Il Supercasino del tutti contro tutti

(di Antonio Padellaro – Il Fatto Quotidiano) – Quando il 9 marzo Giuseppe Conte decise il lockdown nazionale, gli italiani si chiusero disciplinatamente in casa e il tricolore esposto sui balconi simboleggiava lo spirito patriottico dell’unità nazionale. Se, come leggiamo, prima o dopo Natale il governo dovesse essere costretto a una misura analoga per frenare la curva impazzita dei contagi, dei decessi, degli ospedali presi d’assalto, teniamoci pronti a celebrare lo spirito fazioso della disunità nazionale. Il tutti contro tutti delle ultime settimane non lascia del resto molto spazio all’ottimismo.All’interno del governo, dove l’allarme ripetutamente lanciato contro gli assembramenti nelle piazze e sulle spiagge, complice lo sfavillante novembre è già un modo per mettere le mani avanti. Del tipo: cari italiani ci eravamo raccomandati al vostro senso di responsabilità ma visto che continuate a fregarvene vi spediamo di nuovo tutti a casa. Quanto all’opposizione essa si opporrà in qualunque caso. Se ci sarà il lockdown strillerà contro la dittatura sanitaria, la catastrofe economica e il governo brutto e cattivo che ruba il Natale ai bambini. Se il lockdown non ci sarà strillerà contro la dittatura del contagio, opera del governo degli incapaci e degli assassini (sentiremo anche questa). Sui presidenti delle regioni, che ve lo dico a fare, c’è più armonia, compattezza e unità d’intenti nella Casa del Grande Fratello. Virologi e immunologi? Una credibilità messa a dura prova dai continui litigi televisivi, tanto che perfino il presidente della Lazio, Claudio Lotito può serenamente discettare su Covid e batteri nella vagina delle donne. E la babele dell’informazione? E gli opinionisti tre palle un soldo? E le associazioni dei medici e del personale sanitario che allo stremo delle forze gridano lockdown subito? E le categorie del commercio, del turismo e della ristorazione che tra le macerie delle loro attività implorano lockdown mai? E i cosiddetti ristori, giudicati elemosine nel migliore di casi (e nel peggiore non pervenuti)? E la demenziale guerra dei Toti contro gli anziani non più utili al processo produttivo? Inutile andare avanti perché il supercasino è sotto gli occhi di tutti. Non resterebbe che tornare al punto di partenza, a quel 9 marzo quando un uomo solo al comando decise per tutti. Ma oggi signor presidente del Consiglio siamo troppo confusi e non sappiamo più cosa sperare.

4 replies

  1. Il grido di dolore da ascoltare con più attenzione è quello dei medici del servizio sanitario che non ce la fa più.
    Sembra un de profundis per chi si ammala: “Lasciate ogni speranza voi che entrate.
    Dopo si possono avere tutte le opinioni di questo mondo ma quello della salute resta il problema principale anche perché chi ha o è in una attività economica in difficoltà può sempre sperare un domani di riprendersi chi muore no, non ha più nessuna possibilità.
    Il tutti contro tutti è normale, specialmente da noi, fa parte della pochezza degli uomini. Ma si sopravviverà anche a quella.

    Piace a 2 people

  2. E’ così che nascono le dittature ! Senza volerlo Padellaro ha evocato ,con il desiderio di ordine e charezza, il bisogno di un’autorità che metta a tacere il baccano proveniente dal caos.

    Piace a 2 people

    • io invece gli farei fare un liberi tutti
      e vediamo se i giullari del modello Svezia
      (dove occorre ricordare ci sono svedesi e non gli italiani
      e che, nonostante ciò, pare che ultimamente pare sia in affanno se non peggio)
      stanno ancora a strillare si complotti, di dittature.
      6541* (i numeri pari mi fanno specie, sembrano una truffa)
      morti al giorno non gliele leva nessuno
      settimana/morti
      31.08 / 42
      07.09 / 70
      17.09 / 71
      21.09 / 100
      28.09 / 127
      05.10 / 151
      12/10 / 203
      19.10 / 411
      26.10 / 863
      02.11 / 1580
      09.11 / 2691

      * spero iperbole e non previsione che si auto avvera

      "Mi piace"

  3. Padellaro non convince: c’è un governo che decide e cerca di coinvolgere Regioni e opposizione in soluzioni condivisi e utili. Esistono, poi, i regionalismi e certa opposizione che vogliono continuare a farsi i caxxi propri con la scusa della libertà e dell’economia da salvare. Certo, certo, anche quella degli spacciatori coi depositi pieni di ecstasy e diverse polverine invenduti, della finanza riciclatrice cui manca il denaro, degli estorsori del pizzo che trovano i negozi chiusi: abbiamo imparato a capirlo. Però, c’è chi fa di ogni erba un ” fascio”: per caso?

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.