Il Pd invoca il MES per spaccare il M5S, ma lo fa spingendo su uno strumento rischioso per l’Italia

(di Alessandro Di Battista – tpi.it) – Bonomi, Presidente Confindustria: “Rinunciare al MES sanitario privo di condizionalità è un danno certo al Paese”. Cottarelli: “L’Italia prenda i fondi del MES, serve a far arrivare i soldi presto”. Zingaretti: “Il canale di finanziamento del MES è molto vantaggioso”. All’attacco concentrico sferrato con un solo grande obiettivo, quello di normalizzare (o spaccare) il M5S, sperando che si converta alla religione del vincolo esterno, non si poteva sottrarre Romano Prodi. Il professore, pochi giorni fa, ha rilasciato un’intervista ad Avvenire imbottita di sottotitoli nascosti e messaggi politici subliminali. “Serve invece un sistema maggioritario che obblighi a mettersi insieme per il futuro del Paese”, traduzione: il M5S la smetta di essere diverso e si ritorni al bipolarismo. “Basta estenuanti confronti su qualche opera pubblica”, traduzione: via alle grandi opere, che siano o meno utili fa poca differenza.

“Nel Pd e nel M5S ci sono anche valori unificanti, ma ora serve un salto di qualità”, traduzione: votatemi Presidente della Repubblica e sarò garante del prossimo governo dove avrà spazio chi sosterrà la mia candidatura. “È una pazzia solo pensare di poter rinunciare al MES, quei soldi ci servono”, traduzione: chi ha dubbi è un povero scemo. La propaganda dei nuovi MESsia del denaro facile è diventata ossessiva da quando Dombrovskis, commissario UE alla stabilità finanziaria, e Gentiloni, commissario UE agli affari economici e monetari, hanno inviato all’ex-Presidente dell’Eurogruppo Centeno una letterina nella quale affermano che il ricorso al MES non prevederà alcuna condizionalità a parte l’obbligo di spendere i denari per l’emergenza sanitaria.

Urrà hanno gridato politici, editorialisti del giornale unico, boiardi di stato e panchinari della Repubblica. Ma è davvero così? Una lettera interpretativa, sebbene scritta da due pezzi grossi del governo dell’Unione Europea, può avere lo stesso valore dei trattati? Insomma, c’è da fidarsi? Tutto è possibile, ma sarebbe come fidarsi di un direttore di banca che ti spinge ad acquistare un prodotto finanziario sostenendo che quel che c’è scritto sul contratto in realtà non ha valore. Sarà un problema mio, sarò malfidato, diffidente, un pazzo come sostiene il Professor Prodi, già liquidatore dell’industria pubblica italiana, ma per me il MES assomiglia a quelle discoteche dove l’entrata è libera ma per uscire devi passare obbligatoriamente al bar per consumare. Con un’aggravante, nel caso del MES, trattati alla mano, non si ha alcuna certezza né sul numero e né sul costo delle consumazioni.

Partiamo dai trattati. Il Meccanismo Europeo di Stabilità (MES), così come tutte le altre organizzazioni europee, ha come base giuridica della sua azione il Trattato sul funzionamento dell’Unione europea (TFUE). Il TFUE, assieme al Trattato di Maastricht, è un caposaldo del diritto comunitario. Ebbene l’art. 136 del TFUE, modificato dal Consiglio europeo il 25 marzo 2011, recita così: “Gli Stati membri la cui moneta è l’euro possono istituire un meccanismo di stabilità da attivare ove indispensabile per salvaguardare la stabilità della zona euro nel suo insieme. La concessione di qualsiasi assistenza finanziaria necessaria nell’ambito del meccanismo sarà soggetta a una rigorosa condizionalità”.

Se il TFUE non bastasse è lo stesso Trattato istitutivo del MES, approvato dal Parlamento italiano nel 2012, a non lasciare alcun dubbio interpretativo. Innanzitutto già nelle considerazioni iniziali – dove tra l’altro è scritto nero su bianco che “il MES fornirà un sostegno alla stabilità ai membri del MES il cui regolare accesso al finanziamento sul mercato risulti o rischi di essere compromesso” – vi è uno specifico rimando all’art.136 del TFUE, quindi a rigorose condizionalità. Ma è il comma 6 dell’art.14 che dovrebbe, quantomeno, far sorgere dubbi ai passionari del MES. “Dopo che un membro del MES abbia già ottenuto fondi una prima volta (per mezzo di un prestito o di un acquisto sul mercato primario), il consiglio di amministrazione decide di comune accordo su proposta del direttore generale e sulla base di una valutazione condotta dalla Commissione europea, di concerto con la BCE, se la linea di credito è ancora adeguata o se sia necessaria un’altra forma di assistenza finanziaria”.

Che cosa vuol dire? Che la linea di credito del MES e le conseguenti condizionalità possono variare anche dopo l’erogazione della prima tranche di prestito ottenuta dal Paese che ne avesse fatto richiesta. In termini politici significa mettersi nelle mani di soggetti che, a posteriori, possono esercitare un potere enorme sulle condizioni relative alla concessione del prestito. Gentiloni e Dombrovskis possono scrivere tutte le lettere che vogliono ma le loro interpretazioni sono di natura politica, non giuridica, per cui è lecito ritenere – dato che i trattati sono ancora in piedi e nessun hooligan del Meccanismo di Stabilità si sogna mai di citarli o di pretenderne la modifica – il MES uno strumento estremamente rischioso ancor di più se paragonato ai normali mezzi di finanziamento che uno Stato può mettere in campo.

Il MES, ripeto, è stato pensato per Paesi il cui regolare accesso al finanziamento sui mercati, ovvero la vendita di BTP, risulti difficoltosa. Il MES, dunque, è stato pensato soprattutto per i Paesi alla canna del gas. Causa pandemia si è trasformato in altro? Benissimo, che si cambino i trattati allora. L’Italia ha mille problemi ma, per lo meno oggi, non è un Paese impossibilitato a finanziarsi. Nelle ultime ore il Ministero dell’Economia ha piazzato 7 miliardi di euro di Buoni del Tesoro poliennali (BTP) con i tassi di interesse più bassi della storia: lo 0,35 per cento per i BTP a 5 anni e lo 0,89 per cento per quelli a 10 anni. Nonostante il debito pubblico elevato ed un rapporto decifit/PIL complicatol’Italia resta un paese finanziariamente credibile. Con questi tassi di interesse sui nostri titoli di Stato l’accesso al MES è ancor meno conveniente.

Per quale motivo richiedere un prestito ad un’organizzazione europea ancora oggi regolata da trattati impugnabili da altri Paesi dell’UE che potrebbero avere, nei prossimi anni, interesse a colpirci (il risparmio privato degli italiani fa gola a molti) se l’Italia è in grado di finanziarsi regolarmente sui mercati? C’è chi sostiene che i tassi di interesse sui prestiti erogati dal MES siano ancora più bassi. In parte è vero ma un piccolo risparmio vale il rischio di finire in una delle trappole disseminate nei trattati? Un altro aspetto negativo del MES, tra l’altro colpevolmente trascurato dai suoi sponsor, è lo status dei prestiti che eroga. Il MES, proprio come il Fondo Monetario Internazionale, è un creditore senior. Cosa significa? Che ha diritto a rientrare dei prestiti concessi prima di altri creditori.

Facciamo un esempio. Un Paese X richiede l’attivazione del MES e ottiene tot miliardi di euro di prestito. Contemporaneamente continua a collocare sul mercato titoli di Stato per finanziarsi. Nonostante i prestiti il Paese in questione se la passa sempre peggio ed entra in default. A quel punto tutti i creditori gli bussano alla porta per rientrare dei prestiti concessi. Bene, da trattato, il Paese ha l’obbligo di ripagare prima il MES degli altri creditori. C’è, dunque, chi ipotizza che rivolgersi ad un creditore senior possa far inquietare i mercati – ovvero i creditori che non sono privilegiati – i quali, per tutelarsi, potrebbero continuare ad acquistare titoli di Stato solo a tassi di interesse superiori. E dato che la quantità di denaro che i Paesi ottengono vendendo i loro BTP è decisamente maggiore dei miliardi messi a disposizione del MES, un aumento dei tassi di interesse sui titoli di Stato comporterebbe un danno per le casse pubbliche superiore al presunto risparmio sugli interessi dei prestiti messi in campo dal Meccanismo di Stabilità.

Persino il Governatore della Banca d’Italia Visco, dopo aver lodato il MES accodandosi alla stucchevole litania di chi nega le condizionalità presenti nei trattati, ammette che attivare questo strumento potrebbe creare un “effetto stigma”. E questa, tra l’altro, è una delle ragioni per la quale, ad oggi, nessun Paese europeo ha deciso di accedere al Meccanismo di Stabilità. Solo l’Italia è travolta da questi molestatori seriali che vorrebbero far crederci che il MES sia la panacea di tutti i mali, una lotteria di capodanno dove tutti vincono senza dover neppure acquistare il biglietto. A costoro, tuttavia, del MES in sé importa poco. Quello a cui aspirano è standardizzare quell’anomalia della politica italiana che si chiama Movimento 5 Stelle.

Sia chiaro, a me tutto questo non scandalizza. Che politici professionisti, tecnocrati e feudatari del XXI secolo abbiano ancora come loro obiettivo l’abbattimento del M5S lo ritengo, anche io che non ho problemi a muovere critiche alla forza politica con la quale venni eletto, un buon segnale. È un segnale che indica, ancora una volta, la strada maestra. Ovvero resistere. Resistere alle pressioni politiche, resistere alle minacce (risibili) di crisi di governo, resistere all’editoriale unico quotidiano, agli intellettuali con la erre moscia, resistere a chi, volutamente, non cita i trattati, resistere agli auto-candidati al Quirinale come Prodi e alle loro promesse da marinai. Resistere e rilanciare. L’Italia è un grande paese. Non ha alcun bisogno del MES. Ha bisogno di finanziarsi sui mercati, come tutti gli altri Paesi del resto, collocando titoli a tassi di interesse sempre più bassi.

Per ottenere questo è bene pressare la BCE affinché aumenti il suo programma di acquisto dei titoli di Stato dei paesi europei. Del resto è merito del PEPP (Pandemic Emergency Purchase Programme), il nuovo Quantitative easing, se gli interessi sui titoli di Stato dei membri UE sono crollati. Va incrementato questo programma, non attivato il MES. Oltretutto non è affatto vero che la risposta della BCE sia stata la più robusta del pianeta. Tra marzo e giugno scorsi la Banca centrale europea ha acquistato titoli pari al 3,9 per cento del PIL dell’Unione europea, la Federal Reserve, la banca centrale degli Stati Uniti ha fatto molto di più creando liquidità per il 10,8 per cento del prodotto interno lordo statunitense. Che il PD cerchi di spaccare il M5S non mi sconvolge. È la politica. Che lo faccia spingendo su uno strumento rischioso per l’Italia ed oltretutto meno efficace di altre azioni da mettere in campo sì. E tutto questo andrebbe detto con numeri e trattati alla mano. E’ nell’interesse dell’Italia del resto, ancor prima che del Movimento.

12 replies

  1. Col Mes perdi le elezioni e macchi i 5 Stelle.
    2 piccioni con un mes.
    È la volta buona che vi prendono a calci senza aspettare la
    scadenza del secondo mandato ( in senso-figurativo ).

    Piace a 1 persona

    • Indire un referendum non sarebbe una cattiva idea ma sarebbero altri soldi da spendere e anche sapendo dell’utilità del referendum, ci possiamo permettere di spendere ulteriore denaro per questo? Alla fine il mes se veramente è uno strumento economico pericoloso per un possibile default, meglio escluderlo a priori!! Noi ce la faremo, se avremo dei politici un po’ più lungimiranti ed onesti intellettualmente ed altro..

      Piace a 1 persona

  2. UN PAESE CIVILE- Viviana Vivarelli.
    Il giornalismo è disinformazione e calunnia. Non bastava l’ignoranza?
    Il governo depista. Non bastava la CIA?
    La scuola vorrebbe essere integralista. Non bastavano i fanatici?
    La Chiesa: divisa tra una piccola parte popolare e umanitaria e un’altra elitaria, monocratica, fondamentalista e reazionaria, ancorata al Medioevo.
    Le istituzioni: fanno traffico d’armi, petrolio e carne umana, tifano per il capitalismo e per il ritorno a un regime. Odiano la democrazia e i diritti di tutti.
    La tv è volgarità, beceraggine e faziosità, più del famoso ‘bordello’ di una volta.
    Su tutto domina l’ombra sinistra di una guerra finanziaria non dichiarata di cui siamo complici o vittime, ricchi contro poveri, dove perfino l’austerità o il contagio fanno arricchire i ricchi e impoverire i poveri.
    Ottime referenze per un paese civile!

    Piace a 1 persona

  3. Dal blog a 5 stelle
    https://www.ilblogdellestelle.it/2020/10/perche-sul-mes-conte-ha-ragione-al-100.html#comment-7352195

    Mentre 16 Paesi, Italia inclusa, hanno richiesto i fondi europei per la cassa integrazione (SURE), non ce n’è uno solo che abbia pensato di accedere al Mes. Eppure veniamo da mesi in cui il Fondo Salva-Stati viene dipinto come la panacea contro tutti i mali, in un dibattito che è solo italiano.

    La domanda fondamentale rimane ad oggi senza risposta: se la nuova linea di credito del Mes è così conveniente, perché per fronteggiare l’emergenza nessuno Stato europeo ne ha fatto richiesta? La verità è che nessuno vuole il Mes perché è uno strumento inadeguato e rischioso. E il Presidente Giuseppe Conte è sotto attacco soltanto per aver ricordato, in risposta ad una domanda specifica, un fatto che è sotto gli occhi di tutti.

    Per quanto riguarda il presunto risparmio sugli interessi l’argomento è debolissimo. L’Italia si finanzia oggi sui mercati a tassi mai così bassi, con interessi negativi sui titoli pubblici a più breve scadenza. Peraltro i tassi di interesse che il nostro Paese paga a Banca d’Italia vengono rigirati al bilancio pubblico a fine anno. Ci stiamo finanziando sostanzialmente a costo zero e non c’è motivo per chiedere un prestito ad un’istituzione finanziaria estera. Il Governo ha appena annunciato che con la Manovra aumenterà di altri 4 miliardi i fondi per la sanità pubblica e una parte dei soldi che le Regioni hanno ricevuto nel 2020 per le spese sanitarie deve ancora essere spesa.

    Se non bastassero questi argomenti a fugare ogni dubbio, il Presidente Conte ne ha messi sul piatto altri due altrettanto solidi:

    – accedere al Mes, soprattutto in un momento in cui nessuno lo vuole, significherebbe lanciare ai mercati un segnale molto negativo sulla nostra stabilità finanziaria. È il cosiddetto “effetto stigma”. Sarebbe ancora più assurdo in un momento in cui la Banca Centrale Europea compra in massa il debito pubblico degli Stati garantendo condizioni favorevolissime sui mercati. A questo proposito ricordiamo che il programma di acquisti della Bce durerà almeno fino al giugno 2021 ed è stato raddoppiato di recente.

    – I soldi del Mes sono debito pubblico, non sovvenzioni, e il debito pubblico va ripagato. Visto che per il 2021 abbiamo già fissato il nostro obiettivo annuale di deficit, al 7%, prendere i 36 miliardi del Mes vorrebbe dire aumentare il deficit oltre quanto già stabilito e dover quindi compensare quei 36 miliardi con maggiori tasse e tagli alla spesa per tenere il deficit sotto controllo. In poche parole “austerità”, con il rischio concreto di dover tagliare altri servizi essenziali come la scuola, il traporto pubblico o la sicurezza. Non ce lo possiamo permettere.

    Insomma, come ha detto giustamente Conte, il Mes non è la “panacea”. I soldi per la sanità ci sono e ci saranno sempre più in futuro, perché l’epoca dei tagli ai servizi pubblici essenziali è finita. Alle Regioni tocca spenderli al meglio e il prima possibile.

    Piace a 2 people

  4. I SERVI DEL PADRONE E IL MES- Viviana Vivarelli.
    Zingaretti, Renzi e Gualtieri hanno proprio rotto i coglioni con questa richiesta del MES che ci disonora e li disonora.
    A costo di passare per traditori e venduti, continuano a ubbidire ai loro padroni, quei capitalisti (ce ne sono 2300 nel mondo che hanno patrimoni pari al 60% degli umani), che si sono arricchiti inventando la crisi, l’austerità, le guerre di esportazione della democrazia, l’attaccamento al petrolio, le evasioni fiscali delle multinazionali, i paradisi fiscali, le compravendite politiche, le speculazioni in Borsa, l’inquinamento del Pianeta, e che hanno tentato di stuprare le Costituzioni, di abbattere la democrazia, di distruggere i diritti del lavoro e lo stato sociale… e che ora si arricchiscono anche col contagio, quelli che sul fallimento degli Stati ci vanno a nozze perché possono spolparli a proprio vantaggio. Quelli come Padoan che hanno già rovinato l’Argentina e la Grecia e ora rovinerebbero volentieri anche l’Italia.
    E questi delinquenti chiedono il MES, come l’erede chiederebbe la stricnina per il parente che sta poco bene e farebbe meglio a crepare per lasciargli l’eredità!
    Per mesi i media perversi ci hanno rotto le tasche dicendo in modo falso e menzognero che Conte aveva firmato il MES.
    Conte ha sempre detto di NO. Il M5S ha sempre detto di NO. La Lega dice di no, ma i 36 miliardi andrebbero alla sanità che è gestita dalle Regioni e lei di Regioni ne ha 14 su 27. La tentazione di acchiappare quei soldi è grande e in una votazione parlamentare a voto segreto, chissà se la Lega sarebbe ancora contro il Mes?
    Conte è stato chiaro: NO al Mes. Ma i giornali anche oggi riportano bugie vergognose in cui, al contrario, Conte avrebbe fatto aperture, si sarebbe detto quasi disposto a firmarlo, aprirebbe a Zingaretti, anzi Zingaretti in caso di No prolungato sarebbe ‘furioso’. Ma ve lo immmaginate quel bolso e rammollito di Zingaretti che sarebbe ‘furioso’?? Forse si sbagliano con qualche puntata di Montalbano.
    Dunque:
    -nessun Paese Ue si sogna nemmeno lontanamente di chiedere il MES che in passato è stato disastroso e non ha cambiato nessuna delle sue clausole assassine,
    -chiederlo significherebbe automaticamente aumentare le tasse (volete aumentare le tasse per arricchire qualche governatore di Regione?),
    -ci legherebbe mani e piedi a una Troika che col MES ha già rovinato la Grecia come il peggiore usuraio che spinge al suicidio la sua vittima,
    -sarebbe il primo debito da pagare con condizioni da capestro e ci impedirebbe di spendere altrove per rialzare l’economia del Paese,
    -andrebbe nelle mani di gente come Fontana o de Luca che te la raccomando,
    -è del tutto inutile perché ci daranno già 209 miliardi a condizioni migliori di cui 89 gratis.
    -non abbiamo mai avuto unp spread tanto basso per cui i nostri titoli vanno via che è una bellezza, sono superiori al MES e hanno tassi quasi a zero,
    -chiederlo sarebbe come dire ai mercati che siamo in fallimento con ricadute disastrose sul rating e gli investitori esteri.

    E con tutto questo, questi sciagurati continuano ogni giorno a chiedere il MES, servi col codazzo dei loro giornalisti servi (ma lo sentite Mentana??)
    Questa gente è irrecuperabile. Bisogna toglierla di mezzo. E la coalizione Pd-M5S somiglia sempre più al supplizio etrusco, in cui un uomo morto veniva legato a un uomo vivo.

    Piace a 2 people

  5. Questo lato economista di Dibba non lo conoscevo, e devo dire che se la cava molto bene. Se i nostri politici studiassero e capissero anche solo la metà di quanto espone Di Battista, e se fossero persone per bene, allo stato attuale l’argomento MES verrebbe definitivamente archiviato

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.