Un sistema trasformista? Allora suicidiamoci tutti

(Filippo Facci – Libero quotidiano) – Giuliano Ferrara ha scritto che Luigi Di Maio sarebbe un «politico trasformista e schizofrenico» come «in certa misura» lo sarebbero tutti i politici italiani, e che la sua scelta «ha tutto di occidentale e di euroatlantico». Conclude Ferrara: «La soluzione verrà da un ferreo e funzionante, anzi pienamente efficiente, sistema trasformista, il nostro blasone, il nostro distintivo, il nostro unico fattore di stabilità e governabilità».

Giusto: ma allora suicidiamoci tutti.Il sistema trasformista, studi alla mano, è quello della Nigeria, del Messico, della Grecia, del Nicaragua, del Costa Rica, del Perù e del Regno delle Due Sicilie: questo spiega ogni studio sul personalismo familiare, sull’«amistad» che batte il civismo, sullo Stato visto come gabellatore, sulla vocazione ai servizi improduttivi. Già lo scrivevano, dell’Italia pre-garibaldina, i Montesquieu, i Nitti e i Farini.

Cinque anni fa l’ha scritto persino L’Economist. Non è blasone, non è distintivo, non è realpolitik: il trasformismo fa schifo. C’è un Italia ex asburgica che cerca un modus più divincolato dal condizionamento statale, poi c’è un Italia ex borbonica che cerca solo un grande corpo che le dia sicurezza. Anch’ io voglio che il governo Draghi duri a lungo: ma Di Maio non è il mio Paese, e la sua scelta non è occidentale o euroatlantica. È la Nigeria. 

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

6 replies

  1. Il re indiscusso delle fumisterie, tal Jonny Dio, qualche giorno fa mi replicava:

    “La sola cosa che si vede è l’invidia di chi di strada ne ha evidentemente fatta pochina, nonostante l’età: è il destino di chi passa la vita a lamentarsi.
    Come ho sempre detto, Di Maio è un democristiano fatto e finito, solo che non ruba (a parte la speranza agli imbecilli).”.

    Molti imbecilli qui su Infosannio e altrove lo ringrazieranno senz’altro di Quore per le belle parole e per essere venuti a sapere che giggino non arruba, ma quello che importa sottolineare, con questo rispondendo anche a Brezza, sono le indiscusse doti che in ItaGlia servono per fare strada e che sicuramente non sono quelle immaginate (o forse sì?) dal Divino “fumistiere”.

    Da qui si può dedurre perché altri ne hanno fatto pochina, senza il benché minimo senso di invidia per il suo assistito Ubi Maio minor cesso, ma anzi con molto molto orgoglio…

    “Cazzuola e cazzate: Di Maio affonda anche Draghi

    La notizia è cascata come una bomba puzzolente di carnevale sul milieu politico italiano: Di Maio lascia i Cinque stelle che con la sua vivida intelligenza e la sua etica adamantina ha contribuito ad affossare per impedire che Mario Draghi abbia difficoltà a mandare armi in Ucraina. Ma chissenefrega, cosa cambia per il Paese visto che questo ometto è per sua natura l’uomo sbagliato nel momento sbagliato, vale a dire una desolante nullità? ln un certo senso ero stato buon profeta in passato: la presenza di Di Maio o meglio la prevalenza di Di Maio dentro il movimento è stato uno degli elementi che mi ha sempre messo in sospetto riguardo alla sua consistenza e ai veri suoi obiettivi. Non solo di Maio si rivelava una persona di assoluta modestia, ma appariva come espressione quasi lombrosiana della democrazia cristiana meridionale, proveniente da un piccolo notabilato locale ontologicamente privo di progettualità politica, ma propenso unicamente all’eterna mediazione fra interessi spiccioli. Cosa ci faceva un tipo simile dentro la palingenesi che i cinque stelle o meglio la diarchia Grillo- Casaleggio annunciava? Veniva francamente il dubbio che non fosse vero niente. Ma adesso sappiamo anche, che Di Maio è come una procellaria, perché quando e dove appare porta stupidità e tempesta: non appena ha scelto di essere il tamburino di Draghi quest’ultimo ha preso una terribile mazzata in Europa ed è stato sconfessato in maniera anche avvilente.

    Guardare questo impiegatuccio dall’aria pigra e strafottente e pensare al futuro era come una bestemmia, un controsenso. Chi era dunque di Maio? Uno dei tanti giovanotti della Magna Grecia che voleva entrare nel futuro iscrivendosi ad ingegneria informatica, ma che poi viste le difficoltà della materia, aveva ripiegato sull’eterna giurisprudenza. Tuttavia anche quella si rivelò troppo complicata per cui il nostro tentò una carriera da giornalista sportivo e da steward allo stadio, un compendio quasi perfetto e poi si diede alla regia, mentre faceva l’agente di commercio: tutte cose che probabilmente si pensa di affrontare dopo uno stage di mezzo pomeriggio. Ma sapeva che comunque aveva le spalle coperte, che dopo tutti i fallimenti avrebbe potuto trovare il suo posto nell’azienda edile di famiglia passando dalle cazzate alla cazzuola quella vera e non immaginava che avrebbe alla fine incontrato quella simbolicamente espressa da buona parte del potere italiano. Disgraziatamente per tutti noi che oggi dobbiamo pagare a caro prezzo non solo la sua miserabile statura umana, ma la sua incompetenza ontologica, nel 2007 incrociò la strada di Grillo che in quei tempi lanciava il vaffanculo. In poco tempo aprì un meetup e alla prima occasione si candidò come consigliere comunale di Pomigliano d’Arco, prendendola nei denti con 59 preferenze, famigliari e maestranze dell’azienda paterna si può immaginare. Tuttavia poco dopo ebbe modo di rifarsi e con un numero di preferenze minimo non lontano dalla cerchia personale, 189, riuscì a spuntarla nelle elezioni parlamentarie del Movimento, diventando candidato, venendo eletto deputato e diventando il più giovane vicepresidente della Camera dell’intera storia unitaria italiana. Tutto questo grazie a 189 voti e praticamente senza alcuna selezione politica, tanto per mostrare come sia stata feconda la politica fatta in rete.

    Tuttavia egli è stato abbastanza abile a far trapelare la sua totale carenza di idee degne di queste nome, tanto che nel novembre 2014, quando già si stava preparando il tradimento o comunque si stava via via concretizzando il destino di un movimento in mano a un ex comico e a un visionario d’azienda, di Maio viene nominato membro del cosiddetto “direttorio” del movimento, costituito da cinque parlamentari scelti da Beppe Grillo non si capisce bene a quale titolo, su quali basi, con quale legittimità. Il resto del cursur disonorum lo conosciamo bene: l’arrivo al governo sul cavallo bianco della forza politica di maggioranza relativa, il cedimento a Mattarella sul ministro delle Finanze, l’improvvida scelta di Conte come premier che già era come vendere la primogenitura, la dissoluzione di ogni discorso critico sull’Europa, il voto salvifico per la von Der Leyen, insomma tutto la picchiata verso l’abisso in compagnia forzata dell’ambiguo Salvini. E adesso la dichiarazione di eterna fedeltà a Draghi, arrivata praticamente appena qualche giorno prima che Draghi prendesse la prima vera e pesantissima scoppola con la bocciatura del price cap sul gas, ovvero sulla delirante idea di mettere un tetto al prezzo del gas all’ingrosso. Una assoluta stronzata, perché non puoi rifiutare i bassi prezzi e in contratti a lungo termine della Russia, affidarti ai mercati e poi pensare di poter mettere un tetto ai prezzi. Draghi sapeva benissimo che era una follia, che non sarebbe mai passata, ma probabilmente ha voluto far credere di essere interessato alle bollette degli italiani. Però la bocciatura c’è stata e produrrà molte conseguenze. Di Maio.”.

    Piace a 3 people

  2. “Anch’io voglio che il governo draghi duri a lungo: ma di maio non è il mio paese e la sua scelta non è occidentale o euroatlantica”
    Questa ė schizofrenia all’ennesima potenza.
    Il trasformismo non l’ha certo inventato draghi ma sicuramente l’ha perfezionato, premiato e istituzionalizzato.
    Se il buon facci vuole che il governo draghi duri a lungo dovrebbe puntare tutto proprio su ominicchi come il luigino.
    Va be ma da facci cos’altro ci si poteva aspettare……

    Piace a 3 people