Qatar, Libia e Iran. Il campo dei diritti umani è il camposanto dell’ipocrisia

Dei diritti umani non si butta niente. Sacchi di soldi, vacanze da sogno, padri (quello della ex vicepresidente del Parlamento europeo greca Eva Kaili) che se ne vanno alla chetichella con il trolley pieno di contanti, Stati del Golfo che cacciano il grano […]

(di Alessandro Robecchi – ilfattoquotidiano.it) – Dei diritti umani non si butta niente. Sacchi di soldi, vacanze da sogno, padri (quello della ex vicepresidente del Parlamento europeo greca Eva Kaili) che se ne vanno alla chetichella con il trolley pieno di contanti, Stati del Golfo che cacciano il grano per avere “buona stampa”, ex sindacalisti come Pier Antonio Panzeri col malloppo in casa. Siccome succede in Belgio, ancora non si è alzato nessuno a gridare alla giustizia a orologeria, ai manettari giustizialisti, eccetera eccetera, esistono posti dove la legge è ancora uguale per tutti. Intanto, si gioca a pallone con l’aria condizionata proprio laggiù, in Qatar. Intanto, si mette su una finta indignazione che si ammorbidisce o si irrigidisce a seconda dei momenti: va a manetta se c’è lo scandalo, però vediamo la partita, però che cattivi, però che bravi… aggiungere a piacere.

Dei lavoratori morti a migliaia per costruire gli stadi in Qatar hanno parlato in pochi, e del resto soltanto qualche mese fa un senatore italiano andava in uno degli Stati del Golfo, l’Arabia Saudita, a invidiare il locale costo del lavoro (la semi-schiavitù) debitamente retribuito – ma con regolare fattura – per le sue consulenze. Tutto legale, per carità, l’etica si paga a parte.

Il campo dei diritti umani è, insomma, il camposanto della più fervida ipocrisia, della morale elastica, doppia, tripla, quadrupla.

Se si volta pagina, dopo le cronache di quelli che pigliavano soldi per dire bravo al Qatar, troviamo i torturati della nave Humanity 1, arrivata a Bari col suo carico di umani senza diritti, molti torturati, le donne violentate, mutilate, i segni delle sevizie ricevute in Libia. Si sa, si legge, lo dice il telegiornale, così come dice che noi con la Libia abbiamo accordi – chiedere a Minniti – gli regaliamo motovedette con cui questi torturati qui, se li intercettavano, li riportavano indietro per torturarli di nuovo.

Sembra di sognare: c’è un’indignazione quasi di prammatica, obbligatoria (gente che fugge da quelli che persino il Papa chiama “lager”), e poi la serena consapevolezza, che noi – noi Italia – quei lager li finanziamo. Una specie di alternanza emotiva: sì, certo, li torturano. Ma anche: sì, certo, i torturatori sono nostri amici, li finanziamo.

Schizofrenia di alta scuola, strabismo prodigioso: ci spiace per le vittime (forse) ma i nostri governi sostengono i carnefici (sicuro). Ovvia, scontata, sacrosantissima, la solidarietà al popolo iraniano in rivolta, alle donne, prima di tutto, perché si parla di loro e dei loro corpi e dei loro capelli. E su questo c’è una commovente unanimità. Balzano in prima pagina le schifezze del regime, ci si strabilia per la stupefacente punizione all’atleta Elnaz Rekabi, campionessa di climbing “colpevole” di aver gareggiato alle Olimpiadi senza velo: il regime le ha raso al suolo la casa, che infamia.

Prassi che da decenni usa l’esercito israeliano nei confronti dei palestinesi, anche soltanto sospettati, senza che nessuno meni scandalo per questo, o anche soltanto lo scriva. Sacrilegio. Come si diceva, doppia morale, tripla, quadrupla. Si vede che i diritti umani dipendono anche dalla latitudine.

Tutti siamo a fianco del popolo iraniano in piazza, ma il rapporto annuale di Human Right Monitor sull’Iran dice che le armi che sparano sui manifestanti sono (anche) italiane, precisamente fucili Benelli M2 e M4, e ci sono sospetti anche su cartucce a pallini Cheddite made in Livorno. Chissà, forse con la solidarietà agli iraniani in rivolta si può fare qualcosa di meglio.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

3 replies

  1. Il massimo dell’ipocrisia io lo raggiungo quando fingo di fare il garantista, dopo che sono stati trovati dei sacchi di denaro contante nell’abitazione di personaggi politici.
    Quando riesco ad essere totalmente rispettoso del principio costituzionale della presunzione di innocenza, sento di essere anche sommamente ipocrita.
    Perché con la testa ho già maturato la convinzione che si tratta di furto, e col cuore sto già desiderando che i ladri siano al più presto condannati.
    Se poi si tratta di politici di sinistra, oltre alla condanna giuridica io mi auguro che si aggiunga la condanna morale, perché oltre al furto è stato consumato anche un tradimento.
    Da ragazzi volevamo la fantasia al potere, e sognavamo una sinistra intesa come critica della società degli affarismi, e della rapacità del capitalismo.
    Trovavamo incompatibili sinistra e affari, fino all’esagerazione di considerare “traditore” il compagno operaio che era riuscito a diventare “padroncino”.
    Oggi siamo arrivati al punto che è quasi impossibile distinguerli, tanto la sinistra ha finito per identificarsi con gli affari.
    Affari che puzzano di petrolio, di armi e di sangue innocente.
    Ecco il tradimento! Il più grande, e il più vergognoso, che fa impallidire il tradimento di quel poveraccio che per quattro spiccioli vendette la vita del suo Maestro, il cui compleanno, dopo più di 2000 anni, sarà ancora celebrato, fra dieci giorni, quasi dal mondo intero
    Molti miei compagni si angustiano nell’attesa di sapere quale renziano, o diversamente renziano, sarà chiamato a guidare il loro (ex) partito.
    A loro vorrei ricordare le parole di quel Maestro: “Ogni albero che non produce frutti buoni viene tagliato e gettato nel fuoco”.
    Affinché la smetta di produrre mele marce.
    E così sia!

    Piace a 1 persona

  2. Quel senatore che prende soldi fatturati per dire che l’Arabia Saudita è il nuovo rinascimento fa il paio con chi prende soldi con la valigia per dire che i Qatarioti sono dei novelli Di Vittorio

    Piace a 2 people