Vittorio Feltri: “Carlo Calenda candidato sindaco: Roma lo ridurrà in poltiglia”

(Vittorio Feltri – liberoquotidiano.it) – L’ex ministro nonché ex dirigente industriale, Carlo Calenda, sfidando il destino si è candidato a sindaco di Roma, fare il quale non è difficile, bensì inutile, viste le condizioni della Capitale che non consentono interventi amministrativi risolutivi. Marino fu scacciato precipitosamente dal Campidoglio per motivi mai chiariti. Gli subentrò la signora Raggi, donna non sciocca ma priva di esperienza: ha compiuto ciò che ha potuto con risultati discutibili. Noi all’inizio del suo mandato scherzosamente abbiamo definito la situazione che Virginia maneggiava “patata bollente” ed ella si è ingiustamente offesa. Non era un insulto, piuttosto la constatazione che la prima cittadina avrebbe affrontato una questione scottante. Così è stato e la preghiamo di prenderne atto. 

Roma infatti non è una città normale, è un casino infernale da secoli, mai nessuno è riuscito a disciplinarla e attualmente non è migliorata, anzi vi domina il peggio che si possa immaginare. Non credo sia colpa delle varie giunte che si sono succedute negli ultimi lustri. Negli anni Sessanta la metropoli era un gioiello, tutto funzionava a meraviglia. All’epoca ci ho vissuto per oltre dodici mesi: mi pareva di essere in paradiso. Il film “La dolce vita” rifletteva la realtà, quella di una Roma gaudente, ordinata, piacevole, traffico non intenso, strade pulite. Abitarvi era una gioia per noi umani e non per i cinghiali, che in effetti latitavano, non come adesso che rovistano nei rifiuti che nessuno smaltisce. Poi le borgate si riempirono di disperati, centinaia di migliaia di immigrati da ogni parte d’Italia. 

Trionfò il disordine che tuttora domina in ogni quartiere. Calenda si illude di essere in grado di sistemare le cose e non lo sfiora il dubbio di andare incontro a un fallimento. La sua aspirazione è quella di evitare le cosiddette primarie, vanto del Pd, che sono qualcosa di simile a un grande imbroglio non essendo regolarizzate per legge, bensì affidate al volontariato postcomunista. Un orrore. Egli ha ragione. Penso addirittura che il politico in questione sia capace di vincere le elezioni romane, ritengo altresì che se trionfasse per lui sarebbe un guaio nel quale chiunque, Carlo incluso, rischierebbe di annegare. Presentemente la politica costituisce un brutto pasticcio che Calenda dovrebbe evitare allo scopo di salvare se stesso dal naufragio. A me costui non può piacere perché mi ha mancato di rispetto, nonostante ciò gli do un consiglio amichevole. Stia alla larga dal Campidoglio, una trappola infernale che lo ridurrebbe in poltiglia.

8 replies

  1. La Raggi ingiustamente offesa? Io non sono assolutamente un fan del Me Too senza prescrizione, visto che le presunte o vere adolescenti vittime di abusi sono ora pasciute nonne o addirittura bisnonne, ma quel titolo di patata bollente sul giornale di cin cin Vittorio mi sembrò veramente becero. E avrei affermato lo stesso se fosse stato unito al personaggio Carfagna, tanto per dire. Chissà perché mi è venuta in mente proprio lei

    Piace a 2 people

  2. Avessi condiviso un concetto.
    Mi onoro di pensare tutto il contrario di lui, dall’inizio alla fine. Tra l’altro è continuamente in malafede, oltre che far affiorare qui e là misoginia e razzismo.
    In particolare, sul vero significato di “patata bollente” non convince nessuno, tanto meno sé stesso.
    O ci vuole convincere anche che “Vieni avanti, Gretina” fosse un gentile invito con vezzeggiativo?

    "Mi piace"

    • L’ineffabile direttore fa finta di dimenticare che quel titolo uscì nei giorni in cui si affermava una relazione più che sentimentale tra la Sindaco e quel famoso Marra.
      Quanto alla meraviglia di Roma anni ’60 è chiaro che il Nostro non ha mai letto Pasolini che descriveva la vita degradata delle periferie; non è mai salito sul 235 ( una vecchia corriera d’anteguerra) che dalla borgata Fidene arrivava a P.za Vescovio con i suoi passeggeri non sempre olezzanti di verbena e che salivano sul 35, con i finestrini aperti anche d’inverno, per arrivare alla Stazione Termini. Altro che “dolce vita”, per alcuni era il film “brutti, sporchi e cattivi”.

      Piace a 1 persona

  3. È certo che questo editoriale rispecchia la sagacia del prode Feltri, che ha vissuto per 12 mesi la Dolce vita romana negli anni settanta (lontano dalla moglie e accudito dall’amante) senza accorgersi del magna magna e della mafiosita’ di certi ambienti che frequentava. Forse distratto dalla patata bollente…

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.