, erano quasi tutte contro la legge Bonafede. O no?
      Io non vedo che altro avrebbe potuto fare Mattarella. O meglio, lo ha detto: le elezioni. Spiegando quello che tutti, tranne Salvini e Meloni, dicevano e scrivevano fino a un secondo prima. Che andare a votare in piena pandemia, eccetera eccetera.
      La chance per evitarsi Draghi l’hanno avuta, Iv, M5S, PD e LeU. E se la sono giocata. La cosa mi ha fatto un po’ incazzare.

      "Mi piace"

      • Federico C
        tu descrivi una cosa che non ho scritto
        questa presunzione di voler interpretare i pensieri degli altri è tipico di certi pensieri mono-tematici
        i fatti sono:
        Conte 2 aveva appena ottenuto la fiducia
        Per cui AVEVA una maggioranza
        Non aveva la maggioranza assoluta, nelle dichiarazioni di voto dei gruppi, ma era nel pieno costituzionale dei poteri
        Mattarella non Ha ancora accettato le dimissioni
        Doveva mandarlo alle camere per togliere al parlamento ogni alibi e a se stesso, ogni accusa
        Mattarella aveva dichiarato o Conte o elezioni, si è rimangiato tutto nel giro di pochi giorni
        Ha sconfessato l’attuale governo e ha tolto autorevolezza a Conte
        Ora i marpioni del palazzo possono inciuciare bellamente poichè hanno la scusante del Governo del Presidente..le avvisaglie ci sono tutte
        Ha salvato il pezzo di merda che passa per il savatore della patria e già detta il programma
        Draghi è stato dichiarato SANTO, già si sta costruendo il suo Santuario
        Con questa crisi, comprando prima e vendendo oggi i miei BTP e azioni bancarie, ho guadagnato un pò di soldini, da acquistare la mia nuova auto elettrica con gli incentivi green

        "Mi piace"

      • Federico c.
        Te lo dico io cosa doveva fare Mattarella se fosse stato una persona alla Conte!
        O conte o elezioni, poi andavi in senato e vedevi i fuggi fuggi, invece, dato che non è nato ieri e la sua poltrona la deve a Renzi, da sotto a tramato, a lasciato fare la figura del pirla a Fico, ( cosa pensava di fare, che non fosse stato capace Mattarella nelle sue consultazioni)
        È lui che ha tassativamente obbligato conte a cercare voti, per poi ancora lui lo a costretto a rassegnare le dimissioni. Egregio Federico c. Spiegami come si fa ad incaricare Draghi, non avendo ancora accettato le dimissioni di Conte! E il sig. Draghi ha accettato l’invito!!!!!!!! E sono due giorni che osannano renzi, e i numeri in parlamento parlano di tutto tranne che di renzi.
        Questi sono i capaci???????
        5s a vita se rimangono corretti e coerenti
        Tu federico c. Vai a cena con bruna gazzelloni o paolabl, io per un po passo la mano su questo schifo orchestrato per far fuori i migliori!!!!!!

        "Mi piace"

      • @Adriano58
        “Conte 2 aveva appena ottenuto la fiducia
        Per cui AVEVA una maggioranza
        Non aveva la maggioranza assoluta, nelle dichiarazioni di voto dei gruppi, ma era nel pieno costituzionale dei poteri
        Mattarella non Ha ancora accettato le dimissioni”
        Ah, va bene. Lei voleva semplicemente mandarlo a suicidarsi in diretta tv. Così, tanto per rispettare alla lettera il dettato costituzionale.
        “Mattarella aveva dichiarato o Conte o elezioni, si è rimangiato tutto nel giro di pochi giorni”
        Non ricordo questa dichiarazione di Mattarella. M’informerò meglio.
        @Fabio
        “… invece, dato che non è nato ieri e la sua poltrona la deve a Renzi, da sotto a tramato, a lasciato fare la figura del pirla a Fico…”
        Lei vive in una realtà parallela, tutta sua, e non so cosa dirle.
        Solo una: a cena con la Gazzelloni ci andrei di corsa, anche stasera. Mi divertirei da pazzi.

        "Mi piace"

      • «Non ricordo questa dichiarazione di Mattarella»

        Non la ricordi perchè non esiste. Sono indiscrezioni fatte filtrare dal quirinale che, ovviamente, non sono mai state confermate né smentite.
        Chi non è nato ieri e segue la politica da un pò, sa benissimo di cosa si tratta.
        Quindi non Federico C.

        «M’informerò meglio»

        Sarebbe ora.

        "Mi piace"

      • «La chance per evitarsi Draghi l’hanno avuta, Iv, M5S, PD e LeU. E se la sono giocata»

        E sarebbe? Tornare al governo con il cazzaro di rignano e obbedire ai suoi ordini? Un fottutissimo e merdosissimo partito del 2.9%!!!

        Mai ci sei o ci fai?!

        "Mi piace"

    • Pensa che Salvini vuole solo quota 100 e pareggio fiscale (quella roba là dell’azzeramento delle cartelle): tutto debito buono direi.

      "Mi piace"

      • Salvini non c’ha ancora capito niente
        lui fa solo la lista della spesa che gli dettano
        ora il suk arabo sembrerà una mercatino di quartiere, ogni gruppuscolo vorrà la sua parte, poichè sanno già che non si andrà a votare
        Mattarella ha fatto un disastro con questa mossa

        "Mi piace"

  22. Scusate ma non ho riletto quello che ho scritto.Non si capisce niente ci riprovo.Il pd dopo essere stato artefice con Renzi della caduta di Conte adesso vorrebbe l’alleanza con 5 stelle.Lo fa solamente perché non vuole restare solo a votare la fiducia al drago ,un genio per l’alta finanza ma affamatore dei poveri.Votando con la destra certificherebbe definitivamente che il suo programma è uguale a quello della destra e quindi che è un partito di destra.Un programma lacrime e sangue quello del drago.Il movimento non votando la fiducia ma facendo opposizione tornerebbe al suo ruolo ed alle prossime elezioni asfalterebbe definitivamente gli altri partiti.Non possono permettersi che il movimento resti fuori sarebbe la loro definitiva scomparsa.I giornalisti portatori di questo programma hanno iniziato il bombardamento ,ieri amaratonaamerdana,ho assistito ad uno spettacolo indegno, dato da giornalisti che, invece di dire la verità e cercarla,mistificano la realtà. Tutti a vomitare sui 5 stelle

    Piace a 1 persona

  23. Non riesco a leggere tutti i commenti,mi scuso quindi se qualcuno l’ha già detto:visto che ormai è andata così,perché i 5S non fanno come renzi(ma con numeri molto superiori)vanno cioè da Draghi e mettono veti su programma e nomi,ad esempio:la prescrizione non si tocca e Bonafede resta ministro, controllo sui fondi del Recovery,lotta all’evasione e legge sul conflitto di interessi…vediamo che fanno gli sfegatati “draghisti “…..tanto ormai ,qualunque cosa succeda( soprattutto se draghi fallisse), sarà data colpa a loro ( basta sentire gio stamattina un po’ di trasmissioni radio televisive)

    Piace a 1 persona

  24. Peraltro,presentandosi con un programma serio(anche davanti alla pubblica opinione)che faccia riferimento alle loro battaglie storiche rimanderebbero agli altri assumersi il compito di respingere proposte sensate che hanno consentito loro (ai 5S. cioè) di raccogliere il 33% alle ultime elezioni

    "Mi piace"

  25. Se servisse una prova provatasul modo di agire di Travaglio, mistificatorio e menzoniero pro doo le proprie tesi la si può limpidamente trovare nell’editoriale di oggi e avendo comprato il giornale l’ho letto tutto. Abnche quando in chiave anti Mattarella racconta a modo suo l’espisodio che tanti di noi ricordano durante la “mitica” formazione del governo gialloverde, per portare a termine la quale Mattarella concesse parechio tempo e vari rinvii. Dunque Travaglio racconta cosi’ l’eliminazione di Savona da parte di Mattarella. Accadde nel maggio 2018 quando, visto il nome dell’innocuo professore WSavona nella lista dei ministri del Conte 1 mandò a casa la maggioranza gialloverde che univa i due vincitori delle elezioni ed incaricò tal Cottarelli mai citato da alcuno nelle consultazioni…Ma ha le allucinazioni Travaglio Fido Coniglio quando semplicemente quel governo fu varato (altro che rimandato a casa) e venne sostituito Savona ch andò ad altro mnistero! Ecco come riferisce le cose accusando di raccontar balle l’universo mondo che non sia lui! Quando ho letto questo resoconto farlocco della realtà ho fatto il classico salto sulla sedia perché quel periodo che io ritengo “epico” unico ed irripetibile nella storia della Repubbpliuca perché foriero nelle speranze di chi aveva sostenuto i 5 stelle e che non a caso è stato il governo che ha varato più punti identitari del Movimento! Ma oggi Travaglio Fido Coniglio doveva infiocinare Mattarella che non è stato aòl gioco di perdere tempo ancora pur di ridare l’incarico a Conte (ed io ho dato per certo che s’era stufato della vergogna cui ci hanno costretto ad assistere i quaqquaraqquà Conte&Casalino ed i suoi impresentabili costruttori!) e che Mattarella avrebbe dato un incarico a Draghi che non smentendo nulla evidentemente sapeva che avrebbe avuto il mandato)!…E quindi sputtaniamo anche Mattarella se Travaglio Fido Coniglio ritenga sia utile ai suoi interessi (si ogni tipo perché quando all’inizio racconta come sia indifferente per loro chi govverna perché non hanno nulla da guadagnare sottace quella certa legge che gli ha consentito di avere come tanti un prestito garantito dallo Stato ed un Posto di Presidente ENI alla sua sodale Calvosa!)…Ma tanto conosce i suoi polli Travaghlio Fido…sa che sono di bocca buona e si vbevono tutte le sue balle come la ricostruzione inudiota del “caso Savona”!

    "Mi piace"

      • Pirgopolinice,
        ma tu sei uno stoico??? Tu te la leggi, e la capisci.
        Fantastico!
        Complimenti anche per il Mensa di ieri…

        "Mi piace"

      • Diciamo pure un po’ masochista… 😄 I commenti di Bruna li scorro rapidamente, quando scrive delle cose buffe – suo malgrado – mi ci soffermo. Però secondo me sta perdendo smalto, qualche settimana fa faceva delle sparate più divertenti…

        Per quanto riguarda l’altro caso, quando leggo di una patologia – peraltro impropriamente denominata – usata a titolo di insulto divento una belva…

        "Mi piace"

  26. Il governo Draghi non può nascere nei numeri: allo stato attuale ci sono solo la FECCIA piddina, che più du tutti lo vuole insieme al loro amico puttaniere b., FI (il delinquente di cui prima), frattaglie di lega mer_da nord sud ovest est.

    Perchè il governo nasca deve esserci il m5s, la fascista è fuori.

    Se il m5s entra in questa cosa “strana” senza che vengano garantiti tutti i punti programmatici raggiunti e SENZA la garanzia scritta che ne possano essere aggiunti altri importanti (e di peso) capite bene che si spara sui piedi da solo.

    Non è quindi affato escluso che si arrivi al solito bivio scemo di questo paese scellerato e farlocco: o un Conte ter o morte. A quel punto i paraculi italici, numeri uno al mondo, daranno vita al Conte ter senza il FARABUTTO, figlio di due FARABUTTI.

    "Mi piace"

  27. Veramente comico se non tragico se queste balle le propala come verità uno che si fa passare per giornalista affermare che il governo giallorosso sia stato il governo più a sinistra che la Repubblica abbia mai avuto solo a vedere chi c’è dietro Giuseppe Conte! La Comunità di Sant’Egidio, le leggi di favore per lòa Palladino co-proprietaria col padre dell’Hotel Plaza un noto albergo dei poveri, vari poteri occulti. Politica di sinistra quella dei bonus quando si allungano le file di chi non ha mnanco un piatto di minestra da mangiare?! E cioè quella incommensurabile c…ta dei banchi a rotelle (tanto per parlare di sperpero di pubblico denaro che quello si si poteva pusare per dar da mangiare a chi dorme sotto i ponti!), i bonus monopattini, TV, agevolare i consumi! Tutte cose che favoriscono chi i soldi ce l’ha sperando gli vengano rimborsati non certo chi vede a rischio il futuro e noin sa come pagare il mutuo! Semmai “di sinistra” fu il reddito di cittadinanaza non certo varato “grazie” al PD ma a Salvini! E che Travaglio Fido Coniglio possa considerare “di sinistra” il PD e LEU e cioè quei mammut che hanno dilapidato una quantità enorme di beni pubblici, quelli che toninelli in Parlamento incolpò adi aver affidato le concessioni di autostrade ai benetton, i BenD’Alema, Bersani, sarebbero “di sinistra” secondo Travaglio Fido Coniglio? Eppoi quando la smette Travaglio cattolico, di destra seppure come la concepiva Montanelli, ma mai spiegata nei fatti quando si dovesse favorire tra l’una o l’altra scelkta “classista” di governo, che encomia un presunto governo “di sinistra”! Perché uno che si proclama di destra deve fare il gioco e leccare il c…o se non per interessi inconfessabili ad un Presidente del Consiglio che arbitrariamente considera il più a sinistra la repubblica abbia mai avuto?! Comodo tenere il piede in mille scarpe ma non mi si racconti che un pataccaro cosi’ sia anche u8n giornalistoa oltretutto”integggerrrrimo”!!!

    "Mi piace"

    • Non ti preoccupare, ti racconti tutto da sola.
      Te la canti e te la suoni.

      È probabile che tu sia l’unico elettore di iv fuori dal palazzo 😆 quindi hai tutta la nostra compassione.🙂🙋‍♂️

      "Mi piace"

  28. Non mi ha convinto tantissimo questo editoriale.
    Qui non si tratta solo di “POLITICA” ma anche, e forse soprattutto, di “EFFICIENZA”.
    Se scrivi un “ECOBONUS” coi piedi e affossi le imprese del settore generando al contempo anche un dispendio eccessivo di risorse pubbliche. Se la digitalizzazione langue (leggetevi l’ultimo articolo di Saviano pubblicato proprio qui). Se c’è un commissario straordinario alla sanità calabra che non solo non fa assolutamente nulla (che sarebbe già grave) ma non ha la più pallida idea di cosa debba fare e non c’è uno Speranza (quello di Leu, che piace molto a Bersani, che scrive libri, partecipa a dibattiti) che gli faccia almeno una telefonata di 5 minuti (“a Cottice’, che cazzo stai a fa’?”) capite bene che il COME è più importante del COSA.

    E sul COME Draghi potrebbe essere migliore di Conte, che è una persona rispettabilissa ma ha meno esperienza.
    E Draghi potrebbe avvalersi di tecnici con le palle perché se al posto di Speranza a gestire la Sanità ci si mette un bravo professionista del settore, estremamente competente, secondo me è decisamente meglio per le sorti dei malati.
    Dova sta scritto che a fare il ministro della giustizia debba essere un diplomato al liceo scientifico (Orlando).
    O ministro degli Esteri uno che oltre a non conoscere le lingue straniere non conosce neanche la propria?

    L’incompetenza al potere è roba da vecchia partitocrazia.
    Il concetto di “uno vale uno” è stato travisato: si riferiva al metodo di voto trasparente per eleggere i MIGLIORI, si è trasformato in un meccanismo opaco per eleggere i PEGGIORI.
    Glielo devo spiegare io ai grillini oltranzisti specializzati nel fingere di non vedere, ritengono di essere “furbi”.

    Insomma Travaglio, stiamo parlando del CHI, non sappiamo nulla ancora del COSA, e tantomeno del COME.

    UN PO’ POCO PER PRENDERE POSIZIONE.

    "Mi piace"

    • L’incompetenza al potere è roba da vecchia partitocrazia.

      E i TECNICI ESPERTI dei governi monti cosa sono??? Sono roba nuova???

      Insomma Travaglio, stiamo parlando del CHI, non sappiamo nulla ancora del COSA, e tantomeno del COME.

      Sei davvero sicuro che in un paese come questo tu non sappia già NIENTE del COSA e tantomeno del COME? Sei davvero sicuro???

      "Mi piace"

      • @Andrea

        Ho capito il tuo punto di vista ed in parte lo condivido.
        Ma il COSA ed il COME di Draghi per il momento possiamo solo supporlo.
        Saresti prevenuto se per una tua supposizione rinunciassi addirittura a vedere le carte di Draghi.
        Che problemi ci sono? Un NO è sempre possibile.
        Perché vi spaventa un confronto aperto su quelle che saranno le sue proposte?
        E’ questo che non capisco.
        Draghi è una soluzione di emergenza e tra tutte quelle possibili forse è una delle meno peggiori.

        "Mi piace"

    • Andrea ex tu continui a sparlare, io come te tratto fotovoltaico, sono procacciatore e non installo, sono in contatto con moltissimi studi tecnici e tutti stanno osannando l’ecobonus 110%, c’è un po di burocrazia iniziale, ma le banche anticipano i soldi, non c’è niente di gratis( il 10%,lo trattiene la banca) se le carte sono giuste con quelle in comune è un volano incredibile per la ripartenza, con una cifra irrisoria, chiunque può sistemare casa.

      "Mi piace"

      • @Fabio

        Io mi sono rotto il cazzo di sentire gente come te che parla di ecobonus 110% senza sapere un beneamato cazzo.
        Ci sono imprese che stanno fallendo e le balle in questo settore in sofferenza meritano solo VAFFANCULO.
        Parliamo di fatti.
        Dimmi, visto che sostieni di fare il commerciale, quanti impianti hai venduto e FATTO INSTALLARE col 110% nel 2020, DIMMELO CAZZO!!
        E dimmi pure quanti ne hai installati con 50% nel 2020, DIMMELO!

        DIMMI QUANTI IMPIANTI HAI VENDUTO nel 2020/21! DIMMELO CAZZO.

        Perché una politica sulle energie rinnovabili che non comporta la realizzazione di impianti ad energie rinnovabili ma solo un giro di carte spaventoso, non serve a nulla.

        Perché io ed i miei colleghi del settore, furbone, installiamo quello che i commerciali vendono.
        Se nel 2020/21 abbiamo installato pochissimo, quasi zero, vuol dire che i commerciali hanno venduto pochissimo.

        Potrei aggiungere altri argomenti di cui ho già parlato in post precedenti ma sono sicuro che con te servirebbe a poco.

        Regalaci un altro “Viviana for ever”, è meglio di queste tue repliche.

        "Mi piace"

      • @Fabio?

        Non c’è niente di gratis? Ma allora non hai proprio capito un cazzo!
        Non sai nemmeno come funziona la detrazione fiscale e la cessione del credito di imposta (che può essere anche non ceduto, se hai la grana, marginando quindi circa un 10% in più).

        Lascia stare.

        "Mi piace"

  29. Solitamente mi astengo dalle dotte disquisizioni di carattere politico-istituzionale perché, a differenza di altri commentatori, non sono sufficientemente edotto dei sottili meccanismi che regolano la nostra democrazia. In questa occasione intendo però derogare, esponendo una riflessione di carattere logico, settore più vicino ai miei interessi, che sicuramente si rivelerà errata ma sicuramente sopravviverò al disappunto.
    Se il Movimento 5Stelle non appoggia Draghi e la Lega neppure (in un caso favorisce un avversario e nell’altro regala consensi ad una “collega”) Super Mario dovrà desistere. Verrà pertanto assegnato l’incarico ad una seconda personalità che si “schianterà” ancora prima d’iniziare. Mattarella avrà pertanto una sola opzione… le elezioni.
    In questo caso quanti parlamentari rimarrebbero in Italia Viva, oltre a Renzi e a Mary Ellen Wood, invece di correre entusiasticamente ad appoggiare un Conte-Ter?
    La palla sembra quindi in mano al “cazzaro verde” che dovrà decidere se gli sia più conveniente, o meno dannoso, aiutare i 5Stelle o regalare elettori alla “pesciarola”.

    "Mi piace"

    • Andreaex non so di che parli, io scrivo per quel che mi sta accadendo in romagna negli studi tecnici e in credite agricole, smetti di dire cazzate, se vuoi sapere ho fatto impianti da trento alla puglia ho lavorato per impresa di milano, perugia, centobuchi di monteprandone ascoli e casa mia, Forlì e dintorni, ho trattato qualcosa come 100 mega di fotovoltaico, taci e racconta la tua storia e non dire agli altri cosa fare.
      Le aziende falliscono a casa tua.
      Saluti

      "Mi piace"

  30. Ahahahaha che sfigato il povero Travaglio Fido Coniglio! A L’aria che tira del “suo” principale Urbanetto Cairo che lo paga, stanno facendo il peana di Renzi che finalmente ci ha portato alla possibilità di un governo DRaghi! E dopo essere riuscito Renzi, a spaccare il PD, i 5 stelle è riuscitto pure a spaccare il FATTO quotidiano! Perhé Gomez quando si è visto accomunare alla “linea Travaglio Fido Coniglio anti governo Draghi” si è ribellato come una biscia specificando che lui dirige IL FATTO.IT e con la linea Travaglio Fido non c’emtra niente! Ahahahahah grandee Renzi!

    "Mi piace"

      • Tutti i giornali on line riportano la linea dei giornali stampati…Sarebbe l’ennesima annomalia del FATTO dove tutti la pensano come il direttore e l’unico che non è d’accordo si giustidfica con rabbia diucendo che lui è un altra cosa…Chissà se lo sanno anche quelli che lo leggono in rete che IL FATTOI on lme è tutt’alttra osa riuspetto la copia cartacea….

        "Mi piace"

  31. Travaglio … direi che ne ha sbagliate parecchie di previsioni, a lui basta che uno faccia il serio e si fida subito, alla cieca. In questo trovo sia ingenuo.

    Era convinto che draghi non si sarebbe prestato, mentre invece secondo me era lì parcheggiato e disoccupato dopo le dimissioni dalla bce già da un paio d’anni. E quando hanno deciso di interpellarlo era già giù al portone.

    E il piano per far rientrare la finanza massone al comando del paese era già in atto almeno da allora, e già la mossa di salvini andava in quel senso (ovvio che poi salvini non sapesse giustificare la papeetata, così come non la sapeva giustificare renzi da Collodi).

    E mattarella faceva parte del gioco sporco fin dall’inizio, fin da quando lo ha eletto il pd in mano al massone con anche parte dei voti di fi, cioè della mafia. Poi però sembrava tanto un nonnetto buono coi suoi moniti da sbadiglio … Direi che anche parecchi commentatori qui a infosannio, gli avevano dato fiducia, spero ora gliela ritirino.

    E il pd che travaglio (e purtroppo anche Grillo) pensava si fosse ravveduto, era invece sempre il solito pd telecomandato dai soliti occulti, e mentre faceva (e ancora fa) il collaborativo, tradiva dall’interno, uguale uguale alla lega.

    E ora draghi in teoria è nei guai perchè si trova davanti lo zoo di teste di minchia dei partiti, ma in realtà sono tutti sotto lo stesso padrone, che non scherza, e quindi vedrete che (miracolo!) riuscirà a fare il suo lavoro contro il paese e a favore dei suoi padroni (e tutti i disturbatori si trasformeranno in scolari modello nei fatti, ovviamente continuando a sfasciare tutto ma solo a parole). Non penso proprio che draghi, nell’alta finanza dalla nascita, sia libero e indipendente

    Direi che tutto sto casino all’apparenza confuso demenziale e incomprensibile, si spieghi abbastanza bene partendo dall’ipotesi che un consorzio di potenti tira le fila dei burattini dall’ombra, usando come flauto magico la tv, per portare il branco dei cittadini di volta in volta dove vuole che vada.

    "Mi piace"

    • @Fabrizio

      Permettimi Fabrizio ma queste sono speculazioni sul COME non sul COSA.
      Quando affermi che “il piano per far rientrare la finanza massone al comando del paese era già in atto almeno da allora”, a cosa ti riferisci in termini di provvedimenti economici?

      Perché se il punto di vista si limita alla ripetizione di alcune parole d’ordine, in un settore (quello economico) fatto di analisi e valutazioni anche complesse (confesso la mia ignoranza in materia), come possiamo farci – noi comuni mortali – una idea più precisa delle questioni trattate in modo da poter fare una scelta consapevole?

      Citare la finanza massone, la Bundesbank, la Goldman Sakcs, la Troika e poi prescindere dagli effetti concreti di una singola iniziativa economica (che ancora non c’è, Draghi non ha ancora proposto nulla), a che serve?

      "Mi piace"

      • Andrea non so nel concreto quali provvedimenti abbiano in mente di portare avanti.
        Non so nulla in realtà, e di quello che credo di sapere non ho le prove.

        Semplicemente mi aspetto che la grande finanza, probabilmente massonica, che ce lo ha mandato dirotterà i 209 miliardi verso se stessa, allontanandoli dai piccoli impotenti cittadini.
        Se poi draghi farà tutt’altro, e penserà alle fasce deboli, alle piccole e medie imprese, ai poveri ecc ecc, mi sarò sbagliato e ne sarò contento.

        Stiamo a vedere, di più non possiamo fare, non siamo in democrazia … immagino che prima della fine del mese la direzione che vorranno prendere sarà già chiarissima.

        "Mi piace"

  32. Il povero gigino o bibitaro vuol sentirsi dire dal draghi di komodo se puo mantenere l’auto blu,
    Sono notti che non riesce piu a dormire dalla paura di perderla,
    Se prima lo consideravo un cialtroncello, adesso è passato allo stadio dell’idiozia,

    "Mi piace"

    • Ma la signora Bruna Gazzelloni ancora non si riprende dall’incidente ? Da come scrive si capisce che deve essersi trattato di qualcosa di veramente grave.Comunque continui signora,piano piano qualcosina riusciremo a leggerla e un giorno ,Dio solo sa quando ,magari anche a capirne il significato.I lettori di Travaglio hanno una grossa pazienza quindi insista .Per “principiare” butti giù qualche punteggiatura così,a cazzo .Magari le azzecca pure.

      "Mi piace"

  33. Ma la signora Bruna Gazzelloni ancora non si riprende dall’incidente ? Da come scrive si capisce che deve essersi trattato di qualcosa di veramente grave.Comunque continui signora,piano piano qualcosina riusciremo a leggerla e un giorno ,Dio solo sa quando ,magari anche a capirne il significato.I lettori di Travaglio hanno una grossa pazienza quindi insista .Per “principiare” butti giù qualche punteggiatura così,a cazzo .Magari le azzecca pure.

    "Mi piace"

  34. Ahahahaha ce prova il pataccaro Giuseppolillo a autocandidarsi capo del Movimento! Eccierto e tutti quelli che l’hanno costruito stanno a guardare! Deve aver capaito il pataccaro che dopo la figuraccia del reclutamento di quei 10 ppoveretti che dovevano costituire la base nobile del suo partito dopo l’accaduto è meglio nasconderli per non far ricordare come quel gruppo è nato, “ce prova” col Movimento quando ancora gli stati generali (ed è doi una gravità incredibile che in spregio anche delle regole del Movimento e di una sorta di congresso già avviato con la decisione di un direttorio che dovrebbe dirigerlo lui si autoproclami capo! Il ché dà la misura della miseria umana e civile di questo ridicolo personaggetto che tanto ama Travaglio Fido Coniglio! Evidentemente i simili si attraggono!

    "Mi piace"

    • «Evidentemente i simili si attraggono!»

      Infatti tu compri e leggi il Fatto Quotidiano.
      Tra “fatti” vi intendete a meraviglia! 😀

      "Mi piace"

  35. Oddio se tutte le qqualità e virtù del suo amato Giuseppolillo si limitano a 4 righe striminzite per dire che tutti lo hanno affossato “per i sordi” in arrivo e che tutti i poteri marci dei giornaloni (quello di Travaglio Fido Coniglio è quotato in borsa per cui Draghi dovrebbe pure stargli simpatico) ce l’avevano con luyi, mi pare sia un sintomno chiarissimo che Travaglio Fido l’abbia già scaricato e denota quanto stia a cuore a questi tangheri il destino degli italiani, il loro dolore, quello che hanno passat e passeranno, i loro lutti a conferma della propensione a farsi commissari del popolo i Suslov che guardano al fine più che al mezzo: i benefici che potevano ottenere dalla permanenza di Conte al potere. Tutto qui.

    "Mi piace"

  36. Peter Gomez stamattina incazzatissimo che lo si potesse accomunare a Travaglio Fido Coniglio..Stasera Padellaro che anche fisiognomicamente ha la faccia mollicia del voltagabbana ha detto del governo Cointe duracommentando la crisi, già era un casino prima e sstasera dulcis in fondo parrebbe che Beppe Grillo abbia detto: il governo Draghi una grande opportunitòà! A sfigatiiiiiii….ahahahahaha

    "Mi piace"