Quando s’avvicina un’udienza in tribunale, Berlusconi si…

(Emilio Pucci – il Messaggero) – «Desidero tranquillizzare tutti: sono in buone condizioni di salute, il mio ricovero si è reso necessario solo per alcuni accertamenti poco più che di routine impostimi dalla prudenza dei miei medici curanti. La mia attività prosegue normalmente, in costante contatto con i miei collaboratori e i protagonisti della vita pubblica, in questo momento così difficile per il paese».

Il presidente di FI Berlusconi, ricoverato al Centro cardiotoracico di Monaco, ospedale specializzato del Principato, con una nota diramata ieri nel tardo pomeriggio ha voluto rassicurare parlamentari azzurri ed alleati.

L’ ex premier si trovava a Valbonne, la località vicino a Nizza dove ha trascorso anche gran parte del lockdown, nell’ abitazione della figlia Marina, in compagnia della compagna Marta Fascina. Si sarebbe sentito poco bene domenica.

Nei giorni scorsi erano arrivati in Francia anche Ghedini e Letta per discutere della situazione politica ma anche per sincerarsi delle sue condizioni. «Lunedì ha spiegato Zangrillo, medico di fiducia di Berlusconi – sono andato d’ urgenza dove risiede temporaneamente il presidente, nel Sud della Francia, per un aggravamento e ho imposto il ricovero ospedaliero a Monaco perché non ho ritenuto prudente non affrontare il trasporto in Italia».

 Il ricovero, avvenuto in un ospedale all’ interno di uno sfarzoso edificio su Avenue d’ Ostende, affacciato sul molo del Principato, è legato a problemi cardiaci, conferma. «Sono in costante contatto con il presidente Berlusconi, la situazione clinica è stabile tanto è vero che io sono a Milano», ha detto Zangrillo.

A CUORE APERTO

Nel 2016 Berlusconi fu operato a cuore aperto, per una sostituzione della valvola aortica. Chi gli ha parlato negli ultimi giorni l’ ha comunque trovato in forma, anche se altri fonti spiegano che pure prima di Natale l’ ex presidente del Consiglio si è sottoposto a dei controlli.

Del resto il Cavaliere deve sottoporsi a delle visite periodiche al San Raffaele.

«Non sono preoccupato per le mie condizioni, mi preoccupo ha osservato l’ ex premier – per quelle di tanti italiani vittime del Covid e di altre malattie e di tanti altri italiani che subiscono le conseguenze di una crisi gravissima. Mi preoccupo anche, di conseguenza, per il rischio che la crisi politica che si è aperta aggravi la paralisi decisionale del Paese in un momento così difficile. Qualunque sia la soluzione, è necessario attuarla al più presto, senza perdere neppure un giorno nei tatticismi della politica di palazzo».

Intanto, però, è stato rinviato all’ 8 aprile il processo Ruby ter a Siena: gli avvocati Cecconi e Demartino, difensori di Berlusconi, hanno presentato richiesta di legittimo impedimento «perché – hanno spiegato – il Cavaliere si sta sottoponendo ad accertamenti sul suo stato di salute in ospedale». In diversi in Forza Italia legano sottotraccia il ricovero del Cavaliere alle vicende giudiziarie ma questa tesi è smentita dai big azzurri.

LA TELEFONATA

In serata Salvini ha telefonato all’ ex premier per sincerarsi delle sue condizioni di salute: «L’ ho trovato sereno e di buonumore», ha riferito. Lo stesso ha fatto il presidente di FdI, Meloni. L’ ex presidente del Consiglio è stato contattato anche dal vice presidente di FI, Tajani e ha ricevuto messaggi da molti esponenti del centrodestra e non solo. Il Cavaliere continua ad informarsi sulla situazione politica e ha chiesto anche lumi sulla data di eventuali consultazioni al Quirinale.

«Se ci saranno nel week end, voglio esserci», ha risposto a chi ha chiesto lumi sulla sua salute. Berlusconi sta seguendo lo scontro tra Conte e Renzi, aveva scommesso su quest’ ultimo, riferisce un esponente di primo piano di Forza Italia.

La famiglia del Cavaliere continua a consigliargli prudenza, ad evitare sforzi dopo il lungo ricovero al Raffaele per il coronavirus. L’ ex premier, però, vuole restare centrale nel centrodestra ed ha avuto contatti telefonici pure ieri per cercare di convincere chi è orientato a votare la fiducia all’ attuale presidente del Consiglio.

Ed intanto torna la preoccupazione nel partito azzurro, ovvero che possano essere Salvini e Meloni a dare le carte in questa crisi ma soprattutto nel futuro. «Ci saremmo aspettati osserva un deputato forzista una iniziativa da parte del partito, una proposta da mettere in campo per frenare i responsabili». «Non credo azzarda un senatore di FI che con Berlusconi ricoverato o comunque in condizioni di salute non ottimali ci possa essere qualcuno disposto ad accoltellarlo».

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

5 replies

  1. Zangrillo ha detto che è praticamente morto,
    ma poi si è reso conto che non gli avevano chiesto del Sars-CoV-2
    (è lui che deve morire non il Covid-19, che è la malattia che provoca)
    ed ha ritrattato dicendo che, i soliti giornali comunisti,
    gli avevano teso una imboscata.

    "Mi piace"

  2. Il caimano si è inabissato come fa di solito in queste occasioni. Riemergerà appena avrà scampato il pericolo con qualche nuovo intedimento truffaldino e i denti ben affilati :si salvi chi può !

    "Mi piace"

  3. La giustizia è clinicamente morta l’ha detto zangrillo?

    Su spinoza ho letto questa:
    “Un grande in bocca al lupo a berlusconi: non voglio che muoia con i bar chiusi”.
    E mi associo.
    Ormai ci siamo, propongo che il giorno della sua morte divenga festa nazionale in futuro. Per fortuna quella i suoi trucchetti non li calcola proprio.

    "Mi piace"