L’Italia dell’otto settembre ’43!

(Gianni Oliva – La Stampa) – La memoria antifascista ha rielaborato l’8 settembre nella combinazione di sfascio e di rinascita: c’è un’Italia piegata, che si arrende agli angloamericani e naufraga di fronte al dilagare dell’occupazione tedesca, ma nella deriva della storia nazionale fiorisce l’Italia della scelta, quella che muove i primi passi verso il domani e stimola il Paese con l’esempio dei suoi uomini migliori.

Le pagine di Roberto Battaglia (autore nel 1953 di una Storia della resistenza italiana che è stata per decenni manuale di riferimento) sono paradigmatiche: «quando andiamo a rintracciare l’inizio del movimento resistenziale, noi troviamo ripetersi dovunque lo stesso fatto: l’emergere dalle masse popolari di antifascisti, di militari, di giovani già decisi fin dal primo momento a impugnare le armi, a iniziare subito dopo l’armistizio e non domani la guerriglia, ad agire per una decisione spontanea che viene da un profondo istinto di ribellione».

Confusione, indifferenza Prima di lui, Piero Calamandrei aveva parlato con intonazione poetica di un 8 settembre segnato dalla scelta corale dei tanti pronti a combattere per una stagione nuova: «era la chiamata di una voce diffusa come l’aria, era come le gemme degli alberi che spuntano lo stesso giorno».

Sulla stessa lunghezza d’onda si sono espressi Guido Quazza («l’8 settembre è la data di nascita dell’antifascismo come forza decisiva») o Raimondo Luraghi («nel momento dell’armistizio, in tutte le fabbriche l’entusiasmo e lo spirito di lotta sono altissimi»).

Queste ricostruzioni attingono a un elemento di verità, perché ci sono uomini che sin dai primi momenti intuiscono (come Giaime Pintor) che «un popolo portato alla rovina da una finta rivoluzione può essere riscattato solo da una rivoluzione vera», ma si tratta di scelte individuali, numericamente marginali. Il tratto distintivo che avvolge l’Italia dell’armistizio è un altro: il silenzio, il silenzio della morale, della ragione, della volontà.

Anche là dove brulica la confusione di soldati che si muovono senz’ ordini o di cittadini che arraffano nei depositi abbandonati, la scena è dominata dalla paralisi delle energie e dall’esaurimento psicologico. La letteratura ha compreso e interpretato questo silenzio ben prima della storiografia.

Beppe Fenoglio in Primavera di bellezza, descrive il disorientamento di un reparto in servizio nella campagna romana: quando, dopo molte ore, giunge notizia dell’armistizio e dello sbandamento, c’è chi reagisce con rabbia («il comando non ci ha avvisati! Lascia che abbia un figlio e che la patria venga a chiedermelo soldato!»), chi si aggrappa all’ottimismo della volontà («io non ci credo, un esercito non si sbriciola così, andiamo»), sino a che si sentono gli echi di esplosioni e ognuno decide individualmente la fuga.

Chi esita, come il protagonista Johnny, si ritrova solo in una camerata deserta: «Johnny risalì in camerata, nessuno dei suoi era rientrato. Ognuno si era già arrangiato da solo». Mario Tobino ne Il clandestino, descrive un 8 settembre antieroico, dove «l’esercito italiano avvilito non si diresse in alcuna direzione, tradì e non tradì, lasciò passare le ore rimanendo smarrito, non aggredì i tedeschi né si schierò con loro».

Cesare Pavese in Prima che il gallo canti descrive una Torino quasi indifferente nella sua rassegnazione: «i giornali portavano in grossi titoli la resa, ma la gente aveva l’aria di pensare ai fatti suoi. Sbirciavo negli occhi i passanti: tutti andavano chiusi, scansandosi.

Nessuno parlava di pace». Curzio Malaparte, corrosivo e iconoclasta, offre ne La pelle una descrizione di lucido cinismo: «tutti noi, ufficiali e soldati, facevamo a gara a chi buttava più “eroicamente” le armi e le bandiere nel fango.

Finita la festa, ci ordinammo in colonna e così, senz’ armi e senza bandiere, ci avviamo verso i nuovi campi di battaglia, per andare a vincere con gli Alleati quella stessa guerra che avevamo già persa con i tedeschi». In questo disincanto amaro, la letteratura propone gli avvenimenti armistiziali con un realismo che è stato a lungo sconosciuto alla storiografia. Lo scrittore si avvicina ai fatti attraverso la propria sensibilità, li racconta come li ha visti, li ha ascoltati, li ha avvertiti sulla propria pelle: sono racconti che si sviluppano tra contraddizioni, sfumature, dubbi, perché il loro destinatario è l’emozione di chi legge e l’emozione non ha bisogno di grandi quadri esplicativi, né di un percorso di lettura predeterminato.

Lo storico, invece, ha un approccio razionale, interroga il passato attraverso le domande poste dalle urgenze del presente, si muove in uno spazio stretto, dove le insidie dell’agiografia e della rimozione vanno al di là dell’onestà intellettuale del ricercatore.

Semplificazioni e rimozioni Questo è ancor più vero quando il periodo che si affronta è un passato prossimo segnato da fatti traumatici: «storia», in questo caso, significa fondare la memoria e la legittimità di una stagione nuova, operazione che implica semplificazioni e rimozioni. Da qui nasce una «vulgata» dell’8 settembre così lontana dall’amarezza sofferta di Fenoglio o Malaparte e, indirettamente, un’indicazione: la letteratura spesso rappresenta gli avvenimenti meglio (e prima) della ricerca storica.

Categorie:Cronaca, Interno, Storia

Tagged as: , ,

3 replies

  1. nulla è cambiato. abbiam perso un’altra guerra, con la farsa covid e ci troviamo mario dracul tepes. i banchieri ci han rubato tutto per investirlo in cina da dove han coltivato il virus e ricollocato su di noi per distruggerci. oggi, abbiamo i banchieri ad imporci la slave card.in giro, stupore, indifferenza, straniti con la vaga attesa del primo colpo di schioppo.mattarellum non pervenuto. DUE GIORNI PRIMA DELLA FINE APRIVA I BANDI PER L’ARRUOLAMENTO NELLA RSI. oggi, parlan di più le tombe in attesa.

    "Mi piace"

  2. otto settembre 43 o 2021? c’è tutto come allora, ma non vedo la resistenza, tranne nello scaldabagno.

    "Mi piace"

    • Non scherzi, non ci sono ancora le città distrutte, le fila al mercato nero, i mariti dispersi o mutilati, i buoni del tesoro bruciati in cortile perche senza valore, i rastrellamenti, le corse nei rifugi, e i figli non muoiono al fronte. Al massimo stanno in DAD , caldi caldi a casina.

      "Mi piace"