Milano: cittadinanza ad Assange, la maggioranza si spacca. Pd contrario

(affaritaliani.it) – La maggioranza di Palazzo Marino si spacca sulla cittadinanza onoraria a Julian Assange, il giornalista fondatore di Wikileaks accusato dagli Stati Uniti di aver diffuso segreti di stato del Pentagono relativi a crimini di guerra in Afghanistan e Iraq e che, per questo, potrebbe essere presto estradato. 

I Verdi presentano mozione per cittadinza onoraria al giornalista 

Da un lato ci sono i Verdi che, capofila la consigliera Francesca Cucchiara, presentano una mozione per il conferimento della cittadinanza onoraria al giornalista, nonché iniziative di solidarietà e sensibilizzazione sulla difesa della libertà di informazione che prevedono però – questo è il punto di rottura – anche la pronuncia, da parte della giunta, della contrarietà all’estradizione richiesta dagli Usa all’Inghilterra dove ora Assange si trova ancora. 

Il Pd dice no alla cittadinanza, “Stati Uniti paese alleato”


Dall’altra il Pd che, con un emendamento del capogruppo Filippo Barberis, dice no alla cittadinanza, no all’espressa contrarietà all’estradizione – dal momento che si tratta di “un paese nostro alleato” – sì invece alla censura al trattamento processuale subito dall’attivista.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

15 replies

  1. Pd contrario alla cittadinanza ad Assange?
    Beh è normale …….povero pd…….probabilmente si sta già sbattendo per far ottenere la cittadinanza all’intero battaglione azov…..

    Piace a 2 people

  2. Sono e continuo ad essere perchè il porco nazista russo paghi per tutti i giornalisti ammazzati e mi vergogno, per la mia parte, che Assange venga ancora detenuto. Dico non solo cittadinanza ma libertà! Non si possono condannare verità con la scusa della difesa dei segreti dello stato. Ste cose vanno bene per putin, non possono andare bene per una democrazia. Perché non sono vitali per la difesa di uno stato democratico.

    "Mi piace"

      • Visto che lo sai dillo così conosciamo la verità. Poi, solo perché il porco assassino ha ammazzato decine di giornalisti, solo per questo, dovrei dire chi se ne frega di Assange? No, il benaltrismo non mi appartiene. E attaccarsi ad Assange per giustificare, in qualsivoglia modo, quel porco di putinhitler, per le decine di giornalisti che ha fatto mmazzare, mi sembra che”se non è questo il problema” si vuole fare il giochino NON per affrontare0 per ELUDERE il problema.

        Piace a 1 persona

  3. Non mi stupisce minimamente .La spigazione della loro scelta è semplicemente indecente. Conte si vuole alleare con questa robaccia.

    Piace a 2 people

  4. Barberis. Quello che si faceva bello del suo diploma di pianoforte e della sua laurea in giurisprudenza e che si spacciava per uomo di sinistra – e invece è del PD.

    "Mi piace"