Stoltenberg: l’Europa pagherà un prezzo per il suo sostegno a Kiev

(ANSA) – E’ necessario continuare a fornire assistenza militare all’Ucraina, ma l’inverno si avvicina – sarà dura – e l’Europa pagherà un prezzo per il suo sostegno a Kiev: lo ha detto ieri il Segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, in un’intervista all’emittente televisiva tedesca ZDF.

“Stiamo assistendo a un sostegno senza precedenti da parte degli alleati europei della Nato, della Germania, del Canada, degli Stati Uniti e di molti altri Paesi del mondo”, ha affermato Stoltenberg sottolineando tuttavia che fornire assistenza militare a Kiev non è facile.

“Non dico che sia facile. Richiede un duro lavoro. Mi impegno a lavorare con gli altri leader dell’Alleanza in Europa e in Nord America per garantire un sostegno continuo”, ha aggiunto. Il numero uno della Nato ha poi avvertito che “l’ inverno sta arrivando e sarà dura. Pagheremo un prezzo per il nostro sostegno all’Ucraina a causa delle sanzioni e, naturalmente, del fatto che la Russia usa l’energia come arma – ha spiegato -. Ma dobbiamo capire che non c’è alternativa al nostro sostegno… Dobbiamo anche essere chiari: il prezzo che pagheremmo se non avessimo sostenuto l’Ucraina e la Russia vincesse sarebbe molto più alto”.

Categorie:Cronaca, Mondo, Politica

Tagged as: , ,

107 replies

      • Lo è.
        Quelli che comandano in uk hanno la testa di Jolly Boy: sono estremisti, ultranazionalisti, esaltati. Sono pericolosi. Pazzi esaltati, per i nostri canoni. E diversi -ma simili- sono quelli che li sostengono.
        Le conseguenze? Persone normali morte o seviziate, dal 2014. Perchè? Per rimanere i padroni del mondo, costi quel che costi (agli altri).
        Basta col girarci intorno. Chi paga siamo sempre noi, gente normale.

        Piace a 1 persona

  1. Ahahahah ahahah ahahahah ahahah ahahahah
    Se non sono imbecilli non possono occupare poltrone
    La Russia usa l’energia come arma,
    Ma imbecille che non sei altro non sei tu e i tuoi padroni che avete decretato le sanzioni? Non sono stati i tuoi padroni che hanno rubato le riserve monetarie dei russi?
    Dovresti stupirti se i russi continuano a rifornirci di gas e petrolio e soprattutto ringraziarli della loro stupidità

    Piace a 5 people

    • … soprattutto ringraziarli della loro stupidità. Già fatto e non da mo’, ma alla fine se ne sono accorti!

      "Mi piace"

  2. E subito parte la canea dei figli di Putin.
    L’Occidente non deve ostacolare le mire espansionistiche del sanguinario dittatore russo.
    Dobbiamo lasciare spazio all’imperialismo russo per far nascere la nazione Eurasiatica, quella puxxanata teorizzata dal barbone a cui hanno seccato la figlia nazista quanto LVI. E ovviamente a capo di questo vasto territorio dovrebbe sedersi un russo, possibilmente Putin.
    Dopo l’Ucraina la Transnistria, la Moldova, gli stati baltici, per poi mirare alla Scandinavia e alle nazioni dell’ex Patto di Varsavia. E tra una decina d’anni arrivare a comprendere tutta la UE, con voi adepti a scalare posizioni per assumere quelle di gerarchi.
    Vi state già bagnando all’idea?😂😂😂

    Delle prevedibilissime risposte sulla nostra sicura implosione me ne infischio. E’ inutile ripetervi che il problema degli approvvigionamenti riguarda principalmente la Germania.
    Ma sapete cosa succederà? Che questa vittoria tattica si tradurrà in un clamoroso errore strategico.
    Non solo la Russia perderà il suo cliente più remunerativo ma, tenendola a lungo impegnata in Ucraina, subirà la reazione occidentale anche sul campo. Gli stati degli Urali che la circondano, i vari cosi-Stan, la Bielorussia, passeranno, con le buone o le cattive, all’altro fronte.
    Le sparata dei suoi propagandisti sono colpi di pistole ad acqua.
    Nella gestione di un conflitto le proprie mosse NON SI ANNUNCIANO come fa quel clown di Medvedev o quel baccalà di Lavrov.
    La Nato sta ammassando truppe negli stati baltici e sul Mar Nero.
    Io qualche domanda me la porrei. Voi propagandisti NO.
    Vi piace minacciare sfracelli per contratto.

    Piace a 1 persona

    • A differenza di quanto affermavi mesi fa come mai la Russia non ha capitolato a causa delle sanzioni?

      Ora ci segniamo che secondo lo zio Geronimo dopo che perderà la Germania la Russia capitolerà sul campo, e che nientedimeno “Gli stati degli Urali che la circondano, i vari cosi-Stan, la Bielorussia, passeranno, con le buone o le cattive, all’altro fronte.”

      Abbiamo preso nota.

      (sociopat, segna sul tuo file .xls)

      Piace a 4 people

      • @nazistaliniana
        Il cliente più remunerativo non è sollo la Germania ma gran parte dell’UE.
        Resterà dalla sua parte Orban, ammirato dalla destraccia nostrana.
        Sei sulle stesse posizioni del capitone e della fascio-coatta.
        Gasata di metano ti prostri ai dittatori. E scommetto che sarai pure nostalgica delle BR, come di tutti coloro che hanno le mani sporche di sangue innocente.

        "Mi piace"

      • “Sei sulle stesse posizioni del capitone e della fascio-coatta.”
        No zio Geronimo, molto peggio.
        A me degli ukraini frega zero!
        Mi interessa solo del gas.
        E sulle BR, lasciamo perdere… Troppo complicato per la tua testolina binaria!!!

        Piace a 1 persona

      • e.c: sistema binario. “Esso utilizza solo due simboli, di solito indicati con 0 e 1, invece delle dieci cifre utilizzate dal sistema numerico decimale. Ciascuno dei numeri espressi nel sistema numerico binario è definito ‘numero binario’.”.
        Ecco, la mente dello SCOLAPASTA ha solo lo 0 (nemmeno quindi una monorotaia che sarebbe appannaggio dell’1). Lo 0 non è un numero, chè è privo di quantità e qualità: l’ABISSO (cit. coltissima)!

        "Mi piace"

      • Beh, direi.
        Conosci un altro che sciorina ossessivamente numeri e convinzioni dando degli analfabeti agli altri?
        Mi fa un po’ di tristezza, quindi faccio finta di aver dimenticato il suo ultimo giorno qui da Jerome b.

        "Mi piace"

      • @Paolapci
        No giuro……che jollyboy sia fuori di testa non si discute.
        Però non ho pensato a Jerome dal momento che non ha offeso i miei genitori e non ha augurato ai miei figli una morte atroce e prematura tra mille sofferenze.
        Lo stile di Jerome era quello…..
        Che stia migliorando?????

        "Mi piace"

    • Jollyboy ti correggo……
      Il problema riguarda noi esattamente come la Germania.
      La differenza è che loro ne sono consapevoli e si stanno preparando, mentre noi, guidati ancora da quell’idiota guerrafondaio di draghi insieme a tutti i suoi ministri cialtroni ce ne stiamo beatamente fregando e tra poco più di un mese cominceremo a pagarne seriamente le conseguenze.
      Per il resto non hai capito nulla di quello che è successo e sei rimasto talmente indietro nella corsa che ti sembra di essere in testa.
      Inutile perdere tempo a spiegarti come stanno le cose…..mi ci vorrebbe l’intera giornata e non ne vale la pena.

      Piace a 3 people

      • @secondosilvio
        Se c’è qualcuno che non ci sta capendo una mazza siete voi, portatori d’acqua con le orecchie alla propaganda russa.
        L’Italia si sta avviando a stoccare il 90% del suo fabbisogno.
        La Germania non ci sta riuscendo perchè non si è mossa subito e cercare fonti di approvvigionamento alternative e sconta problemi strutturali, oltre una certa soglia non può stoccare per limiti di capienza fisica.
        Per quanto riguarda la russo bruna nazi-staliniana che s’infiamma ogni volta che gli toccano il dittatore sanguinario preferito, dovrebbe leggere qualcos’altro e non solo le veline patriottiche sovietiche.
        Lei si gasa perchè è alimentata, si nutre di metano.

        Essendo il sottoscritto una persona razionale e pragmatica, trova difficoltà a comprendere le giustificazioni verso Putin.
        Vi vedo tutti preoccupati delle nostre sorti economiche. Benissimo. Ma vorrei dare il mio contributo STATISTICO.

        PAESI DI PROVENIENZA DELLE IMPORTAZIONI VS ITALIA
        2019 mln euro peso % – 2020 mln euro peso % – 2021 mln euro peso % – GEN+APR 2021 -GEN+APR 2022
        1 Germania 68.580 16,2 – 61.306 16,4 – 75.673 16,0 – 23.728 16,5 – 29.844 14,5 Var.% 2022 vs 2021 +25,8%
        2 Cina 31.663 7,5 – 32.256 8,6 – 38.525 8,2 – 11.894 8,3 – 18.239 8,9 Var% 2022 vs 2021 +53,3%
        3 Francia 34.827 8,2 – 31.288 8,4 – 39.186 8,3 – 12.281 8,5 – 15.620 7,6 Var% 2022 vs 2021 +27,2%
        4 Paesi Bassi 22.247 5,2 22.300 6,0 27.741 5,9 8.554 5,9 11.848 5,8 38,5
        5 Russia 14.324 3,4 – 9.050 2,4 – 17.598 3,7 – 4.319 3,0 – 10.887 5,3 – Var% 2022 vs 2021 +152,0%
        6 Spagna 22.997 5,4 20.402 5,5 24.177 5,1 7.779 5,4 9.835 4,8 26,4
        7 Belgio 19.786 4,7 18.204 4,9 21.020 4,5 6.691 4,6 8.322 4,0 24,4
        8 Stati Uniti 17.007 4,0 – 14.782 4,0 – 15.810 3,3 – 5.145 3,6 – 7.447 3,6 Var% 2022 vs 2021 +44,7%
        9 Azerbaigian 4.909 1,2 3.220 0,9 7.729 1,6 1.755 1,2 5.606 2,7 Var% 2022 vs 2021 +219,3%
        10 Svizzera 10.933 2,6 9.715 2,6 11.147 2,4 3.581 2,5 5.491 2,7 53,3
        11 Austria 10.181 2,4 8.536 2,3 10.763 2,3 3.246 2,3 4.683 2,3 44,3
        12 Polonia 10.644 2,5 9.582 2,6 11.889 2,5 3.968 2,8 4.623 2,2 16,5
        13 Turchia 9.457 2,2 7.457 2,0 9.850 2,1 3.171 2,2 4.315 2,1 36,1
        14 Algeria 4.341 1,0 3.142 0,8 5.872 1,2 1.647 1,1 3.312 1,6 101,1
        15 India 5.154 1,2 4.235 1,1 6.603 1,4 1.923 1,3 3.190 1,5 65,9
        16 Libia 4.714 1,1 1.725 0,5 6.078 1,3 1.363 0,9 3.013 1,5 121,0
        17 Romania 7.164 1,7 6.141 1,6 7.147 1,5 2.335 1,6 2.851 1,4 22,1
        18 Repubblica ceca 6.998 1,6 6.342 1,7 7.612 1,6 2.446 1,7 2.825 1,4 15,5
        19 Regno Unito 10.388 2,4 8.845 2,4 8.068 1,7 2.423 1,7 2.578 1,3 6,4
        20 Ungheria 5.269 1,2 5.053 1,4 6.133 1,3 2.155 1,5 2.473 1,2 14,7
        21 Slovenia 3.297 0,8 3.023 0,8 4.052 0,9 1.146 0,8 2.087 1,0 82,1
        22 Svezia 4.454 1,0 3.829 1,0 4.841 1,0 1.496 1,0 2.002 1,0 33,8
        23 Corea del Sud 3.730 0,9 3.135 0,8 4.236 0,9 1.287 0,9 1.962 1,0 52,4
        24 Arabia Saudita 3.804 0,9 2.962 0,8 4.849 1,0 1.273 0,9 1.797 0,9 41,2
        25 Norvegia 1.112 0,3 1.199 0,3 1.260 0,3 214 0,1 1.694 0,8 691,2
        26 Giappone 4.113 1,0 3.644 1,0 4.455 0,9 1.517 1,1 1.650 0,8 8,8
        27 Iraq 4.742 1,1 2.225 0,6 3.359 0,7 817 0,6 1.597 0,8 95,5
        28 Qatar 1.343 0,3 1.025 0,3 2.049 0,4 388 0,3 1.592 0,8 309,8
        29 Irlanda 4.461 1,1 5.173 1,4 5.199 1,1 1.868 1,3 1.568 0,8 -16,1
        30 Brasile 3.148 0,7 3.009 0,8 4.278 0,9 1.274 0,9 1.503 0,7 18,0
        (*) I dati del 2021 e 2022 sono provvisori

        PAESI CLIENTI DELLE NOSTRE ESPORTAZIONI
        2019 ln euro peso % – 2020 mln euro peso % – 2021 mln euro peso % – GEN+APR 2021 -GEN+APR 2022
        1 Germania 58.516 12,2 – 56.085 12,8 – 66.902 13,0 – 21.920 13,6 – 25.676 13,2 Var% 2022 vs 2021 +17,1%
        2 Francia 50.561 10,5 – 45.189 10,3 – 52.766 10,2 – 17.095 10,6 – 20.134 10,3 – Var% 2022 vs 2021 +17,8%
        3 Stati Uniti 45.536 9,5 – 42.433 9,7 – 49.440 9,6 – 14.474 9,0 -18.807 9,6 – Var% 2022 vs 2021 +29,9%
        4 Spagna 24.520 5,1 20.851 4,8 25.542 4,9 8.045 5,0 10.273 5,3 27,7
        5 Svizzera 25.990 5,4 25.211 5,8 27.252 5,3 8.436 5,2 9.641 4,9 14,3
        6 Regno Unito 25.233 5,3 22.569 5,2 23.450 4,5 7.080 4,4 8.814 4,5 24,5
        7 Belgio 14.257 3,0 14.930 3,4 17.879 3,5 5.563 3,4 7.058 3,6 26,9
        8 Polonia 13.544 2,8 13.160 3,0 16.148 3,1 5.286 3,3 6.353 3,3 20,2
        9 Paesi Bassi 12.000 2,5 11.404 2,6 15.157 2,9 4.830 3,0 5.823 3,0 20,6
        10 Cina 12.969 2,7 12.851 2,9 15.691 3,0 5.059 3,1 4.907 2,5 -3,0
        11 Austria 10.465 2,2 9.281 2,1 11.421 2,2 3.624 2,2 4.530 2,3 25,0
        12 Turchia 8.346 1,7 7.715 1,8 9.533 1,8 3.010 1,9 3.646 1,9 21,1
        13 Romania 7.838 1,6 7.015 1,6 8.234 1,6 2.598 1,6 3.180 1,6 22,4
        14 Repubblica ceca 6.570 1,4 5.863 1,3 7.053 1,4 2.216 1,4 2.754 1,4 24,3
        15 Giappone 7.711 1,6 7.118 1,6 7.555 1,5 2.420 1,5 2.686 1,4 11,0
        16 Slovenia 4.707 1,0 3.643 0,8 4.428 0,9 1.276 0,8 2.169 1,1 69,9
        17 Corea del Sud 4.860 1,0 4.677 1,1 5.278 1,0 1.712 1,1 2.161 1,1 26,2
        18 Ungheria 4.938 1,0 4.447 1,0 5.368 1,0 1.760 1,1 2.117 1,1 20,3
        19 Grecia 4.680 1,0 4.356 1,0 5.529 1,1 1.605 1,0 2.114 1,1 31,7
        20 Svezia 5.039 1,0 4.718 1,1 5.410 1,0 1.778 1,1 2.072 1,1 16,6
        21 Russia 7.882 1,6 – 7.076 1,6 – 7.696 1,5 – 2.351 1,5 – 1.898 1,0 – Var% 2022 vs 2021 -19,3%
        22 Canada 4.495 0,9 4.269 1,0 4.836 0,9 1.442 0,9 1.825 0,9 26,6
        23 Portogallo 4.403 0,9 3.762 0,9 4.309 0,8 1.338 0,8 1.823 0,9 36,2
        24 Emirati Arabi Uniti 4.605 1,0 3.868 0,9 4.821 0,9 1.550 1,0 1.790 0,9 15,5
        25 Croazia 3.818 0,8 2.878 0,7 3.581 0,7 1.072 0,7 1.722 0,9 60,7
        26 Messico 3.865 0,8 3.116 0,7 3.859 0,7 1.165 0,7 1.610 0,8 38,2
        27 Brasile 3.966 0,8 3.623 0,8 4.580 0,9 1.447 0,9 1.562 0,8 7,9
        28 Danimarca 2.943 0,6 2.975 0,7 3.371 0,7 1.098 0,7 1.523 0,8 38,6
        29 Australia 4.003 0,8 3.688 0,8 4.317 0,8 1.377 0,9 1.512 0,8 9,8
        30 Hong Kong 5.751 1,2 4.268 1,0 4.815 0,9 1.570 1,0 1.499 0,8 -4,5

        (*) I dati del 2021 e 2022 sono provvisori Fonte: elaborazioni Osservatorio Economico su dati Istat

        Dalla Russi nei primi 4 mesi di quest’anno abbiamo fatto acquisti per oltre 10 Miliardi di euro in gas e petrolio, mentre loro hanno acquistato 1,9 Miliardi delle nostre merci, pari all’1% del totale.
        Dagli Usa abbiamo importato 7,4 Miliardi tra prodotti industriali, software, hardware e licenze d’uso varie su entertainment e informatica, mentre loro hanno acquistato per 18,8 Miliardi di beni e servizi a cui aggiungere i flussi turistici. Pesano per il 10% del nostro export.
        MA A VOI NON BASTA. Questa schiavitù e dipendenza dal dittatore vorreste aumentarla.

        Ecco perchè NON SIETE CREDIBILI. Tradotti in posti di lavoro con chi andremmo a perderci maggiormente?

        Pesate le parole quando usate ad catsum termini come schiavitù.

        Piace a 1 persona

      • @jollyboy
        Guarda che il fatto che tu stia dando i numeri era già chiarissimo dal tuo primo messaggio, non c’era bisogno di allineare una serie infinita di cifre a casaccio per convincerci che hai dei seri problemi mentali.
        Comunque stai sereno…….vota impegno civico che almeno il luigino becca un altro voto oltre al suo.
        Se poi non ti basta vai in Ucraina a combattere Putin il cattivone, faresti un favore a tutti.
        A me in particolare.
        Ciao genio……
        Questa è l’ultima risposta che ti do.
        I troll come te non mi interessano.

        Piace a 3 people

      • Oddioooo, noooooo, ancora i numeri alla caxxo dello SCOLAPASTA a ingolfare Infosannio, nooooo: vi prego, fate qualcosaaaaa!

        "Mi piace"

      • @secondosilvio
        In basso alle tabelle che ho postato c’è scritto ISTAT.
        I numeri li date voi, anzi, nemmeno quelli.
        Noi alla Russia abbiamo passato finora MILIARDI di €uro per mantenere la cupola cleptocratica e sanguinaria che la governa.
        Ai Russi arrivano, forse, le briciole.

        le cifre a casaccio, LUIGINO….
        Banda di somari Vi ricordo che già due anni fa vi avvisavo che Di Maio fosse impegnato a costruirsi il suo partito personale, con le infornate di amici e famigli nei ministeri, i condoni edilizi ad Ischia, suo collegio elettorale, nel post terremoto, la sua insana voglia di primeggiare nonostante la vergogna ignoranza che lo ha sempre afflitto.
        In nome della difesa del M5S GRAN PARTE di questo forum mi attaccava.
        Fui il primo a rinfacciargli le missioni DA MINISTRO dai jilet jaunes insieme al suo ex compare fancazzista.
        Alle coperture offerte a speculatori come Borghi e Savona che sulle minacce di uscita dall’euro e dalla UE si arricchirono speculando al ribasso, contro l’Italia.
        Di Maio che ci avviò alla recessione tecnica, quattro mesi consecutivi di decrescita del PIL, a causa dell’impennata dei tassi in seguito alla crescita dello Spread.e bugie.
        Oggi siete riverginati leccando il deretano ad un nuovo messìa, incarnato da dittatore sanguinario russo.

        Non mi cambiate la vita e non riuscirete mai a convincermi con le vostre bugie.

        "Mi piace"

    • Lei, Jolly qualche cosa, dovrebbe rileggere le cose che scrive: è totalmente fuori dalla realtà, carente di logica e ricco di pericolose paranoie. Se crede realmente a ciò che scrive, si dovrebbe arruolare tra le fila ucraine, perché la parte del leone da tastiera le riesce malissimo.

      Piace a 1 persona

      • Le paranoie sono nelle teste bacate di chi si prosta all’imperialismo sanguinario di un dittatore mafioso.

        "Mi piace"

    • Poveretto, prova ad andare in canonica oppure alla casa del Popolo forse li possono aiutarti a superare il tuo trauma e la paura dell’uomo nero Putin,

      Piace a 1 persona

  3. eeeeee… tutto si concluderà con la sparizione del presidente dell’Ucraina… da mani amiche !
    E sulle macerie dell’ucraina tutti gli avvoltoi sopra a spartirsi le spoglie… poveri ucraini non sapevano a chi erano in mano?
    Dal punto di vista economico sarà la nato a ricostruire? hahahahha…. una guerra delegata!

    Piace a 3 people

      • I gatti, si sa, naturalmente magiano gatti, ma se la storiella andrà avanti così, temo che vi toccherà fare la stessa fine, ammesso che sarete così abili da prenderli!

        “Coronavirus, lo studio: rischio di sviluppare miocarditi 11 volte superiore tra i contagiati che tra i vaccinati”.

        Analizziamo bene la supercazzola: sarebbe come dire che il colore blu pesa di meno di una rotaia di ferro!

        Che significa il titolo dell’articolo? I vaccinati non si contagiano e non contagiano? Pensa ‘ndrangheta, hanno dovuto cambiare in corso d’opera, dopo secoli, la definizione di vaccino e relativa immunità attiva, per giustificare l’inutilità di questo pastrocchio genico. E come mai dopo miGlioni di dosi di vaccino, i contagiati sono aumentati (come pure i morti), e c’è stato un aumento di miocarditi rispetto a pria? Ergo, questa storiella che va in parallelo con l’altra di cui sopra, deve essere così riscritta: …

        "Mi piace"

    • I gatti, si sa, naturalmente magiano gatti, ma se la storiella andrà avanti così, temo che vi toccherà fare la stessa fine, ammesso che sarete così abili da prenderli!

      “Coronavirus, lo studio: rischio di sviluppare miocarditi 11 volte superiore tra i contagiati che tra i vaccinati”.

      Analizziamo bene la supercazzola: sarebbe come dire che il colore blu pesa di meno di una rotaia di ferro!

      Che significa il titolo dell’articolo? I vaccinati non si contagiano e non contagiano? Pensa ‘ndrangheta, hanno dovuto cambiare in corso d’opera, dopo secoli, la definizione di vaccino e relativa immunità attiva, per giustificare l’inutilità di questo pastrocchio genico. E come mai dopo miGlioni di dosi di vaccino, i contagiati sono aumentati (come pure i morti), e c’è stato un aumento di miocarditi rispetto a pria? Ergo, questa storiella che va in parallelo con l’altra di cui sopra, deve essere così riscritta:

      POSSIBILITA’ DI CONTRARRE LA MIOCARDITE:

      – Vaccinati completamente immuni (cioè inesistenti): 1.
      – Non vaccinati contagiati (ma poi, che significa contagiati: sintomatici o asintomatici?): 11.
      – Vaccinati contagiati: 11+1=12

      E la valentina cr3tina ride! 😂🤣😂

      Come che sia, i non vaccinati, sendo la supercazzola muoino di miocardite, mentre i vaccinati di GIOIA!!!

      Ah ah ah! Buona visione, c0j0nazzi:

      "Mi piace"

      • «Dilagano infarti e ictus: anche i farmaci scarseggiano

        L’incredibile aumento di attacchi di cuore, ictus ed embolie polmonari che si è manifestato dopo le campagne vaccinali e dopo i booster sta portando a una carenza globale di farmaci appropriati. Quanto meno questo è ciò che riferisce l’Agenzia francese nazionale per la sicurezza dei medicinali e dei prodotti sanitari la quale ha inviato a tutti gli ospedali e le altre strutture sanitarie una circolare di questo tenore: “Attualmente esiste un collo di bottiglia nella fornitura globale per i due trombolitici più comunemente usati negli ospedali, Actilyse (alterplase) e Therasolv (urochinasi). Inoltre, le alternative Actosolv (urochinasi) e Metalyse (tenecteplase) non sono disponibili. Non è ancora stimabile una data per il ripristino delle normali forniture, anche se le consegne vengono effettuate regolarmente”. Ma da dove viene la “carenza mondiale” di questi farmaci? A causa del crollo delle catene di approvvigionamento causato dalle sciagurate e inutili misure anti pandemiche che hanno causato danni incalcolabili proprio alla salute umana?

        L’agenzia francese sembra avere un’opinione diversa, anzi pare che tale parere venga condiviso con le aziende che producono i farmaci in questione: “I produttori attribuiscono queste tensioni a un costante aumento del numero di pazienti ammissibili ai farmaci trombolitici e alla capacità di produzione limitata a causa della complessità del processo di produzione di questi farmaci biologici”. Pare che tutti siano stati colti di sorpresa dall’entità dell’aumento di queste patologie e la stessa agenzia lo ammette: “C’è un forte aumento del numero di attacchi di cuore, ictus trombotico, embolie polmonari e altre trombosi in tutto il mondo”. Ci si aspetterebbe che in un universo così dedito al culto della “Scienza” questa situazione fosse attivamente investigata con l’attenzione e la serietà che essa merita, ma invece si riscontra un tentativo grossolano di prendere per il sedere la gente con il fantomatico long Covid (che sarebbe comunque una conseguenza conclamata dell’inutilità dei vaccini) o con i problemi dovuti al caldo o con lo stress o con qualsiasi altra fesseria da imbecilli. Invece non si investiga, anzi si tenta con tutte le forze di impedire che qualcuno vada a fondo nella questione, semplicemente perché la causa è già ampiamente sospettata per non dire conosciuta: si tratta dei vaccini a mRna che quando sono stati studiati nei modelli animali provocavano proprio coaguli ed embolie tanto che proprio per questo si è sempre esitato a fare il passaggio all’uomo.

        Tuttavia questa semplice verità non può essere detta perché non fa parte del copione che il potere ha affidato alle burocrazie sanitarie ormai comprate da anni e all’informazione monopolistica: si prevede solo di negare, negare, negare qualsiasi conseguenza. Se proprio non si può farlo, allora l’ordine è di depistare e quando anche questo diventa impossibile, di inventare. E’ la stessa tecnica che si usa per le vicende Ucraine. Quando ci si trova di fronte alle evidenze un tale atteggiamento diventa degradante: quale evidenza migliore di una relazione con i vaccini del fatto che l’aumento di infarti e di embolie non si verifica in quelle aree dove non sono stati utilizzati sieri genici, ma vaccini di concezione tradizionale, almeno nella stragrande maggioranza dei casi? Ma forse si tratta di Paesi dove fa sempre freddo, dove non c’è stress e dove il covid è corto. Dico vergogna non solo per chi si ostina a negare le conseguenze dei vaccini, ma per quelli che ancora ci credono perché imbrigliati in un’assurda sudditanza. La stessa agenzia che ha lanciato l’allarme sulla carenza di farmaci dice anche: “Bisognerebbe avere uno spirito malvagio per vedere una connessione con gli effetti della vaccinazione Covid”. E’ una frase in un certo senso davvero illuminante perché non ha nulla a che fare con la scienza e con la medicina, non dice e non spiega alcunché, ma esprime solo un rimbrotto politico contro chi osa puntare il dito su ciò che è evidente. Si tratta di malvagi, ecco la suprema parola della scienza e dei suoi scalzacani.».

        "Mi piace"

      • Che ridere… leggerti è uno spasso. Ma poi pensi veramente che perda tempo ad ascoltare le cassate di minchia-uzzi, il noto pranoterapeuta? Ma dimmi, dimmi, quanta energia riesce a trasmetterti quando ti estasia con le sue minchiate … sempre per il solito amico. Poi radio radio, … potevi aggiungere TV terra piatta piatta. Che omettitore!

        "Mi piace"

      • C’è, ‘ndrangheta, chi magia ratti per natura, chi merd4, credendo sia cioccolata pure… La notizia del morto di gioia, non è di Meluzzi, né di “TV terra piatta piatta” (quando si parla del pianeta, Terra va con la maiuscola, ignorantissimo blablatore del nulla…), ma de Il Messaggero, a libro paga delle tasse dei contribuenti (non come Radio Radio), e di tutte le altre ‘testate’ … dei caproni giornalisti itaGliani, tutti consapevoli della rotondità della Terra! Fra me e te la differenza sta nel fatto che tu sei anche d’accordo con chi sei costretto a pagare perché ti prenda per il cubo!

        (e nel mentre che ti sfilano il portafoglio da sotto il medesimo organo…) Guarda là… LA’, LA’: hai visto che la Terra è tonda? Oooooh, sìììììì…

        Pajassi…

        "Mi piace"

  4. Stoltenberg, il criminale nazista non lo fermi con le sanzioni, ma con il dispiegamento senza precedenti di una no flyzone sui cieli dell’Ucraina. Solo così potevi smascherare il bullo criminale.

    "Mi piace"

  5. nomen omen: stoltenberg = montagna di stoltezza; come finirà? dal Vietnam di Ho Chi Minh all’Afghanistan del Mullah Omar abbiamo esempi illuminanti di fallimenti dell’imperialismo USA con o senza Nato al seguito, solo che qui si devono fare i conti con la Federazione Russa di Putin, un paese sterminato e una potenza nucleare. Uniamoci la Cina e un po’ di altri paesi non allineati … Questa, per il cosiddetto Occidente atlantico non è tanto guerra da vincere ma l’ennesima guerra per fare affari economico-finanziari. I sacrifici per i cittadini europei? Sarebbe semmai da pensare alla povera Ucraina in corso di distruzione nei suoi territori e nella sua identità nazionale e alla sua intera popolazione, russofona e non, che prima perfino sotto l’impero sovietico, viveva in pace perfino privilegiata (Kruscev, che donava la Crimea alla repubblica sovietica ucraina, era ucraino e un dittatore sanguinario come Stalin era georgiano… : questo dovrebbe pur dire qualcosa sulla natura complessa e non banalizzabile di quel trascorso regime e soprattutto circa l’attualità della Nuova Russia di Putin …). Mentre poi, con la prevedibile crisi dell’URSS, prima l’Ucraina è stata depredata delle sue ricchezze dalle multinazionali USA e poi, sempre a cura di una minoranza di fantocci e teste di legno militarmente ben supportati, è stata predisposta all’interno di una morsa atomico-nucleare predisposta attorno alla Russia post-sovietica per depredare questa delle sue enormi ricchezze naturali, non essendoci riusciti prima anche lì tramite occupazione economico-finanziaria. Ai tenpi del Vietnam in tutta Europa non si contavano le manifestazioni contro l’imperialismo USA e l’eroe che le giovani generazioni inneggiavano era Ho Chi Minh, il futuro vincitore di quella impari guerra d’occupazione (i vietcong di ieri erano analoghi, nello scacchiere imperialista, agli ucraini neo-nazisti di Zelensky). Oggi le carte sono ben altre dato che l’intervento armato in Ucraina proviene dall’esterno e cintrobbatte le gravi violazioni USA-NATO dei vari precedenti accordi internazionali (Minsk). Ascoltare oggi l’ipocrisia dei responsabili militari di questa ecatombe umanitaria che “rigirano la frittata”, affermando nei fatti di essere pronti ad una guerra atomico-nucleare è una follia superiore ai vaneggiamenti di Adolf Hitler all’inaugurazione di quelle guerre-lampo che dovevano “legittimamente” recuperare “lo spazio vitale” per la nazione tedesca! E costtui, nel suo avvio di carriera politica, era stato finanziato da grandi rappresentati dell’economia europei e atlantici in funzione anti-sovietica. Si sa com’è finita quella storia. Si sa un po’ meno come quei finanziatori in buona parte non solo la passarono liscia ma si arricchirono ulteriormente. Questo genere di vicende umane non fa che ripetersi anche se su scale territoriali diversificate. Adesso quale potrà diventare il coinvolgimento?

    Piace a 2 people

  6. I baciapantofole del criminale nazista russo non si sono ancora accorti che il terreno sotto i piedi del dittatore sta franando? Ma quale gina a fianco della Russia? Quelli vogliono fare affari, che stanno da n’altra parte. L’attentato a dughina non dice nulla? La presa di posizione del criminale erodgan, che sempre tale resta, sulla Crimea fate finta di ignorarla, scendiletto di puttin, figlio di pputtana? Gli immani errori dell’occidente, specie in tema di sanzioni, alla fine saranno corretti, perché nei paesi liberi, guarda caso, succede così. Mentre le idee grette nei paesi dittatoriali, mafio-nazisti come la Russia, sono legate alle farneticazioni di un capo criminale e sanguinario e possono essere superate solo con la morte del dittatore. Vi voglio vedere commentare sulla Russia tra un anno! Syla Ucraina!

    "Mi piace"

  7. Quindi per due anni ci sono stati da salvare i fragili (dei quali nessuno prima supponeva nemmeno l’esistenza) perché non c’era alternativa.

    Adesso per due anni ci saranno da salvare gli ucraini (idem) perché non c’è alternativa.

    Poi ci sarà da salvare il clima (di un pianeta che per qualche miliardo di anni se l’è cavata benissimo da solo senza i climatologi dell’Onu) perché non c’è alternativa.

    Ma un po’ di originalità no?

    Piace a 2 people

  8. Questo avvocato è chiaramente un Nerd e adoro il sarcasmo e l’ironia con cui smonta le bufale putiniane.
    Usando prove e LOGICA, qualità che manca a voi trolletti spargi veline.

    Piace a 1 persona

    • @jollyboy
      E.C.
      Ok…..avevo detto che non ti avrei più risposto ma…….
      Non sapevo che tu fossi Jerome!!!!!!
      Non ti avevo più sentito ed ero sinceramente preoccupato.
      Pensavo che il tuo livore e la tua acredine cronica avessero causato qualche brutto scherzo alla tua salute.
      Mi fa piacere che tu stia bene e ancora di più che tu abbia ricominciato a sollazzarci con le tue minchiate.
      Come scrivevo poco fa a Paola, non ti ho riconosciuto subito perchè non hai offeso i miei genitori e non hai augurato ai miei figli una morte prematura tra atroci sofferenze.
      Che succede Jerome?
      Hai visto la Madonna o le medicine finalmente stanno facendo effetto?
      Comunque per me sei sempre il numero uno…..le idiozie che spari tu non le spara nessuno.
      Onore al merito!
      Spero tu riesca a divertirci e farci compagnia almeno fino al 25 settembre.
      È un pò come se oggi fosse uscita una nuova stagione della mia serie preferita.
      Mi sei mancato jerome!
      🤗
      Ti do ragione su tutto….
      Draghi è un pacifista, il pd è il partito più bello del mondo, Putin è cugino di primo grado di giovanni brusca e zelenski è in odore di santità…..pare che gli siano venute addirittura le stimmate!!!!!
      Grande Jerome……sei sempre il mio eroe ❤❤❤

      "Mi piace"

  9. Questo è proprio andato, è di fuori come un balcone,
    Poveretto bisogna compatirlo e se possibile ricoverarlo in una struttura protetta,

    Piace a 1 persona

    • Oltre l’insulto,
      sei fuori,
      la pillolina,
      mainstream,
      il ricovero e altre carinerie,
      sai imbastire un ragionamento o sei talmente lDl0TA che non riesci ad andare al di là del ruolo di messo notificatore delle veline putiniane?
      MAI letta una tua critica di merito delle mie affermazioni, solo tentativi ridicoli di delegittimarmi insultandomi.
      Vai a guadagnarti la tua ciotola di erba bollita con qualcun altro.

      "Mi piace"

  10. Struttura protetta a Kiev? In effetti l’ ambiente ha una certa importanza per il successo della cura. …..ma Putin con tutti sti figli, si chiama Rocco come secondo nome? Io due chiacchiere con le rispettive madri , di ognuno, le farei. ……non poteva continuare a dedicarsi a ciò che l’ amico Berlusconi gli aveva così ben insegnato? Mortacci sua e pure dell’ amico!

    "Mi piace"

  11. @Metropolis robot
    E ieri cos’avevo scritto? Ci sono delle aziende “Energivore”, come quelle del settore ceramico, del vetro, le acciaierie e poche altre, ma l’economia italiana sii fonda su altre fattispecie, principalmente nel terziario..
    Visto che ti divrti a fare il saputello t’informo che l’articolo riporta esattamente il mio post, dove spiegavo cosa avesse detto Cingolani all’interno della trasmissione Filorosso su Raitre.
    Oramai sei andato completamente, plagiato dalla propaganda russa. Ti credevo diverso ma sei della stessa pasta dei troll in chiaro.
    Com’era quella storia sull’idrogeno verde?
    Che accordo ha raggiunto la Germania con il Canada?
    Mi ricordi le tue obiezioni sulle capacità italiane di produrre idrogeno usando l’eolico durante la notte?

    https://www.ansa.it/nuova_europa/it/notizie/rubriche/economia/2022/08/24/al-via-partnership-germania-canada-su-idrogeno_5534ffb2-0641-4ac3-8c23-75b3e25e2930.html

    L’Italia, se volesse investirci, potrebbe avviarsi a diventare esportatrice netta di energia PULITA e sostenibile.
    Le resistenze le incontriamo con tutti questi figli di Putin in giro. Perchè un popolo ignorante sceglie governanti peggiori della propria immagine.

    Piace a 2 people

    • ex Jerome B.
      la mia risposta è stata cassata
      su Cingo e le sue mini centrali nucleari, sull’idrogeno verde futuro con energia rinnovabile di quanti GW hanno bisogno, sul biometano domestico, e sulla politica estera del dipartimentodistatousa.
      Spero che questa me la lascino passare
      Puoi postare tutte le tabelle che vuoi, non tutti sono ingenui come credi
      io ci lavoro con dati e tabelle
      puoi formulare qualsiasi teoria
      e te la posso provare con tutti i dati e tabelle che vuoi, inondandoti.
      Quindi puoi anche smettere di postare lenzuolate per confermare le tue fanatiche previsioni.
      Siamo nella mmme3da a causa di politiche dissennate fatte sulla nostra testa e sulla nostra pelle
      pagata da più deboli, come sempre, ma soprattutto, dalla disgraziata popolazione ucraina.
      I fanatici putiniani come i fanatici pro-nato-usa sono una esigua minoranza, ma fanno un gran baccano, sinceramente hanno rotto i cogOOni

      Piace a 3 people

  12. Oilprice.com
    Divertiti con la realtà invece di guardare i cartoni animati e prendi le pillole, altrimenti ti si brucia anche l’ultimo neurone che ti è rimasto

    "Mi piace"

    • Cogliostro continua a respirare metano e a bere petrolio, con i risultati delle tue uscite che sono sotto gli occhi di tutti.

      https://www.ilgiornale.it/news/transizione-energetica/rinnovabili-crescita-italia-i-dati-mite-2054829.html

      Ieri sera Cingolani ha affermato che TERNA, la società che gestisce le infrastrutture della rete distributiva elettrica, ha già richieste di allaccio per 9 Gigawatt. Impianti pronti e in uso.
      Ma la crescita continua. Tu trasferisciti in Cina a vedere come ricatteranno Putin.
      Si dà il caso che i mandorlati siano i più importanti installatori di impianti energetici da rinnovabili. Gli serve gas per la transizione, ma sono consapevoli che l’inquinamento fossile da loro crea troppi problemi
      E una volta che i russi si sono giocati l’Europa, dopo la fine del rapporto con la Cina, cosa faranno? Dissoderanno l’infinita steppa siberiana per piantarci patate?

      Piace a 1 persona

      • Povero coglione,
        Se tu non fossi accecato dalla tua stupidità e dalla propaganda ti renderesti conto che 85% della popolazione mondiale non sta dalla tua parte, e che per i russi venderti il gas e il petrolio è un opzione di cui possono farne a meno, gli serve solo qualche mese per terminare i gasdotti e oleodotti verso la cina
        Già l’india è passata dal 1% al 20% dei suoi acquisti energetici Russi
        PS se la Germania crolla a cascata toccherà pure all’Italia visto che il 70% delle nostre industrie dipendono da commesse tedesche,
        Ora cerca di dormire e rilassati

        "Mi piace"

  13. Che il popolo ignorante abbia scelto e scelga governanti peggiori della propria immagine, è dimostrato da 70 anni di storia italiana, senza scomodare altri……che tutti gli ignoranti siano poi figli di Putin, e non figli di Mussolini, Andreotti, Craxi, Berlusconi , è, scusami, revisionismo storico e rimozione….le tue argomentazioni sarebbero pure interessanti e degne di dibattito, se tu evitassi il presupposto offensivo , propagandistico, del figlio di. ….argomento scivoloso dopo la suddetta serie…..di italiani. …

    Piace a 1 persona

  14. E poi ci domandiamo come mai in Italia abbiamo governanti come la Melona urlatrice e il suo bestiario, il cazzaro verde con le sue truppe armate di elmi e corna, il berlusca con i suoi mezzani e le Olgettine, il PD con i coglioni che friggono salamelle e patatine fritte,
    e Il nostro Jolly ce lo rappresenta appieno il perché.

    Piace a 1 persona

  15. Povero balcone
    Se tu non fossi accecato dalla tua stupidità e dalla propaganda ti renderesti conto che 85% della popolazione mondiale non sta dalla tua parte, e che per i russi venderti il gas e il petrolio è un opzione di cui possono farne a meno, gli serve solo qualche mese per terminare i gasdotti e oleodotti verso la cina
    Già l’india è passata dal 1% al 20% dei suoi acquisti energetici Russi
    PS se la Germania crolla a cascata toccherà pure all’Italia visto che il 70% delle nostre industrie dipendono da commesse tedesche,
    Ora cerca di dormire e rilassati

    "Mi piace"

  16. Linkiesta 12/8/2022

    I calcoli sbagliati di Putin

    dati confermano che ormai né gas né petrolio salveranno l’economia russa

    Maurizio Stefanini

    L’indebolimento dovuto alle sanzioni occidentali è ormai plateale, ammesso perfino dall’agenzia statistica di Mosca e dalla Banca centrale. Le entrate dovute all’energia sono in calo mentre crescerà la disoccupazione e la fuga dei cervelli

    Sono efficaci le sanzioni alla Russia? Otto giorni fa Linkiesta aveva riportato dati secondo cui il loro impatto sarebbe già pesante, e che derivavano sia da dichiarazioni del presidente di Eurasia Group Ian Bremmer, sia da un rapporto della Yale School of Management. Ma sul punto ieri è uscito un rapporto ancora più dettagliato della Kyiv School of Economics in collaborazione con lo Yermak-McFaul Expert Group on Russian Sanctions. Lo studio ha usato fonti come il Fondo Monetario Internazionale, la Banca Mondiale, l’Agenzia Internazionale per l’Energia e la Banca Centrale Russa. E le conclusioni sono che «le sanzioni occidentali colpiscono nel segno».

    Nonostante gli elevati prezzi del petrolio e del gas, infatti, la stessa agenzia statistica russa Rosstat ammette che l’economia russa si è indebolita nel secondo trimestre del 2022, con un calo del 4,9% su base annua. Ciò mentre altri esportatori di petrolio e gas crescevano invece alla grande: l’Arabia Saudita addirittura dell’11,8% (nel secondo trimestre del 2022). Il direttore della Sberbank, una delle principali banche russe, ha dichiarato che potrebbero essere necessari anche dieci anni per riportare il Pil russo al livello del 2021. Ma bisogna contare che nel 2023, con l’attuazione dell’embargo petrolifero europeo, i ricavi da petrolio e gas si ridurranno del 40%: da circa 330 miliardi di dollari nel 2022 a 190 miliardi di dollari, per arrivare a fine anno al ritmo critico di 150 miliardi di dollari. Una risorsa che finora aveva sostenuto quel forte avanzo delle partite correnti indispensabile per stabilizzare il rublo, controllare l’inflazione e consentire alla Banca centrale russa di tagliare i tassi.

    La Russia di Putin ha già avuto crisi di bilancio dei pagamenti nel 2008, nel biennio 2014-15 e nel 2020, quando i ricavi del petrolio e del gas diminuirono drasticamente. Con il rublo sotto pressione, la capacità di condurre una guerra contro l’Ucraina si indebolirà. E se l’Europa smetterà di acquistare il gas russo – cosa possibile immediatamente, secondo l’istituto Kse – le entrate l’anno prossimo scenderanno a un livello criticamente basso.

    La Banca centrale russa ha riferito che il prezzo medio di vendita del petrolio russo nel secondo trimestre è stato leggermente inferiore agli 80 dollari al barile, quando prima il prezzo medio era di 113 dollari. Si conferma così uno sconto sul prodotto russo di circa 35 dollari al barile, come precedentemente stimato. Ma già ciò implica una perdita di circa 20 miliardi di dollari sui guadagni petroliferi del secondo trimestre.

    È la Banca centrale russa stessa, poi, ad ammettere l’esistenza di una corsa agli sportelli bancari nella prima metà del 2022. Presi dal panico, pur di avere contanti sotto mano i cittadini hanno ritirato 21,6 miliardi di dollari di depositi, sottraendo liquidità alle banche.

    Per finanziare un aumento di oltre 2,5 volte del budget della difesa, la sostituzione delle importazioni e altre misure per contrastare le sanzioni, il Cremlino ha dovuto inoltre bloccare programmi di bilancio previsti per il 2023-2025 per un valore di 26 miliardi di dollari. Questo va ad aggiungersi ai tagli al bilancio già in atto. Ad aprile, è stata ridotta di quasi un terzo la spesa per i servizi sanitari per la popolazione.

    Il Fmi prevede che la disoccupazione nella Federazione Russa raggiungerà il 9,3% nel 2022, il che equivarrebbe a circa 3,8 milioni di disoccupati in più. Secondo le stime del Centro russo per la ricerca strategica, entro la fine del 2022 ci sarà un aumento significativo della disoccupazione nel 63% delle regioni russe; in 16 regioni la disoccupazione aumenterà rispetto al livello medio del periodo gennaio-marzo 2022 di 2 o più volte, in 53 regioni di 1,5 o più. I 5 settori più colpiti sono: trasporti e logistica, automotive, commercio all’ingrosso e e-commerce, industria del legno e prodotti in legno.

    Secondo Rosstat, i salari effettivi in Russia a maggio sono scesi del 6,1% su base annua, mentre ad aprile il calo era stato registrato al livello di -7,2%, per la prima volta dall’anno precedente. Il massimo degli ultimi sette anni, anche più del 2015 quando il prezzo del petrolio e le prime sanzioni occidentali, dovute all’annessione della Crimea, avevano innescato una grave crisi, con il crollo del rublo e un aumento dell’inflazione.

    Dulcis in fundo, tra gli effetti della decisione di Putin di invadere l’Ucraina c’è anche una “fuga di cervelli” senza precedenti. Il Ministero degli Affari Interni ha dichiarato che, a causa dell’emigrazione, solo l’industria informatica manca di circa 170.000 lavoratori a causa dell’elevato numero di russi competenti che fuggono in Occidente verso posti di lavoro maggiormente retribuiti.

    I dati che emergono sono così deprimenti che Putin ha iniziato a censurarli. Ad aprile è stato ordinato alle banche russe di non divulgare i bilanci intermedi e annuali. E il mese scorso, il presidente russo ha anche firmato una legge che consente al Cremlino di nascondere le informazioni relative al valore e alla struttura delle sue riserve internazionali in diminuzione. Ora sono classificati come segreto di Stato.

    Evidentemente ci sono altri punti di vista su come stanno le cose in Russia.

    Piace a 2 people

    • Quotazione euro/rublo oggi 24/08/22
      Il tasso di cambio medio 57.97. Previsioni Euro Rublo alla fine del mese 55.98, cambio per Settembre -3.0%. Previsioni Euro Rublo per Ottobre 2022. All’inizio il tasso di cambio è di 55.98.

      "Mi piace"

  17. Questa è ancora più fresca, me l’hanno passata proprio adesso.

    ” Fatti contro propaganda
    La disinformazione del Cremlino sulle sanzioni smentita punto per punto
    Linkiesta 24/08/2022

    Nonostante le fake news diffuse dal Cremlino per indebolire la morsa delle sanzioni, l’economia del Paese è in crisi, le industrie vanno a rilento in mancanza di materiali e di lavoratori specializzati. Anche la vita quotidiana è peggiorata in maniera sensibile

    Non è vero che l’economia russa non risente delle sanzioni. Non è vero nemmeno che riesce a trovare nuovi partner commerciali. E non è vero che la popolazione, nella sua vita di tutti i giorni, non sia stata colpita. Da quando la comunità internazionale ha imposto nuove sanzioni alla Russia in risposta alla sua invasione dell’Ucraina iniziata il 24 febbraio, il Cremlino ha diffuso false informazioni sulla loro efficacia e ne ha negato o minimizzato gli effetti.

    Come spiega questo documento del Dipartimento di Stato americano, i fatti – comprovati da numerosi studi, come questo di Yale – dicono il contrario, smentendo una a una le bugie russe.

    Secondo Mosca, l’economia russa è abbastanza forte da resistere all’effetto delle sanzioni. Anzi, a esserne più colpito è l’Occidente stesso.

    In realtà le sanzioni funzionano benissimo e lo ammette perfino Elvira Nabiullina, a capo della Banca Centrale russa («L’attività economica è in declino. La cessazione di relazioni economiche di lungo periodo avrà un impatto negativo»). Del resto la Russia non riesce a produrre versioni domestiche dei prodotti che prima comprava da fuori, nemmeno autorizzando il furto di proprietà intellettuale dai cosiddetti “Paesi ostili”. Da tempo i cittadini più qualificati hanno lasciato o stanno lasciando il Paese per prospettive migliori. Mancano ricercatori, esperti tecnici, imprenditori, professori. Se anche riuscisse a ricostruire la propria economia senza affidarsi a materiali provenienti dai Paesi che la hanno sanzionata, non avrebbe una forza lavoro sufficientemente istruita per farla funzionare.

    Dire che le sanzioni non incidono perché Mosca può cambiare partner commerciali, rivolgendosi a quelli che non l’hanno sanzionata, è un’altra falsità.

    Come dimostrano i dati, la Russia non riesce a trovare acquirenti e venditori nuovi. Le sue importazioni sono crollate del 50% da febbraio. La carenza di prodotti di alta tecnologia si fa sentire (già) sul campo di battaglia, con l’esercito obbligato a togliere i microchip da frigoriferi e lavastoviglie per far funzionare l’equipaggiamento militare. Per quanto riguarda i rapporti privilegiati con la Cina, va notato che la relazione è sbilanciata in favore di Pechino. Nel 2021 la Repubblica Popolare cinese è risultata il primo Paese importatore, mentre la Russia era soltanto l’11 compratore. E da quando è cominciata la guerra, le esportazioni cinesi in Russia sono crollate del 50%. Ridicolo poi affermare, come hanno fatto alcuni funzionari russi, che non c’è problema a spostare le forniture di gas verso Oriente, dal momento che il 90% del gas e del petrolio russo è trasportato via terra lungo pipeline connesse – indovina un po’ – con i mercati e le raffinerie europee. Per cambiare assetto occorrerebbe costruire nuove linee o rafforzare i trasporti marittimi. Tutte cose che richiedono parecchio tempo.

    Anche le performance del rublo, che dopo un crollo iniziale è tornato a crescere in poco, hanno dato luogo a narrazioni farlocche. Tuttavia non si tratta di un riflesso delle buone prestazioni dell’economia, ma soltanto del risultato delle misure messe in campo da Putin per tenerlo in piedi in modo artificiale, a discapito della popolazione e delle attività produttive. I cittadini, per legge, non possono più mandare soldi all’estero né le banche vendere dollari, mentre le aziende locali di import-export sono obbligate a cambiare in rubli l’80% dei loro guadagni, quelle straniere a pagare i debiti in rubli. Tutte mosse che hanno drogato il valore del rublo, portandolo a valori irreali.

    Tutte queste cose, messe insieme, vanno a colpire la popolazione nella sua quotidianità. La qualità della vita è calata in modo drastico: più di mille società hanno lasciato il Paese, privando i cittadini dei loro beni e servizi (e posti di lavoro). Non solo: l’aumento dei prezzi ha colpito alcuni settori vitali, come la sanità, riducendone i servizi, o ha fatto aumentare il costo delle automobili, provocando un calo delle vendite dell’84% (in generale la produzione domestica risente della difficoltà di trovare airbag o sistemi di freno automatici).

    Insomma, il peso delle sanzioni, anche se le autorità russe cerchino di far credere il contrario, è sempre più schiacciante: si fa sentire in tutti gli ambiti e colpisce tutta la popolazione. I danni che provoca sono profondi e avranno effetti di lunga durata. E soprattutto, nonostante la cappa della propaganda, se ne stanno accorgendo tutti”

    Piace a 1 persona

  18. Ma tu guarda questi ammeri-cani da una parte dicono una cosa e dall’altra ne fanno vedere un altra

    "Mi piace"

    • Scusami schiavetto di Putin, l’ipermercato sarà pure pieno di cibo, mi stupirei se non lo fosse, credo che pure in Russia esistano agricoltori e allevatori, MA I CLIENTI CHE DOVREBBERO AFFOLLARLO DOVE SI SONO NASCOSTI?

      Piace a 1 persona

  19. Poveri, poveri cari. Al giorno d’oggi è molto più difficile confezionare e vendere BS in una forma di analisi. Fatta eccezione per i loro stessi studenti ignoranti e sottoposti al lavaggio del cervello, ma questa è la funzione principale dell’istruzione americana moderna dall’asilo alla Ivy League: danneggiare mentalmente ed emotivamente gli studenti e trasformarli in nient’altro che biomassa e consumatori. In effetti, Sonnenfeld è così drammaticamente inconsapevole delle BS che vomita, specialmente quando parla delle relazioni commerciali russo-cinesi, che fornisce una malattia terminale degli Stati Uniti come… prova del… danno della Russia a causa delle sanzioni.
    La domanda non è che il commercio russo-cinese cresca, no, la domanda è che gli Stati Uniti cesseranno economicamente nel caso in cui la Cina smettesse di essere il principale fornitore statunitense di un’enorme varietà di prodotti e il fatto che la Cina esporti più di mezzo trilione di dollari di cose che vanno dai calzini ai macchinari per gli Stati Uniti sono, evidentemente, presentati da Sonnenfeld come il vantaggio, quando in realtà sono una maledizione sia per gli Stati Uniti che per la Cina. Inoltre, ovviamente, Sonnenfeld, essendo un prodotto di una falsa “scienza economica” ha poca comprensione del fatto che la Cina non può soddisfare i suoi bisogni di sicurezza nazionale senza la Russia, soprattutto contro l’Occidente unificato, mentre la Russia non solo può farlo senza la Cina, ma effettivamente lo sta già facendo, e lo sta facendo bene. Ma poi di nuovo, cercare di spiegare tutto questo all'”economista” della Ivy League americana è un esercizio di futilità.
    E così va, 118 pagine di delirio totale, staccato dalla realtà, inventato da persone che non sarebbero in grado di gestire un bagno a pagamento all’interno della stazione di servizio Chevron senza mandarlo in bancarotta, viene presentato come “analisi”. Queste, amici miei, sono persone che passano in Occidente per “élite” e queste sono proprio le persone che hanno praticamente distrutto gli Stati Uniti, per non parlare dell’Europa, sulla base della loro pura arroganza, ignoranza, mancanza di cultura e disperato desiderio di regolare i conti , che presuppone almeno una breve conoscenza della guerra e delle questioni di sicurezza nazionale, ma mentre si rivolgevano al Centro di controllo di volo dell’Apollo 13: “Houston, abbiamo avuto un problema qui”.(c) E cresce. Con “accademici” come questo gruppo di Yale, non si risolveranno mai e porteranno al collasso finale. e non Non preoccuparti che provino vergogna mentre mentono: l’onore, l’integrità accademica e la classe hanno lasciato l’establishment politico ed educativo occidentale molto tempo fa. È andato.

    "Mi piace"

  20. Ora a cogliostro gli prende un coccolone….

    Gli Stati Uniti invieranno quasi 3 miliardi di dollari in piu” in aiuti militari all”Ucraina, si tratta, ha affermato la Casa Bianca, della piu” grande fornitura di armi e assistenza erogata fino a questo momento dagli Stati Uniti al Paese.
    Il pacchetto di aiuti, che equivale a un impegno finanziario da parte degli Stati Uniti a sostenere militarmente l”Ucraina per mesi a venire, includera”
    sistemi di difesa aerea,
    sistemi di artiglieria e munizioni,
    sistemi aerei senza pilota e radar,
    ha spiegato la Casa Bianca, e include anche finanziamenti per addestrare le forze ucraine su come utilizzare le armi occidentali.

    “Oggi e ogni giorno siamo al fianco del popolo ucraino per proclamare che l”oscurita” che guida l”autocrazia non puo” competere con la fiamma della liberta” che illumina le anime delle persone libere ovunque”, ha affermato il presidente Biden illustrando il pacchetto e celebrando il Giorno dell”Indipendenza dell”Ucraina .
    Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha ringraziato Biden e il popolo americano sia per le congratulazioni che per l”assistenza alla sicurezza.
    “Il popolo ucraino, tutti i nostri difensori, apprezzano molto il sostegno incrollabile” degli Usa, ha scritto su Twitter. “Insieme vinceremo!”

    Questo e” il 19 pacchetto di aiuti che l”America delibera in favore dell”Ucraina da quando la Russia ha invaso il Paese esattamente sei mesi fa, per un ammontare totale di quasi 11 miliardi di dollari.
    Tra le armi piu” importanti che gli Stati Uniti hanno inviato agli ucraini ci sono almeno 16 sistemi missilistici a lungo raggio noti come Himars, che hanno consentito alle truppe di Kiev di colpire obiettivi russi dietro le linee del fronte, inclusi depositi di munizioni e carburante.
    Nonostante migliaia di vittime, tra cui ben 70.000 soldati russi feriti o uccisi, secondo le stime degli Stati Uniti, le due parti hanno ottenuto scarsi guadagni territoriali nelle ultime settimane lungo i fronti nell”est e nel sud dell”Ucraina.

    Funzionari statunitensi e ucraini avevano avvertito che la Russia avrebbe potuto lanciare un grande attacco oggi in occasione del giorno della dichiarazione di indipendenza del Paese dall”Unione Sovietica.
    I negozi sono stati chiusi e alcune citta” hanno imposto un nuovo coprifuoco per precauzione.
    Ma a meta” pomeriggio non erano stati segnalati attacchi importanti.
    Invece, le forze ucraine durante la notte hanno colpito un deposito di munizioni nel Tokmak occupato dai russi, uno snodo dei trasporti nella regione meridionale di Zaporizhzhia, hanno detto i funzionari ucraini.
    A Kiev, Zelensky ha parlato con tono di sfida in un discorso in occasione del Giorno dell”Indipendenza, dicendo che gli ucraini avrebbero liberato tutte le loro terre dalla Russia. “Qual e” la fine della guerra per noi? Dicevamo: pace. Ora diciamo: vittoria”

    Piace a 1 persona

    • e questo conferma ancora di più che stanno facendo la guerra alla RUSSIA
      usando i pseudo-mercenari (mi ricordano i G-Men in vietnam) come istruttori e utilizzatori delle sofisticate armi
      ma usando a piene mani il sangue degli ucraini.
      Accidenti che grande civiltà che siamo.
      Quando l’avranno ridotta, come hanno ridotto tutti gli stati in cui sono stati negli ultimi 60anni, se ne scapperanno cantando: missione compiuta!!!
      e il nostro ex Jerome B. sventolerà la bandiera.

      Piace a 2 people

      • Ma fammi capire, tu speri che Putin vinca in Ucraina per poi continuare l’opera con tutti gli altri stati proclamatisi indipendenti alla caduta dell’URSS?
        Ma hai capito o no che sta autorizzando stragi su civili innocenti?
        La TV forse non la guarderai ma almeno sul web sarai inciampato in foto e video dei massacri russi a danno dei civili ucraini?
        Tutte le scuse che si è inventato per giustificare l’invasione?
        La più grande balla riportata a nastro su questo forum da 3/4 profili riguarda i morti in Donbass.
        E’ SOTTO GLI OCCHI DEL MONDO IBERO che la Russia è nelle mani di poche famiglie di oligarchi e di personaggi di vertice dell’apparato militare e dei servizi segreti.
        La popolazione è per la maggior parte composta da straccioni.
        A me facevano pena i militari che come moderni lanzichenecchi spedivano lavatrici, frigoriferi e tv alle famiglie come bottino di guerra, a livello di miserabili morti di fame ansiosi di riscattarsi per reclamare un minimo di benessere consumista.
        A inficiare la media sulla ricchezza distribuita sono i borghesi di Pietroburgo e Mosca. L’aspettativa di vita media dei russi è poco sopra i 60 anni e l’alcolismo è tra le cause primarie di miseria e morte.
        E un italiano, con i mille problemi che vive, dovrebbe aspirare a calarsi in una simile fogna?
        Però i bambini sono felici, probabile, finchè non avranno acquisito coscienza della gabbia in cui li condanna l’esistenza.
        Io non sventolo alcuna bandiera, siete voi che vi attorcigliate di Z, di bandierine e di inni, nutrendovi di bufale.
        Auspicherei per l’Ucraina un futuro di libertà e progresso. Ho lavorato con loro e non sono affatto dei fannulloni, soprattutto le donne..
        E vi dò una chicca, ho avuto una ventina d’anni fa una compagna russa, di Pietroburgo diceva Lei, omettendo il San entrato a far parte della propaganda nazionalista successivamente, con quel clown di Kirill divenuto funzionale al perpetuarsi del potere in mano al dittatore sanguinario. Aveva un fratello magistrato che non resse più alle pressioni e minacce ricevute quotidianamente e che si dimise diventando avvocato. Ieri come oggi è uno stato che sopravvive di delinquenza a vari livelli.
        Gli investimenti di aziende occidentali sono serviti a porre le basi per una classe media. Ma tuto è ndato a ramengo con l’invasione di uno stato libero e sovrano.

        Piace a 1 persona

      • Sul terreno della futura Ucraina, i biglietti da visita ipersonici Khinzal – lanciati dai bombardieri Tu-22M3 o dagli intercettori Mig-31 – continueranno a essere distribuiti.

        Pile di HIMARS continueranno a essere catturate. TOS 1A I lanciafiamme pesanti continueranno a inviare inviti alle Porte dell’Inferno. La Crimea Air Defense continuerà a intercettare tutti i tipi di piccoli droni con IED attaccati: il terrorismo delle cellule SBU locali, che alla fine saranno distrutte.

        Usando essenzialmente un fenomenale sbarramento di artiglieria – economico e prodotto in serie – la Russia annetterà l’intero, preziosissimo Donbass, in termini di terra, risorse naturali e potenza industriale. E poi a Nikolaev, Odessa e Kharkov.

        Geoeconomicamente, la Russia può permettersi di vendere il suo petrolio con grossi sconti a qualsiasi cliente del Sud del mondo, per non parlare dei partner strategici Cina e India. Il costo di estrazione raggiunge un massimo di $ 15 al barile, con un budget nazionale basato su $ 40-45 per un barile di Urali.

        Un nuovo benchmark russo è imminente, così come il petrolio in rubli dopo il gas di grande successo per i rubli.

        L’assassinio di Darya Dugina ha provocato infinite speculazioni sul Cremlino e sul Ministero della Difesa, che hanno finalmente infranto la loro disciplina. Non succederà. I progressi lungo l’enorme fronte di 1.800 miglia sono implacabili, altamente sistematici e inseriti in un quadro strategico più ampio.

        vettore chiave è se la Russia ha una possibilità di vincere la guerra dell’informazione con l’Occidente collettivo. Ciò non accadrà mai all’interno della NATOstan, anche se il successo dopo il successo sta aumentando in tutto il Sud del mondo.

        Come Glenn Diesen ha magistralmente dimostrato, in dettaglio, nel suo ultimo libro, Russophobia , l’Occidente collettivo è visceralmente, quasi geneticamente insensibile ad ammettere qualsiasi merito sociale, culturale, storico della Russia.

        E questo si estrapolerà alla stratosfera dell’irrazionalità, poiché la frantumazione e la demilitarizzazione de facto dell’esercito per procura imperiale in Ucraina sta facendo impazzire i gestori dell’Impero ei suoi vassalli.

        Il Sud del mondo però non dovrebbe mai perdere di vista il “business Empire”. L’Impero delle bugie eccelle nel produrre caos e saccheggio, sempre supportato da estorsioni, corruzione di élite compradores, omicidi e tutto ciò che è supervisionato dall’enorme potenza finanziaria FIRE. Ogni trucco nel libro Divide and Rule – e soprattutto al di fuori del libro – dovrebbe essere previsto, in qualsiasi momento. Non sottovalutare mai un impero in declino amaro, ferito e profondamente umiliato.

        Quindi allacciate le cinture di sicurezza: quella sarà la dinamica tesa fino agli anni ’30. Ma prima, lungo tutta la torre di guardia, preparatevi all’arrivo del generale Winter, mentre i suoi cavalieri si stanno avvicinando rapidamente, il vento comincerà a ululare e l’Europa gelerà nel cuore di una notte buia mentre la mafia del FUOCO sbufferà sigari.

        PS dovresti comprarti il libro e provare a leggerlo, forse cominceresti ad aprire gli occhi

        "Mi piace"

  21. I vertici militari americani potrebbero non sapere dove si trova una parte consistente delle armi inviate a Kiev: è quanto riporta l’emittente americana CBS, che ha condotto un’inchiesta sulle forniture di armi all’Ucraina da parte dei Paesi occidentali, esposta nel documentario “Arming Ukraine”: dal reportage in questione emerge che solo il 30% delle forniture di armi arriva effettivamente in Donbass, lungo la linea del fronte. Mentre il restante 70% nella migliore delle ipotesi sarebbe fermo nei centri di smistamento allestiti in Europa o nei depositi situati nell’ovest dell’Ucraina; nella peggiore, sarebbe addirittura sparito.

    Finchè c’è guerra c’è speranza 1974

    "Mi piace"

  22. vai a fare inqulo wordpress
    cassa la maggior parte delle mie risposte
    se ci sono nomi iuesei mi cancella il post

    "Mi piace"

      • Cos’è, una tecnica di guerriglia dei partigiani putiniani?😂😂😂😂
        E non dimenticare di comprare e leggere il libro supercaxxolaro, presente sullo store di byoblu insieme alle pastiglie di licheni grattuggiati dallle corne di renna, utili a rinforzare il sistema immunitario per prevenire il covid..
        🤣🤣🤣🤣

        "Mi piace"

      • ex Jerome B.
        tu ti diverti a giocare a Risiko dal divano di casa
        sei sparito per mesi
        e ora torni e pensi di perculare tutti quelli che contestano le tue tesi
        dividendo le persone in pro-o-contro-putin, come hai fatto per un anno si-vax-no-vax
        non capendo che sei solo un povero stolto imbevuto di propaganda marcia.
        nessuno sta dicendo la verità
        l’unica che conosciamo, dal divano, è che ci sono persone che muoino, paesi stravolti, rischio di guerra estesa, per le politiche di egemonia pensate da altre persone nel loro comodo salotto da ambo le parti.
        Quello che soffriremo noi, perdita di reddito, disoccupazione, prospettiva di migliore vita, crisi sociale, sono solo effetti collaterali, a cui, quelli che dovrebbero decidere per noi non frega un caxxo (incluso discorsoDRagoconclaqueannessa).
        P.S. ben 5 miei post non sono stati pubblicati
        e questo fa pensare, non perchè fossero importanti, ma per il motivo per cui hanno inserito gli algoritmi di censura

        Piace a 1 persona

      • Quale sofferenza ?

        P.S.: Le cose, materiali o immateriali, le apprezza molto meglio chi non ce l’ha.

        Noi che la libertà e la democrazia ce le abbiamo, non ci rendiamo conto di quanto valgano.

        Provate a chiederlo a quelli che le hanno desiderate per decenni ?

        Se volete rimanere ostinati nelle vostre convinzioni, fate pure, è un vostro diritto. Chiedetevi pure se potete pensare liberamente dove non c’è la libertà e la democrazia, senza rimandare ai bricolage dei vostri mondi immaginari.

        "Mi piace"

  23. Tgcom24 Mondo
    25 AGOSTO 2022 00:09
    Ucraina, 54 Paesi membri dell’Onu chiedono lo stop delle ostilità

    Ucraina guerra
    Ansa
    “Oggi riaffermiamo la nostra solidarietà al popolo ucraino, condanniamo con la massima fermezza gli attacchi missilistici delle forze armate russe, rimaniamo impegnati per la sovranità, l’indipendenza, l’unità e l’integrità territoriale dell’Ucraina e ribadiamo la richiesta di un’immediata cessazione delle ostilità da parte della Russia e del suo ritiro incondizionato”. È quanto scrivono in una dichiarazione congiunta 54 Paesi membri delle Nazioni Unite, tra cui Usa e Italia, in occasione dei sei mesi dall’inizio della guerra.
    UCRAINA

    "Mi piace"

    • 193 sono i membri dell’onu
      54 sono liberi e democratici?
      quindi la maggioranza degli stati è retta da satrapi nemici dell’ukraina
      Rosario nomen omen
      che snocciola le varie veline informative come un rosario ogni mattina

      "Mi piace"

      • Adriano mi spiace, ma a te il clima covid ti ha stravolto..
        Ho letto un altro articolo dove spiegavano come Facebook e Twitter fossero stati messi sotto accusa per la propaganda filo-americana.
        A me va benissimo. NON sono iscritto ad alcun social, ma lo ero in passato.
        Mi disturba il lavoro sporco della bestiolina renziana, per esempio. O l’aiuto smaccato dei filo-russi verso la destraccia fascio-legaiola. Ma non vedo interventi di censura verso questa massa di fake-bot.
        Credo che anche all’interno della federazione Russa, o in Cina, succeda lo stesso verso i profili troppo smaccatamente governisti sui social indigeni come VKontakte o Telegram.. O NO?
        La maggioranza degli stati del mondo è retta da satrapi, da democrature che lasciano i propri cittadini, o sudditi, in un perenne stato di libertà vigilata.
        Cina, 1 miliardo e mezzo di abitanti, è secondo te un paese libero? Vorresti vedere applicata su di te la loro Dittatura Sanitaria dai modi spicci?
        L’India divisa in caste e in perenne guerra civile a bassa intensità, verso il Pakistan per il Kashmir, è un esempio di democrazia?
        Le dittature africane? Gli stati teocratici integralisti islamici del golfo dono esempi di democrazia con la schiavitù interna applicata ai lavoratori stranieri e le a morte per le infrazioni alla Sharia?
        TU STAI PARLANDO BENE DI LORO, in maniera indiretta, PUR DI INTRUPPARLI CON PUTIN E CONTRO LE DEMOCRAZIE OCCIDENTALI!!!

        Come mai tutti i migranti del III e IV mondo scelgono le democrazie occidentali quando scappano?
        La libertà di scrivere stxonzate che vi viene lasciata la ritenete superflua?
        Vi disturba che quest’isola di presunto dissenso anti-sistema possa ospitare voci che vi criticano?
        Io non scappo dal confronto.
        Sono sparito per un BAN promosso da Te e dalla nazi-staliniana gasata di metano.
        E comunque avete indovinato un altro passaggio. E’ veramente morto mio padre, mentre eravamo seduti a tavola, nonostante i miei tentativi di rianimarlo. Pensa nella liste della priorità della vita in quale posizione siano i propagandisti russi che abbondano sul blog.
        Sono decisamente a favore della linea intransigente di Giuseppe Conte sui valori, ma moderata nei toni, tipico di persona adulta e responsabile.
        Ma allo stesso tempo non voglio avere paraocchi e assumo le notizie che mi arrivano, scartando quelle sfacciatamente di parte e propagandistiche.

        Piace a 1 persona

      • x Jerome B
        i pretesti sono stati diversi
        dal
        1) dobbiamo portare la civiltà della croce agli ingenui e agli ignoranti, Dio lo vuole
        2)abbiamo il diritto di commerciare e scambiare merci
        3) dobbiamo portare il progresso e la civiltà ovunque
        4) tutta questa terra lasciata a dei selvaggi è un’offesa a Dio
        5) Dio ha creato l’uomo bianco superiore e tutti gli altri sono inferiori
        6)destino manifesto
        7)il progresso è insito nell’uomo progredito, non si può restare all’età della pietra
        8) tutte queste risorse non possono essere lasciate a chi non sa cosa farsene e vive ancora nelle capanne o nelle tende
        9) dobbiamo combattere il comunismo ovunque esso si trovi
        10) dobbiamo imporre la democrazia, la circolazione del denaro e dei beni, solo così ci sarà il benessere diffuso
        11) dobbiamo combattere il terrorismo chi minaccia la nostra per la nostra libertà
        12) non possiamo permettere che che si minacci il modo di vivere occidentale

        intanto dove si è intervenuti, si stanno ancora chiedendo cosa abbiano fatto di male per essere massacrati ad ogni respiro

        forse l’elenco è incompleto, ma rende l’idea di quanta ipocrisia ci sia in queste parole e nei fatti susseguenti, Putin è solo un altro pretesto

        faccio un esempio banale di doppia lettura
        i miliardi di dollari di armi mandati in Ukra, sono una sovvenzione all’industria delle armi iuesei, altrimenti non avrebbero fondi per costruirne delle altre o di nuove, devono tenere ben oliata la linea produttiva, e devono smaltire quelle che hanno

        Piace a 1 persona

      • x JEROME B
        io non ho MAI cercato o chiesto di bannare nessuno
        neanche la GAZZELLONA
        questo sito fino a poco tempo fa
        lo consideravo come una specie di Hyde Park Corner,
        ma considerato che è ospitato da WordPress made in iuesei
        e molti miei post critici verso la politica estera uiesei e iuii (spelling all’inglese)
        sono stati cancellati
        ho forti dubbi nella sua presunta libertà di espressione.
        mi dispiace per tuo padre
        ti faccio le mie sincere condoglianze

        "Mi piace"

      • Zio Geronimo,
        “E comunque avete indovinato un altro passaggio. E’ veramente morto mio padre, mentre eravamo seduti a tavola, nonostante i miei tentativi di rianimarlo. Pensa nella liste della priorità della vita in quale posizione siano i propagandisti russi che abbondano sul blog.”

        Mi dispiace tantissimo, ho vissuto lo stesso dramma in questo terribile anno.
        Non ho mai chiesto di bannarti, ho solo risposto con la tua stessa veemenza ai commenti che hai pubblicato.
        Anzi, ho sperato che tornassi per continuare a risponderti, ma sul campo.
        Se vuoi litigare senza insulti gratuiti mi trovi prontissima.

        "Mi piace"

      • x Paolina
        non avevo inteso che la “nazi-staliniana”
        fosse riferito a te
        ha preso una bella cantonata
        non poteva essere più epiteto più sbagliato

        "Mi piace"

    • A entrambi gli interlocutori…

      Aaah, questa mania tutta moderna di ritenere la maggioranza, quand’anche bulgara (anzi, a maggior ragione se è bulgara), la depositaria della verità:

      “Ciò nonostante, se si riflette un po’, ci si accorge facilmente che non v’è niente di cui stupirsi, e che questo in definitiva non è che un risultato molto naturale della concezione «democratica», in virtù della quale il potere viene dal basso e si appoggia essenzialmente sulla maggioranza, il che ha, necessariamente, per
      corollario l’esclusione di ogni vera competenza, dal momento che la competenza è sempre una superiorità, quantomeno relativa, e può essere solo appannaggio di una minoranza.”.

      Molto interessanti, anche se, a mio avviso, non del tutto precisi in merito, questi video:

      "Mi piace"

      • Mi riferivo a te, Adriano, e a Rosario, in quanto avete disquisito sul numero dei Paesi membri dell’Onu. Comunque si poteva evincere lo stesso, visto che il mio era in linea col tuo delle 10:38, entrambi in risposta a quello di Rosario delle 9:36. Se noti, gli altri commenti hanno un altro allineamento. So che è pretendere troppo da te, ma insomma… 🙂

        "Mi piace"

      • mai detto che la maggioranza sia la verità
        anzi spesso può essere solo conformismo.
        ho solo fatto notare al rosario della mattina
        che le notizie si possono leggere in due modi,
        non mi pare che i 54 votanti
        abbiano preso una qualche iniziativa per la pace
        e secondo
        come mai non si sono aggregati gli altri?
        quali sono le motivazioni?
        tutti a favore della guerra e tutti antidemocratici?

        "Mi piace"

      • Non occorre che tu lo pensi o lo dica: era implicito nella vostra discussione.

        All’affermazione:
        “È quanto scrivono in una dichiarazione congiunta 54 Paesi membri delle Nazioni Unite, tra cui Usa e Italia, in occasione dei sei mesi dall’inizio della guerra…”, tu hai risposto
        “193 sono i membri dell’onu 54 sono liberi e democratici? quindi la maggioranza degli stati è retta da satrapi nemici dell’ukraina”; e Rosario, più sotto di nuovo:
        “allora fossero stati 1000 che cosa cambia.
        54 di questi, compreso questo Bel Paese che così benevolmente ancora ci ospita, hanno votato una risoluzione dove si dice pressapoco
        che la Russia si deve ritirare e che l’Ucraina sarà riconosciuta sempre indipendente e libera.
        Quando ci saranno 55 stati Onu che voteranno una risoluzione contraria a questa si avrà di che parlare.”.

        Ecco, ho solo preso a spunto il contendere, per fare una piccola digressione sul tema.

        "Mi piace"

  24. “Fatti contro propaganda
    La disinformazione del Cremlino sulle sanzioni smentita punto per punto
    Linkiesta 24/08/2022”

    Ahahah…

    Ammazza che articolo.

    Per niente fazioso!

    Giustamente ‘Fatti contro propaganda’.

    Ma fosse pure vero che la Russia sta cadendo in pezzi peggio dell’Ucraina, perché noi tra l’Ucraina (che non ci dà un tubo) e la Russia (che ci dà il gas) dobbiamo tifare per forza per l’Ucraina?

    Chi l’ha deciso? Quale volpe?

    Linkiesta ce la farà un’inchiesta?

    "Mi piace"

  25. Qua straparlano anche di mattina.
    Rosario nocciola le veline ogni mattina?
    Bah, sono mesi da ieri e oggi che non posto niente su questo blog. Perciò questo “ogni” a quanti e quali giorni si riferisce. Forse a quelli dei sogni di fine estate?
    I paesi ONU sono 193? e allora fossero stati 1000 che cosa cambia.
    54 di questi, compreso questo Bel Paese che così benevolmente ancora ci ospita, hanno votato una risoluzione dove si dice pressapoco
    che la Russia si deve ritirare e che l’Ucraina sarà riconosciuta sempre indipendente e libera.
    Quando ci saranno 55 stati Onu che voteranno una risoluzione contraria a questa si avrà di che parlare.

    Piace a 1 persona

  26. Comunque voglio approfittare dei dieci minuti che ancora mi concedono di stare alla tastiera
    per postarne un’altra che mi piace:

    “Anche la Russia ammette che l’avanzata delle proprie truppe in Ucraina è rallentata. A dichiararlo è stato il ministro della Difesa, Serghej Shoigu, giustificando la frenata con la volontà di limitare al massimo il numero delle vittime civili causate dai combattimenti: “Stiamo rispettando rigorosamente le norme del diritto umanitario nel corso dell’operazione speciale. I nostri attacchi sono sferrati da armi a guida di precisione su elementi dell’infrastruttura militare delle forze armate ucraine, come posti di comando, aeroporti, depositi, fortificazioni o impianti di difesa. Viene fatto di tutto per evitare vittime civili. Ovviamente, questo sta rallentando il ritmo della nostra offensiva, ma lo stiamo facendo apposta”, ha detto mettendosi in contrapposizione all’esercito ucraino che, a suo dire, usa “tattiche da terra bruciata, calpestano le norme internazionali e comportandosi come terroristi“. Intanto il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, in occasione del 31esimo anniversario dell’indipendenza dell’Ucraina e a sei mesi esatti dall’inizio del conflitto, ha ribadito che “è necessario continuare a fornire assistenza militare all’Ucraina, ma l’inverno si avvicina, sarà dura, e l’Europa pagherà un prezzo per il suo sostegno a Kiev”.

    Il principale sostenitore della causa ucraina rimangono gli Stati Uniti. Joe Biden ha annunciato un nuovo pacchetto di aiuti da quasi 3 miliardi di dollari: “Sono orgoglioso di annunciare la nostra tranche più grossa di assistenza alla sicurezza fino ad oggi, pari a circa 2,98 miliardi di dollari in armi ed equipaggiamenti, da far pervenire attraverso la Ukraine Security Assistance Initiative”. E la sua amministrazione ha anche lanciato un avvertimento alla seconda potenza della Nato, la Turchia, che in questi mesi ha continuato ad avvicinarsi sempre più a Mosca, prima rifiutandosi di imporre delle sanzioni legate all’invasione e poi instaurando una collaborazione che l’ha portata a ritagliarsi il ruolo di mediatore tra le parti in conflitto. Oggi Washington ha messo in guardia imprese e istituzioni finanziarie turche contro “l’accresciuto rischio” di sanzioni americane se intrattengono rapporti con Mosca. Il monito è contenuto in una lettera del Tesoro Usa rivelata dal Wall Street Journal e confermata dalla Tusiad, una delle due organizzazioni imprenditoriali turche cui è indirizzata. Il segretario aggiunto del dipartimento, Adewale Adeyemo, richiama l’attenzione sui “tentativi della Russia di utilizzare” Ankara “per eludere le sanzioni” e quindi lancia un avviso a chi si presta a questo gioco: “Le imprese turche non possono aspettarsi di fare commercio con individui o entità russe sanzionati e di mantenere legami con gli Stati Uniti. Le banche turche non possono sperare di avere legami con le banche russe sanzionate e conservare le loro relazioni con le banche mondiali e avere accesso ai dollari americani”.

    Questo ruolo di grande potenza a sostegno di Kiev mette gli Usa al centro delle critiche di Mosca che proprio con Shoigu accusa il Pentagono di aver “finanziato oltre 30 laboratori ucraini dove sono state sviluppate componenti di armi biologiche“. La Tass scrive che Shoigu ha anche accusato l’Occidente di usare l’Ucraina come “strumento di guerra ibrida” contro la Russia, ribadendo concetti già espressi, come quello secondo cui le armi fornite dall’occidente a Kiev prolungano la guerra e moltiplicano il numero delle vittime.

    Non è dello stesso avviso, ovviamente, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky che oggi, nel videomessaggio pubblicato in occasione dei festeggiamenti, ha dichiarato che l’obiettivo di Kiev non è più la pace, ma la vittoria sul nemico: “Qual è la fine della guerra per noi? Prima dicevamo la pace. Ora diciamo la vittoria”. L’Ucraina, ha aggiunto, “si batterà fino alla fine” contro l’aggressore russo e “non farà alcuna concessione o compromesso con il nemico. Non ci importa che esercito abbiate, ci interessa solo della nostra terra. Combatteremo per essa fino alla fine”. Inclusi i territori in mano alle milizie filorusse già dal 2014: “Il Donbass è Ucraina e vi faremo ritorno, qualunque sia il percorso. La Crimea è Ucraina. E vi faremo ritorno. Qualunque sia il percorso. Non volete che i vostri soldati muoiano? Liberate le nostre terre. Non volete che le vostri madri piangano? Liberate le nostre terre. Queste sono le nostre condizioni semplici e chiare”.

    Intanto dalla Russia arrivano notizie sulla repressione nei confronti degli oppositori all’invasione. L’ex sindaco di Ekaterinburg, Yevgeny Roizman, è stato fermato dalla polizia russa che ha avviato delle perquisizioni, come ha riferito all’agenzia Interfax l’assistente del politico, Leila Guseinova. Sempre secondo l’agenzia, Roizman ha detto di essere accusato di “discredito delle forze armate” per una frase sull’Ucraina invasa dalle truppe russe e che si aspetta di essere portato a Mosca.”

    FQ – mondo – 24/08/2022

    Magari se più tardi mi danno ancora qualche minuto ve ne posto qualcun’altra.

    Piace a 1 persona

  27. @Rosario
    avevo letto anch’io della repressione russa contro i potenziali oppositori interni. Purtroppo, lo sappiamo, è la brutale normalità.
    La c.d. operazione speciale ha determinato infinitamente più morti tra i civili che tra i militari ucraini, oltre a danni materiali per circa 500 mld/€ per le città e infrastrutture rase a suolo, fino ad oggi. Ma questo, per la propaganda russa e filorussa, non esiste.
    E non mancano le persone che continuano liberamente ad attaccare l’Ucraina e a difendere la Russia di Putin, anzi augurandosi che finisca al più presto il “lavoro” iniziato.
    Per questo continuo a ribadire, prima a me stesso, che la libertà e la democrazia non sono affatto conquiste definitive, ma bisogna difenderle sempre!

    Piace a 1 persona

    • Giusto: bisogna difendere libertà e democrazia dando prova di saper distinguere tra le due opposte propagande di guerra.
      Cosa che tu, gaeliber, non sai fare.

      "Mi piace"

      • Siluano

        non ho mai pensato, nemmeno lontanamente, di convincerti delle mie umili idee.

        Anzi, spero solo che entrambi avremo sempre la libertà di confrontarci.

        "Mi piace"

      • Sicuro gaeliber,
        Ma il confronto presume che nessuno dei partecipanti alla discussione creda di essere l’unico depositario di verità, democrazia e libertà.

        "Mi piace"

      • Infatti.
        Su questo siamo d’accordo.

        E mi sforzo, non poco, di non essere denigratorio o offensivo verso le altrui idee opposte alle mie; di contrastarle si, anche vigorosamente se necessario, ma non oltre.

        "Mi piace"

      • Bene gaeliber,
        Il problema sorge quando ci si arena sulle proprie certezze assolute.

        Avrai comunque modo di dimostrare che si può tenere il punto anche senza chiudere le saracinesche dando giudizi perentori sugli interlocutori.

        Probabilmente non con me perché dalle due del pomeriggio sto aspettando che mi si pubblichi un post al quale ho dedicato tempo e fatica. E buttar via il tempo non mi va.

        Ps
        Complimenti a Zorro (se non erro) che in altro articolo ha scritto che gli inventori di internet hanno pensato bene di tenere masse di persone col k.lo incollato tutto il giorno alla poltrona a chattare, finendo spesso per usare il didietro al posto della testa.
        Sono cose che si sanno…
        Ma se qualcuno te le dice, accendono la luce.
        👏👏👏

        "Mi piace"