Ora il personaggio Zelensky deve accettare il secondo atto

Con l’aggressione Putin ha scritto la parte perfetta per lui: il leader che guida la resistenza eroica. Il rischio è di credere al copione della vittoria totale, anche se adesso occorre saper trattare

(DOMENICO QUIRICO – lastampa.it) – Uno dei ruoli più spiacevoli e dannosi che possano capitare a un uomo politico è quello di finire per rappresentare la propria figura del passato. I suoi gesti diventano allora simili a smorfie. Per un Paese impegnato in una sfida mortale, come è l’Ucraina, che ha bisogno di soluzioni per il futuro poiché la geografia la condanna ad avere come vicino la Russia, chiunque sia colui che comanda al Cremlino, tutto ancor più si complica. È letale esser guidati da qualcuno segnato dal passato. Anche se questo passato è positivo, perfino eroico. La guerra richiede, nella prassi, metodi diversi e a volte uomini differenti.

Colui che era formidabile e necessario nella resistenza e nella prima fase della lotta diventa, con il procedere dei fatti, sempre implacabili, superato, inadatto. Talvolta perfino dannoso. Soprattutto se quel capo comincia a credere lui stesso agli slogan che pronunciava in una fase diversa, inizia a credere al proprio personaggio. A Zelensky, forse, questo non è ancora accaduto e vorremmo che non accadesse. Forse ha meritato di meglio.

Ho sempre pensato, fino dalla prima fase della guerra, che Zelensky, l’ex attore Zelensky ma anche il presidente Zelensky, fosse un personaggio, potentemente o pateticamente, pirandelliano. Così se a Kiev, dove coraggiosamente e ostinatamente si continua, anche tra i sibili delle sirene e i resoconti di battaglie infernali, a tener viva la vita culturale, si dovessero allestire due spettacoli teatrali che siano specchio tragico e riflesso sulla realtà, (questo è il teatro) sarebbero I sei personaggi e l’Enrico IV.

Zelensky di prima del 24 febbraio, prima della invasione russa, era un attore, e soprattutto un leader, scialbo, alla ricerca di un copione giusto, di una maschera di cartone che lo sollevasse dalla mediocrità di una recita senza profumo. Sillabava, povera animuccia prigioniera di questo secolo di ferro, in un luogo d’Europa dove geografia e Storia sono in pericolosa contraddizione perpetua, la parte del microscopico oligarca periferico: una comparsa, in fondo.

Dopo le pagine alte del dramma di Maidan, le barricate di ghiaccio, il misticismo e la rivoluzione, a lui toccavano le battute della politica bassa, una guerra ignorata e marcia, la corruzione di sempre, il restare a galla tra il vicino sempre più minaccioso e l’Europa capace solo di promettere meraviglie, ma a parole. Rischiava di soccombere al mal di mare dell’invisibile.

È Putin che ha scritto sciaguratamente, con l’aggressione, la parte perfetta per lui, quella che non avrebbe mai immaginato da solo: il leader che guida la resistenza eroica di un popolo intero contro una prepotenza condotta con metodo stalinista e brutale, spregiudicato, combattivo, una forza della natura nel suo vitalismo di piccola belva. Tanto da far sembrare, al confronto, il nemico, lo zar, un mediocre addetto impiegatizio del Male. Zelensky ha recitato la parte con efficacia in questo imbrogliato scorcio del terzo millennio che sembra recedere alla più selvaggia preistoria: le passeggiate nella Kiev deserta e spettrale dei primi mesi a fianco dei leader occidentali, o al fronte tra le macerie riconquistate, i discorsi serali alla nazione, in perenne costume guerresco, la maglietta verdognola che allude a iconologie mistico consumistiche alla Guevara, gli interventi continui, incalzanti, assertivi via video per non dar scampo ad alleati tiepidi o riluttanti.

Zelensky sa che nel nostro Occidente stanco, esausto, un discorso all’Onu, ormai ingombrante retrovia burocratica della impotenza, non conta quasi nulla. Molto più efficace irrompere al festival di Sanremo o sulla Croisette di Cannes. Zelensky è consapevole che la sua persona, ovvero quello che era, è qualcosa di indistinto, informe, probabilmente mediocre e banale. Molti dei suoi connazionali, e non solo i filorussi, lo detestavano. L’importante dunque è ruotare attorno a un perno fissato nel gioco delle parti della vita e della politica, e ripetere sempre lo stesso dramma. Nel ruolo di eroica guida suprema degli ucraini Zelensky ha trovato l’inconfondibile, l’indistruttibile, forse l’eterno.

Non a caso il suo anno terribile e memorabile non è un composto di atti, di decisioni: in realtà non ha fatto nulla di politicamente o militarmente memorabile. I russi aggressori e gli americani hanno deciso tutto per lui. Vive, teatralmente, tutto nelle parole che ha pronunciato sul palcoscenico tragico della guerra. È come se scandisse un interminabile monologo quasi astratto, quasi parlasse a se stesso o a un interlocutore inesistente: vinceremo… La Russia è criminale… Abbiamo bisogno di armi… Tutto, appunto, molto pirandelliano.

In realtà sa che l’unico spettatore in prima fila che conta è Biden. Perché è dagli Stati Uniti che dipende la sopravvivenza del suo Paese e il suo personaggio; dalla volontà americana di preservare la centralità della onnipotenza americana in campo internazionale contro qualsiasi tentazione anti egemonica. Il tutto senza l’uso diretto della forza che comporti anche minime perdite americane.

Questo finora. Il rischio per Zelensky è di cominciare a credere al copione che finora ha recitato, di persistere, come accade al protagonista dell’Enrico IV, nella parte che ha recitato, anche se sa che è finzione, non corrisponde più alla realtà. Costringendo gli altri a uniformarsi. Ciò significa credere che la vittoria totale contro la Russia, la eliminazione diretta o indiretta di Putin, sia l’unica opzione possibile. E che invece non sia arrivato il tempo del secondo atto.

Non cedere al prepotente, che con quanto è accaduto in questi mesi, ovvero la efficace resistenza di Kiev e il consolidarsi quasi inesauribile della forza ucraina grazie all’aiuto occidentale, è una ipotesi superata dai fatti; ma, sfruttando le evidenti debolezze russe, saper trattare i margini della vittoria. Altrimenti il sapore del finale rischia di essere di cenere.

8 replies

  1. Poveraccio,
    Dopo averle sbagliate tutte,
    non riesce ancora a scrivere che questa guerra è il prodotto della politica espansionistica dei suoi amici della Nato.
    Non ce la fa.

    Piace a 3 people

  2. che commento stupido…non si tratta di confini ma di rispetto di vecchi accordi internazionali non rispettati…solo una parte non li ha rispettati!

    Piace a 1 persona

  3. Ridicolo che scopra soltanto adesso che Zekenskj è solo un attore. Ridicolo che ancora insista che sia stato Putin ad aver fatto risaltare le capacità attoriali di Zelenskj. Non vuole riconoscere che il cast è stato fatto dagli USA.

    Piace a 2 people

  4. Se il tempo è galantuomo, come si dice, il personaggetto Zelensky tra un po’ di tempo verrà individuato e ricordato come Cialtrone prezzolato e criminale. Quale è. Ma ai galantuomini, pure metaforici, non credo più. Sono estinti.

    Piace a 2 people

  5. Nella solita nebulosa sta dicendo che l’attore, che hanno messo a combattere contro gli indiani, sta deludendo, lo scrivano sembra un po’ contrariato perchè non sanno più come raccontarlo il disastro che si sta consumando su suolo ucraino, quindi prenda atto l’attore che è finita, “negozi i margini della vittoria” cioè la sconfitta e salvi il salvabile in modo che possano raccontarla almeno come una giusta vittoria

    "Mi piace"

  6. Molto interessante come articolo :tratteggiare il profilo di un uomo politicamente finito quasi in modo delicato, anche se non valeva la pena di scomodare il grande Pirandello per omuncolo di così poco peso.

    "Mi piace"