Draghi: i “poteri forti” lo vogliono a Palazzo Chigi

(ANSA) – ROMA, 16 DIC – L’Economist incorona l’Italia ‘Paese dell’anno’: “è cambiata” con Draghi, “un premier competente e rispettato a livello internazionale” e non si può negare che “sia migliore di un anno fa”.

C’è “una maggioranza che ha sepolto le divergenze a sostegno di un programma di profonde riforme” in vista dei fondi del Recovery ed un’economia che si sta riprendendo meglio di quelle francesi e tedesche, scrive la rivista mettendo però in guardia sul “pericolo che questa insolita esplosione di governance possa subire un’inversione” se Draghi andasse al Quirinale, “un incarico più cerimoniale”, lasciando il posto ad un premier “meno competente”.

ITALIA PAESE DELL’ANNO PER L’ECONOMIST. E ARRIVA UN INDIZIO SU DRAGHI AL QUIRINALE

(Gabriele Carrer – formiche.net) – Dopo aver ritratto Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia, tra le personalità da tenere sott’occhio nel 2022 e come possibile prima donna a guidare il governo italiano, il settimanale britannico The Economist torna a occuparsi dell’Italia. E lo fa definendola “il Paese dell’anno” per il 2021.

L’anno scorso il premio era andato all’unico Paese africano dove, secondo Freedom House, la situazione di democrazia e diritti umani era migliorata nonostante la pandemia: il Malavwi.

Anche il 2021 è stato un “anno difficile”, scrive il settimanale. “Il Covid-19 ha continuato a diffondere miseria, i vaccini brillantemente progettati sono stati distribuiti in modo non uniforme e sono emerse nuove varianti come l’Omicron. In molti Paesi le libertà civili e le norme democratiche sono state erose. Il principale leader dell’opposizione russa è stato imprigionato. I sostenitori di Donald Trump hanno preso d’assalto il Campidoglio. Le guerre civili hanno attanagliato l’Etiopia e il Myanmar. Eppure, in mezzo al buio, alcuni Paesi hanno brillato”.

Tra questi la piccola Samoa, dove “i tribunali hanno disinnescato una crisi costituzionale, buttando fuori il partito al potere da 33 anni e un primo ministro che sosteneva di essere stato scelto da Dio” spianando la strada a una riformista, la prima donna a guidare il Paese.

E ancora, la Moldavia, uno dei Paesi più poveri d’Europa, che grazie alla nuova presidente Maia Sandu sta cercando di risolvere il problema atavico della corruzione. Ci sono anche lo Zambia, che ha ripercorso il suo corso democratico, e la Lituania, paladina dei valori democratici, decisa a guidare l’Unione europea verso un atteggiamento più duro verso la Cina.

Ma gli onori dell’Economist, il cui 43,4% dell’azionariato è della holding olandese Exor di controllata dalla famiglia Agnelli, quest’anno vanno all’Italia. Non per l’Europeo vinto. Neppure per i Måneskin che hanno trionfato all’Eurovision.

“Ma per la sua politica. L’Economist ha spesso criticato l’Italia per aver scelto dei leader, come Silvio Berlusconi, che avrebbero potuto utilmente seguire la raccomandazione della canzone vincitrice dell’Eurovision di ‘stare zitti e comportarsi bene’. A causa di una governance debole, gli italiani erano più poveri nel 2019 di quanto lo fossero nel 2000. Eppure quest’anno l’Italia è cambiata”.

Merito di Mario Draghi, un presidente del Consiglio “competente e rispettato a livello internazionale”. Il settimanale sottolinea che l’Italia ha uno dei tassi di vaccinazione contro il Covid-19 più alti d’Europa. Che “dopo un 2020 difficile, la sua economia si sta riprendendo più rapidamente di quelle di Francia e Germania”.

Ma guarda anche al Quirinale: “Draghi vuole diventare presidente, un lavoro più cerimoniale, e potrebbe essere succeduto da un primo ministro meno competente. Ma è difficile negare che l’Italia di oggi sia un posto migliore di ciò che era nel dicembre 2020. Per questo, è il nostro Paese dell’anno”.

Non è la prima volta che la stampa internazionale celebra Draghi. L’ha fatto la rivista statunitense Time affidando a Janet Yellen, segretaria al Tesoro degli Stati Uniti, la spiegazione del perché l’ex governatrice della Banca centrale europea abbia meritato un posto nella lista dei 100 personaggi più influenti del 2021. E l’ha fatto Politico piazzandolo al primo posto nella classifica dei leader europei per il 2022 e definendolo “la persona più potente in Europa”.

Ma è la prima volta che chi cura la comunicazione del presidente del Consiglio, a partire dalla portavoce Paolo Ansuinirilancia un articolo in cui si parla di ciò che Draghi vorrebbe fare a gennaio. Quel “Draghi vuole diventare presidente” scritto dall’Economist e condiviso sui social dall’ufficio stampa di Palazzo Chigi potrebbe rappresentare quel segnale che i partiti stavano aspettando.

6 replies

    • Exor al 43+%.

      Incredibile ,eh?

      ””e non si può negare che “sia migliore di un anno fa”””

      Davvero?

      Ma non erano contro le dittature?

      "Mi piace"

  1. Non mi sembra che l’Italia di oggi sia così diversa da quella dello scorso anno.

    La maggior parte dei cittadini continua a impoverirsi , i ricchi continuano ad

    arricchirsi, i giornali continuano a perdere copie e lettori, la televisione continua a

    descrivere un mondo che non c’è, gli intellettuali restano per la maggior parte

    asserviti al potere.

    Dove sta il cambiamento operato dal Migliore , non riesco a vederlo.

    Gianni

    "Mi piace"

    • La visione dell’Economist è: più mercato, più privatizzazioni, più soldi x i ricchi… Uguale: il migliore dei mondi possibili!

      "Mi piace"