Il Pd e l’ingrato Bonomi: “Critica, ma alle imprese finiti 115 miliardi…”

L’uscita dell-ex tesoriere del Pd, Antonio Misiani, sul mare di soldi pubblici arrivati a Confindustria in questi due anni ricorda un po’ il Francesco Rutelli che Corrado Guzzanti…

(pressreader.com) – di Marco Palombi – Il Fatto Quotidiano – L’uscita dell-ex tesoriere del Pd, Antonio Misiani, sul mare di soldi pubblici arrivati a Confindustria in questi due anni ricorda un po’ il Francesco Rutelli che Corrado Guzzanti interpretava nella trasmissione L’Ottavo Nano del 2001, proprio durante la campagna elettorale per le Politiche di quell’anno: “Ma che c’hai Berluscò? So’ cinque anni che te portamo l’acqua co l’orecchie: ma che ce volevi la scorza de limone? Quanta ingratitudine…”. Ecco, il senatore dem e il suo partito non hanno più il problema dell’irriconoscenza dell’ex Cavaliere, ma di quella del presidente degli industriali Carlo Bonomi.

Tutto nasce perché, dopo alcune settimane di calma, il numero 1 di Confindustria – che tra i suoi iscritti non è proprio ai vertici del gradimento – ha ripreso a fare il cumenda sui palchi di mezza Italia, prendendosela alternativamente coi fannulloni e la politica, o meglio con quel pezzo di governo che ogni tanto prova a mettere un argine, spesso puramente di facciata, al laissez-faire che è l’unico orizzonte ideologico del nostro. Ora i suoi obiettivi sono il ministro del Lavoro Andrea Orlando (Pd) e la viceministra dello Sviluppo Alessandra Todde (M5S), promotori di un’innocua legge contro lo spostamento all’estero delle produzioni italiane (aka delocalizzazioni). Il Fatto ha già scritto sia del futuro decreto che delle fatwa di Bonomi, ma venerdì sera Misiani – compagno di corrente dem di Orlando – ha introdotto una decisa novità nel dibattito, spiegando non solo che gli ultimi due governi hanno favorito le imprese, ma che tutti ne sono perfettamente consapevoli: “In due anni i governi Conte-bis e Draghi hanno stanziato per le imprese 115 miliardi tra aiuti diretti, sgravi fiscali e misure di settore. Altri 32 miliardi sono stati destinati agli ammortizzatori sociali e a misure di decontribuzione. Le imprese hanno inoltre usufruito di 216 miliardi di crediti erogati con garanzia dello Stato”. Da Bonomi, “che lamenta una presunta ‘propaganda anti-impresa’, ci piacerebbe ascoltare ogni tanto il riconoscimento del valore e dell’efficacia di queste scelte”. A’ Bonò, t’avemo portato l’acqua co l’orecchie, che ce volevi la scorza de limone?

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

4 replies

  1. gentaglia indegna e ingrata…!!!
    dovrebbero essere esiliati per tradimento dell’italia e degli italiani, come era stato fatto per la casa sabauda, e invece spadroneggiano, mai sazi, come e peggio di certi gerarchi del ventennio…!!!
    servirebbe robespierre ma temo che continueranno a esistere i misiani e quelli come lui che portano (a sta gentaglia) acqua con le orecchie e pure con la scorzetta di limone…!

    "Mi piace"

  2. Una volta si diceva anche i ricchi piangono. Ora piangono sempre. Poveracci, mi fanno pena, diamogli anche il reddito di cittadinanza, chi attualmente lo percepisce scialacqua quei soldi, loro saprebbero usarli meglio. Pezzi di m….

    "Mi piace"

  3. Non capisco come possa essere impopolare tra i suoi, visto che fa benissimo ciò per cui è stato eletto, ossia il sindacalista delle grandi imprese. Sbraita, ricatta, fa la vittima, sempre e solo guardando agli interessi della propria congrega. I fatti gli stanno dando ragione, visto che è riuscito a raggranellare paccate di miliardi, senza contare la greppia del recovery found che sta per abbattersi sull’Italia. Poi ha la faccia tosta di criticare il Sussidistan. Altrui. Peraltro è riuscito pure nell’intento di far fuori il precedente governo, che minacciava di controllare come quei quattrini fossero spesi. Come fa uno così a essere impopolare tra i suoi consociati? Cosa vogliono? Il sangue?

    "Mi piace"