Mattarella: il sottotesto degli gnorri

(di Antonio Padellaro – Il Fatto Quotidiano) – Cosa hanno voluto dire, realmente, a Sergio Mattarella: ecco il sottotesto delle dichiarazioni di immediato consenso di tutti i partiti dell’arco parlamentare alle parole di fine d’anno del capo dello Stato.

Matteo Renzi: “Italia Viva ringrazia il presidente della Repubblica per la sua guida autorevole e saggia”. Era chiaro che ce l’avevi con me quando hai sibilato: “No a distrazioni e a illusori vantaggi di parte”. Volevi farmi intendere che è da bischeri irresponsabili minacciare la caduta del governo con il Paese devastato dalla malattia e tramortito dalla crisi. Infatti, non avevi ancora finito di parlare e già mandavo in rete le consuete espressioni insulse e untuose, a significare la mia più totale indifferenza per i tuoi moniti. (La prima gallina che canta ha fatto l’uovo).

Nicola Zingaretti: “Un grande messaggio che chiama tutti alla responsabilità”. Hai fatto bene a dirgliene quattro a quel signore là. Comunque non ti preoccupare, fai pure come se non ci fossimo. (Strategia del morto a galla).

Vito Crimi: “Ha ragione Mattarella, non ci può essere spazio per divisioni ma dobbiamo cambiare ciò che va cambiato”. In assenza della piattaforma Rousseau, e in presenza di una mezza dozzina di correnti grilline do un colpo a Renzi e un colpetto a Conte. (Il “ma anche” veltroniano gli fa un baffo).

Silvio Berlusconi: “Siamo in sintonia con ogni parola”. Anche se è un comunista questo Napolitano mi piace. O si tratta di Cossiga? (Meno male che Silvio c’era).

Matteo Salvini: “Parole sante”. Forza Morisi, pensaci tu a scrivere un paio di frasette qualsiasi, purché diverse da quelle della Meloni. (E pensare che al tempo di Bossi, dalla Lega piovevano solo pernacchie sul Quirinale).

Giorgia Meloni: “Facciamo nostro il suo appello ad affrontare il piano europeo per la ripresa in modo concreto ed efficace”. Se si va ad elezioni i signori di Bruxelles non potranno non apprezzare il mio robusto, antico e convinto europeismo. (Sovranista a chi?).

Giuseppe Conte: “Ha ragione il capo dello Stato, ora è il tempo dei costruttori”. Fanculo i rottamatori, è abbastanza chiaro no? (Quando un uomo con la pistola incontra un uomo con il fucile, quello con la pistola è un uomo morto).

Sergio Mattarella: “Sarà il mio ultimo anno di mandato”. Quindi è inutile che continuate a leccarmi gli stivali, nel vostro circo non ci resterò un giorno di più.

12 replies

  1. Bello, amaro, intelligente. Ma non risolve il problema di fondo: l’eliminazione di Renzi. Nel mondo antico, l’uccisione dell’avversario era uno strumento di lotta politica come un altro. Oggi forse in Russia e in qualche altro paese sì, ma da noi no (Mafia a parte). Quindi bisognerà trovare qualche altro sistema, e un sottile ma implacabile svergognamento in Parlamento è un compito di civiltà a cui Giuseppe Conte non dovrebbe sottrarsi. E’ nelle sue corde, e come…

    Piace a 1 persona

  2. C’e qualcosa di nuovo nell’aria anzi d’antico…I messaggi di capodanno del presidente sono sempre gli stessi anche se cambiano,idem anche quelli dei cronisti. Padellaro non fa eccezione a prescindere dalla sensatezza del suo punto di vista che mi capita di condividere.

    "Mi piace"

  3. Io mi chiamo Giulia pertile ho38 anni chiedo a tutti podere cambiare notizie sul autonomia e disabilità intellettiva sulla ambiente lascia spazio anche noi Down dadi associazione e il mio lavoro cooperativa sigma dove io lavoro. Per me è importante sulla natura e la ambiente lascia spazio a chi no a lavoro abbiamo tutti diritti lavorare e la vita nomalita da 2021 ora in poi

    "Mi piace"

  4. Eh bravi i grilloidi bazzicanti questo forum! Padellaro che ironizza sulla capacità “leccatoria” dei politici e loro tutti insieme ad adulare Padellaro che assieme a Travaglio Pedullà e Scanzie si sono finiti la lingua a forza di leccare Conte e questo governo di poltronari

    "Mi piace"

    • Adele, ti sfuggono le basi del lecchinaggio.
      SI lecca quando si possono e si vogliono trarre benefici. Travaglio che benefici trae da Conte? Quali sono le lobby che bussano alla porta di Conte e che entrano? E dalle quali il Fatto trarrebbe vantaggi?

      Se sai rispondere a queste domande sono disposta a cambiare idea. E non sono una grilloide né grillina né niente, proprio non ho rappresentanza, forse 3 seggi in tutto tra camera e senato.

      Piace a 1 persona

  5. Apporterei solo una piccola, ma significativa correzione:
    Giuseppe Conte: “Ha ragione il capo dello Stato, ora è il tempo dei costruttori”. Fanculo i rottamatori, è abbastanza chiaro no? Quando un pistola incontra un uomo con il fucile, il pistola è un uomo morto.
    Daje Giuseppe… attendiamo liberaci da “il pistola di Rignano”… te ne saremmo tutti assai grati…!

    Piace a 1 persona

  6. Matteo Renzi: “Italia Viva ringrazia il presidente della Repubblica per la sua guida autorevole e saggia” che ha detto
    “No a distrazioni e a illusori vantaggi di parte”

    Milioni di italiani l’hanno capito e a lui non di certo non lo ringraziano|||||

    "Mi piace"

  7. NO A NUOVE ELEZIONI !- Viviana Vivarelli.

    Davanti ai ricatti e ai capricci di Renzi c’è chi, esasperato, invoca nuove elezioni per schiacciarlo definitivamente perché non è più sopportabile, è diventato più odioso addirittura di Renzi.
    Non parlate di elezioni nemmeno per scherzo!
    Le elezioni sarebbero una grossa incognita
    e potrebbero significare la catastrofe finale per il nostro Paese.
    Non possiamo augurarci le elezioni adesso per mille motivi.
    Renzi sarà sgominato con altri mezzi come merita. Conte troverà quali e, una volta battuto nel Senato, i suoi scapperanno come i topi dalla nave che affonda e cesseranno per lui le regalie delle lobby e dei ricchi delinquenti italiani mentre è possibile che avanzino le indagini della Magistratura che possono incastrarlo nei suoi reati.
    Non è proprio questo il momento di nuove elezioni. L’Italia in piena crisi economica ed è ancora in piena pandemia, sta per cominciare il semestre europeo, stanno per arrivare i 209 miliardi promessi dall’Ue, c’è un enorme lavoro di ammodernamento del Paese da fare e a luglio comincia il semestre bianco, il periodo di tempo durante il quale il Presidente della Repubblica Italiana, negli ultimi sei mesi del proprio mandato, non può sciogliere le Camere.
    Sergio Mattarella è stato eletto il 31 gennaio del 2015 e un nuovo Presidente sarà eletto nel 2022. Da luglio il voto anticipato diventerebbe tecnicamente impossibile. Per questo le opposizioni premono tanto ora. Hanno solo sei mesi di tempo per rovesciare il Governo e le tenteranno tutte.
    Ma non è proprio il caso di mettersi a perdere tempo ora con campagne elettorali ed è meglio che il nuovo Presidente della Repubblica sia eletto dal governo attuale e non dalla destra di Berlusconi che avrebbe pure la faccia di proporre Berlusconi stesso o un Magistrato a lui venduto come Sabiuno Cassese.

    "Mi piace"

  8. Quando un uomo con la pistola incontra un uomo con il fucile, quello con la pistola è un uomo morto
    (Rido)

    Quando un uomo con la pistola incontra un uomo con il fucile, si uniscono e fanno una rapina.
    Di solito è così.
    Svegliaà .. giù dalle brande.

    Preferivo morire con un no alle modifiche sul mes.
    Una fine col botto.
    Vaffanculo.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...