I due fantasmi e gli avvoltoi

(Stefano Rossi) – Dopo che Genova è stata bloccata per giorni per l’intenso traffico provocato dalle chiusure di tratti autostradali; dopo che il governatore Toti aveva richiesto un confronto con il ministero delle Infrastrutture e nessuno ha mai risposto; dopo che il ponte di Genova è stato “affidato temporaneamente” a chi doveva evitare la strage, cioè, Autostrade per l’Italia S.p.A., io ingenuamente pensavo di vedere tutte le sere il volto del ministro delle Infrastrutture Paola De Micheli accerchiata da domande e commenti negativi.

Invece niente di niente. Se ci fosse stato Di Maio su quella poltrona lo avremmo visto tutti i giorni, da mattina a sera, sommerso da una eruzione di contumelie che la metà bastavano a far dimettere pure il più incallito dei socialdemocraticocristianicattocomunisti. Come se il ministero in questione, in caso di emergenza, fosse senza ministro. Della De Micheli nemmeno l’ombra.

Dopo che si cominciava a diffondere la notizia che il Pd avrebbe potuto candidare come prossimo sindaco di Roma la senatrice Monica Cirinnà, ecco che le arrestano il fratello. Questa volta al Pd tocca sentire che non si tratta di corruzione, come spesso succede da quelle parti, vengono contestati reati più gravi: associazione di stampo mafioso di tipo camorristico. Cose come il trasferimento fraudolento di valori, riciclaggio, autoriciclaggio e reimpiego di proventi illeciti. Pensavo che anche questa volta avrei visto il volto della Cirinnà circondato dai microfoni. Il deserto!

Non che lei possa o debba rispondere di eventuali reati commessi da altri, ma ricordo molto bene il massacro mediatico a cui fu sottoposto Di Maio per una ridicola questione di un asserito abuso edilizio di una catapecchia per metterci dentro qualche ferro da lavoro di pochi metri quadrati. I marrani parlarono pure di “cene in piscina” e la piscina era gonfiabile. Pure piccola e brutta, con tutto il rispetto. E tutto questo “crimine” sarebbe stato commesso dal padre del futuro ministro degli Esteri.

Per giorni lo vedemmo accerchiato, inseguito, stalkerato, da una nutrita folla di giornalisti (faccio fatica a chiamarli tali) che gli vomitavano in faccia le domande più provocatorie ed inutili ma necessarie per rovinargli l’immagine.
Oggi tutti pronti a dire che la Cirinnà non c’entra nulla con il fratello ma allora nessuno precisava che il figlio non poteva rispondere del gravissimo atto criminale del padre di elevare una baracchetta per metterci dentro due badili e un secchio vuoto.

Ecco, mi chiedo, tutti quegli avvoltoi, come mai non volano sulla De Micheli e sulla Cirinnà???

5 replies

  1. E’ sempre il gioco di “nessuno tocchi Caino”; si è finalmente compreso come la quadratura del cerchio possa essere andata a buon fine e spero che molti altri, anzi, tantissimi altri possano comprendere l’enorme inganno a danno dello Stato complessivo, la sua erosione e la sua illecita espropriazione verso cumuli di famiglie ricchissime, verso questo potere che piega, corrompe e con il ponte Morandi finisce anche per uccidere, ma per uscirne nuovamente pulito e continuare la sua corsa fino a spremere l’ultima goccia di sangue rimasto. Senza tessera di partito non hai possibilità di inserimento nel grande ingranaggio, che è divenuta la grande mangiatoia, dove i buoi possono ingrassare, ma solo loro. E questo fa comprendere anche l’enorme passo indietro della nazione che non è stata curata che non si è sviluppata su logiche sensate e ha chiuso gli ambiti civili come proprietà di stato privato alimentando un malessere e un malcostume dilagante. Tutto può essere ormai detto a favore di coloro che remano contro un siffatto stato di cose ma dovrebbero ormai aver chiaro che la lotta sarà impari e imperversata da nemici da ogni dove che, anche in nome di questo vecchio stato, seminano e semineranno, chiodi sulle nuove strade che una coscienza, finalmente pulita e scevra dai miasmi della corruzione sta finalmente tracciando!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.