Denis santo subito

(Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano) – Non sappiamo chi è il nuovo presidente Usa perché aspettiamo i postini. Non sappiamo quali sono le zone rosse, arancioni e gialle, perché aspettiamo il ministero, l’Iss, il Cts, gli sgovernatori, i sindaci e il divino Otelma. Ma una certezza l’abbiamo: Verdini martire. Condannato in Cassazione a 6 anni e 6 mesi per la bancarotta fraudolenta del Credito cooperativo fiorentino (32 “distrazioni”, cioè 32 furti ai risparmiatori per favorire gli amichetti suoi) e prescritto in extremis per truffa allo Stato sui i fondi pubblici all’editoria, era uno dei pochi berlusconiani rimasti a piede libero. Ma ha provveduto lui stesso a colmare l’inspiegabile ritardo, consegnandosi a Rebibbia prima che i carabinieri andassero a prenderlo. E l’ha fatto senza un lamento, perché non è un piagnucolone e perché, conoscendosi, sapeva benissimo che sarebbe finito lì (anche la scelta dei portafortuna, dal Caimano all’Innominabile al Cazzaro, non ha giovato). Ma a lacrimare al suo posto ci pensano i giornalisti increduli per lo scandalo di un pregiudicato in galera. Il suo amico Giuliano Ferrara, del cui Foglio Verdini fu editore coi soldi di B. e soprattutto nostri, strilla contro “la logica delle manette”, senza spiegare in quale Paese un condannato a 78 mesi resta a piede libero. Ma da lui c’era poco da attendersi: il suo bacio è un apostrofo rosa tra le parole “ti” e “arresto” (Craxi ad Hammamet, B. a Cesano Boscone, Dell’Utri, Previti e Verdini a Rebibbia).

Strepitoso invece Mattia Feltri, quello che aspetta sempre la Cassazione e poi, quando arriva la Cassazione, non gli va bene lo stesso. Premette: “Non so nulla del processo”, anche se “Ferrara lo definisce brutale e spicciativo” senza saper nulla del processo. Ma proprio perché non sa nulla del processo, e se ne vanta, Feltri jr. rimpiange gli abbracci di Denis che “spalancava le tanaglie e mi rinserrava dentro”. E “prova un dolore intenso”: non per le vittime del crac Ccf finite sul lastrico, ma per il bancarottiere-truffatore a cui “voglio molto bene” perché prima della Stampa lavorava al Foglio gestito da Verdini a spese dei contribuenti (prima di passare all’edizione toscana del Giornale e infine al gruppo Libero-Il Tempo del sen. Angelucci). Roba che può accadere solo in Italia: all’estero è conflitto d’interessi. Ma ora, proprio grazie al conflitto d’interessi, mezza stampa lo beatifica. Il Giornale arriva a scrivere che, al suo arrivo a Rebibbia, i giudici dovevano “respingerlo” per evitare che sconti la pena “a contatto col carcere e col virus” (notoriamente circoscritto alle patrie galere), come peraltro fanno 60mila detenuti che non sono mai stati senatori, banchieri ed editori. Diceva Trilussa: “La serva è ladra e la padrona è cleptomane”.

11 replies

  1. Mattia Feltri per me è inqualificabile.
    Purtroppo ho visto che anche Davide Vecchi (ex Fatto Quotidiano ora direttore Corriere dell’Umbria di Angelucci) scrive delle cose inaudite sul suo profilo twitter. Che s’ha da fare per campare…
    Comunque la cosa che più mi ha impressionato è il numero di commentatori che si dicono assolutamente d’accordo con Feltri con toni quasi da santificazione, direi che il tasso di tafazzismo degli italioti è sempre a livelli molto elevati

    Piace a 3 people

    • @paolapci
      Accorcerei la tua domanda: “Ma davvero c’è almeno un lettore di Fuffington Post?”
      Perchè c’è appunto da chiedersi quanto masochista debba essere qualcuno per leggere
      le boiate megagalattiche del Fuffington.
      Comunque la tua ultima frase potrebbe essere la risposta alla domanda: il mondo è
      pieno di subumani.

      Piace a 2 people

  2. L’Italia (ahinoi) si conferma il Paese di sottosopra.
    Il Governo crea le zone-Covid a rischiosità variabile, adottando il miglior compromesso tra salute ed economia e (udite udite!) applicandolo secondo una logica meritocratica, e invece di levarsi plausi e ringraziamenti per aver risolto questa imbarazzante e pericolosa situazione di stallo in cui eravamo finiti nelle ultime settimane (grave ma pur sempre migliore di quasi tutta Europa, che sta chiudendo in ogni dove) ecco che le Regioni – la versa causa non del male, che è un virus fuori controllo fino a che non ci saranno cure specifiche, bensì del suo amplificarsi – tuonano, minacciano, chiedono interventi e rivisitazioni, piangono lacrime di coccodrillo e strizzano l’occhio ai propri concittadini non per salvargli la vita ma i loro voti.
    E nello stesso momento l’ennesima condanna in via definitiva non genera indignazione e rigetto verso il colpevole, ma verso la giustizia che ha fatto il suo corso; e anche in questo caso coloro che sono stati colpiti dal danno – sia essa perdita di salute oppure perdita dei propri risparmi – paiono comparse sullo sfondo, a cui nessuno dedica un’attenzione, carne da macello sacrificabile senza indugio.
    Che poi ce lo meritiamo pure se quando ricorriamo alle urne ci lasciamo incantare dai Mattei di turno…

    Piace a 5 people

  3. Quanta gente dovrebbe finire in galera per avere truffato e depredato banche e depositanti per cifre milionarie. E questo ceffo salvo errore sarebbe uno dei primi e sconterà, a quanto pare, solo pochi mesi dentro. Quelli del MPS l’hanno sfiorata, salvo errore. A quando la sensazione che anche i politici ed i colletti bianchi pagano i loro debiti con la società? Se ben ricordo, in Germania sono in galera circa 50.000 fcolletti bianchi “, per così dire, in Italia non si arriva a 500 secondo una statistica un po’ datata. Sarà perché noi siamo onestissimi rispetto ai Tedeschi? Ma qualcuno ci crede? No, la realtà è che per loro i disonesti sono mele marce da appartare dalla società, qui fan parte del sistema come e più delle persone oneste

    Piace a 3 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.