Vaccino, la terza dose di Pfizer è un successo contro la variante Delta: efficacia al 95,6%

(iltempo.it) – Il vaccino batte la variante Delta. I primi dati sulla terza dose sono stati diffusi da Pfizer e BioNTech: l’efficacia relativa del vaccino anti-Covid dopo il richiamo, dicono le due aziende, risulta del 95,6% contro la malattia, in una situazione in cui la variante Delta di Sars-CoV-2 è il ceppo prevalente. Si tratta dei risultati topline di uno studio randomizzato e controllato di fase 3 che valuta l’efficacia e la sicurezza di una dose ’booster’ di 30 µg del vaccino Pfizer/BioNTech in più di 10mila over 16. Nel trial il richiamo è stato somministrato a persone che avevano ricevuto la serie primaria a due dosi dello stesso vaccino. E la terza iniezione ha «riportato la protezione del vaccino contro Covid agli alti livelli raggiunti dopo la seconda dose», assicurano l’americana Pfizer e la tedesca BioNTech, «mostrando un’efficacia vaccinale relativa del 95,6%, rispetto a coloro che non hanno ricevuto un richiamo». 

I risultati «forniscono un’ulteriore prova dei benefici dei booster. Miriamo a mantenere le persone ben protette contro questa malattia», afferma Albert Bourla, presidente e Ceo di Pfizer, che garantisce continuità nell’impegno «per aumentare l’accesso globale e la diffusione» del prodotto «tra i non vaccinati», e ribadisce di ritenere «fondamentale» anche il ruolo dei booster nell’affrontare la pandemia. «Non vediamo l’ora di condividere questi dati con le autorità sanitarie – aggiunge – e di lavorare insieme per determinare come possono essere utilizzati per supportare il lancio di dosi di richiamo in tutto il mondo». Dati che, dichiara Ugur Sahin, Ceo e co-fondatore di BioNTech «si aggiungono al corpo di evidenze scientifiche che suggeriscono che una dose di richiamo del nostro vaccino può aiutare a proteggere un’ampia popolazione di persone da questo virus e dalle sue varianti». 

Nel trial il tempo mediano tra la seconda dose e la somministrazione del richiamo (o del placebo per un secondo gruppo) è stato di circa 11 mesi. Il follow-up mediano è stato di 2,5 mesi. Durante il periodo di studio, ci sono stati 5 casi di Covid nel gruppo potenziato e 109 nel gruppo non potenziato. L’età media dei partecipanti era di 53 anni, con il 55,5% di età compresa tra i 16 e i 55 anni e il 23,3% over 65. Le analisi di più sottogruppi hanno mostrato che l’efficacia era coerente indipendentemente da età, sesso, razza, etnia o condizioni di comorbidità, si precisa in una nota in cui sono stati riepilogati i termini dello studio. Il profilo degli eventi avversi è stato «generalmente coerente con altri dati di sicurezza clinica per il vaccino, senza problemi di sicurezza identificati», si legge ancora. Le aziende prevedono di condividere questi dati con la Food and Drug Administration (Fda) statunitense, con l’Agenzia europea del farmaco Ema e altre agenzie regolatorie del mondo «il prima possibile».

9 replies

  1. Ho notato che Israele è un argomento che non rita più, sarà mica per la drastica riduzione dei contagi in conseguenza della terza dose?
    Sembra di parlare dei pantaloni a zampa: una volta si portavano su tutto, poi sono passati di moda, poi il gran ritorno, e ora l’oblio.

    Piace a 1 persona

  2. I media vanno a pescare dove conviene. Oltre Israele, ricordate la glorificazione di san Biden che per il 4 luglio avrebbe sconfitto il COVID negli US?
    Per non parlare del tripudio mediatico per Johnson ( ma è conservatore, quindi occorre stare sempre con la pistola puntata…) che “apriva tutto” grazie alla magie di Astrazeneca…
    Da qualche giorno hanno tirato fuori l’ Austria ( non sanno più dove guardare) che valuta una sorta di geen pass obbligatorio per alcune categorie di lavoratori. Poi si sono accorti che continuerà ad assicurare i tamponi gratis a tutti e quindi il paragone non conviene più.

    "Mi piace"

    • Senti, da qualche annetto, sono i conservatori che fasnno schifo, ed i falsi progressisti che abbozzano o financo aiutano, ma a “destra”. O forse da millenni? Trovo offensivo usare il mestolo e non la forchetta.

      "Mi piace"

  3. Solito dubbio ( e mi aspetto le accuse di “fascista, leghista…): sicuri che a “destra” tutti facciano schifo perchè praticamente tutti i media che ce li raccontano sono in mani globaliste, “sinistre” – tra virgolette – o Dem che dir si voglia?
    Oppure dobbiamo credere che i Conservatori – cioè la metà degli Occidentali, e parliamo solo di loro – sono cittadini geneticamente modificati? O hanno venduto l’ anima al demonio?
    Qualche interrogativo, mai?

    "Mi piace"

    • Dipende dalle cose che si fanno e da quelle che non si fanno. La destra, dimmi tu, quando non ha fatto schifo *in quanto* destra?

      "Mi piace"

  4. Fascista e leghista: sì, sono un insulto, ma proprio non ricordo tu sia mai stata apostrofata in tal guisa.
    AD ogni modo se fai l’esempio di un conservatore in Italia che non faccia schifo e che conti qualcosa capiamo di che parli.

    "Mi piace"