Vittorio Feltri: “Forse Mattarella se ne pentirà presto”

(Vittorio Feltri – Libero quotidiano) – Tra qualche giorno, esauriti i festeggiamenti per la rielezione applaudita di Sergio Mattarella, confermato padrone del Quirinale con una votazione effettuata all’insegna della disperazione, cominceranno presto le grane per il presidente. Il quale prima o poi, comunque presto, sarà destinato a pentirsi di aver accettato il bis.

La nostra impressione è che Draghi ne abbia le tasche piene dei partiti che costituiscono la sua maggioranza. Ma su questo punto potremmo sbagliarci, voltiamo pagina. Mettiamo pure che il premier riveli di essere dotato di una grande resistenza alla imbecillità conclamata dei partiti. Rimane il fatto che tra un annetto gli italiani saranno chiamati alle urne per il rinnovo del parlamento.

Quale sarà il risultato della consultazione? Il Pd non cresce neanche se lo annaffi, il M5S ha già un piede nella fossa e se Conte va avanti così, con la complicità di Grillo, presto troverà la pace eterna e una degna sepoltura, Forza Italia è già una debolezza, solo Fratelli d’Italia sembra avviato ad irrobustirsi ulteriormente grazie a una opposizione condotta con giudizio.

Sic stantibus rebus è difficile immaginare una coalizione di governo in grado di essere tale e di poter reggere un esecutivo. Tra l’altro rammentiamo a Mattarella che il numero dei deputati e dei senatori, per effetto di una legge idiota voluta dai suicidi pentastellati, diminuirà sensibilmente per cui molti rappresentanti del popolo rimarranno disoccupati, pertanto saranno votazioni all’ultimo sangue. Si dà il caso che non siamo in grado di intuire quale esito sortirà dalla conta dei suffragi.

Ci sarà da ridere per noi se quello della Meloni sarà il gruppo che otterrà una massa di preferenze tale da renderlo il primo nel Paese. Ovviamente la supremazia della destra non basterà a formare la maggioranza, servirà che Giorgia riesca ad allearsi con altri partiti per gestire il potere.

Quali? Difficile immaginarlo. Quindi sarà un casino infernale che Mattarella, il redivivo, dovrà affrontare con poche speranze di risolverlo. Non dico che al capo dello Stato salteranno i nervi, ma dovrà abusare di camomilla per stare calmo e non mandare tutti al diavolo. Il rimpasto velenoso è alle porte e sono sicuro che Sergio si pentirà di aver accettato la conferma al Colle, perché dovrà impazzire per riuscire a dare un governo a tutti noi, posto che Draghi nel bordello generale non ci vorrà stare e cambierà mestiere.

Voi direte che sono pessimista, in realtà sono realista e scommetto che i prossimi sette annidi vita politica faranno capire a Mattarella che non doveva insistere a rimanere in un Palazzo nel frattempo trasformatosi in un luogo di dannazione, un purgatorio in cui si scontano peccati anche di presunzione.

8 replies

  1. non è detto che Mattarella rimanga tutti e sette gli anni.
    il primo anno ok, con questa maggioranza che è ormai una maionese impazzita avrà il suo daffare.
    poi ci saranno le elezioni, che indirettamente determineranno anche la durata del suo residuo mandato.
    se vincerà il centrosinistra si dimetterà a breve, per consentire al Parlamento di eleggere un nuovo Presidente di centrosinistra.
    se invece vincerà il centrodestra rimarrà in carica per tutto il settennato, per impedire l’elezione di un Presidente di destra e per ostacolare il governo della destra, stile Savona.

    Piace a 1 persona

  2. Vittorio, posa la fiaschetta sotto alla scrivania per un attimo soltanto:
    il taglio dei parlamentari porta il sigillo finale del popolo italiano poiché è stato celebrato un referendum al riguardo, ti ricordi? È lo stesso popolo che vota alle politiche e che magari in futuro darà il boccino in mano agli squinternati che ti piacciono tanto.
    Eh, dai Vittorio.

    Piace a 3 people

  3. Come mai Feltri ha preferito sorvolare sulla Lega? Il PD non cresce, il M5S ha un piede nella fossa, FI è già un debolezza(quindi più in salute del M5S?) e Fratelli D’Italia avviata a irrobustirsi, e la Lega?
    La Lega che fine farà? La diamo già per morta? In effetti.

    Piace a 4 people

  4. “Tra l’altro rammentiamo a Mattarella che il numero dei deputati e dei senatori, per effetto di una legge idiota voluta dai suicidi pentastellati, diminuirà sensibilmente per cui molti rappresentanti del popolo rimarranno disoccupati, pertanto saranno votazioni all’ultimo sangue”.

    In effetti il buon Feltri ha ragione.
    Perche’ non hanno raddoppiato deputati e senatori?
    Sarebbe stata senz’altro una campagna elettorale piu’ soft…
    Se poi li avessero quadruplicati ci sarebbero state ancora maggiori garanzie…
    Chiaro che se si fossero decuplicati probabilmente invece di “votazioni all’ultimo sangue” saremmo sicuramente andati incontro a “votazioni all’ultimo bicchiere (…di champagne)”…

    Questi pentastellati sono stati una vera disgrazia.
    Certo, i “nostri” hanno tentato di annullare quella sciagurata legge… organizzando un referendum (del costo di sole poche CENTINAIA di MILIONI..) .. ma gli italiani non ne hanno voluto sapere e si son fatti abbindolare da quei maledetti grillini….
    Maledetti… siate maledetti per l’eternita’…

    Piace a 2 people

    • vallo a capire questo Feltri, non fa altro che bollare onorevoli e senatori come una banda di incapaci (e di certo non gli diamo torto, per una volta) e poi definisce “sciagurata” la legge che falcidia il nugolo di questi parassiti inutili, soltanto perchè è stata promossa dai 5*. Senza dubbio uno dei provvedimenti che la gente che lavora ha più apprezzato. E anche Vittorio avrebbe apprezzato se non fosse stata opera degli odiati Grillini..

      Piace a 2 people

  5. Questo qua ha problemi giganteschi, altro che alcolismo è cirrosi all’ultimo stadio.
    Tesi: una legge giusta che taglia il numero dei parlamentari è sbagliata perché i pochi che rimarranno si scanneranno.
    Soluzione: decuplichiamo il numero dei parlamentari almeno c’è posto per tutti, famigliari compresi.
    quindi per estensione
    Feltri, per stare meglio dovresti bere un grappino solo ma non sai che cacchio fare il resto della giornata
    soluzione: ne bevo una cariolata e barcollo in giro per caso scrivendo puttanate

    "Mi piace"