Gabrielli a caccia della talpa tra gli 007

(Claudio Antonelli – La Verità) – Prima vera conferenza stampa politica per il sottosegretario ai Servizi, Franco Gabrielli. Dopo le polemiche scatenate dalla diffusione di un report prodotto dal Dis da parte del Corriere della Sera e dopo un confronto con il Copasir, il delegato all’intelligence ha sentito la necessità di indire un punto stampa e desegretare il documento, fino a ieri mattina classificato come «riservato».

Dopo averne illustrato il metodo di realizzo tramite la scansione del Web e la raccolta di informazioni anche numeriche, i contenuti e le finalità, ha spiegato che è stato realizzato nell’ambito del Comitato sulla disinformazione (costituito nel 2019) a cui partecipano esponenti del Dis, rappresentati, anche a turnazione, dell’Aisi, Aise, l’ufficio del consigliere militare del premier, delegati del ministero degli Esteri, dell’Interno e della Difesa.

Mentre solo dallo scorso febbraio sarebbero presenti anche il Dipartimento dell’editoria, il Mise, l’Agenzia nazionale della cybersecurity e l’Agcom. Insomma, una folta rappresentanza da cui, per usare il termine dello stesso Gabrielli (collegato da remoto per via del Covid), è spuntata una «mano lesta» che ha girato ai giornalisti del Corriere il file già l’indomani, sabato 4 giugno.

«Questa vicenda», ha spiegato il sottosegretario, «impone delle riflessioni. Se un documento che non contiene nulla di particolarmente rilevante per la sicurezza nazionale ha finalità positive ma poi genera un costo così elevato, significa che bisogna prendere provvedimenti». Visto che i report del Dis non crescono sugli alberi, per Gabrielli è gravissimo che il bollettino sia stato diffuso e «chi mi conosce sa», ha aggiunto, «che il fatto non resterà impunito. Lo dobbiamo al Paese, alla credibilità di un comparto al quale – e lo so perché ci lavoro da tempo – appartengono persone di cui faremmo volentieri a meno, ma ci sono tanti altri professionisti che svolgono il proprio lavoro con serietà e dedizioni. A questi ultimi dovremo dare risposte chiare». Cosa intenda Gabrielli per «il fatto non resterà impunito» forse lo capiremo fra qualche settimana.

Ma le frasi sopra sono pesantissime, tanto più alla luce di mandato decisamente ampio.

Va ricordato inoltre che il suo arrivo, in parallelo con la nomina di Elisabetta Belloni, era mirato ad avviare l’Agenzia nazionale per la cyber security e fare pure una sorta di repulisti della precedente gestione. Il riferimento è al periodo di Giuseppe Conte, alle deleghe che il premier giallorosso non ha mai mollato e all’attività di Gennaro Vecchione, precedente direttore del Dis. Non possiamo dimenticare che uno degli elementi che ha spezzato la precedente maggioranza e consentito l’arrivo di Draghi è stato proprio il bliz di Conte sull’Agenzia della cyber. Il tentativo, notte tempo, di creare una Fondazione tutta interna al Dis ha fatto intervenire i ministri del Pd, di Iv e pure l’opposizione. Da lì l’effetto valanga. L’importanza dell’agenzia la si comprende anche dalla fretta con cui è stata avviata appena giunto Draghi a Palazzo Chigi.

A quel punto, messa in sicurezza l’Acn, era chiaro che l’arrivo della Belloni al Dis avrebbe dovuto consentire una stretta dei bulloni che si erano allentati. Magari con l’ingresso di professionalità un po’ troppo esterne alla macchina.

La vicenda della candidatura della Belloni al Colle ha non solo interrotto il riassetto, ma anche di nuovo mischiato le carte. Dalle parole di Gabrielli si comprende che il riassetto potrebbe ripartire ora. D’altronde, la conferenza stampa non è certo stata indetta contro il Corriere. Anzi lo stesso Gabrielli ha elogiato l’opportunità delle domande di una delle autrici del bollente articolo, guarda caso sull’eventualità di usare i servizi per monitorare le attività di disinformazione e influenza del popolo italiano da parte di Stati esteri. Insomma, linea sottile quella tra repressione delle opinioni e lotta alle fake news.

Certamente, i fendenti di Gabrielli ricadranno su coloro che dentro gli apparati o le istituzioni hanno pensato bene di fare uscire il report e mettere il governo in difficoltà, di descriverlo come uno schedatore di dissidenti. Un’ipotesi non troppo peregrina. C’è infatti da comprendere un’ultima anomalia.

Il comitato sulla disinformazione si è riunito solo quattro volte prima del 2022 e altrettante (partorendo 4 report, forse contenenti gli altri nomi citati dal Corriere) a partire da febbraio. Un dettaglio importante. Soltanto l’ultimo dei report è stato inviato al Copasir, il quale, nella persona del presidente Adolfo Urso, l’ha ricevuto lunedì 6 giugno alle ore 10. Tre giorni dopo la riunione e due dopo l’invio al Corriere. Perché gli altri report non sono stati condivisi?

Certo, in questo Urso è citato in prima persona quale vittima di accuse e di attenzione da siti pro Russia e, inoltre, da un mese il Comitato ha avviato interlocuzioni con i vertici Rai e Agcom sulla presenza di russi nei talk show. Però gli stessi che hanno diffuso il report secretato avrebbero potuto voler tirar dentro il Copasir. Nel secondo articolo del Corriere, quello uscito lunedì mattina, si cita il Copasir come se abbia avuto un ruolo attivo nell’avvio del report e quindi nella presunta schedature dei filo Putin.

Cosa non vera, perché Urso ha ricevuto il file per ultimo. I rappresentanti del Copasir saranno da lunedì a mercoledì prossimi negli Usa. Incontreranno i colleghi del Selecte Committe on Intelligence. Parleranno di collaborazione e forse delle reciproche analisi sui tentativi di infiltrazione cinese. Screditare il Copasir alla vigilia di un viaggio così delicato avrebbe potuto far comodo a qualcuno.

7 replies

  1. Quindi il Corriere è diventato l’ufficio stampa del Governo, con report consegnati periodicamente a Sarzanini e Guerzoni, come sottendono nel loro pezzo odierno sul Corriere, e Gabrielli cerca come un novello Sherlock Holmes.
    Beati loro che si divertono!

    Piace a 3 people

  2. “Screditare il Copasir alla vigilia di un viaggio così delicato ….”. ? Non credo ci sia nessuno da screditare, chi ci crede alla rispettabilità delle appendici di questo parlamento Brancaleone ? E poi, per andare in gita negli USA per farsi imbeccare dallo zio Sam avere credibilità può essere un handicap

    "Mi piace"