La figlia maggiore di Berlusconi: “Dobbiamo convincere Licia Ronzulli a fare un passo indietro”

(Giulia Merlo – editorialedomani.it) – Dentro Forza Italia il clima è tesissimo. Oggi il gruppo ha votato il candidato leghista alla presidenza della Camera, Lorenzo Fontana, per non incrinare anche il rapporto con la Lega. Garante se ne è fatto il coordinatore Antonio Tajani, che sin dalla mattinata ha indicato la linea e in Transatlantico ha parlato a lungo con Guido Crosetto. «Di difesa», dicono.

Il tema per Forza Italia, infatti, ora è solo legato ai ministeri. L’accordo, prima del disastro al Senato, era che il partito sarebbe stato ripagato a livello di esecutivo per il passo indietro sulle camere. Ora invece l’obiettivo è preservare i posti promessi e che ora Giorgia Meloni fa traballare, dopo il mancato voto a La Russa.

UN PASSO INDIETRO

I parlamentari stanno cercando di limitare i danni e la missione è «convincere Licia Ronzulli al passo indietro». A nessuno è piaciuta la mossa di provare a forzare la mano al Senato e il sospetto è che l’iniziativa sia stata influenzata da Ronzulli. Lei avrebbe negato, dicendo che Berlusconi ha scelto da solo le mosse d’aula, ma in pochi sono disposti a crederle. Anche ad Arcore.

I figli e in particolare Marina Berlusconi, infatti, sarebbero molto arrabbiati con la senatrice lombarda per l’umiliazione subita dal padre al primo giorno di Senato, che doveva essere il suo grande ritorno. «Marina aveva avvertito la sera prima che Meloni avrebbe trovato i voti altrove e che il Cavaliere andava difeso».

La figlia maggiore di Berlusconi, da sempre molto influente sulla politica di FI, addirittura non risponderebbe più a Ronzulli. Lo scontro rientrerà, scommettono tutti, ma ora la richiesta è quella di abbassare i toni.

«Vanno messe da parte le rivalità e i dissidi interni, nell’interesse di Berlusconi e del partito», dice una deputata di FI, «lavorando alla compattezza del centrodestra perché la legislatura è lunga».

Con questo argomento si sta provando a convincere Ronzulli al passo indietro: ci saranno altre occasioni, presto, di ottenere qualcosa. Questo è il momento del passo indietro nell’interesse collettivo. Un passo indietro che Berlusconi, però, non le sta chiedendo.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

8 replies

  1. Lasciarvi in mutande per un anno in via Napoleone al millesimo, sarebbe solo un po’ di intelligente giustizia , pochissima a dire il vero! Non avete avuto neanche Pravda idea di portare gli attori nelle scuole per due ore di Educazione Civica a filmini!

    "Mi piace"

    • Il mostro che avete creato è quello in grado di DIVORARE tutto!
      A mattoncini di Horror Vacui per milioni di giovani laureati, ci siamo quasi.

      "Mi piace"

      • Perché dal reale al virtuale il gap sarà sempre più incosciente e se arrivano due stronzi folli, chi lancerà il primo dado lo farà per il pianeta! Vero Star Trek, in veste di jolly spia!?

        "Mi piace"

  2. Certo essere un figlio di un essere così a pilotare asili, nidi, fino alle università al lavoro e agli assetti sociali in corpus domine, ce ne vuole, diciamo da qui va Saturno, viaggio solo andata?

    "Mi piace"