Perché accuso Ranieri Guerra. Parla Zambon (Oms)

Che cosa ha rivelato in tv Francesco Zambon, funzionario Oms, sul mancato aggiornamento del piano pandemico in Italia sul direttore aggiunto Oms, Ranieri Guerra

(di Giusy Caretto – startmag.it) – “Non si trattava di buona fede, mi chiedeva di coprire o di falsificare qualcosa”.

Così Francesco Zambon, funzionario dell’Oms che ha coordinato il gruppo dei ricercatori che hanno scritto il rapporto sulla risposta dell’Italia alla pandemia, ospite di Non è L’Arena, ha parlato di Ranieri Guerra, direttore aggiunto dell’Oms e direttore generale per la Prevenzione al Ministero della Salute da 2014 al 2017, cui spettava per quegli anni l’aggiornamento del piano pandemico.

IL CONTESTO

Facciamo un passo indietro. Il Kuwait ha finanziato un rapporto sulla risposta dell’Italia alla pandemia. A redigerlo sono stati 10 ricercatori Oms del distaccamento di Venezia, guidati da Francesco Zambon. Il documento, “Una sfida senza precedenti. La prima risposta dell’Italia al Covid” mostrava un’Italia impreparata e confusa, anche a causa della mancanza di un piano pandemico aggiornato.

LE MINACCE DI RANIERI GUERRA

Il mancato aggiornamento del piano pandemico metteva sotto scacco il Ministero della Salute italiano, quello attuale e i precedenti. Ed è per questo che Ranieri Guerra, ora direttore aggiunto dell’Oms, ha fatto pressioni su Francesco Zambon perché quel rapporto venisse modificato.

Quel rapporto, però, è stato pubblicato senza alcuna modifica sostanziale e ritirato dall’Oms dopo appena 24 ore.

COSA E’ ACCADUTO PRIMA DELLA PUBBLICAZIONE

Che quel rapporto avrebbe fatto tremare i vertici del Ministero della Salute, attuali e vecchi, Ranieri Guerra incluso, poteva essere intuibile dalla mail di minacce che Guerra aveva inviato a Zambon, che inizialmente era convinto della buona fede di Guerra, ha sottolineato Zambon ieri in tv nella trasmissione condotta da Massimo Giletti.

“Quando ricevetti la mail con tono intimidatorio pensai che Guerra fosse in buona fede, e chiesi una verifica su tutti i piani pandemici dal 2006”, ha raccontato Zambon ospite di Non è L’Arena, programma di La7.

ZAMBON: NON C’ERA BUONA FEDE

“Poi – ha aggiunto Zambon – mi accorsi che non si trattava di buona fede ma di un copia e incolla. Guerra stava cercando di coprire o mi chiedeva di falsificare qualcosa in un periodo in cui lui era stato direttore per la prevenzione. Quindi io vedevo un conflitto di interesse rispetto al ruolo che occupa oggi”.

LA MAIL A TEDROS

E in nome di questo conflitto di interessi, Zambon scrive a Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Oms: “Nella mail dico che è stata fatta questa pubblicazione, che è vero che c’è un potenziale conflitto di interessi ma che la pubblicazione potrebbe essere utile agli altri Paesi”, racconta il funzionario a Non è L’Arena.

1 reply

  1. Mi sembra una cosa abbastanza grave, sono sempre più convinto che abbia fatto bene Giletti a farla emergere. Che lo abbia fatto strumentalmente per avvantaggiare la sue simpatie politiche è del tutto marginale.

    È vero ciò che è emerso? Sembra proprio di sì.
    È grave? Si, lo è?
    Mette in imbarazzo il governo? Si, e allora? È un buon motivo per non parlarne?

    Perché mai dovremmo far finta di nulla?
    Noi non siamo strateghi di un partito ma comuni cittadini.
    Non abbiamo solo il diritto di critica ma pure il dovere!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...